Il boom del GNL cinese minacciato da carburanti alternativi

petroliera di GNL

(Foto archivio 2018 di BloombergNEF: petroliera di GNL lascia il molo dopo lo scarico al ricevente di PetroChina a Dalian, provincia di Liaoning, Cina)

Le crepe appaiono nel quadro dell'aumento della domanda di gas naturale liquefatto in Cina

Pechino. Le Majors globali come Shell Plc e TotalEnergies SE hanno investito miliardi di dollari in una nuova fornitura di gas via mare, scommettendo che il consumo nel più grande importatore del mondo continuerà ad espandersi rapidamente.
Quella visione di lunga data dipende dalla Cina utilizzando sempre più carburante a combustione più pulita come ponte tra il sporco e l'energia rinnovabile che fornirà lo zero netto entro il 2060.
Ma le realtà sul terreno stanno cambiando.

La Cina sembra essere in anticipo rispetto al programma sulle emissioni, che potrebbe aver raggiunto il picco più di mezzo decennio prima del suo obiettivo 2030. (Affermano gli analisti). La Cina sovvenziona anche la sovraccapacità dell'energia a carbone come backstop all'eolico intermittente e al solare, una strategia che essenzialmente salta usando il gas come combustibile di transizione.

E Pechino sta sviluppando anche altre fonti di gas. Sta aumentando la produzione interna e facendo più affidamento sulle forniture di gasdotti, in particolare dalla sua Russia partner strategica, che sono molto più economici delle spedizioni via mare.

“La crescita della domanda di gas è su una traiettoria al ribasso a causa della mancanza di competitività economica e di una forte spinta del Governo”, ha affermato Daniela Li, analista di BloombergNEF.
Il sostegno vacillante del Governo è stato evidente nell'ultima sentenza della sua Agenzia di Pianificazione Economica, che ha posto nuovi vincoli sul ruolo del carburante nell'approvvigionamento energetico, compresa la politica di punta del passaggio dal carbone al gas nelle aree rurali.

Se dovesse decollare, il gasdotto proposto dalla Russia, il ‘Power of Siberia 2', contribuirebbe a ridurre i requisiti aggiuntivi di GNL della Cina fino al 2030 di quasi il 20%, secondo BNEF. Anche se la Cina ha investito molto nei terminal per ricevere il GNL, fare affidamento sulle incertezze del mercato internazionale per l'offerta è probabilmente un'opzione meno attraente per un Governo che ha la energetica come una delle sue priorità. Il presidente russo spinge per raddoppiare i tubi che già adesso portano gas in Cina. Il progetto – Power of Siberia 2 – serve per aggiustare i conti in rosso di Gazprom, fiaccati dai mancati flussi verso l'Europa. Ma Xi Jinping se la prende comoda.

Gli acquirenti cinesi hanno frenato i loro acquisti il mese scorso quando i prezzi internazionali del gas sono saliti. Dopo l'aumento del 32% ad aprile, la crescita delle importazioni è scivolata pesantemente a solo il 3,4% a maggio. Le importazioni tramite gasdotto sono aumentate del 13%. Anche se solo un mese, i dati illustrano come un fiorente menu di fonti di carburante alternative è probabile che si trascinino in domanda quando il GNL all'estero diventa troppo costoso.
Le importazioni di GNL in Cina potrebbero aumentare del 13% al 14% quest'anno, secondo l'analista di Rystad Energy Xiong Wei. Questo è inferiore alla crescita del 18% vista tre anni fa, quando la Cina ha superato il Giappone come il principale acquirente del mondo e prima che l'invasione russa dell'Ucraina causasse un picco e la caduta delle importazioni. “Ci aspettiamo che la crescita della Cina continui a superare altri paesi, ma l'aumento non tornerà al livello del 2021”, ha detto.

Un aumento a due cifre può sembrare molto, ma il gas proviene da una base bassa. Il carburante rappresenta poco più del 4% della capacità di energia installata della nazione e gli investimenti in settori molto più grandi come l'energia pulita e il carbone rischiano di ostacolare la sua capacità di ottenere una quota maggiore.
Gli investimenti in energia termica della Cina, principalmente nelle centrali a carbone, sono saliti del 15% l'anno scorso, anche se l'utilizzo si sta riducendo. A maggio, il paese ha visto la produzione di elettricità da dighe idroelettriche e parchi solari salire rispettivamente del 39% e del 29%.

La capacità dei terminali di GNL, nel frattempo, si sta espandendo più velocemente della domanda e si prevede che raddoppierà quasi dai livelli attuali a 251 milioni di tonnellate all'anno entro la fine del decennio.
Ciò porterà inevitabilmente a tassi di utilizzo più bassi, che potrebbero scendere solo al 38% entro il 2030, secondo China National Offshore Oil Corp., il più grande importatore di GNL del paese.

Gli acquirenti, tra cui Cnooc e PetroChina Co., stanno firmando contratti decennali per importare GNL. Ma non è garantito che tali forniture finiranno in Cina, poiché le aziende si espandono in ‘banchi commerciali' per consentire loro di rivendere il carburante in Asia e in Europa.