Attacchi russi alla rete cerealicola ucraina

Hannover. Per il Ministro dell’Agricoltura tedesco Cem Oezdemir ‘gli attacchi russi alle infrastrutture cerealicole dell’Ucraina sembrano tentativi di ridurre la concorrenza nei mercati di esportazione russi’.
L’Ucraina potrebbe perdere decine di milioni di tonnellate di grano a causa del blocco dei porti del Mar Nero da parte della Russia, innescando una crisi alimentare che colpirà l’Europa, l’Asia e l’Africa.


“Riceviamo ripetutamente rapporti su attacchi russi mirati a silos di grano, depositi di fertilizzanti, aree agricole e infrastrutture”, ha detto ieri il Ministro tedesco Oezdemir al Redaktionsnetzwerk Deutschland, una rete di cooperazione editoriale di giornali tedeschi. E ha aggiunto che “Cresce il sospetto che il presidente russo Vladimir Putin stia cercando, a lungo termine, di rimuovere l’Ucraina come concorrente”.

Russia e Ucraina sono tradizionalmente i principali concorrenti nei mercati globali dei cereali. I prezzi globali del grano sono aumentati di circa il 40% da quando l’invasione russa dell’Ucraina il 24 febbraio ha ridotto le forniture disponibili sui mercati mondiali dal Mar Nero.
Secondo i dati dell’International Grains Council, l’Ucraina è stata il quarto esportatore mondiale di cereali nella stagione 2020/21, vendendo 44,7 milioni di tonnellate all’estero e con un volume delle esportazioni molto diminuito dall’invasione russa.

“Con la crescente fame nel mondo, la Russia sta cercando di aumentare la pressione”, ha detto Oezdemir alla stampa. “Allo stesso tempo, il massiccio aumento dei prezzi di mercato sta tornando utile per la Russia perché questo porta nuovi soldi nel Paese”.
Oezdemir ha anche affermato che solleverà la questione di come l’Ucraina potrebbe essere aiutata a incrementare le sue esportazioni di grano in una riunione dei Ministri dell’Agricoltura del G7 a metà maggio.

“Dobbiamo cercare metodi di trasporto alternativi”, ha detto. “Il trasporto ferroviario potrebbe essere un metodo per esportare più grano, anche se con molto sforzo e con capacità limitate”.
La Germania cercherà di fornire assistenza, ha aggiunto. L’Ucraina ha gradualmente ampliato le esportazioni di grano utilizzando il trasporto terrestre verso l’Unione europea; ma le diverse larghezze dei binari (detta scartamento, cioè la distanza intercorrente tra i lembi interni del fungo delle due rotaie di un binario ferroviario) in Ucraina e nell’UE – diverse – comportano che i treni ucraini non possono circolare automaticamente sulla rete ferroviaria europea.

Mosca definisce le sue azioni una “operazione militare speciale” per disarmare l’Ucraina e liberarla dal nazionalismo antirusso fomentato dall’Occidente. L’Ucraina e l’Occidente affermano che la Russia ha lanciato una guerra di aggressione non provocata che minaccia di trasformarsi in un conflitto molto più ampio.

Abele Carruezzo