L’abolizione della tassa francese sul tonnellaggio potrebbe portare alla reintegrazione

Marine Nationale de la France

(Foto courtesy by )

La Corte dei Conti francese stima una perdita delle entrate fiscali di 9,4 miliardi di euro

Parigi. La potenziale abolizione del regime fiscale sul tonnellaggio francese, un quadro fiscale favorevole per le compagnie di navigazione, sta causando una preoccupazione significativa all'interno del settore poiché le elezioni legislative anticipate (2° turno domenica prossima) hanno riacceso un dibattito avviato con il disegno di legge finanziaria per il 2024.

Il regime fiscale francese sostiene anche migliaia di posti di lavoro e incoraggia gli armatori a registrarsi sotto la bandiera francese, rafforzando l'influenza marittima nazionale e l'attività economica.

La Corte dei Conti francese stima una potenziale perdita di 9,4 miliardi di euro di entrate fiscali per il 2022-2023 a causa del regime fiscale sul tonnellaggio, scatenando un dibattito sull'abolizione delle entrate pubbliche.
Molti ritengono che l'eliminazione della tassa sul tonnellaggio potrebbe portare gli armatori a trasferirsi in altre giurisdizioni europee con benefici fiscali simili, riducendo potenzialmente il vantaggio competitivo della Francia nel settore marittimo globale.

È ragionevole credere che gli armatori attualmente sotto il regime fiscale sul tonnellaggio francese prenderebbe in considerazione la possibilità di cambiare bandiera in un'altra bandiera europea, evitando la tassazione delle società francesi pur mantenendo il beneficio dei loro contratti di locazione fiscale francesi. Altre giurisdizioni, a volte indicate come ‘bandiere di convenienza', hanno ancora una tassazione dei guadagni ancora più bassa e inesistente.
Mentre i vantaggi fiscali dell'abolizione della tassa sul tonnellaggio francese possono sembrare attraenti, le implicazioni economiche sono di vasta portata e gli svantaggi strategici dell'abolizione della richiesta di moderazione dell'imposta sul tonnellaggio.

Il regime non solo sostiene l'industria marittima, ma si allinea anche con gli interessi strategici della Francia come nazione marittima leader.