L’altra Europa: i porti tedeschi e francesi lanciano nuovi progetti d’importazione d’idrogeno

(Porto di Amburgo scelto come sito per importazioni di ammoniaca e produzione dell’hidrogen fuel; foto courtesy Autorità Porto di Amburgo)

Amburgo. Continuano gli sforzi per costruire partenariati con i porti europei per sviluppare la fornitura d’idrogeno per i combustibili futuri.

In Germania, l’Authority del porto di Amburgo ha annunciato i piani per il primo impianto di importazione di energia verde su larga scala del paese, collegato alle strutture esistenti nel porto, mentre in Francia, il porto di Nantes – Saint Nazaire fa parte di un progetto volto a supportare impianti di produzione di idrogeno verde su larga scala per fornire carburante utili a superare la transizione energetica.

Il progetto ad Amburgo vedrà Air Products collaborare con Mabanaft, tramite la sua controllata Oiltanking Deutschland che attualmente gestisce il grande parco serbatoi di Amburgo, per lo sviluppo del primo terminal tedesco per l’importazione di energia verde su larga scala.

Il terminal pianificato sarà situato presso l’attuale terminal dei serbatoi di Mabanaft, che fornirebbe un accesso strategico all’ammoniaca verde da impianti di produzione d’idrogeno verde su larga scala gestiti da Air Products e dai suoi partner in tutto il mondo.

In base alla proposta, prevedono di importare ammoniaca che verrebbe convertita in idrogeno verde presso le strutture di Air Products ad Amburgo. Sarebbe quindi disponibile per la distribuzione agli acquirenti a livello locale e in tutta la Germania settentrionale. L’obiettivo è lanciare l’operazione entro il 2026 e si aggiunge ad altre in Germania come il nuovo terminal di Wilhelmshaven in fase di sviluppo per il Gnl che sta esplorando anche le importazioni di ammoniaca.

Il Ministro federale tedesco per gli Affari Economici e l’Azione per il Clima, Robert Habeck, ha dichiarato: “Ora più che mai, dobbiamo far progredire l’economia dell’idrogeno. Per fare ciò, stiamo avviando la nostra produzione d’idrogeno in Germania, ma ovviamente abbiamo bisogno anche d’idrogeno importato. Una transizione energetica accelerata con maggiore velocità nell’espansione delle energie rinnovabili e l’aumento dell’idrogeno verde sono le risposte giuste all’aggressione russa e le risposte giuste per rafforzare la sicurezza energetica, la resilienza e la competitività”.

Allo stesso modo in Francia, si sta anche esplorando gli sforzi per sviluppare una catena di approvvigionamento di produzione d’idrogeno offshore.

Il porto di Nantes – Saint Nazaire, che è il quarto porto marittimo più grande della Francia, lavorerà con Lhyfe, una società francese che sviluppa fonti d’idrogeno rinnovabili e verdi per sviluppare la catena di approvvigionamento dell’idrogeno. Lhyfe gestisce un impianto di produzione d’idrogeno rinnovabile che utilizza l’elettrolisi dell’acqua e a settembre scorso ha lanciato il suo progetto Sealhyfe a Saint Nazaire, la prima piattaforma al mondo di produzione d’idrogeno rinnovabile offshore.

Il prototipo, che sarà collegato a una turbina eolica galleggiante, avrà una potenza di 1 MW. Lhyfe sta progettando di istituire strutture onshore simili in tutta Europa. Lavorando con il porto, le aziende collaboreranno per identificare aree portuali e strutture in grado di ospitare prototipi di ricerca e sviluppo, nonché i requisiti industriali per la costruzione di attrezzature e infrastrutture di supporto necessarie per la produzione di idrogeno offshore su larga scala. Le società studieranno anche il modo migliore per portare a terra il gas rinnovabile e integrarlo nella rete terrestre. Anche altri porti europei, inclusi Paesi Bassi e Belgio, stanno cercando di costruire operazioni di fornitura di energia elettrica a idrogeno. Ognuno di loro sta esaminando opportunità di importazione sia per rifornire gli utenti domestici sia per sviluppare operazioni di bunkeraggio per fornire combustibili alternativi all’industria marittima.

Abele Carruezzo