Home » Cultura, Infrastrutture, Internazionale, Logistica, News, Trasporti » La qualità dei magazzini per le spedizioni internazionali

La qualità dei magazzini per le spedizioni internazionali

Milano. Interessante ricerca sulla qualità dei magazzini utilizzati dalle imprese di spedizioni internazionali, portata avanti dall’Osservatorio sull’Immobiliare Logistico (OSIL) della LIUC Business School, in collaborazione con World Capital, nello scorso anno 2020. I risultati della ricerca su più di 280 magazzini per un totale di oltre 7milioni di mq, sono stati presentati durante il webinar di ieri, organizzato da Fedespedi.

La ricerca ha interessato un campione significativo di magazzini suddivisi per trasporto aereo, mare o terra, ha evidenziato:- il 25% degli immobili analizzati raggiunge un punteggio di qualità medio -alto, superiore al 70%; – mentre il 9% totalizza uno score complessivo superiore al 80%; – il 60% dei magazzini analizzati si classifica nella fascia 61-70% del punteggio massimo attribuibile (in una graduatoria da 0 a 100); – il 20% fra 71 e 80%¸- oltre il 10% fra 31 e 60% e meno del 10% da 0 a 10%. La ricerca ha messo in luce che ancora esistono immobili vetusti, concepiti secondo logiche che non soddisfano pienamente i requisiti qualitativi richiesti dagli spedizionieri.

La maggior parte dei magazzini esaminati (84%) dista meno di cinque kilometri da un casello autostradale o da uno svincolo di strada tangenziale.
La metodologia utilizzata per condurre le analisi di qualità (assoluta e relativa di un magazzino) è stata innovativa perché ha considerato quattro ambiti: location (contesto di riferimento e prossimità reti di trasporto), esterno (piazzali, aree esterne e baie di carico), edificio (forma e dimensioni e struttura), interno (uffici e spazi accessori, dotazioni impiantistiche).
Naturalmente, la qualità per ciascun magazzino è stata differente secondo la modalità di trasporto considerata (diverse scale di peso).

Infatti, il layout irregolare dell’immobile ha un impatto più grande sul trasporto via terra, rispetto a quello mare, o ancora, non possedere la certificazione TAPA penalizza maggiormente il trasporto aereo rispetto a quello mare. Gli standard TAPA (Transported Asset Protection Association) servono per ridurre le perdite nelle catene di fornitura internazionali e sono generalmente richiesti per il trasporto di prodotti farmaceutici, tabacco e derivati, prodotti hi-tech, abbigliamento di lusso e molti altri beni ad alto valore.


Gli interventi.
Silvia Moretto, Presidente di Fedespedi: “Ringrazio tutte le imprese di spedizioni che hanno partecipato a questo progetto di ricerca. Circa due terzi dei magazzini analizzati hanno ricevuto una valutazione buona e un quarto ottima, a riprova di quanto l’attività di spedizioni richieda strutture che garantiscano efficienza e flessibilità per offrire un servizio di qualità al cliente. In particolare, come messo in luce dalla ricerca, la flessibilità è una caratteristica determinante degli immobili logistici per le spedizioni internazionali al fine di garantire la fluidità dei flussi commerciali.

L’importexport dei DPI – cresciuti esponenzialmente nel 2020 rispetto all’anno precedente – ne sono un valido esempio: questi volumi, mai visti prima, sono transitati per i magazzini delle società di spedizioni, che hanno strutture dotate della duttilità e della flessibilità necessarie per rispondere a picchi imprevisti, diverse caratteristiche delle merci e molteplici modalità di trasporto”.


Fabrizio Dallari, Direttore dell’OSIL della LIUC Business School:
“L’obiettivo della nostra ricerca è stato quello di elaborare un modello di rating della qualità degli immobili per il comparto delle spedizioni internazionali tramite l’individuazione degli elementi chiave per il funzionamento logistico dei magazzini. Uno strumento utile per proprietari di immobili, SGR, fondi di investimento e operatori logistici coinvolti nei processi di selezione degli immobili, sia per uso che per investimento“.


Andrea Faini, CEO di World Capital:
“L’avere un servizio eccellente nel settore delle spedizioni internazionali richiede un’elevata qualità dell’immobile logistico in cui viene svolta l’attività. Il valore delle merci gestite nei magazzini degli spedizionieri richiede sempre più un’attenta cura dei processi di consolidamento, controllo e smistamento che avvengono in spazi progettati ad hoc. Per questo è importante fornire immobili logistici di qualità, performanti e dotati di tutte le caratteristiche che abbiamo visto essere funzionali per ogni tipo di trasporto.”


Sono stati inoltre presentati alcuni case history da parte di rappresentati delle imprese invitati al webinar.

Abele Carruezzo

Short URL: https://www.ilnautilus.it/?p=83192

Scritto da su Mag 6 2021. Archiviato come Cultura, Infrastrutture, Internazionale, Logistica, News, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone

© 2021 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab