Dopo tre mesi di sciopero portuali tedeschi accettano il nuovo contratto

Amburgo è stato uno dei tanti porti del colpiti dagli scioperi


Amburgo. I Sindacati dei lavoratori portuali tedeschi e l'Associazione che rappresenta gli Operatori Portuali marittimi hanno concordato i termini per un nuovo contratto, dopo una delle controversie di lavoro più lunghe da decenni in Germania.

L'accordo provvisorio è arrivato appena tre giorni prima della scadenza del periodo di riflessione imposto dal Tribunale del Lavoro di Amburgo e rimuove la minaccia di ulteriori scioperi che da giugno hanno interrotto le operazioni in tutti i porti del Mare del Nord.

“Questo è un ottimo risultato. Il nostro obiettivo più importante era una reale compensazione dell'inflazione in modo che i dipendenti non fossero lasciati soli con le conseguenze del galoppante aumento dei prezzi. Ci siamo riusciti”, ha affermato la negoziatrice Ver.di, Maya Schwiegershausen-Güth, dopo l'ultima tornata di contrattazione collettiva che si è conclusa il 23 agosto.

Il Sindacato, che rappresenta oltre 12.000 lavoratori tra cui i principali porti di Amburgo, Bremerhaven e Wilhelmshaven, riferisce che sta raccomandando ai membri di accettare l'accordo, che dovrebbe essere finalizzato il 5 settembre prossimo.

Il primo dei c.d. ‘scioperi di allerta' da decenni è stato condotto dai membri del Sindacato il 9 giugno, nel tentativo di esercitare una maggiore pressione sulla (Associazione degli Operatori Portuali tedeschi), sugli accordi di contrattazione collettiva.

Nelle settimane successive, il Sindacato Ver.di (United Services Union) ha cercato di intensificare ulteriormente la pressione attraverso una serie di scioperi successivi. La questione è giunta al culmine dopo sette round di negoziati falliti quando ZDS si è rivolta al Tribunale del Lavoro.

Citando il danno più ampio all'economia e le interruzioni della catena di approvvigionamento, il Tribunale ha ordinato alle due parti di tornare al tavolo dei negoziati e ha fissato una moratoria su ulteriori scioperi fino al 26 agosto. Secondo il Sindacato, ci sono volute 10 tornate di negoziati, ma alla fine hanno raggiunto termini reciprocamente accettabili.

A seconda della loro posizione, i lavoratori nelle operazioni di container riceveranno in media un aumento salariale del 9,4%, inclusi i bonus retroattivi al 1° luglio. I lavoratori nelle operazioni di carico generale riceveranno un aumento inferiore del 7,9%, inclusi i bonus. A partire dal 1 giugno 2023, tutti riceveranno un ulteriore aumento del 4,4% che potrebbe essere esteso al 5,5% in base al tasso di inflazione del prossimo anno.

Hanno anche concordato, qualora l'inflazione superasse i livelli attuali, di avviare ulteriori trattative per il secondo anno del contratto che scade il 31 maggio 2024.

ZDS ha rilasciato una breve dichiarazione al termine dei negoziati affermando di essere lieta che i termini fossero stati raccomandati per l'accettazione dalla Commissione Tariffaria Federale. Tuttavia, hanno notato che i termini comportavano anche un onere maggiore per gli Operatori Portuali e avrebbero non solo un impatto sulle prestazioni, ma anche sulla competitività del settore. La compensazione per il tasso d'inflazione al dettaglio è stata uno dei principali punti critici durante i negoziati, in quanto è anche emerso come un punto chiave nei negoziati nel Regno Unito. I lavoratori del Felixstowe nel Regno Unito hanno colpito questa settimana per preoccupazioni simili, mentre i lavoratori del porto di Liverpool hanno anche autorizzato uno sciopero incentrato su un risarcimento che corrisponda al tasso di inflazione.