Salone Nautico Venezia: presentata l’edizione 2021

La seconda edizione del Salone Nautico Venezia apre i battenti tra meno di un mese con numeri raddoppiati. Dal 29 maggio al 6 giugno nello spettacolare Arsenale nove giorni di mostra di architettura navale che vuole essere un passo positivo per la rinascita della città lagunare.

A Venezia in Arsenale la seconda edizione del Salone Nautico apre i battenti il prossimo 29 maggio con numeri raddoppiati rispetto all’edizione 2019. Per la seconda volta l’arte navale torna a casa: saranno 9 giorni di manifestazione fino a domenica 6 giugno 2021 con orario 10.00 – 20.00: i visitatori non solo potranno ammirare più di 220 barche di oltre 160 espositori ma anche le spettacolari strutture dell’Arsenale della città, simbolo del potere e della potenza militare della Repubblica Serenissima e cuore della sua industria navale che le ha consentito di essere una delle più grandi potenze marittime per secoli. Un contesto storico di grande suggestione nel pieno centro di Venezia, composto da un bacino acqueo di 50.000 mq, oltre 1000 metri lineari di pontili per circa 150 imbarcazioni in acqua, 30.000 mq di spazi espositivi esterni, e padiglioni coperti per circa 5.000 mq complessivi.

La presentazione della manifestazione promossa dal Comune di Venezia e realizzata attraverso la società Vela spa, in collaborazione con la Marina Militare Italiana, si è svolta questa mattina in video conferenza dalla Smart Control Room del Tronchetto alla presenza del sindaco Luigi Brugnaro. All’appuntamento sono intervenuti anche l’ammiraglio Andrea Romani, Comandante dell’Istituto Studi Militari Marittimi e del Presidio Militare di Venezia, Fabrizio D’Oria, direttore operativo di Vela Spa e direttore organizzativo del Salone, Alberto Bozzo, direttore gruppo mercati e vendite di Vela Spa e direttore commerciale del Salone, Carlo Nuvolari, progettista navale e direttore scientifico del Salone, Albero Galassi, ceo di Ferretti Group e Gianguido Girotti, deputy ceo di Beneteau.

“Il Salone Nautico Venezia – ha dichiarato il sindaco Luigi Brugnaro – è un appuntamento che insieme alla Biennale di Architettura, dal 22 maggio, e alla riapertura delle istituzioni museali e culturali accompagna la ripartenza di Venezia e dell’Italia. La manifestazione, che abbiamo fortemente voluto, suggella l’importanza della nautica e del mare per questa città. E’ un appuntamento che anche nei prossimi anni continueremo a promuovere e a valorizzare per sostenere l’industria nautica e tutta la filiera del settore, insieme ai temi della sostenibilità e della progettazione, per vivere il mare in tutte le sue potenzialità. Quest’anno inoltre, grazie alla collaborazione delle marine di Venezia, il popolo del mare, dalla Croazia a Trieste o ancora da Ancona a Rimini, avrà la possibilità di raggiungere Venezia in barca ormeggiando gratuitamente, previa prenotazione. Un ringraziamento particolare va alla Marina Militare per la grande collaborazione fornita, al direttore dell’Ulss3 Contato e al presidente de La Biennale di Venezia Cicutto per la definizione e condivisione di un sistema di sicurezza ad altissimo livello, alla Regione Veneto e ai gruppi industriali europei che onorano il Salone Nautico con la loro presenza”.

“Anche per questa seconda edizione la Marina Militare è al fianco dell’Amministrazione comunale e dell’intera città per l’organizzazione della manifestazione in cui abbiamo ceduto moltissimo sin dai suoi esordi – ha sottolineato Romani. Impegneremo il nostro personale, i nostri mezzi e infrastrutture e apriremo al pubblico gli spazi a terra e gli specchi acquei della nostra base navale. Per l’occasione saranno anche presenti le navi ‘Ponza’, che supporta i fari nei segnalamenti marittimi, e la nave idro-oceanografica ‘Aretusa’ oltre ad una rappresentanza dei Fanti di Marina della Brigata San Marco”.

La mostra espositiva all’Arsenale di Venezia, naturale continuazione “navale” della vicina mostra di architettura della Biennale, sarà arricchita di momenti culturali e dibattiti sul futuro della navigazione da diporto e della sua industria. Baricentro dell’esposizione sarà la sostenibilità che trova il suo momento espositivo nell’E-Village in un’ampia serie di progetti ibridi ed elettrici, che già aveva caratterizzato la prima edizione.

Spazio per le specificità di Venezia, con la sua cantieristica di qualità e un focus sulle imbarcazioni da lavoro per le forze dell’ordine, di soccorso come idro-ambulanze e motopompe vigili del fuoco e di servizi come asporto rifiuti. Non mancheranno i momenti di approfondimento negli spazi incontri e trasmessi in streaming su tematiche come la portualità turistica, design e innovazione, luxury e yachting, le motorizzazioni ibride, le tematiche ambientali, cantieristica veneziana, sicurezza in mare.

“Arte, industria e sostenibilità all’insegna della sicurezza – ha spiegato Fabrizio D’Oria. La manifestazione sarà assolutamente compatibile con i protocolli sanitari, condivisi con la Biennale Architettura e definiti di concerto con l’Ulss3. Grazie a una dilatazione dei giorni di esposizione, dal 29 maggio al 6 giugno, e dell’orario apertura al pubblico, dalle 10.00 alle 20.00, ci sarà un costante controllo dell’afflusso dei visitatori, che sarà unidirezionale e contingentato”.

“Il Gruppo Ferretti, che è nato sull’Adriatico, crede in modo importante in questa iniziativa. – ha detto Alberto Galassi CEO del Gruppo Ferretti – Ci siamo stati nell’edizione del 2019 e ci ha portato fortuna, siamo tornati a Venezia nel 2020 per girare uno spot per Riva con Pier Francesco Favino e torniamo oggi per testimoniare la rinascita del settore, che sta vivendo un momento positivo e di grande crescita, potrei dire che sta volando. Se si guarda il panorama espositivo non c’è un salone nautico in tutto il Mediterraneo Orientale, dal Libano alla Slovenia, alla Turchia, la Grecia e Venezia rappresenta l’opportunità perfetta quanto a località, ubicazione e data, per presentare le proprie creazioni e le innovazioni a questo mercato. Per noi essere al Salone per 9 giorni rappresenta uno sforzo importante ma siamo convinti che sia la scelta migliore, tanto è vero che, d’accordo con il nostro armatore, presenteremo in anteprima a Venezia il nostro yacht più grande, il Ferretti 1000. Mi meraviglio di quelli che non ci sono, che non hanno creduto nella fattibilità del Salone di Venezia quest’anno. Non c’è vetrina migliore al mondo e non c’è posto più sicuro con una ospitalità di maggiore qualità.

“Condivido la stessa passione dell’avvocato Galassi per la città” aggiunge Gianguido Girotti, CEO di Beneteau “ribadisco che Venezia è l’hub ideale per un evento nautico internazionale e per la visibilità dell’asse est mediterraneo che è quasi interamente scoperto. Non si può non sfruttare questa sinergia tra cultura e passione per il mare. Tra la prima e la seconda edizione si è generato un grandissimo interesse da parte di tuta la filiera della nautica, dalla cantieristica all’innovazione tecnologica ma che si allargherà in futuro anche altri settori legati ai servizi e al turismo che si troveranno rappresentati in un evento come questo. Cannes e il Principato di Monaco attirano perché hanno anche un territorio di qualità alle spalle e ritengo che Venezia non manchi di nulla per dare al visitatore qualcosa di più. Ho creduto in questo evento sin dall’inizio, non posso che confermare che continueremo a sostenerlo.

Tra gli eventi collaterali, la prima regata Full Electric denominata “E REGATTA”, organizzata dai partner coordinati da Assonautica di Venezia con prove di “endurance”, agilità e velocità ma anche eventi sportivi con regate veliche come il già citato Campionato italiano Match Race e di motonautica con la fase finale di parata e premiazioni del raid Pavia Venezia, la presenza di campioni della vela per rivivere le emozioni dal Moro di Venezia presente all’Arsenale a Luna Rossa presente con alcuni suoi protagonisti.

La conferenza stampa è stata preceduta dalla riunione del Comitato d’Indirizzo del Salone Nautico di Venezia presieduta dal sindaco di Venezia Luigi Brugnaro, che ha voluto organizzare questa prima riunione operativa coinvolgendo enti, istituzioni, Forze dell’Ordine e le principali realtà produttive della città. Sono intervenuti tra gli altri gli assessori regionali Elisa De Berti e Roberto Marcato, il direttore marittimo del Veneto Piero Pellizzari, il direttore generale dell’Ulss3 Edgardo Contato, il presidente della Biennale Roberto Cicutto, il presidente della Camera di Commercio di Venezia e Rovigo Massimo Zanon, i rettori delle Università Ca’ Foscari e Iuav, rispettivamente Tiziana Lippiello e Alberto Ferlenga, Rosalia Santolieri direttore CNR e Umberto Vattani, presidente della Venice International University.

Tutte le informazioni sulla manifestazione: www.salonenautico.venezia.it

Il Salone Nautico Venezia è promosso dal Comune di Venezia e realizzato attraverso la società Vela spa, in collaborazione con la Marina Militare Italiana.

Partner della manifestazione sono importanti realtà come Eni, Intesa Sanpaolo, Generali, Consorzio Prosecco DOC e Camera di Commercio Venezia e Rovigo. Partner tecnici Mole Urbana, e-concept e ABB.

Nautica: il futuro di Venezia passa per questo settore

Al Salone nautico di Venezia approfondimenti e convegni curati da Nuvolari-Lenard

«Abbiamo voluto partecipare all’organizzazione di momenti scientifico-culturali perché l’Arsenale è la sede ideale per questi approfondimenti. Venezia ha attraversato un momento di ricerca di identità in questo ultimo periodo, dopo il tracollo del turismo, per questo ci accorgiamo che la nautica è una grandissima opportunità di sviluppo. Il Salone nautico all’Arsenale ha un significato simbolico, perché questo luogo è sempre stato la cerniera di nuove soluzioni, di ricerca, di commercio, di industria, ecco che quindi la nautica può essere una di queste attività, che vede il suo fulcro nell’Arsenale, ma anche come punto di inizio per un’attività che si deve diffondere sul territorio»
Queste le parole con cui Carlo Nuvolari, senior partner dello studio di design di yacht di grande dimensioni Nuvolari-Lenard, è intervenuto alla presentazione della seconda edizione del Salone nautico di Venezia.

L’ingegnere le cui imbarcazioni sono finite nelle mani di Steven Spielberg, Jerry Jones (proprietario dei Dallas Cowboys) o Viktor Pinchuk (oligarca ucraino dal patrimonio stimato in 1,5 miliardi di dollari) ha proseguito: «La nautica può spingersi oltre al centro di Venezia, si può interconnettere alla terraferma, Mestre da sempre è il Porto di Venezia, così la laguna può essere il centro di un’attività nautica che intercetti le esigenze del mercato dell’Est Europa. Fondamentalmente, chi proviene da quella realtà, anche con un aereo privato, tiene le imbarcazioni di lusso nel Tirreno, in Costa Azzurra, ma con l’apertura del mercato, ampio, dell’Est, ecco che Venezia può giocarsela, essendo più vicina e valorizzando il Mediterraneo».

Nuvolari, il cui studio è riconosciuto a livello mondiale per la progettazione e il design di yacht di lusso, ha poi precisato il possibile ruolo centrale della nautica nell’economia cittadina: «La nautica è trasversale, unisce turismo, sport, servizi, progettazione, idee, ricerca e studio. Venezia potrebbe diventare un centro di studi universitari, ecco che questo taglio, al Salone nautico, con conferenze e approfondimenti, potrebbe ampliare una visione e non legarla alla sola imbarcazione. Non a caso, il primo convegno che organizzeremo alla manifestazione sarà sul concetto di “Waterfront”, quel momento che unisce acqua e terra. In seguito analizzeremo il tema della sostenibilità dello yachting».

Da ultimo, l’accento è posto sul concorso di idee: «Ci sarà una mostra di progetti per le giovani menti che immaginano il mondo della nautica del futuro. Sarà un concorso, promosso dalla Fondazione musei civici, caratterizzata da una commissione autorevole di esperti del settore. I progetti migliori saranno esposti e premiati», conclude Nuvolari.

Blue Award 2021 al Vicepresidente della Camera dei Deputati, on. Ettore Rosato

Ad Ettore Rosato, Vicepresidente della Camera dei Deputati, il Blue Award 2021 per il sostegno al mare e al mondo nautico

Gennaro Amato, presidente dell’associazione SNIDI: “Dal Salone Nautico Internazionale di Bologna la promozione e la valorizzazione della filiera e del pianeta mare”.

Roma– Questa mattina, al Parlamento Italiano, è stato consegnato al Vicepresidente della Camera dei Deputati, on. Ettore Rosato, il riconoscimento Blue Award 2021. A dare il premio, destinato alle personalità del mondo istituzionale e imprenditoriale che hanno sostenuto la promozione della risorsa mare e la divulgazione della cultura nautica, è stato Gennaro Amato, presidente di SNIDI (Saloni Nautici Internazionali d’Italia). All’incontro ha partecipato anche il responsabile delle relazioni istituzionali di Snidi, l’avvocato Marcello Lala.

Il Blue Award 2021, è stato assegnato con la dizione: “Per il sostegno e l’impegno istituzionale proposto dall’onorevole Ettore Rosato in favore del Salone Nautico Internazionale di Bologna e per la disponibilità a favorire il percorso di affermazione e ripresa del mondo nautico”.

Il vicepresidente della Camera dei Deputati, durante l’incontro, che si è svolto nella sede del Parlamento Italiano, ha così ringraziato la delegazione dei Saloni Nautici Internazionali d’Italia per il riconoscimento:

“Il nostro impegno istituzionale, nel favorire lo sviluppo produttivo italiano di qualsiasi settore, non può non considerare la nautica un comparto tra quelli di maggior rappresentatività del Made in Italy nel mondo. La nascita, l’anno scorso in pieno periodo pandemico, di un salone nautico internazionale come quello di Bologna va considerata non solo come un’iniziativa intelligente ma soprattutto come un atto imprenditoriale di coraggio e di resilienza. Inoltre la risorsa mare, una grande ricchezza per un Paese come il nostro che ha circa 7.500 chilometri di costa, deve essere valorizzata e quindi ben vengano attività come quella del Salone Nautico Internazionale di Bologna che meritano di essere accompagnate e valorizzate con ogni sforzo”.

Il presidente di Snidi, Gennaro Amato, in vista della prossima edizione dell’esposizione (30 ottobre – 7 novembre 2021), dopo aver illustrato i contenuti del prossimo salone al numero due della Camera dei Deputati, ha dichiarato:

“Il salone di Bologna quest’anno potrà vantare la dizione di Internazionale e dalle Istituzioni stiamo ricevendo pieno sostegno ed attenzione. Proprio per questo motivo, grazie al supporto dell’onorevole Rosato, realizzeremo alcuni appuntamenti convegnistici con il supporto di alcuni Ministeri di riferimento. L’azione di promozione non deve e può passare solo come operatività commerciale ma divenire punto di riferimento per un confronto produttivo con le Istituzioni e la Politica in favore dell’intera filiera e del pianeta mare”.

Mostra d’Oltremare e Afina tracciano il futuro del Nauticsud

default

Vertice tra i dirigenti della SpA ed il presidente di AFINA, Gennaro Amato, per le edizioni espositive dei prossimi anni. Intanto la nautica da diporto italiana “vola” sui mercati.

Napoli – La nautica italiana da diporto gode di buona salute. Pandemia e misure di contenimento sociale non fermano la crescita di produttività del settore che registra, a livello nazionale, nel 2020 un incremento pari al + 8%. La Campania è tra le regioni più produttive grazie ai numerosi cantieri di gozzi, gommoni e yacht tra i 12 e 18 metri e ad un’offerta turistica di località sulla linea di costa che fa da contrasto però ad una insufficienza di posti barca.

“I dati della crescita di produttività sono costanti dal 2016 ad oggi e prima della pandemia viaggiavano in doppia cifra positiva di percentuale – afferma Gennaro Amato, presidente dell’Associazione Filiera Italiana della Nautica -, mentre oggi siamo al + 7-8%. Purtroppo le strutture di ricettività portuali per il diportismo sono insufficienti alla domanda che sta crescendo proprio durante della pandemia. Un’imbarcazione garantisce il distanziamento sociale e soddisfa le necessità di vacanze di prossimità, insomma una certezza che trasforma l’acquisto in un bene rifugio”.

Analisi ben riconosciuta anche dalla dirigenza della Mostra d’Oltremare, costretta allo stop fieristico per le regole di Governo, ma già al lavoro per far ripartire la macchina produttiva delle esposizioni. Presidente e AD hanno infatti incontrato, nelle ultime ore, il numero uno di AFINA, Gennaro Amato, per riprogrammare la 48esima edizione del Nauticsud 2021, che di fatto slitterà a febbraio 2022 (12-20). Tra i temi trattati anche il futuro della nautica alla Mostra d’Oltremare: il triennio sino al 2024 sarà un trampolino di lancio per il 50°anniversario del Nauticsud.

“Guardiamo al futuro con ottimismo – afferma il nuovo amministratore delegato di MdO, Maria Caputo -. Al momento siamo bloccati dalla pandemia ma non per questo inattivi, risolvere una serie di difficoltà e di richieste degli organizzatori di fiere che non si sono potute svolgere è stato un primo passo, ora bisogna immaginare una ripresa graduale ma ben strutturata. La nautica è uno dei pochi segmenti, così come il settore alimentare e quello farmaceutico, che non si sono fermati e noi, in quanto proprietari del brand Nauticsud, dobbiamo valorizzare il comparto che porta economia all’intera regione organizzando il futuro espositivo del salone”.

Tre anni per raggiungere il progetto immaginato da Afina e condiviso dai vertici della Mostra d’Oltremare: quello di organizzare nel 2024, in occasione dei 50 anni del Nauticsud un’esposizione di interesse internazionale coinvolgendo l’intero bacino del Mediterraneo.

“L’idea è quella di rendere Napoli capitale del Mediterraneo della nautica da diporto – conferma il presidente di MdO, Remo Minopoli-. Il Nauticsud è il secondo brand della MdO SpA per longevità, dopo la Fiera della Casa, e quindi prevediamo di coinvolgere i Paesi che si affacciano sul Mar Mediterraneo, attraverso ICE, ambasciate e consolati italiani all’estero, ed invitare delegazioni straniere a partecipare all’appuntamento celebrativo. L’impegno sarà notevole – conclude il presidente della SpA – e la programmazione è alla base di un buon risultato, perciò parlarne sin da oggi con Afina, nostro partner organizzativo del Salone Nauticsud da diversi anni, che ci ha proposto il progetto, significa poter immaginare un grande rilancio anche dell’intero quartiere fieristico”.

IEG, PESCARE SHOW 2021 SI VESTE DI NUOVO

Il Salone internazionale della pesca sportiva e della nautica da diporto di Italian Exhibition Group lancia un blog con contenuti originali di atleti e volti noti del settore e si rifà il look con un logo più contemporaneo.

Nuove date da segnare in calendario: 26-28 novembre 2021.

www.pescareshow.it

Vicenza, 29 marzo 2021 – Pescare Show, il Salone internazionale della pesca sportiva e della nautica da diporto firmato Italian Exhibition Group, rinnova il suo impegno nell’engagement della community attesa nel quartiere fieristico IEG di Vicenza dal 26 al 28 novembre 2021 con una serie di iniziative strategiche, originali e innovative per la manifestazione di riferimento per gli sportivi e gli appassionati sul panorama nazionale.

Si parte con un nuovo blog accessibile dal sito della manifestazione (https://www.pescareshow.it/it/blog). Un contenitore di approfondimenti di settore pensato per offrire una selezione di contenuti originali creati da atleti e da alcuni dei personaggi più seguiti e amati sia dai pescatori che dal pubblico dei social media.

Il messaggio di Pescare Show sarà ancora più completo e crossmediale grazie alla media partnership con Italian Fishing TV e allo speciale progetto editoriale dedicato agli appassionati. Già dai prossimi mesi sarà attiva una programmazione dedicata alla manifestazione sul canale tematico 811 di Sky, per un countdown all’evento scandito anche dal ricco calendario di appuntamenti digitali promossi dai social di Pescare Show.

Forte della doppia partnership con FIPSAS – Federazione Italiana Pesca Sportiva e FIOPS – Federazione Italiana Operatori Pesca Sportiva, che supporteranno l’organizzazione dell’evento nello sviluppo di contenuti sempre più innovativi e con cui è stata condivisa la scelta di spostare il Salone di una settimana, l’edizione 2021 sarà completamente coniugata al futuro anche grazie alla nuova identità visiva, con il restyling del logo in chiave contemporanea mantenendo in primo piano il legame sempre più forte con il mondo della pesca.

La Regione Puglia invita a partecipare allo YACHTING FESTIVAL CANNES

Smart Business Project: Salute dell’uomo e dell’ambiente

YACHTING FESTIVAL CANNES Cannes (Francia) 7 12 settembre 2021

La Sezione Internazionalizzazione della Regione Puglia informa che si terrà a Cannes (Francia) dal 7 al 12 settembre 2021, la 44esima edizione dell’evento Yachting Festival Cannes considerata la prima e la più importante fiera dedicata al settore della nautica da diporto a livello internazionale.

Yachting Festival Cannes rappresenta la principale piattaforma di business nel settore nautico in Europa, dove partecipano i più importanti professionisti dell’industria marittima: costruttori di imbarcazioni, architetti navali, distributori, agenti, produttori di at trezzature e operatori del settore.

La precedente edizione dell’evento, tenutasi nel 2019, ha visto la partecipazione di oltre 54.000 visitatori professionali provenienti da tutto il mondo e di 611 espositori con più di 650 imbarcazioni.

L’evento si svolge nella prestigiosa cornice del Palais des Festivals al Porto Vecchio di Cannes che ospita diverse aree tematiche, dall’artigianato all’abbigliamento tecnico, d a ll’a ccessoristica navale alle attrezzature, d agli architetti e designer alle i stituzioni del turismo e a gli enti territoriali, oltre alle società di sevizi e agli operatori della nautica di lusso.

Forte della propria importanza internazionale, l’evento riunisce i grandi marchi operanti nel settore della nautica da diporto che prese ntano in mare le novità ai diportisti di tutto il mondo ed al grande pubblico

Il vicino Porto Canto ospita sui suoi pontili, da un lato i grandi yacht dai 22 ai 65 metri e società di brokeraggio, e dall’altro due differenti spazi dedicati uno alle tendenz e in materia di giochi acquatici e l’altro alle barche a vela e velieri.

I principali settori di riferimento per la manifestazione fieristica sono:

-Imbarcazioni a vela e motore, catamarani

-Imbarcazioni pneumatiche

-Cantieri navali

-Motori e meccanica navale

-Attrezzature e materiali vari

-Arredamento d’interni

-Abbigliamento tecnico ed accessori

-Servizi di brokerage & charter e servizi vari

-Porti turistici e marine

La Sezione Internazionalizzazione della Regione Puglia , con il suppo rto di Puglia Sviluppo S.p.A. A., propone di partecipare alla prossima edizione dell’evento con uno spazio espositivo all’interno del Palais des Festivals che potrà ospitare una delegazione di P.M.I. pugliesi attive nei comparti sopra indicati, interessate al lo sviluppo di contatti ed opportunità di collaborazione commerciale, tecnica e/o produttiva con gli operatori internazionali presenti.

La partecipazione regionale è co-finanziata con risorse del POR Puglia FESR FSE 2014/20, Azione 3.5 “Interventi di raffo rzamento del livello di internazionalizzazione dei sistemi produttivi”, come stabilito dalla DGR n. 1921 del 30.11.2020 nelle more dell’approvazione del Programma strategico regionale per l’internazionalizzazione 2021 2023.

Modalità di partecipazione

Ciascuna impresa, selezionata a far parte della delegazione regionale, avrà a disposizione quanto segue:

-partecipazione all’evento con n. 1 pass di ingresso espositore

-spazio espositivo personalizzato dotato di tavolino e sedie, per gli incontri di lavoro, all’interno dello spazio espositivo regionale .

Costi di partecipazione

―quota di partecipazione, pari a € 580,00 (+IVA, se dovuta)

―spese di viaggio e soggiorno per tutto il periodo di riferimento;

―spese di spedizione delle campionature/materiali promozionali presso lo spazio espositivo regionale.

Requisiti delle aziende partecipanti

Le aziende pugliesi interessate a partecipare all’evento devono possedere i seguenti requisiti al momento di presentazione della candidatura:

-essere PMI regolarmente costituite ed iscritte al registro della CCIAA di competenza oppure

-essere Start up innovative, istituite ai sensi del D.L. 18 ottobre 2012, n. 179,

convertito in Legge n. 221 del 18/12/2012, ovvero PMI innovative, iscritte nella sezione speciale del Registro delle Imprese, attive da meno di 10 anni;

-essere attive nel settore manifatturiero, in uno o più dei comparti di riferimento per la manifestazione;

-disporre di una sede legale e/o operativa in Puglia;

-disporre di un sito in ternet e materiali promozionali in lingua inglese;

-disporre di personale in grado di condurre delle trattative d’affari in lingua inglese.

Selezione delle aziende partecipanti
Le imprese pugliesi interessate a candidarsi devono compilare entro il 26.02. 2021 la relativa scheda di adesione, unitamente al profilo aziendale sul sito www.internazionalizzazione.regione.puglia.it sezione “ partecipa agli eventi previa registrazione sul portale web (se non ancora effettuata).

L’accettazione delle domande di partecipazione, fino ad un massimo di n. 1 0 PMI/start up , avverrà previa valutazione del possesso dei requisiti richiesti e nel rispetto dell’ordine cronologico del protocollo di arrivo , dando precedenza alle istanze delle aziende ammesse a far parte della delegazione pugliese per l’edizione 2020 di Yachting Festival Cannes, annullata dagli organizzatori. La realizzazione dell’intervento regionale è subordinata all’adesione di almeno 5 imprese pugliesi In caso di annullamento dell’intervento, la Regione darà tempestiva
comunicazione alle aziende interessate.

Dr. Giuseppe Pastore
Dirigente Sezione Internazionalizzazione della Regione Puglia

PESCARE SHOW: FIPSAS E FIOPS CON IEG NELLA MACCHINA ORGANIZZATIVA DELL’EVENTO

Siglati a Roma gli accordi di partnership: la Federazione Italiana Pesca Sportiva e Attività Subacquee e la Federazione Italiana Operatori Pesca Sportiva con Italian Exhibition Group per la leadership del Salone internazionale della pesca sportiva e della nautica da diporto.

La prossima edizione in fiera a Vicenza dal 19 al 21 novembre.

www.pescareshow.it

Vicenza– Italian Exhibition Group S.p.A., FIPSAS e FIOPS annunciano un decisivo accordo di partnership che vede le due Federazioni, portavoce rispettivamente del mondo sportivo e delle realtà produttive del comparto, insieme a IEG nell’organizzazione di Pescare Show, il Salone internazionale della pesca sportiva e della nautica da diporto.

Un accordo che ha tra gli obiettivi condivisi quello del rafforzamento internazionale di Pescare Show e che si concretizzerà fin dalla prossima edizione attesa dal vivo nel quartiere fieristico di Vicenza dal 19 al 21 novembre 2021, nella nuova collocazione autunnale scelta di concerto proprio con FIPSAS e FIOPS per allinearsi alle dinamiche di mercato del comparto.

L’accordo è stato finalizzato lo scorso 5 febbraio a Roma dove nel complesso del Palazzo delle Federazioni del CONI, all’interno della sede federale di FIPSAS, si sono incontrati il presidente FIPSAS Ugo Claudio Matteoli, il direttore generale FIOPS Francesco Ruscelli e, per Italian Exhibition Group, l’AD Corrado Peraboni e Paolo Audino, group brand director della divisione Lifestyle&Innovation.

Italian Exhibition Group riconosce in FIPSAS il partner di riferimento nazionale per rinsaldare e sviluppare la grande ed entusiastica partecipazione a Pescare Show che gli sportivi e gli appassionati scelgono per il networking tra le diverse community della pesca, i player della produzione nazionale e internazionale del comparto, gli espositori specializzati, i rivenditori, le scuole e le associazioni. Presenze e contenuti d’eccellenza, che prendono forma e sostanza grazie al contributo di FIOPS e delle migliori realtà produttive e distributive dell’intero settore protagoniste in fiera con tutte le ultime novità di prodotto, garanti dell’alto tasso tecnologico e di innovazione che contraddistingue la vision dell’evento.

Per FIPSAS e FIOPS, Italian Exhibition Group rappresenta l’interlocutore privilegiato per promuovere – grazie alla leva fieristica – il settore della pesca sportiva, della nautica specialistica e dell’outdoor, il partner di riferimento per una sua ulteriore crescita ed evoluzione su larga scala. Un luogo di confronto aperto e autorevole, un appuntamento immancabile nel quale sostenere e incentivare le attività e fare il punto sui temi legati al comparto.

Le due Federazioni, inoltre, condividono con IEG il ruolo di promotori e ambasciatori della salvaguardia dell’ambiente, una mission che prende vita attraverso progetti – promossi e amplificati a fianco delle associazioni, le istituzioni e del mondo produttivo – orientati alla sostenibilità della pratica sportiva e all’impegno per la difesa delle acque marine che a Pescare Show trovano casa, voce e risonanza.

CONFINDUSTRIA NAUTICA PARTNER DEL PREMIO ENVIRONMENTAL INITIATIVE NELL’AMBITO DEI BOAT BUILDER AWARDS DEL METSTRADE CONNECT 2020

Confindustria Nautica ha rinnovato anche per il 2020 la partnership per i BOAT BUILDER AWARDS, i riconoscimenti assegnati ogni anno nel corso del METSTRADE (Marine Equipment Trade Show) di Amsterdam ad aziende costruttrici di imbarcazioni e cantieri navali, legando il proprio nome per la quarta edizione consecutiva al premio Environmental Initiative, che quest’anno ha visto il successo di Silent-Yachts con la sua produzione di imbarcazioni sostenibili autosufficienti, e la presenza tra i finalisti della startup innovativa italiana Northern Light Composites con l’ eco-dinghy “ecoprimus”.

Il nome del vincitore nella categoria Environmental Initiative è stato comunicato in diretta streaming da Marina Stella, Direttore Generale di Confindustria Nautica, che al termine dell’evento ha così commentato: “Il tema della sostenibilità, è prioritario per l’Associazione Nazionale di Categoria.  La sostenibilità, fortemente connotata da innovazione e sviluppo di nuove tecnologie, rappresenta una sfida chiave per il futuro e per la crescita del nostro settore. Noi supportiamo concretamente questi temi come Associazione e con il Salone Nautico che anche quest’anno è stato la vetrina mondiale per tutti i più importanti progetti legati appunto all’innovazione e alla sostenibilità.”

La proclamazione dei vincitori e l’assegnazione degli IBI-METSTRADE Boat Builder Awards si è tenuta ieri giovedì 10 dicembre nell’ambito del programma di METSTRADE Connect 2020, la piattaforma virtuale realizzata da RAI Amsterdam per offrire alle aziende del settore una opportunità di incontro e di partecipazione ad eventi e seminari a fronte della mancata organizzazione in presenza del tradizionale salone internazionale dedicato agli operatori della componentistica e degli accessori per la nautica da diporto.

Sempre nella giornata di ieri si è svolta la cerimonia di premiazione del DAME R&D EXCELLENCE IN ADVERSITY AWARD, un’inedita versione del tradizionale DAME AWARD, che ha visto cinque eccellenze italiane tra i finalisti del premio: F.LLI Razeto & Casareto S.p.A. con la maniglia autosanificante CentEsiMo, self sterilizing door handles  testata per svolgere la sua funzione in maniera completa in 15 secondi sulla maniglia e sulle mani; Besenzoni con LaPASSERELLA Eco Friendly realizzata con materiali riciclabili e senza utilizzo di legno né di olio per l’idraulica; PROtect Tapes con l’IR-X Performance un polimero trasparente che filtra i raggi infrarossi e quelli UV, lasciando passare soltanto la luce senza alterazioni di sorta; Cariboni Srl con E-asy Control: un sistema di gestione dell’idraulica di bordo di imbarcazioni a vela di piccole dimensioni; Osculati con il Telescopic retractable davit per la gestione del tender dell’ imbarcazione.

Il programma completo dell’evento METSTRADE CONNECT, che si è svolto nell’unica giornata di giovedì 10 dicembre ed è stato trasmesso in diretta streaming online, è consultabile al link: https://www.metstrade.com/programme/

Conclusa la prima edizione del Salone Nautico di Bologna

BolognaFiere, che ha registrato 22mila presenze, punta al 2021. Il direttore generale Bruzzone al fianco degli organizzatori per realizzare l’edizione del prossimo anno

Bologna – Il bilancio della prima edizione del Salone Nautico di Bologna registra dati più che positivi. In evidenza le vendite, ma più che soddisfacenti anche i numeri legati alle presenze. L’impegno e la determinazione del presidente della società organizzatrice, Gennaro Amato, hanno così trovato riscontro e consentito alla piccola e media nautica, quella tra i 5 e i 18 metri, di trovare, in un periodo così difficile, una visibilità ed un posizionamento commerciale di garanzia per il futuro.

“La soddisfazione di aver trovato una risposta così positiva, in un momento così difficile e nebuloso per tutti i mercati e per i saloni nautici, ci consentirà di poter lavorare all’edizione del 2021 con ancora maggior impegno – dichiara il presidente di SNIDI, Gennaro Amato –. I risultati mi rendono orgoglioso per aver puntato su una città come Bologna, ed un quartiere fieristico come quello di BolognaFiere, che in molti ritenevano scelte inopportune. L’affermazione della prima edizione del Salone Nautico di Bologna (SNB) è il successo dei cantieri che ci hanno seguito e creduto rischiando con noi, ma che hanno portato a casa vendite conquistando una fetta di mercato importante in vista del prossimo futuro”.

Quantità e qualità sono andate a braccetto al SNB. Vendite in casa Rio, Italmar, Marine Site Nautica Allegra e Idea Marine dimostrano l’interesse del pubblico per le imbarcazioni in vetroresina nel comparto motoscafi e yacht. Eppure il successo e le vendite di Cantieri Mimì e Nautica Esposito, che hanno rappresentato il settore gozzi, indica che a Bologna i visitatori hanno gusti ed interessi eterogenei. Che i gommoni, grazie alle vendite registrate da Italiamarine, 2 Bar e SPX, risultassero la prima scelta degli armatori del Nord Italia non c’erano dubbi, eppure i dati sono stati superiori alle attese così come tra i rivenditori di accessori presenti in fiera.

“L’edizione appena conclusa, nonostante un anno non facile, si è disputata positivamente e siamo contenti del lavoro svolto insieme agli organizzatori – afferma il direttore generale di BolognaFiere, Antonio Bruzzone –. Il superamento della quota delle 22mila presenze dimostra un riscontro che ci lascia soddisfatti anche nella scelta di aver ospitato un settore innovativo per noi che è quello della nautica. La formula del doppio weekend è sicuramente vincente perché consente a tutti di poter visitare il salone. Da una nostra analisi – conclude Bruzzone – riscontriamo anche un alto tasso qualitativo di partecipanti che ci consente, in futuro, di ben sperare per un ulteriore crescita dell’esposizione che siamo pronti a supportare nella preparazione dell’edizione del 2021”.

Ph: Stefano Renna

Seacily – Il Salone della Nautica di Palermo – DPCM 18 ottobre 2020 – rinvio dell’Evento al 2021

Con vibrante rammarico comunichiamo che, in ottemperanza alle misure restrittive per il contenimento della pandemia COVID19 adottate dal recente DPCM 18 ottobre 2020 e successivo DPCM 25 ottobre 2020, siamo costretti a rinviare il Seacily 2020 già fissato per le date dal 29 ottobre al 1° novembre 2020.

Vi possiamo assicurare che quest’anno l’Evento avrebbe avuto, ancor più delle precedenti edizioni, una grandissima partecipazione di espositori e di pubblico, così
confermando lo straordinario interesse per il settore della Blueconomy anche attraverso il coinvolgimento di importantissime Istituzioni regionali e nazionali.

Il peculiare momento, tuttavia, ci impone di fermarci ora, anche al fine di evitare il grave danno per tutti (Associazione, espositori ed invitati) che deriverebbe dall’eventuale introduzione di ulteriori misure ancor più restrittive poco prima o, peggio, durante l’Evento. E allora, ecco la decisione – sofferta ed a malincuore – di rinviare il Seacily al prossimo anno, preannunciando che stiamo già lavorando per riprogrammarlo per aprile 2021.

Ringraziamo, al momento, tutti i Soci ed Operatori del settore che hanno sin da subito offerto la propria disponibilità, chiedendo di pazientare qualche mese in vista della prossima Edizione.

Arrivederci a presto e Buon Vento!

Il Comitato Esecutivo Assonautica Palermo
Andrea Ciulla (Presidente)
Giuseppe Dominici (Vicepresidente)
Cristiano Lombardo (Componente)

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone

© 2021 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab