Home » Infrastrutture, Italia, News, Porti, Trasporti » Il cluster marittimo brindisino chiede un incontro urgente al sindaco della città

Il cluster marittimo brindisino chiede un incontro urgente al sindaco della città

– Al Signor Sindaco di Brindisi
Ing. Riccardo Rossi
– Al Presidente Provincia di Brindisi
Ing. Riccardo Rossi
– Al Presidente Regione Puglia
Dott. Michele Emiliano

Oggetto. Richiesta d’incontro

Egregio Signor Sindaco,

Ancora una volta segnaliamo la sua contrarietà a sentire gli operatori del porto e per il porto, in questa fase delicata della Città di Brindisi; e nella speranza che la Sua sensibilità voglia riconoscere l’importanza di un dialogo costruttivo, affinché tutti insieme si possa decidere, in libertà, sul futuro del nostro Porto e sostenere che le attività marittimo/portuali sono elementi che fanno la differenza in termini di sviluppo dell’intera città, della Provincia, del Salento tutto e dell’intero Sistema Portuale del Mare Adriatico Meridionale.

Il mare è stato da sempre la principale risorsa per le città portuali come veicolo di scambi continui di popolazioni, genti e differenti saper fare, innescando processi di sviluppo locale e non e continua trasformazione degli approdi, degli elementi naturali e dell’ambiente costruito. Le città di mare hanno una forte identità fondata sulla stratificazione storica della loro lunga continuità di vita e sulla unione della cultura urbana e cultura marittima.

Non comprendiamo la difficile ‘visione” del futuro del porto di Brindisi espressa dall’Assessore all’Urbanistica, prof. Dino Borri, che ancora una volta non sappiamo se sia conforme alla delibera (votata a larghissima maggioranza) da quel Consiglio monotematico che ha dettato la ‘politica’ e confermato opere portuali come, la vasca di colmata, con i relativi dragaggi del Porto, i moli ed il relativo Terminal di Sant’Apollinare e deposito costiero di Gnl.

Non possiamo accettare il livello raggiunto dalle polemiche di questi giorni, con scontri personali oltre che tra istituzioni (Comune, Regione, Stato); riteniamo che un tale ‘ambiente’ sia oltremodo dannoso, sterile, inutile per una Città come Brindisi e che non merita tutto questo.
Ancora una volta, noi firmatari di tale richiesta, desideriamo collaborare, in quanto il porto è per tutti noi importante oltre che per l’economia della nostra Città, anche per sostenere l’occupazione di più di 2000 famiglie, tra diretti ed indiretti.

Intanto, noi tutti operatori stiamo vivendo una crisi che la pandemia da covid-19 ha reso più ‘ostile’ e si continua a soffrire, a licenziare, a chiudere, ad assistere al declino inesorabile del luogo che
dovrebbe (e potrebbe) fornire benessere e ricchezza, ma che è fermo da anni a causa delle continue lotte tra gli enti, degli errori del passato, delle errate prese di posizione personali di amministratori pro-tempore, o peggio per manifesta ignoranza, accompagnata da atteggiamento presuntuoso di chi gestisce il potere attraverso scelte che in un porto -se sbagliate- diventano errori storici e definitivi.

Si dovevano affrontare i problemi del post-industriale, della decarbonizzazione, della transizione energetica ed ecologia, con il rilancio del porto, della retroportualità e delle zes con il c.d.’metodo Brindisi’ ed invece stiamo qui ad annunciare un ‘vertenza porto di Brindisi’.

Per questo, Signor Sindaco,
Si chiede

un ‘incontro’ urgente per porre fine a tutte le diatribe personali e fra enti, al fine di poter evidenziare le richieste di tutto il nostro settore (operatori marittimi e portuali, datoriali, spedizionieri, caricatori, agenti raccomandatari, agenti di viaggio, professionisti e sindacati) e soprattutto di ascoltare ‘de visus’ quale sia la Sua ‘vision’ futura del nostro porto, se è ancora conforme al deliberato del Consiglio Comunale.
Sicuri di una Sua convocazione in tempi brevi,
La salutiamo,

Adriano GUADALUPI per FEDESPEDI Sez. Brindisi

Fabio CESINARO per RACCOMAR Sez. Brindisi

Cosimo LUPO per ANASPED Sez. Brindisi

Maria DE LUCA per PROPELLER CLUB Sez. Brindisi

Teo TITI per O.P.S.

Short URL: https://www.ilnautilus.it/?p=83598

Scritto da su Mag 21 2021. Archiviato come Infrastrutture, Italia, News, Porti, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone

© 2021 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab