giovedì, Ottobre 21, 2021
HomeAmbienteL’ICS comunica la presentazione di una proposta completa per una tassa globale...

L’ICS comunica la presentazione di una proposta completa per una tassa globale sulle emissioni di carbonio delle navi: una proposta unica per qualsiasi settore industriale

L’ICS, che rappresenta le associazioni nazionali degli armatori mondiali e oltre l’80% della flotta mercantile, ha presentato venerdì una richiesta alle Nazioni Unite, chiedendo una misura basata sul mercato accettata a livello internazionale per accelerare l’adozione e l’impiego di combustibili a zero emissioni di carbonio.

Secondo i documenti consegnati all’Organizzazione marittima internazionale (IMO), l’organismo di regolamentazione delle Nazioni Unite sulla navigazione, la tassa si baserebbe sui contributi obbligatori delle navi che commerciano a livello globale, superiori a 5.000 tonnellate di stazza lorda, per ogni tonnellata di CO2 emessa. Il denaro andrebbe in un “Fondo IMO per il clima” che, oltre a colmare il divario di prezzo tra i combustibili a zero emissioni di carbonio e quelli convenzionali, verrebbe utilizzato per implementare l’infrastruttura di bunkeraggio necessaria nei porti di tutto il mondo per fornire combustibili come l’idrogeno e l’ammoniaca, garantendo coerenza nella transizione verde del settore sia per le economie sviluppate che per quelle in via di sviluppo.

Il trasporto marittimo è responsabile di circa il 2% delle emissioni globali di carbonio e l’IMO ha riconosciuto la necessità di un’azione urgente per la decarbonizzazione. L’industria è alla disperata ricerca di navi a zero emissioni di carbonio portate in acqua dai cantieri navali entro il 2030. Tuttavia, agli attuali tassi di produzione, i combustibili a zero emissioni di carbonio non sono disponibili in commercio nella misura necessaria per la flotta globale. La tassa sul carbonio ha lo scopo di accelerare la creazione di un mercato che renda praticabile il trasporto marittimo a emissioni zero.

Il Fondo calcolerebbe i contributi climatici che devono essere versati dalle navi, raccoglierà i contributi e dimostrerebbe che sono stati effettuati. ICS spera di supportare anche nuove infrastrutture di bunkeraggio, in modo che i nuovi combustibili, una volta sviluppati, possano essere resi disponibili a livello globale e dal maggior numero possibile di porti. Per ridurre al minimo gli oneri per gli Stati membri delle Nazioni Unite e garantire la rapida istituzione della tassa sul carbonio, il quadro proposto dall’industria utilizzerebbe il meccanismo già proposto dai governi per un Fondo R&S separato da 5 miliardi di dollari per accelerare lo sviluppo di tecnologie a zero emissioni di carbonio, che l’IMO delle Nazioni Unite dovrebbe approvare in una riunione fondamentale a novembre immediatamente dopo la COP 26.

Guy Platten, segretario generale di ICS, ha commentato: “Ciò di cui ha bisogno il trasporto marittimo è una misura basata sul mercato veramente globale come questa che ridurrà il divario di prezzo tra i combustibili a zero emissioni di carbonio e i combustibili convenzionali”.

“Il rapido sviluppo di un tale meccanismo è ora una necessità vitale se i governi devono abbinare le azioni alla retorica e dimostrare una leadership continua per la decarbonizzazione del trasporto marittimo”.

“Non c’è dubbio che i miglioramenti tecnologici possono consentire la transizione verso la navigazione a zero emissioni. Tuttavia, se vogliamo raggiungere i livelli di prontezza necessari per l’implementazione su larga scala, devono ancora essere compiuti enormi passi avanti. Ciò include la costruzione dell’infrastruttura necessaria per supportare tale transizione”.

“Dobbiamo essere in grado di mettere in acqua navi a emissioni zero entro il 2030 senza problemi di prezzo e sicurezza. Se l’IMO presta il suo sostegno alla nostra proposta, allora potremmo essere ancora in grado di cambiare questa situazione e distribuire le tecnologie in modo economico ed equo”.

ICS ritiene che un MBM (Market-Based Measures) obbligatorio basato su una tassa globale sia fortemente preferibile a qualsiasi applicazione unilaterale e regionale di MBM alla spedizione internazionale, come quella proposta dalla Commissione europea che desidera estendere il sistema di scambio di quote di emissione dell’UE alla spedizione internazionale. Un approccio frammentario agli MBM (l’ETS dell’UE si applicherà solo a circa il 7,5% delle emissioni globali dei trasporti marittimi) alla fine non riuscirà a ridurre le emissioni globali del trasporto marittimo internazionale nella misura richiesta dall’accordo di Parigi, complicando significativamente la conduzione del commercio marittimo .

L’MBM basato sul prelievo, che è co-sponsorizzato dall’associazione di categoria per gli operatori di navi portarinfuse, INTERCARGO, si aggiunge a un’industria e al governo proposto un fondo di ricerca e sviluppo da $ 5 miliardi. Il fondo per la ricerca e lo sviluppo, di un prelievo obbligatorio di $ 2 per tonnellata sul carburante per uso marittimo, verrebbe utilizzato interamente per finanziare la ricerca e lo sviluppo di combustibili e sistemi di propulsione alternativi a zero emissioni di carbonio. ICS ha chiesto l’approvazione di questo fondo in occasione di una prossima riunione cardine dell’IMO nel novembre di quest’anno.

Platten ha concluso: “La Banca Mondiale e numerosi studi hanno concluso che l’MBM globale più appropriato per ridurre le emissioni di carbonio dalla spedizione è un sistema basato su tasse”.

“L’adozione della nostra proposta per un sistema basato sul prelievo eviterà la volatilità che esiste nei sistemi di scambio di quote di emissione, come l’EU ETS – che nel caso della navigazione, sembra riguardare maggiormente la generazione di entrate per i governi dalla navigazione extra-UE, piuttosto che aiutare la spedizione a decarbonizzare”.

“Un sistema basato sul prelievo può dare al settore certezza sui prezzi e maggiore stabilità per prendere decisioni di investimento in navi a zero emissioni di carbonio e sviluppare tecnologie per il risparmio delle emissioni”.

Credit: Shutterstock

EN

International Chamber of Shipping sets out plans for global carbon levy to expedite industry decarbonisation

London. September 6th, 2021. The global trade association for ship operators, the International Chamber of Shipping, (ICS) has put forward a comprehensive proposal for a global levy on carbon emissions from ships, in what would be a first for any industrial sector.

ICS, which represents the world’s national shipowner associations and more than 80% of the merchant fleet, presented a submission to the UN on Friday, calling for an internationally accepted market-based measure to accelerate the uptake and deployment of zero-carbon fuels.

According to papers handed to the International Maritime Organisation (IMO), the UN’s regulatory body on shipping, the levy would be based on mandatory contributions by ships trading globally, exceeding 5,000 gross tonnage, for each tonne of CO2 emitted. The money would go into an ‘IMO Climate Fund’ which, as well as closing the price gap between zero-carbon and conventional fuels, would be used to deploy the bunkering infrastructure required in ports throughout the world to supply fuels such as hydrogen and ammonia, ensuring consistency in the industry’s green transition for both developed and developing economies.

Shipping is responsible for approximately 2% of global carbon emissions and the IMO has recognised the need for urgent action to decarbonise. The industry is desperate to see zero-carbon ships brought to the water by shipyards by 2030. However, at current rates of production, zero-carbon fuels are not commercially available at the scale needed for the global fleet. The carbon levy is intended to expedite the creation of a market that makes zero emission shipping viable.

The Fund would calculate the climate contributions to be made by ships, collect the contributions, and give evidence they have been made. ICS hopes that it would also support new bunkering infrastructure, so that new fuels, when developed, can be made available globally and from as many ports as possible. To minimise any burden on UN Member States and ensure the rapid establishment of the carbon levy, the framework proposed by industry would utilise the mechanism already proposed by governments for a separate USD 5 billion R&D Fund to accelerate the development of zero-carbon technologies, which the UN IMO is scheduled to approve at a critical meeting in November immediately following COP 26.

Guy Platten, secretary general of ICS, commented: “What shipping needs is a truly global market-based measure like this that will reduce the price gap between zero-carbon fuels and conventional fuels.

“The rapid development of such a mechanism is now a vital necessity if governments are to match actions with rhetoric and demonstrate continued leadership for the decarbonisation of shipping.

“There’s no question that improvements in technology can enable the transition to zero-emission shipping. However, huge leaps must still be taken if we’re to achieve the readiness levels needed for deployment at scale. This includes building the necessary infrastructure to support such as transition.

“We need to be able to put zero emission ships in the water by 2030 without challenging price and safety issues. If the IMO lends it’s backing to our proposal, then we may yet be able to change this and deploy technologies economically and equitably.”

ICS believes that a mandatory global levy based MBM is strongly preferable over any unilateral, regional application of MBMs to international shipping, such as that proposed by the European Commission which wishes to extend the EU Emissions Trading System to international shipping. A piecemeal approach to MBMs, (the EU ETS will only apply to about 7.5% of global shipping emissions), will ultimately fail to reduce global emissions from international shipping to the extent required by the Paris Agreement, whilst significantly complicating the conduct of maritime trade.

The levy based MBM, which is co-sponsored by the trade association for bulk carrier operators, INTERCARGO, comes in addition to an industry and government proposed $5bn R&D fund. The R&D fund, of a mandatory $2 levy per tonne on marine fuel, would be used entirely to fund the research and development of alternative zero-carbon fuels and propulsion systems. ICS has called for this fund to be approved at an upcoming pivotal meeting of the IMO in November this year.

Platten concluded: “The World Bank and numerous studies have concluded that the most appropriate global MBM for reducing carbon emissions from shipping is a levy-based system.

“Adopting our proposal for a levy-based system, will avoid the volatility that exists under emissions trading systems, such as the EU ETS – which in the case of shipping, seem to be more about generating revenue for governments from non-EU shipping, than helping shipping to decarbonise.

“A levy based system can give the industry price certainty, and more stability for making investment decisions in zero –carbon ships and developing emissions saving technology.”

RELATED ARTICLES

Most Popular