Home » Altro, Ambiente, Cultura, Eventi, Italia, Nautica, News, Regate, Sport » Anywave Safilens prua verso Livorno

Anywave Safilens prua verso Livorno

Anywave Safilens a Livorno per raccontare il RECO

Domenica il Maxi del Team Sistiana sarà al via della 151 Miglia

Il 27, 28 e 29 maggio Anywave Safilens, il Maxi Yacht del Sistiana Sailing Team sarà a Livorno nell’ambito dell’iniziativa “Un mare di idee per le nostre acque”, promossa da Coop in partnership con LifeGate.

La tre giorni livornese sarà l’occasione per far “toccare con mano” al pubblico la figura del RECO -Responsabile Ecologico e per parlare del Decalogo di Bordo, un vademecum di comportamenti rispettosi del mare da seguire in navigazione e nei porti.

Il programma prevede l’intervento dello skipper Alberto Leghissa alla conferenza stampa organizzata da Coop e alcune uscite a vela, il miglior modo per diffondere lo spirito ecosostenibile e green in mare e a terra, che anima la stagione 2021 di Anywave Safilens.

Domenica 30 maggio si torna invece a parlare di impegno agonistico, con la partecipazione alla seconda regata in calendario, la 151 Miglia, che quest’anno vedrà schierati sulla line di partenza una flotta di ben 250 imbarcazioni.

Anywave Safilens avrà diversi avversari di peso con i quali confrontarsi sulla rotta Livorno- Marina di Pisa- Giraglia- Formiche di Grosseto e stop a Punta Ala e schiererà un team agguerrito.

Alberto Leghissa al timone sarà coadiuvato dal tattico Mauro Pelaschier, dal navigatore Alessandro Alberti e da un gruppo di esperti velisti: Marco Gallo randista, Stefano Poniz e Luca Farosich prodieri, Luca Lorenzoni trimmer fiocco, Marco Romano e Federico Boldrin trimmer gennaker, Giovanni Battista “Tita” Ballico e Sergio Michieli alle drizze, Marino Farosich grinder, Ugo Guarnieri alle volanti insieme a Gino Becevello, che è anche il RECO di bordo.

Al termine della regata, il Sistiana Sailing Team farà rotta verso Sanremo da cui quest’anno partirà la Rolex Giraglia, Trofeo tra i più antichi e ambiti che si disputerà dal 13 al 19 giugno, sia con regate costiere che con la storica prova offshore di 240 miglia.

La barca

Anywave Safilens è un Frers 63 restaurato e ottimizzato, è un Team di campioni e un progetto per i giovani, è uno sguardo attento al futuro, con la voglia di contribuire con una goccia di ottimistico impegno per fare una piccola differenza nell’oceano.

Progettato dal prestigioso studio German Frers nel 2000, Anywave Safilens è realizzata completamente in fibra di carbonio. Le linee dello scafo, i sistemi tecnologici avanzati e il ridottissimo dislocamento la rendono estremamente competitiva sia in prove costiere che d’altura.

Oltre al Maxi Anywave Safilens, fanno parte del Team Sistiana anche Anywave Junior, Bonin 385 condotto dalla velista e responsabile ecologica Giulia Leghissa e Anywave Ocean, il Mini 650 di Matteo Bandiera che sta partecipando alle prime regate e macinando miglia con l’obiettivo di essere al via della Mini Transat 2023.

Sponsor e Partnership

La stagione sportiva di Anywave Safilens è sostenuta dal Main Sponsor Safilens, dagli Sponsor Coop, Baita Salez, Gesteco, Scania Leiballi&Cozzuol, Audio Pro e C.M.G.

Technical Partner della stagione 2021 sono Vennvind, Marlin Yacht Paints, Nano Coatings e Upwind by Aurora.

Anywave Safilens sostiene le charity DinAmici “Insieme per il volontariato” e InterSos, la più grande organizzazione umanitaria italiana in prima linea per portare aiuto nelle emergenze alle persone vittime di guerre, violenze e disastri naturali.

Anywave Safilens promuove “Occhio al mare”, l’APP lanciata dalla Divisione Vela di Marevivo. Uno strumento di semplice utilizzo che consentirà a tutti i cittadini di osservare e foto-identificare specie marine, ma anche i rifiuti, soprattutto plastica, che inquinano e deturpano i nostri mari. I dati raccolti correttamente saranno elaborati da Marevivo e consegnati ad organismi nazionali e internazionali andando così ad integrare le conoscenze su questi argomenti e a sostenere specifiche misure di conservazione delle specie.

Decalogo del Responsabile Ecologico di bordo

  1. Naviga quanto più possibile a vela.
  2. Non gettare nulla di non organico in mare aperto.
  3. Evita cadute accidentali di qualsiasi materiale in mare, mantieni in zona sicura gli attrezzi
    durante il lavoro in coperta.
  4. Utilizza prodotti per la pulizia biodegradabili al 100%, se possibile in contenitori ottenuti da
    riciclo, con minor imballaggio possibile
  5. Crea a bordo spazi e contenitori per la raccolta differenziata e a terra deposita i rifiuti nei
    contenitori dedicati.
  6. Non usare stoviglie, piatti e bicchieri monouso e trasporta la tua cambusa in borse di tela o
    riutilizzabili.
  7. Se devi fumare, usa il posacenere portatile ed antivento.
  8. Ripesca le plastiche galleggianti che trovi in mare, possono avere una seconda vita! Se sono
    troppo voluminose, segnalane la posizione alle autorità competenti che provvederanno alla
    raccolta e all’emissione dell’avviso ai naviganti.
  9. Evita di sostituire, ripara o pensa come riutilizzare.
  10. Diffondi ad altri equipaggi i principi di comportamento etici ed ecologici da tenere a bordo:
    stimola altri a diventare R.Eco!
    I TEMPI DI DEGRADO DEI RIFIUTI IN MARE SONO LUNGHISSIMI

Short URL: https://www.ilnautilus.it/?p=83800

Scritto da su Mag 27 2021. Archiviato come Altro, Ambiente, Cultura, Eventi, Italia, Nautica, News, Regate, Sport. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone

© 2021 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab