IMO MEPC decide di discutere la politica sul carbonio per altri due anni

Londra. Il Comitato per la Protezione dell’Ambiente Marino dell’IMO ha completato la sua 77a riunione e i suoi Stati membri si sono impegnati a discutere ulteriormente le misure di decarbonizzazione nel 2022-3.

Si può affermare che si è deciso di non decidere!
La proposta /tassa di $ 2 per tonnellata di bunker per sostenere la ricerca sulla propulsione a basse emissioni di carbonio non è stata approvata e l’altra proposta per aumentare l’ambizione di decarbonizzazione dell’IMO dal 50% al 100% entro il 2050 non ha ottenuto abbastanza sostegno.


“È quasi come se la COP 26 non fosse mai avvenuta”, ha affermato Guy Platten, segretario generale della Camera Internazionale dello Shipping (ICS), autore e sponsor della proposta di fondo per la ricerca. “I governi non possono continuare a indicare solo la via; ogni ritardo ci allontana ulteriormente dal raggiungimento di obiettivi climatici urgenti. Continueremo a lavorare con i governi per concordare la serie di misure che l’industria ha proposto, inclusa la ricerca e sviluppo da $ 5 miliardi per il Fondo R$D come un passo immediato.”

“Passare due anni ancora a pensare alla revisione di una strategia è questa una risposta valida alla crisi climatica? Non stiamo negando il clima, ma siamo in ritardo sul clima e questo è pericoloso”, ha affermato Lucy Gilliam, responsabile della politica marittima presso ONG Seas at Risk.
La commissione iniziale/tassa di $ 2 non ha lo scopo di creare un incentivo finanziario per il passaggio a combustibili a basse emissioni di carbonio; piuttosto, serve a sostenere studi per risolvere problemi tecnici. Se attuato da una futura riunione del MEPC, sarebbe la prima tassa globale sul carbonio obbligatoria. Per quanto innovativo possa essere, alcuni sostenitori del clima liquidano il piano come un esercizio retorico. Secondo i sostenitori e gli analisti della decarbonizzazione, un sistema di tasse e sussidi per rendere più competitivi i costosi combustibili verdi di oggi potrebbe richiedere una tariffa bunker compresa tra 450 e 900 dollari per tonnellata, molto più di 2 dollari.

“Le ONG erano comunque contrarie alla tassa di $ 2, e non condividevano interamente la strategia ambiziosa dell’IMO”, ha affermato Faig Abbasov, coordinatore delle spedizioni presso l’Organizzazione di Difesa Transport & Environment.
Diversi Stati sono stati identificati come sostenitori chiave per la continuità dell’attuale politica del carbonio al MEPC 77, tra cui Cina, Russia, Brasile e Arabia Saudita.

L’incontro MEPC arriva mentre l’Unione Europea sta formulando un piano per incorporare il carbonio della navigazione nel suo Emissions Trading Scheme (ETS), compreso i trasporti marittimi internazionali da e verso i porti dell’UE. Il provvedimento gode del sostegno dell’Associazione Armatori della Comunità Europea (ECSA), ma è stato a lungo osteggiato dalle associazioni industriali internazionali, che hanno lavorato per mantenere il controllo delle emissioni dei trasporti marittimi in sede IMO.

Abele Carruezzo