Home » Italia, Nautica, News, Porti, Trasporti » VICEMINISTRO BELLANOVA E NANDO PAGNONCELLI (IPSOS) OSPITI DELL’ASSEMBLEA GENERALE FEDESPEDI

VICEMINISTRO BELLANOVA E NANDO PAGNONCELLI (IPSOS) OSPITI DELL’ASSEMBLEA GENERALE FEDESPEDI

OSPITI LA VICEMINISTRA ALLE INFRASTRUTTURE, TERESA BELLANOVA, IL PRESIDENTE DI IPSOS, NANDO PAGNONCELLI, E IL PRESIDENTE DI CONFETRA, GUIDO NICOLINI

IL PRESIDENTE DI FEDESPEDI, SILVIA MORETTO: “IL PNRR APRE UNA NUOVA STAGIONE PER IL PAESE, LE IMPRESE DI SPEDIZIONI SONO PRONTE A GUIDARE LA TRANSIZIONE VERSO UNA LOGISTICA DIGITALE, SOSTENIBILE E RESILIENTE”

LA VICEMINISTRA, TERESA BELLANOVA “FEDESPEDI E CONFETRA COMPIONO QUEST’ANNO 75 ANNI, SIETE TRA LE ASSOCIAZIONI DI SETTORE PIÙ ANTICHE D’ITALIA, PUNTO DI RIFERIMENTO PER MINISTERO E PARLAMENTO. VOSTRO CONTRIBUTO FONDAMENTALE PER IL RILANCIO DEL COMPARTO”

“Faccio mie le parole del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in occasione dei festeggiamenti dei 75 anni della Repubblica italiana, lo scorso 2 giugno: questo è tempo di costruire il futuro”: con queste parole il Presidente di Fedespedi (Federazione nazionale delle Imprese di Spedizioni internazionali), Silvia Moretto, ha voluto accogliere gli illustri ospiti invitati all’Assemblea Generale di Fedespedi, nel 75° anniversario dell’associazione, che si è svolta oggi online: la Viceministra alle Infrastrutture e Mobilità sostenibili, Teresa Bellanova, il Presidente di Confetra, Guido Nicolini, e il Presidente di Ipsos, Nando Pagnoncelli.

“Le imprese di spedizioni e l’intero settore logistico nell’ultimo anno e mezzo hanno dimostrato la loro strategicità, da un punto di vista economico, sociale, ambientale” ha dichiarato il Presidente Moretto “Per questo occorre tenere l’Industry logistica al centro dell’azione del Governo, che nei prossimi anni, con il PNRR, avrà le risorse per fare davvero la differenza nello sviluppo di una logistica green, all’altezza di una delle principali manifatture mondiali, la seconda d’Europa. La digitalizzazione (anche in chiave sostenibile) e la semplificazione normativa sono i dossier sui quali stiamo lavorando da oltre un anno e che ci vedono impegnati in prima linea insieme a Confetra. Abbiamo profuso impegno incessante, idee, passione, abbiamo condiviso con i nostri interlocutori istituzionali esperienza, visione, progettualità concrete. Chiediamo che questo dialogo continui e che il PNRR sia uno strumento per liberare e mettere a terra risorse per valorizzare ciò che c’è, ossia le progettualità, le infrastrutture digitali e le proposte di riforma della normativa di settore elaborate e avanzate dagli operatori, in modo da non vanificare tutto il lavoro di ricerca e innovazione fin qui svolto dalle nostre imprese al servizio dell’import e dell’export italiano”.

“Fedespedi e Confetra compiono quest’anno 75 anni, siete tra le associazioni di settore più antiche di Italia e punto di riferimento per Ministero e Parlamento sui temi delle infrastrutture, del trasporto merci e della logistica” ha voluto ricordare la Viceministra Bellanova nel suo intervento “Il vostro contributo, in termini di idee e progetti, sarà fondamentale per il rilancio del comparto: grazie alle risorse del Next Generation EU saremo in grado di intervenire per migliorare il funzionamento dell’apparato pubblico (penso a semplificazioni normative e digitalizzazione delle procedure) e stimolare l’iniziativa privata, per costruire infrastrutture materiali e digitali e un tessuto imprenditoriale strutturato, innovativo e competitivo. Nel PNRR, 190 milioni sono destinati direttamente alle imprese logistiche, per sostenerne gli investimenti in blockchain, IoT, intelligenza artificiale, stampa 3d, reti 5G, nuovi software gestionali, che permetteranno alle imprese di spedizioni di attuare quell’upgrade tecnologico necessario per essere competitive sui mercati globali. È tempo di mettersi al lavoro, insieme, per fare bene e fare presto, come sistema. Dobbiamo evitare approcci autoreferenziali e perseguire una sostenibilità completa, che tenga conto delle tre componenti: economica, sociale e ambientale”.

“Una comune visione del futuro della logistica ci vede festeggiare insieme il traguardo importante del 75° anniversario” ha dichiarato il Presidente di Confetra, Guido Nicolini “Questo non deve però rappresentare un arrivo, bensì un nuovo inizio per immaginare e contribuire a rafforzare l’importante settore che rappresentiamo, dopo un anno difficile, quello della pandemia di COVID-19, che ha visto moltiplicarsi il lavoro associativo a tutela delle nostre imprese. Fedespedi rappresenta l’architrave del Sistema Confederale: ringrazio, dunque, il Presidente Moretto, in rappresentanza di tutto il vostro sistema Federale, perché siete la principale linfa delle nostre attività quotidiane e delle nostre riflessioni strategiche, dei nostri Studi, della nostra comunicazione e della nostra attività di rappresentanza”

Nando Pagnoncelli, Presidente di Ipsos, ha presentato agli associati Fedespedi i risultati della seconda fase della ricerca realizzata insieme a Confetra “La reputazione del settore trasporto merci, logistica e spedizioni”: “Insieme a Confetra e Fedespedi abbiamo avviato un interessante percorso di ricerca articolato e sviluppato su più anni. Il 2021, in un’ottica di monitoraggio, ha permesso di analizzare i cambiamenti nella reputazione del settore trasporto merci, logistica e spedizioni a seguito dell’anno pandemico e approfondire il tema della sostenibilità per il settore. I risultati sono interessanti. Innanzitutto, è cresciuta la conoscenza del settore: oggi trasporto merci e logistica-spedizioni sono riconosciuti dalla maggioranza (popolazione, business community, aziende manifatturiere) come settori distinti che necessariamente operano in modo sinergico. Inoltre, è migliorata la reputazione generale e la fiducia riposta nel settore. Interessante anche il riscontro avuto rispetto al tema della sostenibilità, che è sempre più centrale per i consumatori, nel dibattito pubblico, nell’agenda politica. Il settore trasporto merci, logistica e spedizioni è ritenuto, insieme ad agroalimentare ed energetico, tra i primi tre settori che possono contribuire maggiormente a uno sviluppo sostenibile. Dunque, rappresenterà sempre di più un importante fattore di competitività e un’occasione per comunicare un’immagine positiva del settore. Nello sviluppo della Green Economy, le imprese di spedizioni potranno fare la differenza”.

Short URL: https://www.ilnautilus.it/?p=84313

Scritto da su Giu 9 2021. Archiviato come Italia, Nautica, News, Porti, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone

© 2021 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab