A NEW BORN, SWAN 108 AND THE FIRST SUSTAINABLE HYBRID ELECTRIC MAXI SWAN, SWAN 88

SWAN 88#01 and 108#01 SOLD
RACER
AN UPDATE ON CLUBSWAN 80: HULL LAMINATED
CLUBSWAN 125 TECHNICAL LAUNCH MID-MAY

With the announcement of the New Maxi Era and the launch of the new Swan 88 project last December, Nautor’s Swan gathered together with its team of designers at the beautiful Teatrino di Portofino and with the patronage of the town, to talk about design, style, performance and love for the ocean.


Leonardo Ferragamo, President of the company, together with Giovanni Pomati, CEO and Enrico Chieffi, Vice President walked the audience through the new projects and construction progress at the yard. Together with members of senior management, Nautor’s team of world-class designers discussed the vision, inspiration and technique behind each project.
The brand’s dual soul of racer and cruiser is clearly marked also in the Maxi models.
The ClubSwan range offers a more conceptual vision with the accent on high performance and competitive sailing potential. The Swan Maxi, from 88 to 120 feet, offers the highest expression of seaworthiness in any conditions combined with elegance, comfort, performance, style and modernity.


The unveiling of the Swan 88 last December marked the start of the New Maxi Era in the Swan range of 24+ metres. The design is an evolution of the brand’s previous popular models but with the addition of innovative features never seen before on a Swan. On top of this, the Swan 88 flags an important milestone for the yard: hull number one is already sold and will be the brand’s first hybrid electric-propulsion yacht.


” The strategic choice to divide the Nautor’s Swan range into three lines ­– ClubSwan, Swan yachts and Maxi Swan – came from the brand’s desire to address its own audience in a very specific way, using a different tone and a different approach to make their desires and dreams become reality. I’m particularly proud of everything the new Maxi Line represents,” says Leonardo Ferragamo, President. “It is a challenge for the whole team and we are building some of the most superior yachts that we have ever built. We strive to do our best every day to reach this point, and I’m on cloud nine because it is another step in the continuous evolution of the company.”

EVOLUTION IS BETTER THAN REVOLUTION
Positioned between the Swan 98 and Swan 120, the Swan 108 is based on the evolution of the previous Maxi Swan, particularly in regard to the exterior lines, but with the addition of innovative solutions never applied before by the Finnish yard.
The Swan 108 is synonymous with elegance and beauty in the perfect Swan’s DNA.


“Last December I anticipated the plan to have a bigger sister to the Swan 88 to fill the space between the Swan 98 and Swan 120,” says Giovanni Pomati, Nautor Group CEO. “It was an anticipation that we are here to announce officially. With awe-inspiring teamwork of international designers– German Frers, Misa Poggi and Lucio Micheletti – we have been able to design and sell the first Swan 108. This yacht is the expression of our philosophy: she draws on the amazing heritage we have at Nautor and sets a new and contemporary tone.”


WHAT TO EXPECT FROM THIS NEW MAXI SWAN?
Designed with moderate freeboards like every Swan yacht, this new model offers seaworthiness, great comfort at sea also in very rough conditions, and handles gently in waves.
She is a proper bluewater yacht with great performance and able to compete at top level when required.


The innovative deck layout comes in two solutions for the cockpit. The owner can choose a step in the aft deck area or a completely flush deck. Both solutions mean that the area is suitable for sunbathing or just as a lounge area to sit and relax.
“We always start a project with a clean slate as a way to investigate and double check the choices available and to match the briefs from the sales force closely” says German Frers. “there is no specific change you need to make once you go over a 100’ but just continue observing the mathematics and laws of physics. Specifically: length changes linearly, areas are squared, volume is cubed, stability varies to the 4th exponent”.


The innovative coachroof is beautiful yet functional with an extra-large companionway leading to the saloon to give an idea of continuity with the cockpit. Innovation isn’t only in style but also functionality, for example helm stations have been moved forward and in a higher position to enhance visibility and control of the yacht bringing the aft part of the cockpit completely available for sunbathing, relaxation and the beach club area.


“The Swan 108 conveys to future owners an idea of ​​beauty starting from her natural elegance,” says designer Lucio Micheletti. “We revisited the shapes and technical surfaces of the coachroof, modeling the lines to reach a point of maximum balance by playing with aerodynamics and proportions. We wanted a shape smoothed by the wind where the essential and dynamic lines were enhanced. We needed to find a new and timeless style that carries the Swan brand forward, a boat conceived around a new luxury where the future reinterprets the classic.”


The sail plan takes advantage of the brand’s experience in building performance cruiser yachts for efficiency and easily managed sailing. For the mainsail any possibility, from the cruising oriented in-boom furling to racing square top mainsail, is available, while the long base of the fore triangle allows having up to four stays to divide the forward sail area.
The interiors, designed by Nautor’s interior team and Misa Poggi, offer great livability and comfort for both the owner and guests. The yacht has an owner’s suite forward plus three guest cabins complete with private heads.
“Air, light, space: these are the three pillars I bear in mind while designing a Swan,” says interior designer Misa Poggi.

“I work with materials and colours obtained from a careful selection, thinking above all about the tactile and visible sensation to achieve different moods. I choose light colours to give an idea of breadth and dark colors for a more intimate atmosphere. Everything should give the idea of being immersed in a bright space in perfect harmony with the outside.”
The Swan 108 offers great privacy to both owner and crew, who have a separate area with three cabins and a crew mess.
The interiors present a very bright and light saloon, with three levels of windows creating a spectacular atmosphere.

The ClubSwan 80 is the latest in the ClubSwan family with the aim of creating a new class of one-design yachts in the Maxi yacht segment.
Performance is a vital element of this project. The first unit is under construction at Persico Marine, a strategic partner. The choice of this key player for the build comes from the values of innovation and technology that both companies share.
At the moment the hull is being laminated. The next phase is inserting the bulkheads into the hull while still inside the mould. On completion, the hull will finally come out of the mould and installation of all the systems will begin.


The yacht is benefitting from cutting-edge technologies: CNC robotic machines, tape placement for the lamination and a plotter for preparing the pre-preg pre-cut carbon fibre before lamination help to optimise the construction time and satisfy demanding clients.
“You can buy comfort but you never buy performance” insists Enrico Chieffi, Nautor Group Vice President. In fact, the standard interiors are very clean and stylish and light in weight, but she comes with a full list of options to enrich the set-up according to the owner’s needs.


“This is an amazing boat with incredible performances: in real time she will be faster than any hundred-footer and that is something very unique,” says Chieffi. “She will be very competitive in rated racing too. We have made a lot of simulations drawing on the different rating rules and the boat proved to be very competitive. The combination of outstanding performance both for one-design and rated competition is a real win-win situation for us.”


The first ClubSwan 80 will be launched in Spring 2022 and the idea is to have two units sold by the Rolex Maxi Cup 2022 to kick-start the class and take advantage of the established worldwide regatta circuit. ClubSwan Racing Office is further developing the sport with its dedicated one-design class rules with a limited number of crew and professionals onboard, a limited wardrobe of sails and the owner at the helm, promising great fun and a high level of competitiveness.

Inmarsat partner ufficiale per le comunicazioni satellitari di The Ocean Race per la sesta volta

Firmato un accordo esclusivo per la fornitura di servizi esclusivi di trasmissione di contenuti, servizi di sicurezza e connessioni di bordo per The Ocean Race Europe 2021 e The Ocean Race 2022-23

Con la promessa di creare uno degli eventi sportivi più connessi della storia, Inmarsat, leader globale del settore delle comunicazioni satellitari, fornirà a The Ocean Race le sue tecnologie di punta, nel ruolo di partner ufficiale per le comunicazioni satellitari per la sesta volta consecutiva.

Inmarsat è stata selezionata per fornire i suoi servizi di comunicazione satellitare e di sicurezza per The Ocean Race Europe 2021 e The Ocean Race 2022-23 grazie a un nuovo accordo esclusivo, che continua sulla rotta della collaborazione di successo che ebbe inizio con la Volvo Ocean Race 2001.

Per la 14ma edizione del celeberrimo giro del mondo a vela in equipaggio, la connettività affidabile, a cui si accede grazie alla rete di satelliti L-Band di Inmarsat, permetterà di fare enormi passi avanti nella comunicazione di bordo, a supporto del lavoro degli organizzatori e dei team nella produzione di contenuti coinvolgenti e immersivi a un livello mai visto prima.

La rete L-Band di Inmarsat garantirà connettività vitale, servizi di sicurezza e cartografia per le barche delle classi IMOCA 60 e VO65, anche dalle più remote aree degli oceani e nelle più dure condizioni meteo. Le soluzioni di Inmarsat permetteranno la trasmissione dei contenuti digitali della regata, ivi comprese le immagini live da drone, con l’obiettivo di riportare a terra più informazioni, immagini e video che mai in passato e di comunicare tutta la forza dell’evento ai fan e ai media.

Utilizzando i servizi di Inmarsat e i telefoni satellitari IsatPhone 2, i team saranno dotati di sistemi FleetBroadband 500 e FleetBroadband 250 per garantire una connessione sempre attiva attraverso il servizio Inmarsat FleetBroadband, che permette l’accesso ad applicazioni come internet, email, chiamate, previsioni meteo e telemedicina. Il servizio fornisce anche streaming IP disponibili on demand, per applicazioni live come lo streaming video di alta qualità. Inmarsat C permetterà anche una connessione dati a due vie per i servizi di emergenza e la cartografia elettronica 24/7.

Ma non solo, i sistemi Inmarsat supporteranno anche il trasferimento in tempo reale dei dati scientifici raccolti dai team in regata intorno al mondo, fra cui alcune delle zone più remote del pianeta.

Ronald Spithout, Presidente di Inmarsat Maritime, ha dichiarato: “Inmarsat è felice di lavorare ancora una volta con The Ocean Race per mostre la nostra tecnologia e per aiutare i team in una delle più dure prove di resistenza dello sport con la connettività di bordo. Sono fiducioso che le capacità avanzate, fra cui il live streaming, che forniamo creeranno un nuovo standard nella prossima edizione, così come è successo per le immagini da drone provenienti dall’oceano meridionale durante l’edizione 2017-18. Inoltre, saranno disponibili più post social media e contenuti inviati dai velisti e dagli Onboard Reporter, che porteranno il dramma e il coraggio dei protagonisti in tutto il mondo.

Con maggiori prestazioni e una maggiore sicurezza, i team potranno godere di tutti i benefici della digitalizzazione della connessione, grazie all’accesso ad applicazioni e servizi di valore aggiunto. Siamo felici di vedere che i servizi di Inmarsat diano maggiori opportunità ai team di usare applicazioni per le comunicazioni di bordo e lo sviluppo di nuove soluzioni per interpretare dati in tempo reale per la prestazione sportiva, l’analisi dei danni e per monitorare l’attrezzatura.”

Dal 1973, The Ocean Race è conosciuta come il più lungo e impegnativo evento sportivo al mondo. La prossima edizione di The Ocean Race, partirà dal porto spagnolo di Alicante nell’ottobre 2022, visiterà 10 città internazionali e si concluderà per la prima storica volta a Genova, nell’estate del 2023. La regata sarà aperta a due classi, i super-tecnolgici IMOCA60 foiling e i monotipi VO65 che completeranno il loro terzo giro del mondo nel 2022, enfatizzando i concetti di competizione, gioventù e diversità.

Richard Brisius, Presidente di The Ocean Race, ha detto: “E’ raro nello sport vedere una collaborazione che dura oltre 20 anni, ma con Inmarsat, abbiamo una perfetta condivisione di tecnologia e valori. Questo nuovo accordo ci permetterà di spingerci oltre i limiti della comunicazione. Negli ultimi 20 anni abbiamo assistito ad avanzamenti incredibili, dal mandare brevi messaggi e piccole immagini fino al live streaming di video dall’oceano meridionale. Guardando al futuro, sono fiducioso che lavorando insieme a Inmarsat, potremo continuare con innovazioni che permetteranno ai nostri fan di sentirsi sempre più connessi e vicini alla regata.”

All’edizione di debutto, The Ocean Race Europe partirà il 29 maggio dal porto bretone di Lorient e si, concluderà a Genova. Velisti provenienti da tutto il mondo regateranno sugli IMOCA 60 foiling e sui monotipo VO65 dalla costa Atlantica fino al Mediterraneo, con tappe a Cascais in Portogallo e Alicante in Spagna, sede anche di The Ocean Race.

Foto: Jesus Renedo/Volvo AB

LA FEDERVELA INDICA UN’ALTRA ATLETA PER LE OLIMPIADI DI TOKYO

Il Consiglio FIV recepisce le scelte del DT e del Presidente, per il windsurf RS:X femminile proposta al CONI Marta Maggetti (Fiamme Gialle)

La squadra della vela azzurra per le Olimpiadi di Tokyo aggiunge un altro tassello: il Consiglio Federale riunito in videoconferenza ha confermato le indicazioni del Direttore Tecnico Michele Marchesini e del Presidente Francesco Ettorre, e ha indicato la scelta anche per la sesta disciplina per la quale l’Italia è qualificata per i Giochi, il windsurf femminile RS:X.

WINDSURD RS:X FEMMINILE – L’atleta che rappresenterà l’Italia nel windsurf femminile alle Olimpiadi di Tokyo è la cagliaritana Marta Maggetti (Fiamme Gialle). Una scelta che era nell’aria, e che è stata protratta fino all’ultimo Mondiale concluso a Cadice, in Spagna, pochi giorni fa, dove ha avuto conferma anche grazie a un ottimo 6° posto iridato, impreziosito dalla vittoria nella Medal Race finale.


Alta 1 metro e 67 per 58 kg, surfista tecnica e istintiva, amante del vento forte, personalità schiva a terra che si trasforma in acqua, Marta ha 25 anni e va in windsurf da quando era bambina. Ha iniziato presto a raccogliere soddisfazioni, culminate con il titolo mondiale RS:X Youth nel 2013 a Civitavecchia. Passata nella squadra adulta, dove ha avuto come riferimento Flavia Tartaglini, è cresciuta fino ad acquisire una solidità di piazzamenti straordinaria che la pongono stabilmente nelle prime 5-6 atlete a livello internazionale. Lo testimoniano i piazzamenti di Marta Maggetti agli ultimi tre campionati del Mondo RS:X: 5° posto nel 2019, ancora 5° nel 2020 e 6° nel 2021, pochi giorni fa.

Il windsurf olimpico femminile è una disciplina alla quale l’Italia è storicamente legata, per le gesta indimenticabili di Alessandra Sensini (6 partecipazioni olimpiche e 4 medaglie, 1 oro, 1 argento e 2 bronzi, ancora oggi l’atleta con il record di podi olimpici nella storia della vela femminile alle Olimpiadi), e anche a Rio 2016 ha vissuto forti emozioni con Flavia Tartaglini che ha sfiorato il podio arrivando a partire dal primo posto per una Medal Race finale rivelatasi stregata. Dopo Sensini e Tartaglini, Marta Maggetti è dunque la terza atleta azzurra ai Giochi sulla tavola a vela.

LA PRIMA REAZIONE DI MARTA MAGGETTI ALLA SCELTA OLIMPICA

Marta Maggetti: “Ancora non mi rendo conto completamente, è stata una rincorsa talmente lunga, questa ufficialità mi rende molto felice. E’ stata una battaglia lunghissima, che si è protratta anche per un anno in più, e sono contenta di averla fatta con Giorgia Speciale con la quale c’è sempre stato un rapporto tranquillo e una ottima convivenza.
Ho raggiunto un obiettivo aspettato così tanto, sono stracontenta, adesso inizia la parte finale del percorso, sarà bella e impegnativa, ci sono tante cose da fare per migliorare ancora, rifinire il materiale. Il rinvio delle Olimpiadi di un anno mi ha consentito di migliorare con vento leggero, e questo mi da una possibilità in più per fare bene ai Giochi. Ringrazio tutti, la Federazione, i tecnici, le Fiamme Gialle, tutti gli amici e i sostenitori.”

E’ nata Frida! Per celebrare la nascita della figlia Frida, Paolo Cordiglia fonda il Frida Racing Sailing Team

Maccagno (VA)- Il 25 aprile 2021 nasce la piccola Frida e il papà, Paolo Cordiglia, sceglie di fondare un nuovo Sailing Team, che correrà con il nome della neonata, per iniziare a costruire insieme ricordi velici che si auspica potranno accompagnare la bambina in una vita con la passione per la vela.

Paolo Cordiglia, per tutti Gizzu, oltre ad essere l’ideatore del progetto Frida Racing, è da anni un appassionato velista attivo in diverse Classi: Cordiglia si avvicina da bambino allo sport della vela, iniziando ad andare in Optimist sul Lago Maggiore, con la squadra di piccoli atleti dell’Unione Velica Maccagno, circolo di cui anche Frida Racing porta i colori, e poi si affaccia al mondo della vela agonistica grazie all’attenta guida di Tiziano Nava.

Dopo le esperienze giovanili in Optimist e Laser, Paolo Cordiglia si imbarca su barche Maxi e partecipa a regate oceaniche come l’ARC. Impegnato in diverse classi monotipo, Gizzu lascia il cuore a bordo di Brontolo, Melges 32 con cui condivide anni di regate insieme all’armatore e amico Filippo Pacinotti, “Una delle esperienze agonistiche più coinvolgenti di sempre per me”, ricorda Cordiglia.

La nuova sfida ora si chiama Frida Racing e vedrà Paolo Cordiglia impegnato al timone del 69F, barca foiling di nuova generazione, insieme a Marco Laurino, “velista eclettico” che a bordo si occuperà della randa, e al giovane Francesco Rubagotti, flight controller.

“Per iniziare, abbiamo scelto di partecipare alla prima tappa della 69F Cup a Malcesine, dal 4 al 9 maggio. Ho optato per il 69F perché è una barca nuova, adrenalinica, una sfida rispetto alle barche provate fino ad oggi perchè l’aspetto del foiling introduce una “terza dimensione”. Se superiamo questa sfida, allora sì che potremo definirci “velisti completi”! – ha commentato scherzando l’armatore Paolo Cordiglia, per proseguire: “Abbiamo già fatto delle giornate di allenamento e il 69F si è rivelato entusiasmante ma molto impegnativo a livello fisico per me e Marco Laurino.

Siamo carichi per questa nuova avventura: sappiamo che sarà dura giocarsela, ma non vogliamo concentrarci esclusivamente sulla classifica finale. Quello che conta per noi è goderci una settimana alternativa in barca, cercare di arrivare primi nella classifica del divertimento e, perché no, magari centrare un buon piazzamento nel ranking finale: del resto, esiste qualcuno che va a fare regate a cui piace perdere?”

L’avventura di Frida Racing inizierà quindi ufficialmente il 4 maggio a Malcesine: tutti gli equipaggi partecipanti saranno impegnati in tre giorni di training con gli esperti della Classe e poi in tre giorni di regate che si concluderanno domenica 9 maggio.

L’attività di Frida Racing è supportata da Favorita Spa, azienda leader nel settore della pietra naturale. E’ possibile seguire l’attività di Frida Racing anche sui nuovi canali social a questo link.
https://www.facebook.com/fridaracing1/

ELBA/PESCA: IL BIG GAME FISHING APRE LA STAGIONE CVMM

In programma il Campionato italiano di Drifting per società 2021

Marciana Marina– Il calendario agonistico 2021 del Circolo della Vela Marciana Marina si aprirà dal 6 al 9 maggio prossimi con un importante manifestazione di pesca, il Campionato italiano di Drifting per società 2021, organizzato in collaborazione con la Federazione Italiana Pesca Sportiva e Attività Subacquee e in particolare la Sezione FIPSAS Provinciale di Livorno.

Si tratta di una tipologia di pesca compresa nel Big Game Fishing, la pesca che prevede la cattura di pesci predatori sia pelagici che stanziali: il Drifting è una specialità che contempla l’utilizzo di un natante in deriva o all’ancora (la scelta del metodo dipende dalle condizioni meteo-marine) e principalmente si tratta di pesca al tonno con l’uso esclusivo della sardina come esca e pastura.
Si tratta di una specialità “ecologica” in quanto il pesce non viene catturato, ma liberato dopo la misurazione in acqua.

Le squadre partecipanti – hanno già confermato la partecipazione 20 Società con 47 squadre provenienti da tutta Italia, compresi 3 equipaggi elbani – si ritroveranno al CVMM giovedì 6 maggio per le operazioni di accreditamento e il briefing, mentre le gare vere e proprie avranno luogo nei due giorni seguenti il 7 e l’8 maggio con l’inizio rispettivamente della 1a e 2a manche a partire dalle ore 8.00 per continuare fino al tardo pomeriggio. La premiazione avrà luogo a conclusione della 2a manche sabato 8 maggio.
La giornata di domenica 9 maggio verrà utilizzata in caso le condizioni meteo-marine non consentano lo svolgimento di almeno di una delle manche previste dal programma.

La manifestazione si disputerà con il patrocinio del Comune di Marciana Marina e con il supporto di Acqua dell’Elba, Elba Bevande, Sporting Club Marciana Marina, Amici del Mare Marciana Marina, La Bottega del Pescatore, Ondazzurra Nautica, Lowrance, Ristorante La Vecchia Marina, Top Game Top Fishing, Italcanna, Lawley Jeans, Hotel Marinella.

America’s Cup: Le istituzioni ravennati celebrano Plazzi, Molineris e Bazzini di Luna Rossa

Ravenna– E’ fissato per venerdì mattina alle ore 9, presso il Comune di Ravenna, l’appuntamento con il Folle Volo, questo il nome scelto per battezzare l’incontro tra le istituzioni ravennati e i componenti di Luna Rossa Prada Pirelli Team legati alla Città.

Il Sindaco Michele De Pascale, affiancato dal Direttore Sportivo del Circolo Velico Ravennate, Carlo Mazzini, incontrerà Jacopo Plazzi, Umberto Molineris e Andrea Bazzini.

Saranno presenti anche il Prof. Marcello Landi, Prof. Giuseppe Plazzi (Medaglia d’Oro al valore atletico e componente del team di America’s Cup Italia nel 1987), Matteo Plazzi (vincitore dell’America’s Cup 2010 e Direttore Tecnico Prada Cup 2021), il presidente di Sapir, Avv. Riccardo Sabadini, e il Segretario Generale dell’Autorità di Sistema Portuale, Paolo Ferradino.

“Quello di Luna Rossa, e dei portacolori del Circolo Velico Ravennate coinvolti nel team, è stato davvero un Folle Volo, al pari dell’impresa tentata dall’equipaggio di Ulisse descritta da Dante Alighieri nel XXVI Canto dell’Inferno. Una sfida sportiva, altamente tecnologica, il confronto tra due culture marinare che ha impegnato i protagonisti oltre il mero aspetto agonistico – spiega Carlo Mazzini, che ha lavorato di concerto con il Comune per – Tantissimi hanno seguito le lunghe dirette notturne tifando Luna Rossa ed è encomiabile che le istituzioni cittadine celebrino tre eccellenze come Jacopo, Umberto e Andrea”.

L’incontro sarà trasmesso in streaming sulla pagina Facebook del Comune di Ravenna e del Circolo Velico Ravennate.

CAMPIONATO VELICO J/70 CUP 2021 – WOLTERS KLUWER SPONSORIZZA L’EQUIPAGGIO NOTAROTEAM

WOLTERS KLUWER AFFIANCA LUCA DOMENICI E IL NOTAROTEAM NEL CAMPIONATO VELICO J/70 ITALIAN CLASS CUP 2021

Milano– Luca Domenici, notaio, timoniere ed armatore romano, ritorna alla guida del suo equipaggio “NotaroTeam” nella J/70 Italian Class Cup 2021 con il supporto di Wolters Kluwer, leader nello sviluppo e commercializzazione di soluzioni editoriali, software e servizi per il settore legale, notarile, fiscale, del lavoro e compliance per liberi professionisti, aziende e Pubblica Amministrazione.

Per la prima volta la regata J/70 Italian Class farà tappa al Porto Marina di Nettuno, nel Golfo di Anzio e Nettuno che nasce sotto le mura dell’antico borgo medievale a pochi chilometri da Roma. Dopo il primo appuntamento, che vedrà sfidarsi 28 equipaggi dal 30 aprile fino al 2 maggio, la coppa proseguirà con altre tre tappe per aggiudicarsi il trofeo: dall’11 al 13 giugno sulla riviera adriatica a Rimini, dal 9 all’11 luglio sul Lago di Garda e dal 1 al 3 ottobre a Punta Ala.

“Sosteniamo con orgoglio Luca Domenici e il suo NotaroTeam nel ritorno alla vela dopo un anno che ha colpito duramente anche il mondo dello sport ma che gli ha riservato molte soddisfazioni – dichiara Domenico Digregorio, managing director Legal & Compliance software di Wolters Kluwer Legal & Regulatory Italia. – Fare squadra ed essere efficienti in tutti i momenti della gara è fondamentale per un equipaggio. Questo è lo spirito che guida anche Wolters Kluwer nello sviluppo delle soluzioni gestionali che consentono di prendere decisioni con velocità e sicurezza”.

“Sono molto emozionato nel tornare a regatare nelle acque di casa – è il commento del notaio velista Luca Domenici. – Non vedo l’ora di iniziare a regatare grazie agli sponsor Wolters Kluwer Italia e NotaioNext davanti agli occhi di mio padre allenatore, di mio figlio allievo, della mia encomiabile moglie con tutto l’affetto della mia amata famiglia, dei miei collaboratori e di tutti i miei amici”.

Per i notai, Wolters Kluwer ha sviluppato NotaioNext, la piattaforma digitale integrata per la gestione dello studio notarile, giunta ad aprile 2021 alla versione 3.5, che si caratterizza per la semplicità di utilizzo, innovazione e ampia copertura funzionale che facilità il lavoro del notaio, promuovendo una stretta ed efficace collaborazione tra i professionisti di studio. Tutto questo grazie ad una tecnologia full cloud, accessibile da browser web e da qualsiasi dispositivo e ad un’ampia gamma di implementazioni avanzate come la Business Intelligence notarile con il modulo aggiuntivo ADG.

FIPSAS sceglie Suzuki come partner ufficiale per una pesca più etica

-La Federazione Italiana Pesca Sportiva e Attività Subacquee ha scelto Suzuki come Partner per la pesca di superficie per la stagione sportiva 2021;


-Il Brand Suzuki sarà presente sulle divise della Nazionale (Big Game e Predatori da Barca) durante i Mondiali 2021 e sulle divise dei giudici gara impegnati sempre nei Campionati Italiani e nei Mondiali 2021 di Big Game e Predatori da Barca;


-I fuoribordo Suzuki senza patente “dal 2.5 al 40 cv” sono stati scelti dalla Federazione grazie all’affidabilità e all’efficienza, che consentirà ai guardia-pesca di affrontare il loro lavoro con serenità e nel rispetto per l’ambiente.

Suzuki è orgogliosa di essere Partner Ufficiale FIPSAS (Federazione Italiana Pesca Sportiva e Attività Subacquee) per la stagione 2021.

Suzuki nella nautica produce motori fuoribordo estremamente tecnologici, ovvero sistemi di propulsione che consentono di poter praticare qualsiasi attività outdoor legata all’utilizzo della barca, in primis la pesca sportiva. Consapevole che si tratta di passioni da vivere nella natura, sia in acque dolci che in mare, Suzuki da sempre si prodiga per la crescita di una cultura volta a responsabilizzare i propri clienti al maggior rispetto dell’ambiente, anche modificando abitudini consolidate.

Esemplare in questo senso è l’iniziativa che Suzuki sta sostenendo in Italia attraverso l’attività dei propri testimonial che fanno parte del “Suzuki Fishing Team”. Ciascuno degli equipaggi che compongono il Suzuki Fishing Team lavora in prima linea affinché il catch and release, ovvero la liberazione dei pesci dopo la cattura, più che una pratica diffusa fra i pescatori si converta in uno stile di vita.

L’impegno del costruttore giapponese verso un approccio più etico alla natura e all’eco-sistema, è sottolineato inoltre dalla partnership con FIPSAS – Federazione Italiana Pesca Sportiva e Attività Subacquee.

“Insieme contro il bracconaggio” è infatti un’iniziativa volta a combattere il grave problema della pesca di frodo nelle acque interne, attività che, giorno dopo giorno e purtroppo con sempre maggiore vigore, sta gravemente depauperando il patrimonio ittico dei nostri fiumi e laghi.

Per dare un contributo tangibile al contenimento di tale scempio, Suzuki ha fornito a FIPSAS 10 fuoribordo in uso gratuito per le sue attività di controllo e prevenzione. Nello specifico, si tratta di 5 Suzuki DF40A, 1 Suzuki DF20A e 4 Suzuki DF6A, tutti modelli conducibili senza patente. Affidabili, robusti, prestazionali, in grado di consumare poco e quindi di contenere il livello delle emissioni nocive, saranno uno strumento efficace per i guardia pesca di FIPSAS nella loro quotidiana e preziosa attività di vigilanza e prevenzione del bracconaggio ittico.

La partnership tra Suzuki e FIPSAS viene inoltre estesa anche ai Campionati di pesca sportiva dalla barca per le discipline di Big Game e Predatori da Barca 2021 e 2022, e a tutte le gare federali provinciali delle stesse discipline.

Anche in questo caso si tratterà di un’attività volta a far leva sulla cultura di tutti gli appassionati che praticano la pesca sportiva in mare, anche attraverso la divulgazione del progetto “Suzuki Clean Ocean Project”, al quale Suzuki aderisce e che l’azienda promuove dal 2011. Il Suzuki Clean Ocean Project ha come scopo, oltre alla sensibilizzazione verso la problematica ambientale, la raccolta di plastica e rifiuti nelle acque, per cercare di contenere un rischio sempre più pressante per l’ambiente. Questa campagna sinora ha coinvolto oltre 8.000 persone desiderose di dare un contributo per migliorare l’ecosistema marino ed è stata ufficialmente riconosciuta dal Ministero dell’Ambiente giapponese nell’ambito della “Plastic Smart Campaign”.

Nella stessa direzione va l’impegno di Suzuki attraverso l’implementazione di alcune tecnologie nei suoi fuoribordo: il Suzuki Lean Burn – un sistema che riduce il consumo di carburante e di conseguenza le emissioni nocive – per ridurre l’inquinamento atmosferico e il Micro-Plastic Collector – un innovativo sistema di filtraggio dell’acqua di raffreddamento dei motori fuoribordo che raccogliere le micro plastiche durante la navigazione – contro l’inquinamento da micro-plastiche.

The Ocean Race annuncia una nuova iniziativa contro il cambiamento climatico

The Ocean Race punta a rendere la prossima edizione del giro del mondo a vela in equipaggio 2022-23 un evento con impatto climatico positivo. L’iniziativa rientra nel nell’ambizioso programma contro il cambiamento climatico e una parte integrante del lavoro per la protezione e la salvaguardia degli oceani.

Il programma affronta il problema della riduzione di emissioni di gas effetto-serra legate alla regata (GHGs) con una serie di attività pensate per creare un impatto positivo. L’iniziativa non si limita alla logistica legata all’organizzazione dell’evento, ma guida e ispira tutti coloro che lavorano nell’ambito della regata perché abbiano un effetto positivo sul clima, ivi inclusi gli equipaggi partecipanti, gli sponsor e i fornitori ufficiali. Il programma mira anche ad oltrepassare l’audience tradizionale della regata per raggiungere nuovo pubblico, dai ragazzi ai policy-maker, per spingerlo a un’azione per il clima.

L’annuncio arriva nella Giornata Mondiale della Terra, il movimento globale per una azione positiva per il pianeta. Quest’anno la giornata si focalizza sulla crisi climatica, la distruzione ambientale e il bisogno di salvaguardare la Terra.

Anne-Cécile Turner, direttore della sostenibilità di The Ocean Race ha dichiarato: “Dei mari puliti sono fondamentali per tutta la vita sulla terra, ma sono ormai al punto di rottura. Siamo determinati a fare tutto ciò che possiamo per aiutare. E’ una sfida enorme puntare a divenire un evento a impatto positivo per il clima nei prossimi 18 mesi, ma abbiamo un’opportunità avere un impatto significativo a livello mondiale, e puntare allo straordinario fa parte del nostro DNA. Lo sport ha il potere di accelerare il cambiamento e non c’è tempo da perdere.”

Questi sono alcuni punti principali del programma:

-SCIENZA IN MARE: Durante The Ocean Race alcuni dei team raccolgono dati sullo stato del mare in un innovativa collaborazione fra velisti e organizzazioni di ricerca. Oltre a misurare il livello di microplastiche in acqua, le barche raccolgono dati sulla CO2, sulla temperatura e salinità della superficie che sono indicatori del cambiamento climatico. Le misurazioni di anidride carbonica vanno a comporre il Surface Ocean Carbon Dioxide Atlas (SOCAT), che fornisce dati sull’impronta globale, una valutazione annuale sulla CO2 che viene usata per stilare gli obiettivi e le previsioni di riduzione. Il programma scientifico sarà ulteriormente sviluppato nel corso dell’edizione 2022-23, con un maggior numero di barche equipaggiate per raccogliere dati in zone dell’oceano raramente accessibili alla ricerca scientifica.

-I GUARDIANI DEGLI OCEANI: Oltre a lavorare con i velisti per la raccolta di dati utili in mare, The Ocean Race ha un programma specifico di sostenibilità per aiutare i team a ridurre il loro impatto. L’ampia gamma di iniziative va da un minimo del 20% dell’energia di bordo prodotta con fonti rinnovabili (come idrogeneratori, pannelli solari e generatori eolici), al training sul cambiamento climatico e linee guida e strumenti per la sostenibilità. I velisti sono incoraggiati a diventare guardiani degli oceani, che non solo riducono, misurano e lavorano sul loro impatto, ma incoraggiano i loro partner e fan a fare lo stesso.

-THE OCEAN RACE SUMMIT: Riunendo player globali dal mondo della politica, della scienza, dell’industria, delle organizzazioni non governative, dei media e dello sport, inclusa la vela, i The Ocean Race Summit mirano alla ricerca di soluzioni per alcune delle principali cause del deterioramento dei nostri mari, incluso il cambiamento climatico. Il prossimo Summit della serie, The Ocean Race Summit Europe, avrà luogo a giugno.

-SEDI DI TAPPA: La regata ha 10 città sede di tappa in tutto il mondo. In ogni destinazione viene creato un Villaggio per ospitare i team, gli ospiti e milioni di fan e visitatori. L’obiettivo per tutti i Race Village è di avere il 100% di energia da fonti rinnovabili durante la prossima edizione e di mettere in atto tutte le buone pratiche per essere il più sostenibili possibile. Ogni città è anche invitata a sottoscrivere degli impegni e intraprendere azioni per il clima e per altre importanti minacce all’ambiente marino.

-CAMPIONI PER IL MARE: Il pluripremiato programma educativo di The Ocean Race per ragazzi dai 6 ai 12 anni ha aiutato oltre 160.000 studenti in oltre 54 paesi a comprendere una delle principali minacce che deve affrontare l’oceano, l’inquinamento da plastica e le azioni che si possono intraprendere per combatterlo. Il prossimo mese saranno disponibili nuove risorse educative che presentano l’importante ruolo che gioca l’oceano nella regolazione del clima.

-INNOVATION WORKSHOP: Gli Innovation Workshop di The Ocean Race riuniscono gruppi di esperti per affrontare sfide specifiche che riguardano la vela agonistica e la salute degli oceani. Fanno parte di questa serie di workshop i laboratori sulla Cantieristica Sostenibile per spingere i cantieri a misurare i loro livelli di CO2 e per condividere le best practice per accelerarne la riduzione.

-BLUE CARBON: The Ocean Race sostiene progetti che non solo catturano i gas serra, ma aiutano a salvaguardare l’ecosistema oceanico e forniscono un habitat per la vita marina. I progetti, fra cui uno già realizzato per il recupero delle mangrovie in Myanmar, aiuteranno a bilanciare le emissioni inevitabili della regata.

Gli organizzatori di The Ocean Race mirano a divenire climate positive per la fine della prossima edizione, riducendo di oltre la metà le emissioni di gas serra.

The Ocean Race ha identificato la possibilità di una riduzione dei gas serra fino al 45% nella prossima edizione rispetto all’evento 2017-18. Un obiettivo che potrà essere raggiunto grazie alla combinazione di una migliore logistica, all’uso di energia da fonti rinnovabili e alla gestione delle risorse, inclusi i materiali, il cibo, la gestione dei rifiuti e dell’acqua. Essere ‘Climate Positive’ significa infatti ridurre le emissioni di gas serra prodotti. L’impatto positivo sarà possibile adottando un approccio di riduzione dell’emissione di anidride carbonica, più che di gas serra, idealmente con un approccio blu unito all’impatto positivo della comunicazione sulla sostenibilità della regata.

Nel corso della passata edizione, le emissioni dell’organizzazione sono state calcolate in un terzo delle emissioni totali, prendendo in considerazione anche i team, gli sponsor e gli ospiti.

Anne-Cécile Turner ha aggiunto: “Perchè The Ocean Race possa avere un impatto positivo sul clima nell’edizione 2022-23 è necessario che i paesi che visitiamo, i nostri partner e gli equipaggi facciano questa strada insieme a noi. La maggioranza degli stakeholder stanno facendo passi avanti per il clima, e siamo in rotta per raggiungere il nostro obiettivo. La collaborazione è la chiave per proteggere e salvare gli oceani. Continueremo a cercare opportunità per spingere all’azione ovunque potremo.”

L’iniziativa sostiene gli impegni mondiali e gli obiettivi scientifici per limitare il riscaldamento globale a 1,5°, come concordato dagli accordi di Parigi. The Ocean Race è anche entrata a far parte dell’iniziativa Sports for Climate Action delle Nazioni Unite, come parte di una risposta e un impegno collettivo per l’azione contro il cambiamento climatico nel corso del decennio dedicato alla salvaguardia degli oceani.

Il programma di sostenibilità di The Ocean Race ‘Racing with Purpose’ è sostenuto e realizzato in collaborazione con il Premier Partner 11th Hour Racing.

Foto: Jeremie Lecaudey/Volvo AB

The Ocean Race Europe raccoglierà dati sullo stato dei mari

The Ocean Race, il celeberrimo giro del mondo a vela in equipaggio, raccoglierà importanti dati sull’impatto dell’uomo sull’ambiente marino nel corso della prima edizione della regata europea.

Diversi team partecipanti a The Ocean Race Europe la prossima estate avranno a bordo della strumentazione scientifica per raccogliere dati sulla presenza di microplastiche in mare e sull’impatto del cambiamento climatico in ambiente marino. Si tratta di un’attività appoggiata dal Decennio delle Scienze Marine per lo Sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite, che aiuta tutte le iniziative volte alla salvaguardia degli oceani e a migliori condizioni di sviluppo sostenibile in ambiente marino.

Saranno due le classi di barche che prenderanno parte, gli IMOCA 60 e i VO65. Due VO65, AmberSail2 e W Ocean Racing team, raccoglieranno campioni di microplastiche durante la regata, mentre l’IMOCA 60 di 11th Hour Racing Team, misurerà in maniera costante, 24 ore al giorno la presenza di anidride carbonica (CO2), la temperatura dell’acqua e la salinità, tutti indicatori del cambiamento climatico.

Il cambiamento climatico e l’inquinamento da plastica sono due delle principali minacce alla salute dei mari. Gli oceani giocano un ruolo centrale nella regolazione del clima. Si calcola che dagli anni 70 abbiano assorbito oltre il 90% del calore in eccesso1 e un quarto dell’anidride carbonica prodotti dall’uomo2, contribuendo così in maniera efficace a mitigare il cambiamento climatico. La plastica, invece, è un problema più visibile, dato che ogni anno ne finiscono in mare almeno 8 milioni di tonnellate3, mettendo a rischio le specie marine che la mangiano o vi rimangono intrappolate.

I dati raccolti durante The Ocean Race Europe saranno poi forniti a organizzazioni scientifiche che studiano e mappano questi problemi. I campioni di anidride carbonica disciolta raccolti da 11th Hour Racing Team saranno utilizzati da EuroSea, un programma finanziato dalla Commissione Europea che valuta il ruolo degli oceani nel cambiamento climatico e migliora il sistema osservativo marino. Nel corso di The Ocean Race Europe, le barche navigheranno nel Mediterraneo occidentale, uno dei luoghi dove l’assorbimento di anidride carbonica è maggiore e una delle aree di interesse di EuroSea per quel che concerne il progetto di valutazione.

Il dottor Toste Tanhua di EuroSea ha spiegato: “Gli oceani rendono un enorme servizio all’umanità assorbendo grandi quantità di CO2 e di calore. EuroSea lavora per migliorare il modo in cui questi benefici sono misurati e compresi, incluso il valore economico che producono.”

“Il Mediterraneo è molto efficiente nell’assorbire CO2, ma la sua capacità di farlo varia e necessita di essere monitorato attentamente, ed ecco perchè questi dati sono così utili. Lavorare insieme alla comunità velica è una grande opportunità di allineare i nostri interessi e la nostra passione per il mare con un obiettivo condiviso.”

11th Hour Racing fornirà i dati sui livelli di CO2 a Surface Ocean Carbon Dioxide Atlas (SOCAT), che elabora il Global Carbon Budget (Bilancio Globale delle Emissioni), una stima annuale sulla CO2 utilizzata per stabilire degli obiettivi e delle stime di riduzione dell’impronta. E’ vitale che gli scienziati possano capire i livelli di anidride carbonica in oceano per poter stabilire una previsione precisa e mantenere il pianeta in linea con l’obiettivo della Conferenza sul Clima di Parigi di limitare il riscaldamento globale sotto i 1.5 gradi.

Mairéad O’Donovan, alla guida del Programma Scientifico di The Ocean Race ha dichiarato: “Sappiamo quanto siano importanti gli oceani, non solo per lo sport che amiamo, ma nel regolare il clima e nel darci cibo, lavoro e l’ossigeno che respiriamo. Sappiamo anche che l’impatto dell’uomo ha conseguenze negative sull’ambiente marino. Raccogliendo dati sullo stato dei nostri mari, grazie a questa collaborazione unica fra velisti e organismi di ricerca scientifica, possiamo contribuire a una maggiore comprensione del loro stato di salute. E’ un privilegio poter fornire dati di valore alla comunità scientifica ed è importantissimo che i governi si basino sull’evidenza scientifica per proteggere e salvaguardare il mare e tutto ciò che ne dipende.”

In collaborazione con il GEOMAR Helmholtz Centre for Ocean Research di Kiel e l’Università di Utrecht i dati raccolti dagli team VO65 contribuiranno allo sviluppo di una mappa tridimensionale della plastica in oceano, fornendo misurazioni in aree per cui esistono pochi dati. I campioni saranno analizzati dagli scienziati del laboratorio GEOMAR e i dati saranno modellati da un team dell’Università di Utrecht che esamineranno la possibilità che le microplastiche possano trasferirsi alla catena alimentare e agli ecosistemi abissali.

Erik van Sebille, Oceanografo all’Università di Utrecht ha detto: “La caratteristica unica di The Ocean Race è che le barche sono molto veloci. La velocità rappresenta una opportunità per noi, perché significa che le misurazioni in luoghi diversi sono fatte in un tempo ristretto, quindi le correnti oceaniche non variano durante la campionatura. Ciò rende l’interpretazione delle osservazioni molto più semplice. Misurare le microplastiche in oceano è un lavoro complesso, e maggiore il numero di organizzazioni ci danno una mano maggiore la quantità di dati disponibili.”

The Ocean Race Europe è in programma per i mesi di maggio e giugno 2021, con partenza da Lorient sulla costa bretone francese e finale a Genova. Il team di Ambersail2 raccoglierà dati non solo durante la regata, ma anche nel corso del prologo nel Mar Baltico. Sarà la prima volta che questo tipo di misurazioni vengono raccolte nel Mar Baltico, che è considerato una zona con alti livelli di inquinamento. I dati raccolti saranno condivisi con il Marine Research Institute della Klaipeda University per ulteriori studi sull’inquinamento nell’area.

L’innovativo programma scientifico di The Ocean Race è stato lanciato durante l’edizione 2017-18 del giro del mondo. Le sette barche partecipanti hanno raccolto informazioni e campioni nelle acque più remote del pianeta per contribuire alla ricerca sul clima, il cambiamento climatico e le microplastiche.

Per la prossima edizione di The Ocean Race nel 2022-23 il programma scientifico sarà ulteriormente ampliato, con un maggior numero di barche equipaggiate con strumenti speciali che raccoglieranno dati in luoghi difficilmente accessibili agli scienziati.

Il programma scientifico fa parte del più ampio progetto di sostenibilità ‘Racing with Purpose’ di The Ocean Race che raccoglie una serie di modi tangibili per avere un impatto positivo sull’ambiente marino. Svolto in collaborazione con 11th Hour Racing Founding Partner del programma e Premier Partner di The Ocean Race, e con Volvo Cars, il progetto mira anche a dare ai più giovani gli strumenti culturali per salvaguardare gli oceani con un programma educativo, organizzando una serie di summit che riuniscono decision-maker per creare politiche per proteggere gli oceani, lavorando con le organizzazioni e le ONG, e molto altro. Maggiori informazioni a questo link.

Fonti

  1. IPCC
  2. The oceanic sink for anthropogenic CO2 from 1994 to 2007 published in Science
  3. IUCN

Foto: Jesus Renedo/Volvo AB

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone

© 2021 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab