lunedì, Settembre 27, 2021
HomeNewsTROFEO PRINCESA SOFIA MAPFRE: DAY 5 - CONCLUSE LE FINAL SERIES

TROFEO PRINCESA SOFIA MAPFRE: DAY 5 – CONCLUSE LE FINAL SERIES

Ultime giorno delle Final Series a Palma de Maiorca dove si sta svolgendo il 44° Trofeo Princesa Sofia Mapfre, terza tappa della Coppa del Mondo ISAF. Sono tre gli equipaggi italiani che entrano in Medal Race, quello formato da Giulia Conti e Francesca Clapcich nel 49er FX, Flavia Tartaglini nell’RS:X femminile e Bissaro-Sicouri nel Nacra 17, al debutto in una prova di Coppa del Mondo. Due le prove disputate in tutte le classi a eccezione di 49er, 49er FX e Nacra 17 che ne hanno corse tre.

Oggi è la giornata riservata alle Medal Race che, secondo il formato messo a punto per l’evento di Palma de Maiorca, prevede due regate a punteggio doppio non scartabile per tutte le classi tranne 49er e 49er FX che ne correranno 4, a punteggio normale e non scartabili. Inoltre sempre per queste due classi le Medal Race saranno disputate dai primi otto equipaggi in classifica, mentre nelle altre vi accedono i primi 10 della graduatoria.
Le Medal Race sono in programma dalle 10.45 alle 14.45.

470 M
Due prove per la flotta Gold e una per la flotta Silver. Belcher-Ryan (AUS) entrano in Medal Race con il primo posto e 0 punti, seguiti da Panagiotis-Kagialis (GRE) con 17 punti e da Patience-Glanfield (GBR) con 22. Miglior equipaggio azzurro quello di Matteo Capurro e Matteo Puppo (YC Italiano) che si piazzano al 23° posto con 97 punti. Questi i piazzamenti finali degli altri italiani iscritti: 35° posto per Francesco Rebaudi (YC Italiano) – Matteo Ramian (YC Sanremo) e vittoria nell’unica prova disputata oggi dalla flotta Silver; 43° Francesco Falcetelli – Enrico Clementi (CC Aniene); 46° Simone Spina – Matteo Bernard (CC Aniene); 48° Niccolo Bertola (CV Mestre) – Danilo Alcidi (CS Aeronautica Militare); 52° Emanuele Savoini – Enzio Savoini (LNI Genova); 54° Tommaso Tudisco – Giacomo Provinciali (YC Cala de Medici).

470 F
Anche nella categoria femminile del 470 sono state disputate due prove per la flotta Gold e una per la flotta Silver. Le brasiliane Oliveira-Barbachan effettuano il sorpasso sull’equipaggio Weguelin-McIntire (GBR) e chiudono le Final Series al primo posto con 6 punti. Alle loro spalle le britanniche con 8 punti e le austriache Vadlau-Ogar a quota 19.

Prime italiane in classifica sono Roberta Caputo e Giulia Paolillo (CC Aniene) al 19° posto con 75 punti. A seguire Francesca Komatar – Sveva Carraro (CS Aeronautica Militare) al 22° posto e Elena Berta – Alice Sinno (CC Aniene) al 33°.

49er
Anche la flotta Gold dei 49er ha disputato tre prove mentre quella Silver ne ha corse solo due. Heil-Ploessel (GER) rimangono leader con 13 punti e precedono in classifica Evans-Powys (GBR) con 26 punti e Norregaard-Thomsen (DEN).
Scorrendo la classifica il primo equipaggio italiano è quello di Jacopo Plazzi – Umberto Molineris (FV Riva), oggi secondi nella penultima prova in programma, che termina la regata di Palma all’11° posto. Al 13° posto troviamo Giuseppe Angilella (CC Roggero di Lauria) – Pietro Zucchetti (GS Guardia di Finanza), che avevano iniziato la giornata a un passo dalla top 8.
Più staccati Luca Dubbini (CV Marina Militare) – Roberto Dubbini (SC Garda Salò) che hanno terminato al 27° posto; Stefano Cherin (YC Porto San Rocco) – Andrea Tesei (YC Adriaco) 36°; Federico Gaspari – David Bondì (CC Aniene) 54°; Andrea Savio (Triestina della Vela) – Alessandro Savio (CV Marina Militare) 57°.

49er FX
Giulia Conti (CC Aniene) – Francesca Clapcich (CS Aeronautica Militare) entrano in Medal Race ma perdono purtroppo contatto con il vertice della classifica. Nelle tre regate di oggi, le azzurre raccolgono un OCS, un 13° e un 5° posto. Sebbene scartato, l’OCS costa caro all’equipaggio italiano che perde tre posizioni e alla vigilia dell’ultimo giorno si trova al 7° posto della parziale con 37 punti. Al primo posto sempre Nielsen-Olsen (DEN) a 0 punti, seguite da Maloney – Meech (NZL) con 16 e Lutz – Beucke (GER) con 24.
Lavinia Tezza – Paola Bergamaschi (SC Garda Salò), l’altro equipaggio italiano in gara, conclude al 25° posto.

Finn
Al termine delle due prove odierne Scott (GBR) rimane il leader della parziale con 5 punti, davanti a Postma (NED) con 8 e Lobert (FRA) con 26.
Per quanto riguarda gli italiani, Michele Paoletti (YC Torri) chiude in 14ª posizione. Alle sue spalle Giorgio Poggi (GS Guardia di Finanza) 15° assoluto. Enrico Voltolini (GS Guardia di Finanza) finisce al 33° posto.

Laser Standard
Le due regate di oggi riportano in testa Burton (AUS) con 15 punti e provocano un terremoto in classifica. Buhl, ieri secondo, finisce in 11ª posizione, fuori dalla top 10, e Stipanovich, ieri primo, chiude la giornata al 5° posto. La seconda posizione ora è occupata da Fontes (BRA) con 31 punti che precede Meech (NZL), terzo classificato, a quota 35.
Miglior italiano è Marco Gallo (GS Guardia di Finanza), che finisce in 19ª posizione con 99 punti (3, 34 i suoi parziali di giornata). 23° Alessio Spadoni (CC Aniene); 24° Francesco Marrai (GS Guardia di Finanza); 36° Giovanni Coccoluto (GS Guardia di Finanza); 54° Giovanni Meloni (YC Cagliari); 58° Enrico Strazzera (YC Cagliari); 62° Luca Antognoli (Nauticlub Castelfusano); 73° Federico Tocchi (CN Livorno); 77° Marco Benini (FV Riva); 92° Mario Benini (FV Riva); 109° Diego Morani (RCC Tevere Remo); 114° Rocco Cislaghi (Planet Sail Bracciano).

Laser Radial
Due regate anche per la classe Laser Radial con sorpasso della Young (GBR) sulla Gunni (GBR). La britannica è in testa con 13 punti e 4 lunghezze di vantaggio sulla danese. Resta in terza posizione la Drozdovskaya (BLR) con 27 punti.
Silvia Zennaro (Compagnia della Vela Venezia) conclude in 19ª posizione e 81 punti ottenendo il miglior piazzamento finale tra le azzurre. Questi i piazzamenti delle altre italiane iscritte: 32° Joyce Floridia (FV Riva); 35° Laura Cosentino (Compagnia della Vela Venezia); 36° Claretta Tempesti (CN Livorno), che chiude in bellezza vincendo la seconda prova della flotta Silver; 59° Maelle Frascari (Planet Sail Bracciano); 62° Bianca Caruso (Planet Sail Bracciano).

Nacra 17
Ottimo risultato per Vittorio Bissaro (FV Malcesine) – Silvia Sicouri (Compagnia della Vela Grosseto) che centrano l’obiettivo della Medal Race al primo tentativo. Per l’equipaggio della nuova classe olimpica, infatti, quello di Palma de Maiorca è il debutto assoluto in Coppa del Mondo ISAF. Gli italiani erano partiti male infilando un 15° e un 14° posto nelle prime due prove, ma sono riusciti a raddrizzare la situazione con l’ultima regata in programma che hanno terminato al 4° posto. Vittorio e Silvia hanno acciuffato così il 10° posto della generale (59 punti) che per loro significa Medal Race.
Molto bene anche Vincenzo Sorrentino (CC Napoli) – Laura Pennati (CN Rimini), fino a ieri decimi assoluti, che concludono al 17° posto. Al 24° posto si classificano Francesco Porro – Caterina Marianna Banti (CC Aniene). 34° posto per Ferdinando Trambaiolo – Carlotta Gianni (CC Aniene).
In prima posizione ci sono Mulder-Visser (NED) con 12 punti, al secondo posto Vaireaux-Audinet (FRA) con 20 mentre al terzo ci sono Besson – Riou (FRA) con 30 punti.

RS:X M
Due prove anche per l’RS:X maschile. Lafuente (SPA) mantiene il vertice e chiude le Final Series con 7 punti. Santos (BRA) coglie due primi di giornata e sale in seconda posizione con 9 punti scavalcando Bontemps (FRA) che scende in terza posizione con 10 punti.
Mattia Camboni (LNI Civitavecchia), primo degli italiani iscritti, chiude al 22° posto con 84 punti. Poco dietro troviamo Federico Esposito (GS Polizia di Stato) al 24° posto e Daniele Benedetti (LNI Civitavecchia) 25°. Più staccato Manolo Pochiero (LNI Civitavecchia) 32°.

RS:X F
Anche oggi Flavia Tartaglini (GS Guardia di Finanza) chiude le due prove al 4° posto, stesso piazzamento delle tre regate di ieri, e accede alle Medal Race. In classifica, la Tartaglini occupa la quarta posizione assoluta con 18 punti e si trova a 4 punti dalla spagnola Manchon, terza con 14 pari punti, e a 6 dalla tedesca Delle, seconda con 12. Prima posizione per la Shaw (GBR) con 9 punti. Veronica Fanciulli (LNI Civitavecchia), che oggi ha raccolto un 7° e un 11° posto, termina la trasferta in Spagna al 14° posto con 62 punti.

Nella classe 2.4 mR, dove non vi erano italiani in gara, la vittoria finale è andata a Bjernar Erikstad (NOR) con 7 punti, davanti a Megan Pascoe (GBR) con 12 e a Barend Kol (NED) con 22.

A Palma de Maiorca sono presenti il Tecnico FIV di Riferimento del Settore Doppi Luca De Pedrini e Gianfranco Sibello in qualità di osservatore.

Le novità
La prima è che la serie di qualificazione viene conteggiata come una delle regate della fase di finale. La seconda è la disputa di due Medal Race, entrambe a punteggio doppio, non scartabile e riservata ai dieci migliori atleti di classe. La doppia Medal Race vale per tutte le classi con l’eccezione di 49er e 49er FX che disputeranno quattro prove formato Stadium riservate ai migliori 8 equipaggi e a punteggio singolo, non scartabile.

La serie di qualificazione viene conteggiata come una delle regate della fase di finale. Tali risultati d’ora in avanti si chiameranno Final Day e si aggiungeranno ai risultati della serie Finale che già includono la serie di qualifica come una regata, e determineranno la classifica finale ed il podio.

Per i monotipi entrambe la serie di qualificazione e quella finale consisteranno in sei prove della durata di 50 minuti (nella serie finale una delle sei prove menzionate è quella derivante dalla serie di qualificazione) mentre i 49er, 49er FX e Nacra disputeranno regate da 30 minuti ciascuna: nove nella serie di qualificazione e in quella finale sei (più quella derivante dalla qualificazione).

Un altro grande cambiamento concerne il sistema di punteggio. Ogni vittoria vale 0 (zero) punti anziché 1 punto. Al secondo classificato vengono assegnati 2 punti, al terzo 3 punti e così via. Tale regola rende la vittoria della singola prova ancora più importante. Non è tuttavia ancora certo che tale sistema di punteggio verrà applicato anche alle Olimpiadi di Rio.

ISAF valuterà il formato di regata al Trofeo Princesa Sofia Mapfre e grazie al feedback dei velisti apporterà le modifiche necessarie prima della tappa di Hyères in Francia.

RELATED ARTICLES

Most Popular