L’IMO ‘impegnata nel fornire la sua intera agenda’, afferma il prossimo Segretario generale

Arsenio Dominguez Velasco

(Foto courtesy IMO)

Londra. Arsenio Dominguez Velasco è stato confermato come prossimo Segretario generale dell’Organizzazione Marittima Internazionale (IMO) con i partecipanti all’Assemblea dell’IMO di questa settimana che approva ed invita il panamense ad assumere il ruolo in un mese.
Dominguez Velasco subentra a Kitack Lim per un periodo iniziale di quattro anni e diventerà il decimo Segretario generale dell’Organismo delle Nazioni Unite.

“Hai il mio impegno nel costruire sul grande lavoro – ha dichiarato il neo Segretario generale – che è stato fatto dai miei predecessori, prendendo ciò che è già un’organizzazione significativa e influente, per essere un’istituzione che prospererà nel fornire la sua intera agenda, dalla sicurezza alla decarbonizzazione, dalla digitalizzazione all’elemento umano”.

Dominguez Velasco continuerà nel suo ruolo di Direttore della Divisione Ambiente Marine del Segretariato dell’IMO fino alla fine dell’anno.
Il panamense Velasco prende le consegne presso l’organismo delle Nazioni Unite a Londra in un momento in cui lo shipping internazionale si trova di fronte a un insieme scoraggiante di regole che piovono da più settori in tutto il mondo.

L’Assemblea dell’IMO voterà su quali paesi dirigeranno il Consiglio dell’IMO con fonti di una forte possibilità che la Liberia, sede del più grande Registro delle navi del mondo, sostituisca la Russia come membro della categoria A.
All’inizio di questa settimana, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha parlato all’Assemblea tramite collegamento video, esortando i membri a non votare per la Russia.

“La Russia non ha posto nell’Organizzazione Marittima Internazionale, né nei suoi organi di governo, perché nessuno negli ultimi decenni ha causato maggiori danni alla libera navigazione della Russia”, ha detto Zelensky.
L’Assemblea dell’IMO è composta da tutti gli Stati membri e si riunisce ogni due anni presso la sede di Londra dell’IMO per ottenere programmi di lavoro imminenti, bilanci eleggere il Consiglio dell’IMO.
Un’agenda importante che vedrà per il 2024 il problema dell’EU- ETS, il 2025 sul regolamento delle scialuppe di salvataggio e il 2026 su riciclaggio delle navi.

Abele Carruezzo