Home » Cultura, Internazionale, Nautica, News, Trasporti » BIMCO: Nuova clausola per armonizzare lo Ship-Shore Data Exchange

BIMCO: Nuova clausola per armonizzare lo Ship-Shore Data Exchange

Copenhagen, Denmark. BIMCO (Baltic and International Maritime Council) ha pubblicato una clausola di ‘charter party’ che promuove l’uso della struttura (framework) del modello di dati dell’IMO. La pubblicazione è un’estensione dell’obiettivo strategico di BIMCO per promuovere una maggiore efficienza e armonizzazione nell’interfaccia ship-shore. Al momento non esiste un unico formato globale per lo scambio d’informazioni tra navi e porti / terminali come gli orari di arrivo e di partenza. Una piattaforma comune, in cui tutte le principali parti interessate come le Autorità portuali, Autorità Marittime, i piloti, gli agenti e gli operatori dei terminal possono condividere le informazioni utilizzando un formato comune sugli arrivi e le partenze delle navi, contribuirà a migliorare l’utilizzo degli ormeggi e l’ottimizzazione degli scali in porto.

La BIMCO Port Call Data Exchange Clause 2021 integra la precedente clausola “BIMCO Just in Time Arrivals”, recentemente pubblicata. Le due clausole dovrebbero essere usate insieme. Tuttavia, laddove gli arrivi ‘Just in Time’ non possono essere implementati per motivi commerciali, la clausola sullo scambio di dati per le call portuali può ancora essere utilizzata se il porto in questione utilizza il framework del modello di dati IMO. La “Struttura del modello di dati IMO” indica il set di dati e il modello di dati di riferimento definiti nel Compendio IMO sulla Facility e E-Commerce (FAL.5 / Circ.41.), e successivamente modificato.
L’IMO Data Model Framework mira ad armonizzare queste informazioni in modo che possano essere inviate nello stesso formato in tutti i porti e terminali in tutto il mondo. A tal fine, l’IMO Data Model Framework ha introdotto una serie di “time stamp” come il “Requested Time of Arrival” (RTA).

I time stamp saranno utilizzati insieme a una posizione, ad esempio “il luogo d’imbarco del pilota” o “ormeggio” a una determinata banchina. La combinazione di time stamp e delle posizioni è quello che sarà utilizzato nella comunicazione tra navi e porti per la pianificazione di arrivi e partenze. La clausola sullo scambio di dati per le chiamate portuali è stata redatta per promuovere l’uso dell’IMO Data Model Framework come metodo armonizzato a livello globale per lo scambio d’informazioni sugli arrivi tra navi e porti. Tra i vantaggi dell’utilizzo di sistemi di arrivi ‘just in time’ e delle clausole BIMCO vi sono la riduzione delle emissioni, il consumo di carburante e il tempo di controstallia; inoltre, le clausole contengono un meccanismo di compensazione semplice sul consumo e sui prezzi del carburante.

BIMCO per il prossimo 22 aprile ospiterà un webinar sugli arrivi ‘Just in Time’ durante la Singapore Maritime. Le principali parti interessate discuteranno le opportunità e le sfide che gli arrivi ‘Just in Time’ presenta al settore. Una copia delle dette clausole BIMCO e delle note esplicative sono disponibili sul proprio sito. BIMCO è la più grande delle associazioni marittime internazionali che rappresentano gli armatori; la sua composizione controlla circa il 65% del tonnellaggio mondiale e ha membri in più di 120 Paesi, inclusi manager, broker e agenti.

Abele Carruezzo

Short URL: https://www.ilnautilus.it/?p=82745

Scritto da su Apr 19 2021. Archiviato come Cultura, Internazionale, Nautica, News, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone

© 2021 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab