A NEW BORN, SWAN 108 AND THE FIRST SUSTAINABLE HYBRID ELECTRIC MAXI SWAN, SWAN 88

SWAN 88#01 and 108#01 SOLD
RACER
AN UPDATE ON CLUBSWAN 80: HULL LAMINATED
CLUBSWAN 125 TECHNICAL LAUNCH MID-MAY

With the announcement of the New Maxi Era and the launch of the new Swan 88 project last December, Nautor’s Swan gathered together with its team of designers at the beautiful Teatrino di Portofino and with the patronage of the town, to talk about design, style, performance and love for the ocean.


Leonardo Ferragamo, President of the company, together with Giovanni Pomati, CEO and Enrico Chieffi, Vice President walked the audience through the new projects and construction progress at the yard. Together with members of senior management, Nautor’s team of world-class designers discussed the vision, inspiration and technique behind each project.
The brand’s dual soul of racer and cruiser is clearly marked also in the Maxi models.
The ClubSwan range offers a more conceptual vision with the accent on high performance and competitive sailing potential. The Swan Maxi, from 88 to 120 feet, offers the highest expression of seaworthiness in any conditions combined with elegance, comfort, performance, style and modernity.


The unveiling of the Swan 88 last December marked the start of the New Maxi Era in the Swan range of 24+ metres. The design is an evolution of the brand’s previous popular models but with the addition of innovative features never seen before on a Swan. On top of this, the Swan 88 flags an important milestone for the yard: hull number one is already sold and will be the brand’s first hybrid electric-propulsion yacht.


” The strategic choice to divide the Nautor’s Swan range into three lines ­– ClubSwan, Swan yachts and Maxi Swan – came from the brand’s desire to address its own audience in a very specific way, using a different tone and a different approach to make their desires and dreams become reality. I’m particularly proud of everything the new Maxi Line represents,” says Leonardo Ferragamo, President. “It is a challenge for the whole team and we are building some of the most superior yachts that we have ever built. We strive to do our best every day to reach this point, and I’m on cloud nine because it is another step in the continuous evolution of the company.”

EVOLUTION IS BETTER THAN REVOLUTION
Positioned between the Swan 98 and Swan 120, the Swan 108 is based on the evolution of the previous Maxi Swan, particularly in regard to the exterior lines, but with the addition of innovative solutions never applied before by the Finnish yard.
The Swan 108 is synonymous with elegance and beauty in the perfect Swan’s DNA.


“Last December I anticipated the plan to have a bigger sister to the Swan 88 to fill the space between the Swan 98 and Swan 120,” says Giovanni Pomati, Nautor Group CEO. “It was an anticipation that we are here to announce officially. With awe-inspiring teamwork of international designers– German Frers, Misa Poggi and Lucio Micheletti – we have been able to design and sell the first Swan 108. This yacht is the expression of our philosophy: she draws on the amazing heritage we have at Nautor and sets a new and contemporary tone.”


WHAT TO EXPECT FROM THIS NEW MAXI SWAN?
Designed with moderate freeboards like every Swan yacht, this new model offers seaworthiness, great comfort at sea also in very rough conditions, and handles gently in waves.
She is a proper bluewater yacht with great performance and able to compete at top level when required.


The innovative deck layout comes in two solutions for the cockpit. The owner can choose a step in the aft deck area or a completely flush deck. Both solutions mean that the area is suitable for sunbathing or just as a lounge area to sit and relax.
“We always start a project with a clean slate as a way to investigate and double check the choices available and to match the briefs from the sales force closely” says German Frers. “there is no specific change you need to make once you go over a 100’ but just continue observing the mathematics and laws of physics. Specifically: length changes linearly, areas are squared, volume is cubed, stability varies to the 4th exponent”.


The innovative coachroof is beautiful yet functional with an extra-large companionway leading to the saloon to give an idea of continuity with the cockpit. Innovation isn’t only in style but also functionality, for example helm stations have been moved forward and in a higher position to enhance visibility and control of the yacht bringing the aft part of the cockpit completely available for sunbathing, relaxation and the beach club area.


“The Swan 108 conveys to future owners an idea of ​​beauty starting from her natural elegance,” says designer Lucio Micheletti. “We revisited the shapes and technical surfaces of the coachroof, modeling the lines to reach a point of maximum balance by playing with aerodynamics and proportions. We wanted a shape smoothed by the wind where the essential and dynamic lines were enhanced. We needed to find a new and timeless style that carries the Swan brand forward, a boat conceived around a new luxury where the future reinterprets the classic.”


The sail plan takes advantage of the brand’s experience in building performance cruiser yachts for efficiency and easily managed sailing. For the mainsail any possibility, from the cruising oriented in-boom furling to racing square top mainsail, is available, while the long base of the fore triangle allows having up to four stays to divide the forward sail area.
The interiors, designed by Nautor’s interior team and Misa Poggi, offer great livability and comfort for both the owner and guests. The yacht has an owner’s suite forward plus three guest cabins complete with private heads.
“Air, light, space: these are the three pillars I bear in mind while designing a Swan,” says interior designer Misa Poggi.

“I work with materials and colours obtained from a careful selection, thinking above all about the tactile and visible sensation to achieve different moods. I choose light colours to give an idea of breadth and dark colors for a more intimate atmosphere. Everything should give the idea of being immersed in a bright space in perfect harmony with the outside.”
The Swan 108 offers great privacy to both owner and crew, who have a separate area with three cabins and a crew mess.
The interiors present a very bright and light saloon, with three levels of windows creating a spectacular atmosphere.

The ClubSwan 80 is the latest in the ClubSwan family with the aim of creating a new class of one-design yachts in the Maxi yacht segment.
Performance is a vital element of this project. The first unit is under construction at Persico Marine, a strategic partner. The choice of this key player for the build comes from the values of innovation and technology that both companies share.
At the moment the hull is being laminated. The next phase is inserting the bulkheads into the hull while still inside the mould. On completion, the hull will finally come out of the mould and installation of all the systems will begin.


The yacht is benefitting from cutting-edge technologies: CNC robotic machines, tape placement for the lamination and a plotter for preparing the pre-preg pre-cut carbon fibre before lamination help to optimise the construction time and satisfy demanding clients.
“You can buy comfort but you never buy performance” insists Enrico Chieffi, Nautor Group Vice President. In fact, the standard interiors are very clean and stylish and light in weight, but she comes with a full list of options to enrich the set-up according to the owner’s needs.


“This is an amazing boat with incredible performances: in real time she will be faster than any hundred-footer and that is something very unique,” says Chieffi. “She will be very competitive in rated racing too. We have made a lot of simulations drawing on the different rating rules and the boat proved to be very competitive. The combination of outstanding performance both for one-design and rated competition is a real win-win situation for us.”


The first ClubSwan 80 will be launched in Spring 2022 and the idea is to have two units sold by the Rolex Maxi Cup 2022 to kick-start the class and take advantage of the established worldwide regatta circuit. ClubSwan Racing Office is further developing the sport with its dedicated one-design class rules with a limited number of crew and professionals onboard, a limited wardrobe of sails and the owner at the helm, promising great fun and a high level of competitiveness.

XV edizione “Student Naval Architect Award”: il Gruppo d’Amico e la Royal Institution of Naval Architects premiano Rebecca Benassi

Presso l’Università di Genova è stato conferito il prestigioso riconoscimento internazionale alla neolaureata in Ingegneria Navale per una tesi su un innovativo sistema propulsivo che permette di ridurre le emissioni inquinanti delle navi


Il RINA-d’Amico “Student Naval Architect Award” è stato conferito oggi dalla Royal Institution of Naval Architects – associazione professionale britannica degli ingegneri navali fondata a Londra nel 1860 – in collaborazione con il Gruppo d’Amico a Rebecca Benassi, neolaureata in Ingegneria navale presso l’Università di Genova.


La cerimonia di premiazione quest’anno si è svolta, come nel 2020, da remoto a causa della pandemia e ha visto la partecipazione online di Chris Boyd, Chief Executive RINA, di Maurizio d’Amico, presidente RINA, di Francesco Rotundo, Group HR Director del Gruppo d’Amico, del professor Carlo Podenzana e della professoressa Paola Gualeni della facoltà di Ingegneria Navale dell’Università di Genova, insieme a tutti gli studenti.

Rebecca Benassi ha ottenuto il Premio con una tesi dal titolo “Study of a combined LNG-electric propulsion system for a ferry”, sviluppata su uno dei temi attualmente più importanti della ricerca in campo navale: quello dello sviluppo di nuovi sistemi di propulsione. Il progetto in particolare sviluppa un modello di repowering (rimotorizzazione) di un traghetto di grandi dimensioni, a propulsione elettrica integrata di originale concezione e interamente alimentato a gas naturale, combustibile economico e pulito. Combinando le potenzialità di motori dual-fuel e di una turbina a gas, tale soluzione propulsiva garantisce condizioni di elevata efficienza in un ampio range di velocità della nave, permettendo di minimizzare consumo di combustibile ed emissioni inquinanti, in accordo con le attuali normative internazionali in ambito di tutela ambientale.

Lo “Student Naval Architect Award” viene conferito dalla Royal Institution of Naval Architects in più di 30 Università nel mondo, tra cui la storica Università degli Studi di Genova, selezionata per la sua grande tradizione e collaborazione con il mondo navale.

La storica vicinanza del Gruppo d’Amico alle realtà accademiche marittime è volta a costruire, assieme a giovani con una formazione d’eccellenza e alle istituzioni di livello internazionale, il futuro dello shipping.
Al fine di promuovere e favorire lo scambio di informazioni tecniche e scientifiche nell’ambito della progettazione e della costruzione navale, nel corso del tempo è stata consolidata la collaborazione con la Royal Institution of Naval Architects, l’associazione professionale britannica degli ingegneri navali fondata a Londra nel 1860, e con il Dipartimento di Ingegneria Navale dell’Università di Genova (DITEN).

Nel corso dell’evento il Chief Executive di RINA Chris Boyd ha dato il benvenuto nell’organizzazione ad uno studente dell’Università degli Studi di Genova che parteciperà attivamente, in rappresentanza del corpo studentesco, alla vita e alle attività della Royal Institution. La possibilità di esprimere uno “student rapresentative” viene concessa a cinque Università in tutto il mondo.

“La Royal Institution of Naval Architects desidera ringraziare l’Università di Genova, la facoltà di Ingegneria Navale per la calorosa accoglienza e l’invito a partecipare alla cerimonia di premiazione di quest’anno” ha dichiarato Chris Boyd, Chief Executive della Royal Insitution of Naval Architects. “Questo prestigioso riconoscimento è un risultato molto importante per molti studenti che stanno compiendo i primi passi nell’industria marittima o nel mondo accademico.

È un piacere promuovere al fianco della Prof.ssa Gualeni, del Prof. Podenzana e di tutto lo staff dell’Università di Genova l’eccellente lavoro svolto dall’Università. È un privilegio lavorare con il Gruppo d’Amico e siamo orgogliosi di aver consegnato il RINA-d’Amico Naval Architect Award a Rebecca Benassi. È stato molto interessante presentare la nostra visione futura e discutere di innovazione focalizzata principalmente sulla sostenibilità e degli obiettivi che dobbiamo raggiungere per quanto riguarda la decarbonizzazione e l’EEXI.

Abbiamo molte iniziative in campo e in questa occasione abbiamo dato il benvenuto a bordo ad Alessia Fazzolari come nostra Student Champion e ambasciatrice del RINA a Genova. Lo Student Champion consente agli studenti di essere costantemente in contatto con la Royal Insititution of Naval Architects, con la filiale di Genova e le associate internazionali permettendo di usufruire del network e del bacino di informazioni. Siamo entusiasti di iniziare questa nuova avventura con Alessia Fazzolari.”

Nella stessa occasione è stato ricordato l’Ingegner Lucio Bonaso, scomparso negli scorsi mesi e per oltre vent’anni a capo delle attività nel settore Dry Cargo del Gruppo d’Amico. L’Ing. Bonaso, laureato nel 1973 in Ingegneria Navale e Meccanica all’Università di Genova, è sempre rimasto legato all’Università da rapporti di stretta collaborazione.

“Riconoscere e valorizzare i talenti è strategico per saper interpretare le nuove sfide del mercato, le sue continue trasformazioni e per raggiungere nuovi obiettivi. Il Gruppo d’Amico è impegnato da sempre a promuovere percorsi formativi per i giovani studenti che con interesse e passione costruiscono le basi di quella che sarà la loro esperienza professionale nel settore dello shipping.

Oggi siamo molto lieti di poter premiare Rebecca Benassi che con la sua tesi affronta un tema di frontiera per la ricerca in campo navale: quello dello sviluppo di soluzioni tecnologiche che un decisivo impatto avranno sulla riduzione delle emissioni e quindi sul rafforzamento del contributo che anche le aziende dello shipping daranno all’imperativo della transizione ecologica” ha dichiarato Francesco Rotundo, Group HR Director di d’Amico Società di Navigazione.

PORTO DI BRINDISI: “L’economia va in porto”

Mercoledì 12 maggio alle ore 11.00, nell’auditorium del Liceo Ettore Palumbo di Brindisi, via Achille Grandi, 17, si svolgerà un incontro dal titolo:

“L’economia va in porto”.

All’evento, organizzato dal Liceo Palumbo e dall’AdSP MAM nel pieno rispetto delle norme di sicurezza anti-Covid, relazionerà il presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Meridionale, Ugo Patroni Griffi, che si interfaccerà con una delegazione degli studenti.

Si parlerà del ruolo cruciale del porto di Brindisi nel tessuto economico territoriale e nazionale; dei progetti dell’Ente mirati ad indirizzarne lo sviluppo nei prossimi anni; delle prospettive di crescita; di blue-economy ed economia circolare; di ZES e Zona Franca Doganale .

Porterà i saluti la dirigente scolastica dell’Istituto, Maria Oliva.

Modererà l’incontro Massimiliano Oggiano, docente della Scuola.

L’evento sarà trasmesso in diretta sulle pagine Facebook di AdSP MAM e del Liceo Palumbo.

Salone Nautico Venezia: presentata l’edizione 2021

La seconda edizione del Salone Nautico Venezia apre i battenti tra meno di un mese con numeri raddoppiati. Dal 29 maggio al 6 giugno nello spettacolare Arsenale nove giorni di mostra di architettura navale che vuole essere un passo positivo per la rinascita della città lagunare.

A Venezia in Arsenale la seconda edizione del Salone Nautico apre i battenti il prossimo 29 maggio con numeri raddoppiati rispetto all’edizione 2019. Per la seconda volta l’arte navale torna a casa: saranno 9 giorni di manifestazione fino a domenica 6 giugno 2021 con orario 10.00 – 20.00: i visitatori non solo potranno ammirare più di 220 barche di oltre 160 espositori ma anche le spettacolari strutture dell’Arsenale della città, simbolo del potere e della potenza militare della Repubblica Serenissima e cuore della sua industria navale che le ha consentito di essere una delle più grandi potenze marittime per secoli. Un contesto storico di grande suggestione nel pieno centro di Venezia, composto da un bacino acqueo di 50.000 mq, oltre 1000 metri lineari di pontili per circa 150 imbarcazioni in acqua, 30.000 mq di spazi espositivi esterni, e padiglioni coperti per circa 5.000 mq complessivi.

La presentazione della manifestazione promossa dal Comune di Venezia e realizzata attraverso la società Vela spa, in collaborazione con la Marina Militare Italiana, si è svolta questa mattina in video conferenza dalla Smart Control Room del Tronchetto alla presenza del sindaco Luigi Brugnaro. All’appuntamento sono intervenuti anche l’ammiraglio Andrea Romani, Comandante dell’Istituto Studi Militari Marittimi e del Presidio Militare di Venezia, Fabrizio D’Oria, direttore operativo di Vela Spa e direttore organizzativo del Salone, Alberto Bozzo, direttore gruppo mercati e vendite di Vela Spa e direttore commerciale del Salone, Carlo Nuvolari, progettista navale e direttore scientifico del Salone, Albero Galassi, ceo di Ferretti Group e Gianguido Girotti, deputy ceo di Beneteau.

“Il Salone Nautico Venezia – ha dichiarato il sindaco Luigi Brugnaro – è un appuntamento che insieme alla Biennale di Architettura, dal 22 maggio, e alla riapertura delle istituzioni museali e culturali accompagna la ripartenza di Venezia e dell’Italia. La manifestazione, che abbiamo fortemente voluto, suggella l’importanza della nautica e del mare per questa città. E’ un appuntamento che anche nei prossimi anni continueremo a promuovere e a valorizzare per sostenere l’industria nautica e tutta la filiera del settore, insieme ai temi della sostenibilità e della progettazione, per vivere il mare in tutte le sue potenzialità. Quest’anno inoltre, grazie alla collaborazione delle marine di Venezia, il popolo del mare, dalla Croazia a Trieste o ancora da Ancona a Rimini, avrà la possibilità di raggiungere Venezia in barca ormeggiando gratuitamente, previa prenotazione. Un ringraziamento particolare va alla Marina Militare per la grande collaborazione fornita, al direttore dell’Ulss3 Contato e al presidente de La Biennale di Venezia Cicutto per la definizione e condivisione di un sistema di sicurezza ad altissimo livello, alla Regione Veneto e ai gruppi industriali europei che onorano il Salone Nautico con la loro presenza”.

“Anche per questa seconda edizione la Marina Militare è al fianco dell’Amministrazione comunale e dell’intera città per l’organizzazione della manifestazione in cui abbiamo ceduto moltissimo sin dai suoi esordi – ha sottolineato Romani. Impegneremo il nostro personale, i nostri mezzi e infrastrutture e apriremo al pubblico gli spazi a terra e gli specchi acquei della nostra base navale. Per l’occasione saranno anche presenti le navi ‘Ponza’, che supporta i fari nei segnalamenti marittimi, e la nave idro-oceanografica ‘Aretusa’ oltre ad una rappresentanza dei Fanti di Marina della Brigata San Marco”.

La mostra espositiva all’Arsenale di Venezia, naturale continuazione “navale” della vicina mostra di architettura della Biennale, sarà arricchita di momenti culturali e dibattiti sul futuro della navigazione da diporto e della sua industria. Baricentro dell’esposizione sarà la sostenibilità che trova il suo momento espositivo nell’E-Village in un’ampia serie di progetti ibridi ed elettrici, che già aveva caratterizzato la prima edizione.

Spazio per le specificità di Venezia, con la sua cantieristica di qualità e un focus sulle imbarcazioni da lavoro per le forze dell’ordine, di soccorso come idro-ambulanze e motopompe vigili del fuoco e di servizi come asporto rifiuti. Non mancheranno i momenti di approfondimento negli spazi incontri e trasmessi in streaming su tematiche come la portualità turistica, design e innovazione, luxury e yachting, le motorizzazioni ibride, le tematiche ambientali, cantieristica veneziana, sicurezza in mare.

“Arte, industria e sostenibilità all’insegna della sicurezza – ha spiegato Fabrizio D’Oria. La manifestazione sarà assolutamente compatibile con i protocolli sanitari, condivisi con la Biennale Architettura e definiti di concerto con l’Ulss3. Grazie a una dilatazione dei giorni di esposizione, dal 29 maggio al 6 giugno, e dell’orario apertura al pubblico, dalle 10.00 alle 20.00, ci sarà un costante controllo dell’afflusso dei visitatori, che sarà unidirezionale e contingentato”.

“Il Gruppo Ferretti, che è nato sull’Adriatico, crede in modo importante in questa iniziativa. – ha detto Alberto Galassi CEO del Gruppo Ferretti – Ci siamo stati nell’edizione del 2019 e ci ha portato fortuna, siamo tornati a Venezia nel 2020 per girare uno spot per Riva con Pier Francesco Favino e torniamo oggi per testimoniare la rinascita del settore, che sta vivendo un momento positivo e di grande crescita, potrei dire che sta volando. Se si guarda il panorama espositivo non c’è un salone nautico in tutto il Mediterraneo Orientale, dal Libano alla Slovenia, alla Turchia, la Grecia e Venezia rappresenta l’opportunità perfetta quanto a località, ubicazione e data, per presentare le proprie creazioni e le innovazioni a questo mercato. Per noi essere al Salone per 9 giorni rappresenta uno sforzo importante ma siamo convinti che sia la scelta migliore, tanto è vero che, d’accordo con il nostro armatore, presenteremo in anteprima a Venezia il nostro yacht più grande, il Ferretti 1000. Mi meraviglio di quelli che non ci sono, che non hanno creduto nella fattibilità del Salone di Venezia quest’anno. Non c’è vetrina migliore al mondo e non c’è posto più sicuro con una ospitalità di maggiore qualità.

“Condivido la stessa passione dell’avvocato Galassi per la città” aggiunge Gianguido Girotti, CEO di Beneteau “ribadisco che Venezia è l’hub ideale per un evento nautico internazionale e per la visibilità dell’asse est mediterraneo che è quasi interamente scoperto. Non si può non sfruttare questa sinergia tra cultura e passione per il mare. Tra la prima e la seconda edizione si è generato un grandissimo interesse da parte di tuta la filiera della nautica, dalla cantieristica all’innovazione tecnologica ma che si allargherà in futuro anche altri settori legati ai servizi e al turismo che si troveranno rappresentati in un evento come questo. Cannes e il Principato di Monaco attirano perché hanno anche un territorio di qualità alle spalle e ritengo che Venezia non manchi di nulla per dare al visitatore qualcosa di più. Ho creduto in questo evento sin dall’inizio, non posso che confermare che continueremo a sostenerlo.

Tra gli eventi collaterali, la prima regata Full Electric denominata “E REGATTA”, organizzata dai partner coordinati da Assonautica di Venezia con prove di “endurance”, agilità e velocità ma anche eventi sportivi con regate veliche come il già citato Campionato italiano Match Race e di motonautica con la fase finale di parata e premiazioni del raid Pavia Venezia, la presenza di campioni della vela per rivivere le emozioni dal Moro di Venezia presente all’Arsenale a Luna Rossa presente con alcuni suoi protagonisti.

La conferenza stampa è stata preceduta dalla riunione del Comitato d’Indirizzo del Salone Nautico di Venezia presieduta dal sindaco di Venezia Luigi Brugnaro, che ha voluto organizzare questa prima riunione operativa coinvolgendo enti, istituzioni, Forze dell’Ordine e le principali realtà produttive della città. Sono intervenuti tra gli altri gli assessori regionali Elisa De Berti e Roberto Marcato, il direttore marittimo del Veneto Piero Pellizzari, il direttore generale dell’Ulss3 Edgardo Contato, il presidente della Biennale Roberto Cicutto, il presidente della Camera di Commercio di Venezia e Rovigo Massimo Zanon, i rettori delle Università Ca’ Foscari e Iuav, rispettivamente Tiziana Lippiello e Alberto Ferlenga, Rosalia Santolieri direttore CNR e Umberto Vattani, presidente della Venice International University.

Tutte le informazioni sulla manifestazione: www.salonenautico.venezia.it

Il Salone Nautico Venezia è promosso dal Comune di Venezia e realizzato attraverso la società Vela spa, in collaborazione con la Marina Militare Italiana.

Partner della manifestazione sono importanti realtà come Eni, Intesa Sanpaolo, Generali, Consorzio Prosecco DOC e Camera di Commercio Venezia e Rovigo. Partner tecnici Mole Urbana, e-concept e ABB.

Nautica: il futuro di Venezia passa per questo settore

Al Salone nautico di Venezia approfondimenti e convegni curati da Nuvolari-Lenard

«Abbiamo voluto partecipare all’organizzazione di momenti scientifico-culturali perché l’Arsenale è la sede ideale per questi approfondimenti. Venezia ha attraversato un momento di ricerca di identità in questo ultimo periodo, dopo il tracollo del turismo, per questo ci accorgiamo che la nautica è una grandissima opportunità di sviluppo. Il Salone nautico all’Arsenale ha un significato simbolico, perché questo luogo è sempre stato la cerniera di nuove soluzioni, di ricerca, di commercio, di industria, ecco che quindi la nautica può essere una di queste attività, che vede il suo fulcro nell’Arsenale, ma anche come punto di inizio per un’attività che si deve diffondere sul territorio»
Queste le parole con cui Carlo Nuvolari, senior partner dello studio di design di yacht di grande dimensioni Nuvolari-Lenard, è intervenuto alla presentazione della seconda edizione del Salone nautico di Venezia.

L’ingegnere le cui imbarcazioni sono finite nelle mani di Steven Spielberg, Jerry Jones (proprietario dei Dallas Cowboys) o Viktor Pinchuk (oligarca ucraino dal patrimonio stimato in 1,5 miliardi di dollari) ha proseguito: «La nautica può spingersi oltre al centro di Venezia, si può interconnettere alla terraferma, Mestre da sempre è il Porto di Venezia, così la laguna può essere il centro di un’attività nautica che intercetti le esigenze del mercato dell’Est Europa. Fondamentalmente, chi proviene da quella realtà, anche con un aereo privato, tiene le imbarcazioni di lusso nel Tirreno, in Costa Azzurra, ma con l’apertura del mercato, ampio, dell’Est, ecco che Venezia può giocarsela, essendo più vicina e valorizzando il Mediterraneo».

Nuvolari, il cui studio è riconosciuto a livello mondiale per la progettazione e il design di yacht di lusso, ha poi precisato il possibile ruolo centrale della nautica nell’economia cittadina: «La nautica è trasversale, unisce turismo, sport, servizi, progettazione, idee, ricerca e studio. Venezia potrebbe diventare un centro di studi universitari, ecco che questo taglio, al Salone nautico, con conferenze e approfondimenti, potrebbe ampliare una visione e non legarla alla sola imbarcazione. Non a caso, il primo convegno che organizzeremo alla manifestazione sarà sul concetto di “Waterfront”, quel momento che unisce acqua e terra. In seguito analizzeremo il tema della sostenibilità dello yachting».

Da ultimo, l’accento è posto sul concorso di idee: «Ci sarà una mostra di progetti per le giovani menti che immaginano il mondo della nautica del futuro. Sarà un concorso, promosso dalla Fondazione musei civici, caratterizzata da una commissione autorevole di esperti del settore. I progetti migliori saranno esposti e premiati», conclude Nuvolari.

Dichiarazioni del Presidente dell’Unione Piloti CLC Vincenzo Bellomo

Deluso dalla relazione del Presidente di Fedepiloti, Luigi Mennella


Presidente Bellomo ha avuto modo di seguire l’ultima assemblea  di Fedepiloti?
«Ammetto che ero curioso di ascoltare l’intervento del Presidente Luigi Mennella ma come spesso,  succede la lunga attesa non è stata premiata e non nascondo, pertanto, la delusione. Non tanto per i problemi tecnici di connessione, che hanno di fatto reso difficile seguire l’evento in streaming, ma per i contenuti della relazione del Presidente Mennella il quale, peraltro, è apparso alquanto imbarazzato e, forse, incredulo lui stesso per quello che si accingeva a leggere. Il suo intervento ha dato un indirizzo al futuro della “professione pilota” tutt’altro che rassicurante. Il contenuto del discorso, che ho più volte risentito, mi ha lasciato basito per il suo tenore. Delle due l’una: o le parole non coincidono con i fatti oppure il presidente di Fedepiloti, Luigi Mennella, ha cambiato opinione sulla natura giuridica delle Corporazioni. Certo se questi sono i presupposti non oso immaginare cosa potrà uscire dagli “Stati Generali del pilotaggio” ».


Si spieghi meglio?
«Il mantenimento dell’attuale inquadramento e lo status giuridico del pilota e della corporazione quale “ente pubblico” è, da sempre, un granitico caposaldo dell’Unione Piloti. In passato, la nostra associazione ha più volte messo in allarme la categoria, su attività che volevano il pilotaggio alla pari degli altri servizi portuali, e per questo è stata dileggiata proprio dalla Fedepiloti. L’esordio, quindi, non è dei più felici. E’ assurdo che proprio il Mennella prenda ad esempio le sentenze del Tribunale di Venezia che mettono in discussione la natura giuridica delle Corporazioni, assimilando le regole di funzionamento gestionali delle corporazioni alle società cooperative. Egli, però, omette che della causa civile a cui quella sentenza si riferisce è uno dei promotori, citato quale parte attrice.

I promotori della sentenza infatti non hanno avuto nessuna remora nel asserire che “natura giuridica della Corporazione che pur in presenza di numerosi elementi di natura pubblicistica, le Corporazioni di piloti erano da includere tra le società cooperative regolate da leggi speciali di cui all’art. 2520 cod. civ.; ciò con la conseguente applicabilità, in forza del richiamo contenuto nell’art. 2519 cod. civ., in quanto compatibili, delle norme relative alla responsabilità degli amministratori delle società per azioni e in particolare tra queste, dell’art. 2393 bis c.c.”.

Non convince, dunque, che oggi lo stesso presidente, stracciandosi le vesta, con veemente sdegno, gridi “NOI SAPPIAMO CHE COSI’ NON E’!!!” e che la corporazione è priva di patrimonio mentre in tribunale specifica che “L’azione veniva contestualmente svolta, ai sensi del 3° comma dell’art. 2393 bis citato, in quanto diretta a reintegrarne il patrimonio, anche nei confronti della Corporazione dei Piloti”. L’accanimento nel sostenere che la Corporazione è una cooperativa, da parte dei proponenti, tra cui Mennella, non ha confini; infatti è stato presentato ricorso alla Suprema Corte di Cassazione con il quale si chiede di confermare la natura giuridica di Cooperativa per la Corporazione. Complimenti per la coerenza.  Chiunque voglia approfondire sul nostro sito è ancora pubblicata l’intervista al segretario Ciro Romano che da sempre difende l’unicità della Corporazione e la sua natura di ente pubblico”».


Sulla questione tariffaria Mennella ha sostenuto di avere l’impressione che le riunioni ministeriali con tutte le parti interessate si siano trasformate in tavoli in cui si negozia il rinnovo di un contratto di categoria?

«Rassicuro il Presidente che purtroppo, non è un’impressione e che, questa volta, gli incontri ai tavoli ministeriali sono stati davvero declassati a mero rinnovo contrattuale di una categoria.

Le riunioni avute tra le rappresentanze di Fedepiloti. Assarmatori, Confitarma e Federagenti, (con la sola esclusione dell’UPI), hanno prodotto una proposta condivisa presentata al Ministero.  Senza addentrarsi nei dettagli di tale proposta, reputo che i suoi effetti saranno disastrosi per la categoria e siamo pronti a qualsiasi confronto con chiunque confuti questa nostra opinione. Uno per tutti, si è discusso della spesa ma non si è voluto discutere dell’elemento principale per noi piloti: il valore del nostro lavoro; il metro con cui si misura la competenza, la formazione e la nostra capacità professionale.

Oggi avere un valore mensile al di sotto di oltre il 30% di quanto riconosciuto agli operatori dell’altro servizio tecnico nautico di riferimento è umiliante. Dire adesso che così non è, e che gli operatori del settore dovrebbero saperlo molto bene non sembra avere molto senso. L’Unione Piloti sin dall’inizio aveva posto la questione proponendo, stante il mantenimento della formula in vigore, di operare una radicale revisione di tutti gli elementi. Anticipando le sagge parole dell’Ammiraglio Pettorino, si era parlato in passato di unire le forze perchè – forti di una maggiore coesione e massa critica – avremmo potuto portare avanti le ragioni comuni. Sappiamo tutti come è finita».


Il Presidente Mennella ha ricordato che la pandemia ha fatto registrare perdite sostanziali anche alle Corporazioni che,  diversamente da quanto è accaduto ad altri operatori marittimi e dei servizi portuali, non hanno beneficiato di sostegni legati alla flessione di fatturato e di traffico…


«Lamentare che solo i piloti siano stati esclusi dai sostegni legati alla flessione di fatturato e di traffico, lascia il tempo che trova. Non senza amarezza si è saputo che, durante un incontro dell’aprile dell’anno scorso, i vertici della Fedepiloti e tutti i capi piloti presenti hanno deciso di non ricevere interventi pubblici, ricordando gli strumenti di mutua socializzazione (Fondo Piloti) già presenti all’interno della categoria. Gli appositi stanziamenti in bilancio dello Stato, sono previsti a riconoscimento dell’indispensabilità del servizio. Non si ha notizia che il fondo abbia ristorato alcuna perdita.

Il Presidente Mennella ha concluso la sua relazione con un pensiero condivisibile: la comunità dei piloti vive ed opera quotidianamente, sulla base di un denominatore comune: la sostenibilità! Atteso che la sostenibilità è la “condizione per cui la generazione presente soddisfa i suoi bisogni”, seguendo  la rotta da lui suggerita sembra  però che “la possibilità della generazione (di piloti) futura di soddisfare i propri” sarà purtroppo compromessa».


I presupposti per “Come raggiungere un traguardo” sono quelli indicati nella relazione di Mennella?
«Se Goethe rispondeva: “Senza fretta, ma senza sosta”,  l’Unione Piloti consapevole, invece, che “nessun vento è favorevole al marinaio che non conosce la propria meta” spera che la categoria possa ritrovare nei valori che l’hanno sempre contraddistinta una nuova identità».

Unione Piloti – Ufficio Stampa 

MICHELANGELO CASADEI JOINS NAUTOR’S SWAN AS GROUP CHIEF TECHNICAL & OPERATIONS OFFICER

Mr. Giovanni Pomati, Nautor Group CEO, recently announced the appointment of Michelangelo Casadei as Group Chief Technical & Operations Officer.

Michelangelo, with a degree in Mechanical Engineering, brings a wealth of experience having spent 8 years working on product development, project management, cost control, manufacturing and sales in various companies of FIAT Group and having worked 13 years at Ferretti Group, with increasing responsibilities in the fields of Product Cost, Quality and Testing, and assuming since 2015 the Technical Management of all Ferretti Group Brands.

Reporting to the CEO, Casadei will have the responsibility to coordinate and manage the design, industrialization and operations processes for all Nautor product lines (sailing and power yachts) as well as to ensure the achievement of the company targets, with a focus on actions /projects to improve the supply chain efficiency and the manufacturing footprint.

The appointment of Michelangelo Casadei is part of the implementation of the company’s global industrial development strategy.

“It’s a pleasure to welcome Michelangelo to our team. As I said in the past, the Sailing segment needs an industrialization in the processes, in the development of the product and supply chain. In this context Michelangelo will be a valuable asset for the company going forward.” said Giovanni Pomati CEO.

Il naviglio italiano va rinnovato

Roma. Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, prima di partire per Bruxelles è stato rivisto, nell’ultimo Consiglio dei Ministri, in alcuni punti. Si ricorderà che la quota di risorse per il rinnovo della flotta italiana non era contemplata; ieri sera è giunta la nota del Ministro Giovannini per fare chiarezza sulle quote di risorse per il comparto dei trasporti e della logistica. Complessivamente sono 62 miliardi di euro gli interventi sulle infrastrutture, sulla mobilità e sulla logistica sostenibili approvati dal Consiglio dei Ministri.

Si legge nella nota: “Una cifra che fa emergere il ruolo centrale del Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili (Mims) nell’attuazione di progetti determinanti per il rilancio del Paese, basato sulla sostenibilità economica, sociale e ambientale. Rispetto alle risorse previste a legislazione vigente per gli investimenti di competenza del Mims, il Pnrr aggiunge 47 miliardi di euro”. I progetti del Ministero si finanziano per 41 miliardi con le risorse europee del programma Next Generation Eu (40,7 miliardi) e con quelle del React Eu (313 milioni), cui si aggiungono risorse nazionali per quasi 21 miliardi di euro, di cui 10,6 miliardi dal Fondo complementare e 10,3 miliardi dallo scostamento di bilancio.

L’aumento il Ministero lo giustifica e chiarisce: “I fondi nazionali perseguono i medesimi obiettivi di quelli europei, ma in alcuni casi finanziano progetti relativi a un orizzonte temporale più lungo rispetto al termine del 2026 imposto dal Pnrr, come il completamento dell’Alta Velocità Salerno-Reggio Calabria”; ed ancora: “Il 56% delle risorse (34,7 miliardi di euro) è destinata a interventi nel Mezzogiorno, segno della volontà del Governo di avviare concretamente politiche per il superamento dei divari tra le diverse aree del Paese”.


Si parla di 8,4 miliardi di euro (settore del trasporto pubblico locale ‘green’ e trasporto rapido di massa) per il rinnovo dei treni, degli autobus, delle navi per la riduzione delle emissioni.


Per quanto riguarda gli investimenti per lo sviluppo dei porti, della logistica e dei trasporti marittimi abbiamo: nuova diga Porto di Genova (0,5 mld); ammodernamento del Porto di Trieste (0,4mld); elettrificazione delle banchine dei porti Ten-T (Piano nazionale del cold ironing 0,7mld); efficientamento energetico e gestione dei rifiuti nei porti (0,3mld); aumento della capacità portuale nei porti di Venezia, La Spezia, Napoli e Cagliari (0,2mld); infrastrutture per le Zes (0,6mld); ultimo e penultimo miglio ferro-strada porti di Venezia, Ancona, Civitavecchia, Napoli, Salerno (0,1mld); efficientamento energetico e ambientale nei porti dello Stretto di Messina (0,1mld); aumento accessibilità marittima nei porti di Vado Ligure, Ravenna, Civitavecchia, Napoli, Salerno,Taranto, Brindisi e Trapani (0,6mld); mobilità sostenibile per le piccole isole (0,04mld).


“Grazie all’adozione del decreto-legge relativo al fondo complementare”, sottolinea Giovannini, “sarà possibile cominciare ad impiegare le risorse nazionali già nei prossimi mesi, stimolando così la ripresa economica e occupazionale, che nei settori delle costruzioni e dei trasporti è già in atto, come mostrano gli ultimi dati Istat. Peraltro, questi interventi si affiancheranno a quelli derivanti dal commissariamento delle opere bloccate da anni deciso due settimane fa e dall’assegnazione agli enti territoriali dei fondi per la manutenzione delle strade provinciali e il potenziamento del trasporto pubblico locale, a conferma dell’impegno del Governo in questi primi due mesi di lavoro per la ripartenza dell’Italia”.

“Il Pnrr è solo l’inizio di un processo che prevede investimenti senza precedenti per la costruzione e la riqualificazione di infrastrutture, per la mobilità sostenibile, per rafforzare le imprese e migliorare la qualità del lavoro e della vita delle persone, tutelando gli ecosistemi terrestri e marini”- conclude la nota del Ministro Enrico Giovannini -.

Abele Carruezzo


Per altri approfondimenti si allega il documento del Mims.

Crociere si riparte … e buona navigazione

Genova. Si riparte, anzi la voglia di navigare è tanta! Lo confermano le proiezioni che emergono dal rapporto annuale di Cruise Industry News 2021. La fiducia nell’intero sistema crocieristico da parte dei passeggeri si è dimostrata continua anche durante il covid. A livello europeo si parla di una richiesta di oltre nove milioni di passeggeri, con un trend in crescita fino al 2027, che hanno già prenotato un viaggio a bordo di navi da crociera. In una battuta, il Direttore generale di Costa Crociere, Mario Zanetti, ha detto: “Sono convinto che i protocolli sanitari siano destinati a scemare quasi del tutto. In alcuni Paesi, per fare un esempio, chi è vaccinato non ha più l’obbligo di indossare la mascherina: succederà anche a bordo. Se parliamo degli itinerari, invece, è probabile che qualcosa rimanga: le soste più lunghe, la possibilità di visitare più destinazioni partendo dallo stesso porto, sono tutte cose che stavamo già sperimentando e che la pandemia ha accelerato”.


Costa Crociere, in attesa di garantire partenze anche da Genova, riparte da Savona la prima nave, la Costa Smeralda: mini-crociere di tre e quattro giorni, che consentiranno di godere di una vacanza più breve o, in alternativa, un’intera crociera di una settimana, con scali a Savona, La Spezia, Civitavecchia, Napoli, Messina e Cagliari. Questo itinerario dedicato all’Italia sarà prolungato sino al 3 luglio, quando la nave tornerà a proporre crociere di una settimana che visiteranno Savona, Marsiglia, Barcellona, Palma di Maiorca, Palermo e Civitavecchia. Sul Mediterraneo orientale la Costa Luminosa seguirà l’itinerario con partenza da Bari, Atene, Mykonos, Katakolon/Olimpia, Trieste e Bari (arrivo). Sempre con l’applicazione del Costa Safety Protocol: un protocollo a tutela della tua salute che integra nuove procedure operative adeguate alle esigenze di risposta alla situazione Covid-19, nel rispetto delle norme sanitarie nazionali e internazionali.


MSC Crociere, nell’augurio di un ‘buon primo maggio’ riparte da Genova con la MSC Seaside, una delle ultime navi e tra le più innovative sul piano della sostenibilità ambientale. Questa meravigliosa nave, affiancherà l’ammiraglia MSC Grandiosa, la prima nave al mondo ad aver ripreso le crociere dopo il lockdown ad agosto 2020 e che ha trasportato finora in sicurezza oltre 40.000 ospiti con un rigoroso protocollo di salute e sicurezza che sarà replicato con MSC Seaside. L’itinerario sarà inedito, con partenza da Genova tutti i sabati, che prevede crociere di una settimana con scali a Malta, Civitavecchia e – per la prima volta nella storia della Compagnia – anche a Siracusa e a Taranto. I crocieristi potranno scegliere di imbarcarsi indifferentemente in ogni porto italiano previsto dall’itinerario, in funzione di quello più comodo da raggiungere.


Sull’altra parte dell’Oceano, anche gli Stati Uniti hanno scelto di dare via libera alle navi da crociera nei porti americani a partire da questa estate a patto che il 98% dei membri dell’equipaggio e il 95% dei passeggeri siano vaccinati. Consapevoli che la Cruise Industry, come ogni altro settore industriale, non sarà mai un’attività a rischio zero, ma si possono organizzare i vari comparti cercando di mitigare i rischi di trasmissione del virus sia a bordo e sia nelle comunità portuali.

Abele Carruezzo

Antonio Bufalari, Assonautica romana: “Il Tevere torni al centro del dibattito politico”

I fiumi delle grandi Capitali internazionali sono ricchi di vita e con un’intensa attività nautica. Anche Roma deve valorizzare il Tevere. Questa la prima proposta del neo presidente di Assonautica romana Antonio Bufalari.

Chiara la visione di Bufalari: “Siamo in vista della campagna elettorale per il nuovo Sindaco di Roma, alla luce di ciò ho intenzione di avviare un dialogo con tutti i candidati a Sindaco per portar in tutti i programmi le esigenze del settore nautico e diportistico non solo per le attività svolte ad Ostia ma anche per gli sviluppi che potranno interessare nei prossimi anni il Tevere e questo in un’ottica di collaborazione anche con le numerose organizzazioni che già da tempo si son occupate del tema. Un Fiume da sempre essenziale per lo sviluppo di Roma e che finalmente torna ad esser al centro della discussione dopo anni di oblio.”.

C’è da lavorare sul fronte delle relazioni politiche. A iniziare dai rapporti con la Camera di Commercio: “Prima di muover il primo passo della mia Presidenza è mio intendimento riavviare i rapporti con la Camera di Commercio di Roma e con Unioncamere Lazio. Assonautica Romana come le altre Assonautiche provinciali sono espressione del sistema camerale quindi per prima cosa è importante condividere progetti e intendimenti futuri con la Camera di Commercio, d’accordo anche con la linea programmatica delineata dal Presidente di Assonautica Italiana, Giovanni Acampora, che ringrazio per esser stato presente il giorno della mia elezione, seppur grandemente impegnato in incontri istituzionali di ben più grande importanza – sottolinea il presidente Bufalari -. Assonautica Romana dovrà trovar infatti il proprio rinnovato ruolo di emanazione della Camera di Commercio di Roma, dando nuova voce all’intera filiera della Blue Economy e in rappresentanza dei tanti diportisti della Città Metropolitana di Roma”.

Puntare sulla Blue Economy: dai cantieri al turismo

C’è da valorizzare un settore economico fondamentale: “Siamo già in contatto con la Regione Lazio e partiremo ora con il suggellare diversi accordi con le varie Amministrazioni presenti sul territorio della provincia di Roma al fine di prevedere la presenza e la voce della Assonautica Romana in tutti i tavoli nei quali si parli di interessi e diritti delle imprese e dei diportisti coinvolti, in quella che amo definire la vera Blue Economy, ovvero l’intera filiera del turismo diportistico, dai cantieri di costruzione e manutenzione, ai porti alle attività turistiche collaterali come ristoranti e strutture ricettive. Fare sistema tra cultura, turismo ed arte per un pieno sviluppo economico ed occupazionale del settore, soprattutto nella fase di ripresa”. Queste parole d’ordine che riprendono eco nazionale: “Ripresa e Resilienza!”.

Antonio Bufalari spiega i motivi della sua discesa in campo: “Continuar un percorso già avviato lo scorso anno: un dialogo portato avanti con la Regione Lazio e la Direzione Marittima di Civitavecchia nell’ambito della ripresa dopo il primo lockdown, in equilibrio tra difesa degli interessi economici degli operatori e tutela della pubblica salute. Proprio a fronte di tale attività, quando Cesare Pambianchi, ora Presidente Onorario, ha comunicato di non volersi ricandidare, ho iniziato a dialogare in Comitato Esecutivo e con piacere ho ricevuto la fiducia di diversi Consiglieri, da li è iniziato il percorso che mi ha portato alla elezione per acclamazione dello scorso 20 aprile. Una forte emozione, che solo a distanza di qualche giorno sto metabolizzando! Tante idee e progetti in testa da portare avanti, ma tutto con ordine e programmazione in accordo con il Comitato Esecutivo.

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone

© 2021 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab