Home » News, Regate, Sport » Volvo Ocean Race: i giovani di Team Alvimedica a lezione dai “maestri”

Volvo Ocean Race: i giovani di Team Alvimedica a lezione dai “maestri”

Il giovane equipaggio di Team Alvimedica si sta preparando per la Volvo Ocean Race 2014/15, colmando il gap di esperienza con soluzioni innovative che li rendano il più competitivi possibile prima del via del giro del mondo a ottobre.

Lo skipper Charlie Enright e Mark Towill hanno annunciato la loro prima partecipazione alla regata lo scorso gennaio e, da allora, hanno fatto grandi passi avanti nella preparazione del loro nuovo Volvo Ocean 65. I due giovani americani, entrambi under 30, tuttavia sanno di dover far ricorso a tutta la conoscenza possibile se vogliono diventare dei reali contendenti per velisti molto più esperti, alcuni dei quali hanno non meno di sette partecipazioni alla regata.

E quindi, nell’ambito di un programma di preparazione gestito da “professori” molto speciali, il primo nella lunga storia del giro del mondo a vela, i velisti di Team Alvimedica si affideranno ai preziosi consigli di cinque veterani della Volvo Ocean Race per aumentare le loro possibilità di successo. Il team annuncerà i nomi di quattro di questi mentori nelle prossime settimane, ma il programma ha preso il via con uno dei più famosi skipper della storia della regata.

“Abbiamo deciso di essere coraggiosi e di chiedere a quelli che consideriamo i migliori professionisti del settore di aiutarci, condividendo con noi la loro enorme esperienza” ha detto Charlie Enright. “Abbiamo contattato la leggenda Paul Cayard, vincitore della regata nell’edizione 1997/98, e uno dei velisti di maggior calibro ad aver partecipato alla Volvo Ocean Race. Quello che lui non sa, di navigazione oceanica e fra le boe, probabilmente non vale la pena impararlo.”

Grazie anche al pieno appoggio dello sponsor Alvimedica, la giovane azienda turca attiva nel settore medicale con grandi ambizioni di espansione commerciale a livello globale, lo statunitense Cayard ha accettato di unirsi al giovane equipaggio come insegnante master.

Paul Cayard, 54 anni, che vinse la Volvo Ocean Race al suo debutto a bordo di EF Language ha dichiarato: “Questi ragazzi mi ricordano moltissimo me stesso quando iniziai. Certo, possono essere considerati acerbi, ma hanno voglia di imparare il più possibile e nei cinque giorni che abbiamo passato insieme a Cascais in Portogallo a inizio mese sono stati eccezionali.”

La scelta di contattare Paul Cayard, una leggenda non solo in oceano ma anche nell’ambito della Coppa America e dei Giochi Olimpici, ha sorpreso molti dei rivali di Enright e Towill e lo stesso Cayard per l’audacia dei due giovani velisti. “Questi ragazzi hanno già dimostrato di avere un gran fegato semplicemente lanciando la campagna. Ne avranno bisogno ancor di più per il giro, perciò devono pensare fuori dagli schemi, come stanno facendo. Con EF Language abbiamo vinto perché eravamo innovativi e flessibili, abbiamo cambiato spesso tattica, e Team Alvimedica sta prendendo la stessa rotta.”

“Volevamo trovare un team con velisti che potessero rappresentare l’immagine della nostra azienda, giovani, coraggiosi e innovativi ma, al tempo stesso, dotati di spirito di collaborazione ed empatia” ha detto Anna Malm Bernsten direttore della campagna di Team Alvimedica. “Questa storia è ricca di tutte queste qualità. Paul Cayard può far paura, quando urla ordini ai ragazzi, ma ha un cuore d’oro. Non ci sono tante persone del suo calibro e con la sua esperienza disponibili a passare cinque giorni per aiutare un team giovane come il nostro.”

La Volvo Ocean Race 2014/15 debutterà il prossimo 4 ottobre con la prima in-port race di Alicante, sede della regata. La prima tappa, verso Città del Capo in Sudafrica partirà esattamente una settimana dopo, l’11 ottobre e il giro del mondo si concluderà il 27 giugno 2015 con la in-port di Goteborg in Svezia, dopo aver visitato nove sedi di tappa.

Short URL: https://www.ilnautilus.it/?p=21665

Scritto da su Mag 21 2014. Archiviato come News, Regate, Sport. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone

© 2021 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab