La Germania noleggia due FSRU da Höegh LNG

FSRU Höegh Grace (foto cortesy da Höegh LNG)

Oslo/Essen. I World Energy Reports, di recente hanno affermato che si sta registrando un crescente interesse per le FSRU, soprattutto in Europa. L’ultimo rapporto di WER mostra che l’interesse per i nuovi terminal di rigassificazione galleggianti in Europa è stato guidato principalmente dal timore d’interruzioni dell’approvvigionamento di gas dalla Russia. Il rapporto di aprile del World Energy Reports mostra che 13 terminal FSRU sono ora in fase di pianificazione avanzata in Europa.

Intanto, La Höegh LNG ha firmato accordi vincolanti con il Governo tedesco per il noleggio di due sue unità galleggianti di stoccaggio e rigassificazione (FSRU) per operazioni in Germania nei prossimi 10 anni e per rendere la Germania meno dipendente dal gas russo.

I contratti delle FSRU con il Ministro Federale tedesco per gli Affari Economici e l’Azione per il Clima dovrebbero essere completati entro settembre/ottobre prossimi , mentre e le operazioni delle FSRU dovrebbero iniziare alla fine di quest’anno.

Il presidente e CEO di Höegh LNG, Thor Jørgen Guttormsen, ha dichiarato: “Siamo molto lieti e onorati di essere stati selezionati dal Governo tedesco per supportare la sicurezza dell’approvvigionamento energetico della Germania con due delle nostre FSRU moderne e di grande capacità”.

La gestione delle due FSRU sarà affidata alla RWE AG, Compagnia elettrica tedesca con sede a Essen. Infatti, nella dichiarazione separata, la Compagnia energetica tedesca RWE ha confermato di aver firmato accordi per i noleggi delle due Höegh LNG FSRU, aggiungendo che queste navi offrono una soluzione temporanea rapida per lo sbarco di gas naturale liquefatto (Gnl) fino ai primi terminali Gnl sulla terraferma tedesca, quando saranno completati i dovuti collegamenti.

“Ciascuna nave è in grado di ricevere fino a 170.000 metri cubi di Gnl tramite gasiere, rigassificarlo a bordo e quindi immettendolo nella rete del gas. Con le due FSRU lunghe 300 metri, tra 10 e 14 miliardi di metri cubi di gas naturale possono essere messi a disposizione del mercato tedesco del gas ogni anno. In confronto, la portata di un terminal Gnl on-shore è compresa tra 8 e 10 miliardi di m.c. /anno”, ha affermato a nota di RWE.

Il piano prevede che le piattaforme FSRU inizino a funzionare già dal prossimo inverno. Per il momento, la responsabilità operativa degli impianti galleggianti spetta alla RWE, che prenderà tutte le decisioni commerciali relative all’uso delle navi e ottimizzerà questi asset ininteresse del governo tedesco; mentre le operazioni tecniche saranno gestite da Höegh LNG. L’accordo finale è previsto per la prossima settimana e la prima FSRU entrerà in funzione all’inizio del 2023 nello Stato tedesco dello Schleswig-Holstein; la Germania, così ed entro poco tempo riuscirà a limitare la dipendenza energetica unilaterale, sostituendo parte del gas russo.

Abele Carruezzo