Home » Cultura, Infrastrutture, Internazionale, Legislazione, News, Porti, Trasporti » Even Given ancora sotto sequestro

Even Given ancora sotto sequestro

Suez. Dopo il disincaglio della portacontainer Ever Given nel Canal di Suez, il Tribunale egiziano di Ismailia, accogliendo il ricorso dell’Authority del Canale di Suez, aveva richiesto un risarcimento danni di 900 milioni di dollari e il sequestro della stessa nave. L’incaglio aveva portato la chiusura del canale per quasi una settimana e un forte sfasamento dei traffici marittimi tra Asia ed Europa, oltre alle difficoltà di gestione delle operazioni portuali in vari porti, Rotterdam, Singapore e anche Genova. La SCAuthority ha stimato le perdite in circa 15milioni di dollari di tasse di transito al giorno.


L’armatore giapponese della nave Even Given, Shoei Kisen Kaisha, secondo prassi marittima, aveva chiesto ai proprietari delle merci caricate sulla nave di contribuire a sostenere i costi d’indennizzo; questo era ed è possibile solo quando si tratta di carichi coperti da assicurazione. Per questo l’armatore aveva informato diversi proprietari di container presenti a bordo di assumersi una parte dei costi, stimati in circa 16 milioni di dollari.


Giorni addietro, l’Ammiraglio Osama Rabie, presidente della SCA, aveva dichiarato di aver ridotto la sua richiesta nei confronti dell’armatore a 600 milioni di dollari, dai 900 milioni di dollari iniziali; anche in considerazione delle ispezioni degli ingegneri del Registro di classificazione ABS, i quali avevano riscontrato danni limitati e che la nave poteva riprendere il suo viaggio.

Il Tribunale egiziano, durante il dibattimento, aveva ricevuto la dichiarazione degli UK P&I – assicuratori della nave – respingeva la valutazione dei 900 milioni di dollari per danni subiti dalla SCA, perché troppo aleatoria e non sostenibile, dimostrando che erano sufficienti 600 milioni di dollari (300 milioni per il salvataggio + 300 milioni per danno morale e di immagine). Intanto, il Tribunale egiziano ha respinto il dissequestro della nave. L’armatore giapponese, Shoei Kisen Kaisha, ha ora tempo fino al 20 maggio per appellarsi, mentre l’UK P&I Club continua a lavorare sul caso cercando una soluzione amichevole. Soluzione che si prospetta plausibile, viste le ultime dichiarazioni del presidente della SCA, sulla riduzione del 30% del risarcimento danni.


La nave Ever Given, del 2018 e con bandiera panamense, con una lunghezza complessiva di 399,94 metri, è una delle portacontainer più lunghe in servizio; una tale dimensione, unitamente a una larghezza di 58,8 metri e a un’altezza pari a 32,9 metri, le consente di avere una capacità di trasporto container pari a 20.124 Teu.

Abele Carruezzo

Foto cortesy Suez Canal Authority

Short URL: https://www.ilnautilus.it/?p=83292

Scritto da su Mag 10 2021. Archiviato come Cultura, Infrastrutture, Internazionale, Legislazione, News, Porti, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone

© 2021 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab