A NEW BORN, SWAN 108 AND THE FIRST SUSTAINABLE HYBRID ELECTRIC MAXI SWAN, SWAN 88

SWAN 88#01 and 108#01 SOLD
RACER
AN UPDATE ON CLUBSWAN 80: HULL LAMINATED
CLUBSWAN 125 TECHNICAL LAUNCH MID-MAY

With the announcement of the New Maxi Era and the launch of the new Swan 88 project last December, Nautor’s Swan gathered together with its team of designers at the beautiful Teatrino di Portofino and with the patronage of the town, to talk about design, style, performance and love for the ocean.


Leonardo Ferragamo, President of the company, together with Giovanni Pomati, CEO and Enrico Chieffi, Vice President walked the audience through the new projects and construction progress at the yard. Together with members of senior management, Nautor’s team of world-class designers discussed the vision, inspiration and technique behind each project.
The brand’s dual soul of racer and cruiser is clearly marked also in the Maxi models.
The ClubSwan range offers a more conceptual vision with the accent on high performance and competitive sailing potential. The Swan Maxi, from 88 to 120 feet, offers the highest expression of seaworthiness in any conditions combined with elegance, comfort, performance, style and modernity.


The unveiling of the Swan 88 last December marked the start of the New Maxi Era in the Swan range of 24+ metres. The design is an evolution of the brand’s previous popular models but with the addition of innovative features never seen before on a Swan. On top of this, the Swan 88 flags an important milestone for the yard: hull number one is already sold and will be the brand’s first hybrid electric-propulsion yacht.


” The strategic choice to divide the Nautor’s Swan range into three lines ­– ClubSwan, Swan yachts and Maxi Swan – came from the brand’s desire to address its own audience in a very specific way, using a different tone and a different approach to make their desires and dreams become reality. I’m particularly proud of everything the new Maxi Line represents,” says Leonardo Ferragamo, President. “It is a challenge for the whole team and we are building some of the most superior yachts that we have ever built. We strive to do our best every day to reach this point, and I’m on cloud nine because it is another step in the continuous evolution of the company.”

EVOLUTION IS BETTER THAN REVOLUTION
Positioned between the Swan 98 and Swan 120, the Swan 108 is based on the evolution of the previous Maxi Swan, particularly in regard to the exterior lines, but with the addition of innovative solutions never applied before by the Finnish yard.
The Swan 108 is synonymous with elegance and beauty in the perfect Swan’s DNA.


“Last December I anticipated the plan to have a bigger sister to the Swan 88 to fill the space between the Swan 98 and Swan 120,” says Giovanni Pomati, Nautor Group CEO. “It was an anticipation that we are here to announce officially. With awe-inspiring teamwork of international designers– German Frers, Misa Poggi and Lucio Micheletti – we have been able to design and sell the first Swan 108. This yacht is the expression of our philosophy: she draws on the amazing heritage we have at Nautor and sets a new and contemporary tone.”


WHAT TO EXPECT FROM THIS NEW MAXI SWAN?
Designed with moderate freeboards like every Swan yacht, this new model offers seaworthiness, great comfort at sea also in very rough conditions, and handles gently in waves.
She is a proper bluewater yacht with great performance and able to compete at top level when required.


The innovative deck layout comes in two solutions for the cockpit. The owner can choose a step in the aft deck area or a completely flush deck. Both solutions mean that the area is suitable for sunbathing or just as a lounge area to sit and relax.
“We always start a project with a clean slate as a way to investigate and double check the choices available and to match the briefs from the sales force closely” says German Frers. “there is no specific change you need to make once you go over a 100’ but just continue observing the mathematics and laws of physics. Specifically: length changes linearly, areas are squared, volume is cubed, stability varies to the 4th exponent”.


The innovative coachroof is beautiful yet functional with an extra-large companionway leading to the saloon to give an idea of continuity with the cockpit. Innovation isn’t only in style but also functionality, for example helm stations have been moved forward and in a higher position to enhance visibility and control of the yacht bringing the aft part of the cockpit completely available for sunbathing, relaxation and the beach club area.


“The Swan 108 conveys to future owners an idea of ​​beauty starting from her natural elegance,” says designer Lucio Micheletti. “We revisited the shapes and technical surfaces of the coachroof, modeling the lines to reach a point of maximum balance by playing with aerodynamics and proportions. We wanted a shape smoothed by the wind where the essential and dynamic lines were enhanced. We needed to find a new and timeless style that carries the Swan brand forward, a boat conceived around a new luxury where the future reinterprets the classic.”


The sail plan takes advantage of the brand’s experience in building performance cruiser yachts for efficiency and easily managed sailing. For the mainsail any possibility, from the cruising oriented in-boom furling to racing square top mainsail, is available, while the long base of the fore triangle allows having up to four stays to divide the forward sail area.
The interiors, designed by Nautor’s interior team and Misa Poggi, offer great livability and comfort for both the owner and guests. The yacht has an owner’s suite forward plus three guest cabins complete with private heads.
“Air, light, space: these are the three pillars I bear in mind while designing a Swan,” says interior designer Misa Poggi.

“I work with materials and colours obtained from a careful selection, thinking above all about the tactile and visible sensation to achieve different moods. I choose light colours to give an idea of breadth and dark colors for a more intimate atmosphere. Everything should give the idea of being immersed in a bright space in perfect harmony with the outside.”
The Swan 108 offers great privacy to both owner and crew, who have a separate area with three cabins and a crew mess.
The interiors present a very bright and light saloon, with three levels of windows creating a spectacular atmosphere.

The ClubSwan 80 is the latest in the ClubSwan family with the aim of creating a new class of one-design yachts in the Maxi yacht segment.
Performance is a vital element of this project. The first unit is under construction at Persico Marine, a strategic partner. The choice of this key player for the build comes from the values of innovation and technology that both companies share.
At the moment the hull is being laminated. The next phase is inserting the bulkheads into the hull while still inside the mould. On completion, the hull will finally come out of the mould and installation of all the systems will begin.


The yacht is benefitting from cutting-edge technologies: CNC robotic machines, tape placement for the lamination and a plotter for preparing the pre-preg pre-cut carbon fibre before lamination help to optimise the construction time and satisfy demanding clients.
“You can buy comfort but you never buy performance” insists Enrico Chieffi, Nautor Group Vice President. In fact, the standard interiors are very clean and stylish and light in weight, but she comes with a full list of options to enrich the set-up according to the owner’s needs.


“This is an amazing boat with incredible performances: in real time she will be faster than any hundred-footer and that is something very unique,” says Chieffi. “She will be very competitive in rated racing too. We have made a lot of simulations drawing on the different rating rules and the boat proved to be very competitive. The combination of outstanding performance both for one-design and rated competition is a real win-win situation for us.”


The first ClubSwan 80 will be launched in Spring 2022 and the idea is to have two units sold by the Rolex Maxi Cup 2022 to kick-start the class and take advantage of the established worldwide regatta circuit. ClubSwan Racing Office is further developing the sport with its dedicated one-design class rules with a limited number of crew and professionals onboard, a limited wardrobe of sails and the owner at the helm, promising great fun and a high level of competitiveness.

SEAFUTURE & FONDI EUROPEI PER LA DIFESA

4 Maggio 2021 evento online


In attesa della settima edizione di SEAFUTURE, che si terrà alla Spezia dal 28 settembre al 1 ottobre 2021, Il 4 maggio si è svolto un evento online sulle tematiche relative ai Fondi Europei per la Difesa a cui hanno preso parte oltre 200 partecipanti, tra i quali rappresentanti delle Istituzioni, le più importanti aziende del settore e molte Piccole e medie imprese, i Centri di Ricerca e le Università.


L’European Defence Fund prevede un bilancio totale concordato di circa 8 miliardi di euro per il periodo 2021-2027. Circa un terzo finanzierà progetti di ricerca nel settore della difesa competitivi e collaborativi e due terzi integreranno gli investimenti degli Stati membri, cofinanziando i costi per lo sviluppo delle capacità di difesa dopo la fase di ricerca. Il regolamento EDF 21/27 è stato approvato il 28 aprile u.s. ed entrerà in vigore all’atto della pubblicazione nella gazzetta ufficiale Europea attesa il 12 maggio p.v. Il Work Programme è stato consegnato il 30 aprile ed il loro definitivo consolidamento è previsto entro la prima decade di giugno.


“L’industria della difesa è ben rappresentata in Liguria. Per la nostra regione è un settore che esprime l’eccellenza delle attività in innovazione tecnologica e ricerca, le competenze professionali e la sinergia tra università, enti di ricerca ed industria.

La nostra strategia è quella di creare tutte le condizioni per un rafforzamento della crescita industriale e di un’industria che sia sostenibile ed all’avanguardia” cosi apre la conferenza Andrea Benveduti, Assessore allo Sviluppo Economico della Regione Liguria
“Per poter competere sui mercati internazionali è fondamentale che la ricerca dell’innovazione sia continua e sistemica, per favorire la competitività delle aziende, sopratutto le Pmi, che possono e devono avere un ruolo cruciale nella crescita economica dell’Ue” con queste parole introduce la conferenza Cristiana Pagni, Presidente di IBG S.r.l., società organizzatrice di SEAFUTURE, sottolineando, inoltre, che “la capacità di innovarsi delle imprese dovrà essere supportata dal contesto normativo europeo e nazionale, attraverso programmi economici e politici adeguati.”


È Intervenuto in seguito l’Ammiraglio Dario Giacomin, Vice Segretario Generale del Segretariato Generale della Difesa-DNA, sostenendo come “Le opportunità dall’Unione Europea sono indispensabili da cogliere, da un lato perché dobbiamo essere protagonisti nella scena Europea, dall’altro è necessario all’UE che l’Italia partecipi attivamente ai progetti di questo tipo. Noi siamo, come Italia, uno dei paesi major dell’Ue, sia come dimensione complessiva che come dimensione industriale, anche per l’alto livello e la valenza della cultura nazionale e del livello tecnico scientifico, delle capacità di ricerca e di sviluppo”


All’evento sono successivamente intervenuti, la Dott.ssa Luisa Riccardi, Direttore V Reparto “Innovazione Tecnologica”, SGD-DNA, che ha inquadrato il tema relativo alla Ricerca Europea per la Difesa e il Gen. B. Fortunato di Marzio, Direttore III Reparto “Politica Industriale e Relazioni Internazionali”, SGD-DNA.


Hanno concluso, infine, la conferenza, il Dott. Alessandro Cignoni, Head of Unit PESCO, che ha spiegato il ruolo dell’Agenzia Europea della Difesa in ambito ricerca e sviluppo capacitivo per la Difesa e Ing. Marco Falzetti, Direttore APRE, il quale ha esposto il programma quadro Europeo di ricerca e innovazione 2021-2027: Horizon Europe.


Il successo dell’iniziativa ha confermato che sinergia, integrazione e cooperazione internazionale sono la chiave per la realizzazione di una strategia condivisa per l’innovazione tecnologica e la crescita economica.Partecipazione, capacità di resilienza e determinazione generano nuove opportunità per lo sviluppo globale. Gli organizzatori continueranno ad impegnarsi affinché l’edizione di SEAFUTURE 2021 rappresenti il punto d’incontro internazionale per tutti coloro che operano nel campo della difesa, l’hub del Mare Mediterraneo per la Blue Economy.


L’evento è stato organizzato da Enterprise Europe Network (Riviere di Liguria-Azienda Speciale CCIAA Riviere di Liguria, InHouse-Azienda Speciale CCIAA Genova e Regione Liguria) in collaborazione con il Segretariato Generale della Difesa-DNA e Seafuture.

Splendido Mare Cup-Regate di Primavera: In reale Pendragon si conferma come scafo più veloce della flotta

Portofino- A distanza di ventiquattro ora dall’ottimo debutto di ieri, Pendragon si conferma essere lo scafo più veloce tra i quindici Maxi iscritti alla Splendido Mare Cup-Regate di Primavera e centra la seconda affermazione consecutiva in tempo reale, anticipando Capricorno, poi promosso ai vertici della classifica in seguito alla correzione dei tempi. Proprio l’imbarcazione di Rinaldo Del Buono guida la graduatoria overall dell’evento organizzato dallo Yacht Club Italiano con due primi di giornata.

Articolata su un percorso analogo a quello di ieri, anche se leggermente più corto, la regata è partita in orario rispetto al programma ma ha dovuto fare i conti con il crollo della brezza di Scirocco, diventato particolarmente instabile in concomitanza del passaggio della prima boa, posizionata al traverso di Lavagna.

Giunto alla boa al vento con il gruppo di merito il Lightbay Sailing Team ha optato per un gybe set che nel giro di una manciata di minuti ha proiettato Pendragon al comando della regata, una leadership difesa senza esitazione alcuna fin sulla linea di arrivo. Un successo poi trasformato dal giogo dell’IRC in un settimo posto che, sommato al quarto di ieri, risulta utile al Lightbay Sailing Team per difendere la quarta piazza assoluta.

La Splendido Mare Cup-Regate di Primavera riprenderà domani, al fronte di una situazione meteo che si annuncia in netto miglioramento rispetto a ieri e oggi. Il Lightbay Sailing Team, intanto, si appresta ad accogliere il giornalista di Mediaset, nonché volto noto della televisione, Pierluigi Pardo che, proprio domani, navigherà a bordo di Pendragon.

Sono in regata con il Lightbay Sailing Team Carlo Alberini, Lorenzo Bodini, Branko Brcin, Marco Furlan, Francesco Agostini, Ettore Mazza, Iztok Knaflec, Santino Brizzi, Elena Frezza, Carlo Alberto Malagoli, Andrea Trani, Federico Del Zompo, Roberto Pellegrini, Marco Burello e Luca Falcioni. Organici al team sono il responsabile marketing Marco Alfano e la segretaria generale Martina Bucchi.

La stagione del Lightbay Sailing Team è supportata da Ilva Glass e Officine Belletti. Supportano il team Armare, BPSec, Barbato Design Studio e 23° Eyewear.

Per maggiori info sulla Splendido Mare Cup-Regate di Primavera clicca qui.

XV edizione “Student Naval Architect Award”: il Gruppo d’Amico e la Royal Institution of Naval Architects premiano Rebecca Benassi

Presso l’Università di Genova è stato conferito il prestigioso riconoscimento internazionale alla neolaureata in Ingegneria Navale per una tesi su un innovativo sistema propulsivo che permette di ridurre le emissioni inquinanti delle navi


Il RINA-d’Amico “Student Naval Architect Award” è stato conferito oggi dalla Royal Institution of Naval Architects – associazione professionale britannica degli ingegneri navali fondata a Londra nel 1860 – in collaborazione con il Gruppo d’Amico a Rebecca Benassi, neolaureata in Ingegneria navale presso l’Università di Genova.


La cerimonia di premiazione quest’anno si è svolta, come nel 2020, da remoto a causa della pandemia e ha visto la partecipazione online di Chris Boyd, Chief Executive RINA, di Maurizio d’Amico, presidente RINA, di Francesco Rotundo, Group HR Director del Gruppo d’Amico, del professor Carlo Podenzana e della professoressa Paola Gualeni della facoltà di Ingegneria Navale dell’Università di Genova, insieme a tutti gli studenti.

Rebecca Benassi ha ottenuto il Premio con una tesi dal titolo “Study of a combined LNG-electric propulsion system for a ferry”, sviluppata su uno dei temi attualmente più importanti della ricerca in campo navale: quello dello sviluppo di nuovi sistemi di propulsione. Il progetto in particolare sviluppa un modello di repowering (rimotorizzazione) di un traghetto di grandi dimensioni, a propulsione elettrica integrata di originale concezione e interamente alimentato a gas naturale, combustibile economico e pulito. Combinando le potenzialità di motori dual-fuel e di una turbina a gas, tale soluzione propulsiva garantisce condizioni di elevata efficienza in un ampio range di velocità della nave, permettendo di minimizzare consumo di combustibile ed emissioni inquinanti, in accordo con le attuali normative internazionali in ambito di tutela ambientale.

Lo “Student Naval Architect Award” viene conferito dalla Royal Institution of Naval Architects in più di 30 Università nel mondo, tra cui la storica Università degli Studi di Genova, selezionata per la sua grande tradizione e collaborazione con il mondo navale.

La storica vicinanza del Gruppo d’Amico alle realtà accademiche marittime è volta a costruire, assieme a giovani con una formazione d’eccellenza e alle istituzioni di livello internazionale, il futuro dello shipping.
Al fine di promuovere e favorire lo scambio di informazioni tecniche e scientifiche nell’ambito della progettazione e della costruzione navale, nel corso del tempo è stata consolidata la collaborazione con la Royal Institution of Naval Architects, l’associazione professionale britannica degli ingegneri navali fondata a Londra nel 1860, e con il Dipartimento di Ingegneria Navale dell’Università di Genova (DITEN).

Nel corso dell’evento il Chief Executive di RINA Chris Boyd ha dato il benvenuto nell’organizzazione ad uno studente dell’Università degli Studi di Genova che parteciperà attivamente, in rappresentanza del corpo studentesco, alla vita e alle attività della Royal Institution. La possibilità di esprimere uno “student rapresentative” viene concessa a cinque Università in tutto il mondo.

“La Royal Institution of Naval Architects desidera ringraziare l’Università di Genova, la facoltà di Ingegneria Navale per la calorosa accoglienza e l’invito a partecipare alla cerimonia di premiazione di quest’anno” ha dichiarato Chris Boyd, Chief Executive della Royal Insitution of Naval Architects. “Questo prestigioso riconoscimento è un risultato molto importante per molti studenti che stanno compiendo i primi passi nell’industria marittima o nel mondo accademico.

È un piacere promuovere al fianco della Prof.ssa Gualeni, del Prof. Podenzana e di tutto lo staff dell’Università di Genova l’eccellente lavoro svolto dall’Università. È un privilegio lavorare con il Gruppo d’Amico e siamo orgogliosi di aver consegnato il RINA-d’Amico Naval Architect Award a Rebecca Benassi. È stato molto interessante presentare la nostra visione futura e discutere di innovazione focalizzata principalmente sulla sostenibilità e degli obiettivi che dobbiamo raggiungere per quanto riguarda la decarbonizzazione e l’EEXI.

Abbiamo molte iniziative in campo e in questa occasione abbiamo dato il benvenuto a bordo ad Alessia Fazzolari come nostra Student Champion e ambasciatrice del RINA a Genova. Lo Student Champion consente agli studenti di essere costantemente in contatto con la Royal Insititution of Naval Architects, con la filiale di Genova e le associate internazionali permettendo di usufruire del network e del bacino di informazioni. Siamo entusiasti di iniziare questa nuova avventura con Alessia Fazzolari.”

Nella stessa occasione è stato ricordato l’Ingegner Lucio Bonaso, scomparso negli scorsi mesi e per oltre vent’anni a capo delle attività nel settore Dry Cargo del Gruppo d’Amico. L’Ing. Bonaso, laureato nel 1973 in Ingegneria Navale e Meccanica all’Università di Genova, è sempre rimasto legato all’Università da rapporti di stretta collaborazione.

“Riconoscere e valorizzare i talenti è strategico per saper interpretare le nuove sfide del mercato, le sue continue trasformazioni e per raggiungere nuovi obiettivi. Il Gruppo d’Amico è impegnato da sempre a promuovere percorsi formativi per i giovani studenti che con interesse e passione costruiscono le basi di quella che sarà la loro esperienza professionale nel settore dello shipping.

Oggi siamo molto lieti di poter premiare Rebecca Benassi che con la sua tesi affronta un tema di frontiera per la ricerca in campo navale: quello dello sviluppo di soluzioni tecnologiche che un decisivo impatto avranno sulla riduzione delle emissioni e quindi sul rafforzamento del contributo che anche le aziende dello shipping daranno all’imperativo della transizione ecologica” ha dichiarato Francesco Rotundo, Group HR Director di d’Amico Società di Navigazione.

Si apre la stagione della grande vela internazionale in Liguria, in attesa di The Ocean Race Europe a giugno

Dopo tanti mesi di fermo forzato, ritorna la grande vela a Genova e in Liguria. Già da questo fine settimana con le Regate di Primavera – Splendido Mare Cup di Portofino, organizzate dallo Yacht Club Italiano, e che aprono la stagione agonistica. Una stagione che si preannuncia ricchissima e che culminerà con l’arrivo di The Ocean Race Europe a Genova dal 16 al 20 giugno prossimi.

The Ocean Race Europe è un nuovo evento che vedrà impegnati alcuni dei migliori velisti ed equipaggi al mondo, in una regata a tappe con partenza da Lorient, in Francia e arrivo a Genova. Un’occasione storica per il capoluogo genovese, che grazie anche alla sua grande tradizione marinara e sportiva, per la prima volta sarà sede finale di tappa di un evento di vela oceanica di livello mondiale.

Questa regata europea, inoltre, rappresenta un vero assaggio per appassionati e cittadini e il primo passo sulla rotta per l’edizione 2022-23 del giro del mondo in equipaggio, The Ocean Race, che segnerà il cinquantesimo anniversario dell’evento, e che vedrà Genova diventare per due settimane la capitale indiscussa della vela globale.

Gli organizzatori genovesi stanno infatti mettendo a punto una serie di iniziative nella zona del Porto Antico, che ospiterà la flotta delle barche partecipanti, dedicate al pubblico di ogni età con attività educative, sportive e di intrattenimento.

E non solo, per rendere ancora più interessante il programma, il giorno 19 giugno nelle acque genovesi si svolgerà anche una regata costiera, valida per la vittoria in caso di parità fra team, che potrà essere seguita dalla costa a levante, oppure dal mare.

Oltre aIl’aspetto puramente sportivo The Ocean Race Europe sarà occasione per sostenere un forte programma di sostenibilità, con iniziative di educazione per i più giovani, raccolta di dati scientifici a bordo di alcune barche e tavole rotonde sui temi sociali e ambientali con l’obiettivo di trovare soluzioni per la salute degli oceani e la mitigazione del cambiamento climatico. Gli equipaggi saranno invitati a partecipare al premio The Ocean Race Guardians che premierà la best practice in tema sostenibilità, assegnato il 19 giugno a Genova in occasione della cerimonia di premiazione generale.

Appuntamento quindi per tutti a Genova, nell’area del Porto Antico dal 17 al 20 giugno per ammirare la flotta, conoscere i protagonisti e partecipare alle animazioni del villaggio.
L’area del Porto Antico di Genova @Genova Città Digitale
Il poster promozionale di The Ocean Race Europe a Genova

The Ocean Race Europe

The Ocean Race Europe partirà dal porto bretone di Lorient, il 29 maggio, con tappe a Cascais, in Portogallo e Alicante in Spagna, prima dell’atteso finale di Genova. Durante l’evento saranno disputate anche due regate costiere, che assegneranno punti bonus ai primi tre classificati.

Ogni tappa offshore durerà circa tre/quattro giorni, a seconda della distanza e delle condizioni meteo. Le regate costiere mirano a durare dalle tre alle cinque ore.

I team regateranno in due classi: i veloci monotipo VO65 e gli innovativi e super-tecnologici IMOCA 60. Le flotte VO65 e IMOCA regateranno in divisioni separate per aggiudicarsi il trofeo The Ocean Race Europe di classe. Tutti gli equipaggi avranno almeno una velista donna in squadra e molti imbarcheranno velisti under 30.

Prima della partenza da Lorient, quattro equipaggi VO65 provenienti dal nord Europa, correranno The Ocean Race Europe Prologue, con tappe a Klaipeda, in Lituania; Gdynia in Polonia e Stoccolma in Svezia.

The Ocean Race Europe – Programma provvisorio
29 maggio – Partenza tappa – Lorient, Francia
5 giugno- Regata costiera – Cascais, Portogallo
6 giugno – Partenza tappa – Cascais, Portogallo
13 giugno – Partenza tappa – Alicante, Spagna
19 giugno – Regata costiera – Genova, Italia

Team partecipanti a The Ocean Race Europe
Classe VO65
AmberSail (LIT)
Austrian Ocean Race Project (AUT)
Mirpuri Foundation Racing Team (POR)
Sailing Poland (POL)
Viva Mexico (MEX)
Team Childhood 1 (SWE / NED)
AkzoNobel Ocean Racing (NED)

Classe IMOCA
11th Hour Racing Team (USA)
CORUM L’Epargne (FRA)
LinkedOut (FRA)
Offshore Team Germany (GER)
Bureau Vallée (FRA)

** The Ocean Race Europe avrà come priorità la salute dei velisti, dei team e del pubblico e rispetterà tutte le restrizioni COVID19 in ogni città visitata.

Trofeo Avesani: Dodici i Protagonist di scena a Castelletto di Brenzone

Castelletto di Brenzone– A due settimane di distanza dal Trofeo Bianchi, passato in archivio con la vittoria di Whisper, la Classe Protagonist è pronta per il secondo appuntamento del suo calendario agonistico: occasione del nuovo rendez-vous sarà il Trofeo Avesani, organizzato nel corso del week end entrante dal Circolo Nautico Brenzone.

Dedicato a Luca Avesani, figlio di Luciano Avesani, armatore di ITA-58 che porta lo stesso nome del figlio, è senza dubbio uno degli eventi più sentiti e partecipati della Classe, in virtù dello spirito di gruppo che da sempre lega gli armatori del mondo Protagonist.

Sabato e domenica, meteo permettendo, i dodici team iscritti si confronteranno su un massimo di cinque prove, anche se ne sarà sufficiente una sola per dare validità all’evento.

Ricordiamo che il Trofeo Avesani è il penultimo appuntamento prima del Campionato Italiano di Riva del Garda (4-6 giugno): tra il 22 e il 23 maggio, infatti, a Gargnano si svolgerà la Gentlemen’s Cup.

Campionato nazionale SB20, a Venezia la seconda tappa

Tre giorni di sport, ospiti della Compagnia della vela

Venezia- La Compagnia della Vela di Venezia ospita la seconda tappa del campionato nazionale di classe SB20. Questo fine settimana, da oggi a domenica, otto partecipanti si sfideranno tra le acque veneziane nel campo di regata antistante alla spiaggia del Des Bains.
La classe “ad armi pari” degli SB20 è oggi molto sviluppata in nazioni come Portogallo e Inghilterra, oltre che in Italia, dove dopo un periodo di declino, sta tornando a interessare i velisti.

Per quanto riguarda l’evento, partito oggi alle 13, si terranno quattro prove al giorno fino a domenica. Da domani l’orario di partenza potrebbe variare in relazione alle condizioni del vento, che fino ad oggi sono state di buon auspicio: «Speriamo che le condizioni meteo vissute in questi giorni possano proseguire, regalando così un fine settimana di divertimento all’insegna dello sport all’aria aperta come la vela», ha commentato il vicepresidente della Compagnia della Vela Francesco Martina.

Questa mattina si è tenuto lo skipper meeting (riunione pre-gara) per fornire le informazioni agli equipaggi, seguito dalla pesa, dato che gli atleti non devono oltrepassare i 270 chili.
«L’intenzione è quella di cercare di creare un circuito residente a Venezia affinché gli equipaggi possano utilizzare la flotta della Compagnia della Vela, evitando così tutte le difficoltà legate alla logistica veneziana», ha proseguito Martina.


Da ultimo, il vicepresidente ha sottolineato la partecipazione, nutrita, del circolo veneziano: «C’è soddisfazione per esser riusciti a imbarcare soci della Compagnia giovani e meno giovani, anche con passato agonistico importante».
Tra i presenti che prenderanno parte all’evento c’è anche il presidente della classe SB20 Paolo Trevisan, a bordo della barca numero 6.

Esprime positività il presidente della Compagnia della Vela PierVettor Grimani: «Siamo particolarmente soddisfatti per questa manifestazione che vede la flotta della Compagnia della vela in prima linea. Il fatto che la classe abbia scelto il nostro circolo per una tappa del campionato nazionale è la conferma di un successo degli investimenti effettuati dalla Compagnia».

Infine il club veneziano ricorda che il suo “Open day” si terrà, per adulti e ragazzi, tra il 30 maggio e il 2 giugno, giornata, quest’ultima, che si estenderà ulteriormente anche ai più piccoli.

Sostegni: Mura (Pd), ok indennità per portuali di Cagliari

“Non sarà ancora l’Agenzia dei lavoratori del transhipment, su cui avevamo lavorato, ma per tutto il 2021 i portuali di Cagliari beneficeranno di una indennità specifica consentendoci di lavorare su soluzioni più solide per il futuro che poggino su un rilancio del porto canale anche grazie alle risorse appositamente destinate dal Recovery.

È un risultato importante e molto atteso, frutto di un lavoro di squadra fra i parlamentari sardi che dovremo esser capaci di attivare più spesso”. Lo dichiara la presidente della commissione Lavoro della Camera Romina Mura (Pd), a seguito dell’approvazione al Senato dell’emendamento Cucca-Floris-Fenu al Dl Sostegni che contrasta la crisi, in particolare nella movimentazione dei container.


Per Mura che insieme a Frailis e Gavino Manca, aveva presentato un emendamento apposito già nella Legge di Bilancio 2020, “si tratta di un obiettivo raggiunto anche se intermedio rispetto a quello che concordato con sindacati e Autorità portuale. Ora massimo impegno sulla valorizzazione della Zona economica speciale e del ruolo strategico della piattaforma portuale di Cagliari”.

IL PORTO DI VENEZIA REGISTRA UNA FLESSIONE CONTENUTA DEI TRAFFICI (-4,9%) RISPETTO A QUELLA DEI PRIMI TRE MESI DEL 2020

Dati porti di Venezia e Chioggia primo trimestre 2021

Zincone: “Per alcuni settori prevediamo un ritorno ai livelli pre-pandemia solo con la ripartenza del turismo e la ripresa dalla crisi economica. Per il traffico container dobbiamo essere messi nelle condizioni di proseguire con gli escavi.”

Venezia-Il volume di traffici in entrata e in uscita dal porto di Venezia nel primo trimestre 2021 si attesta su 5.514.867 tonnellate con una flessione del 4,9% più contenuta rispetto a quella registrata negli stessi mesi dell’anno scorso. A partire dal mese di marzo 2021 infatti ha preso avvio una fase di rimbalzo per effetto del lockdown totale dello scorso anno. Il porto lagunare, in linea con gli altri porti italiani comparabili sotto un profilo di mercato e funzionale, continua tuttavia a registrare una riduzione generale dei traffici (pari al -8,9% dal 2019 ad oggi) riconducibile alla crisi economica determinata dalla pandemia.

Rispetto al primo trimestre del 2020 le rinfuse liquide segnano un -8,7% (-194 mila tonnellate), quelle solide che comprendono anche il carbone, si attestano sul +10,5% (+ 126 mila tonnellate) e con i prodotti cerealicoli e siderurgici a segnare rispettivamente un +17,4% e un +31,8%. Il general cargo registra un -9,1% (pari a -217 mila tonnellate).

Nel periodo aprile 2020-marzo 2021, ovvero negli ultimi 12 mesi, rispetto al periodo aprile 2019-marzo2020 si registra una flessione in tutti i settori merceologici che risulta riconducibile, nel caso dei prodotti petroliferi in generale alla minore attività legata al trasporto aereo e automobilistico dovuta alle restrizioni da pandemia, in quello dei prodotti agroalimentari e siderurgici all’andamento della situazione economica generale e per quanto riguarda il settore carbonifero alla Strategia Energetica Nazionale e quindi indipendenti dalle dinamiche portuali di Venezia.

In calo il settore container che perde 13 punti percentuali (-77.263). Tale contrazione è dovuta alle strategie armatoriali (nella fattispecie la riduzione dell’offerta di stiva e il conseguente innalzamento dei noli, la concentrazione negli scali Hub per un effetto di economia di scala), dall’abbandono della linea diretta con il Far East che AdSP MAS sta cercando di recuperare grazie all’operazione di escavo manutentivo del canale Malamocco-Marghera in corso, e infine dalla morfologia dello scalo veneziano che non consente, anche in presenza di canali dragati, l’arrivo di portacontainer superiori alle 8500 Teu.

Di segno negativo anche il traffico crocieristico (-100%) che inizierà a riavviarsi auspicabilmente a partire da giugno con la ripresa dell’attività.

Il volume di traffici in entrata e in uscita dal porto clodiense nei primi tre mesi del 2021, invece, si attesta sulle 276mila tonnellate, + 25,4%. Un segno positivo legato però all’annullamento dei traffici conosciuto nello stesso periodo del 2020. Nei primi tre mesi del 2021 risulta in aumento del 33,7% il general cargo. Nel confronto anno su anno, dal 2019 ad oggi, anche per Chioggia si continua a registrare una riduzione generale dei traffici pari a -19,2%. Nel periodo aprile 2020-marzo 2021, ovvero negli ultimi 12 mesi, rispetto al periodo aprile 2019-marzo2020 si registra un calo del 19.2% delle movimentazioni totali imputabili per lo più alla diminuzione di prodotti siderurgici e merci varie.

Cinzia Zincone, Commissario straordinario dell’AdSP MAS commenta così i dati: “I porti veneti stanno scontando una riduzione dei traffici che riguarda un po’ tutti i settori merceologici connessa alla crisi economica da Covid 19. Si intravedono però interessanti segnali di ripresa. Nei primi mesi di quest’anno, infatti, i dati mostrano una flessione più contenuta rispetto a quella registrata nello stesso periodo dello scorso anno che interpretiamo come l’avvio di una fase di rimbalzo che fa seguito però alla caduta di produttività registrata a partire da marzo 2020. Ci attendiamo, soprattutto per i settori che incidono maggiormente in questo trend negativo perché strettamente connessi all’andamento dell’economia, un rapido ritorno ai livelli pre-pandemia grazie alla piena ripartenza di tutte le attività.

E’ importante sottolineare che per il porto veneziano diventa fondamentale la ripresa del settore container; ripresa subordinata nel breve e medio periodo alla possibilità di proseguire con i dragaggi manutentivi e al recupero della linea diretta con l’estremo oriente non appena aumenterà la domanda. È chiaro che sarà necessario affrontare la sfida imposta dal gigantismo navale che si potrà vincere solo accogliendo le promesse del Governo di proiettare il porto anche fuori dalla laguna.”

Splendido Mare Cup-Regate di Primavera: Pendragon e il Lightbay Sailing Team conquistano i line honours della prima prova

Portofino- Si sono rivelate subito convincenti le performance di Pendragon tra le boe della Splendido Mare Cup-Regate di Primavera. Lo scafo condotto dal Lightbay Sailing Team, con Lorenzo Bodini alla tattica e Branko Brcin stratega, ha infatti conquistato i line honours della costiera dipanatasi lungo un percorso a triangolo che, da Portofino, ha portato le barche verso una boa posizionata al largo di Lavagna prima di impiegare gli equipaggi in un lungo bordo di lasco, utile a raggiungere una boa localizzata circa tre miglia a Ponente rispetto al Faro di Portofino, nei pressi del quale il Comitato di Regata ha rilevato gli arrivi.

Disputata in regime di brezza tesa da Scirocco e onda di circa un metro e mezzo, la regata si è rivelata alquanto ostica, specie nelle battute iniziali, quando la flotta ha dovuto bolinare per negoziare il raggiungimento della boa al vento.

Uscito dalla linea non senza qualche difficoltà, Pendragon ha contenuto il danno nelle battute iniziali, quando a premiare i diretti avversari è stata la maggior lunghezza al galleggiamento. Gerarchie rivoluzionate durante la navigazione al lasco, quando il Maxi timonato da Carlo Alberini ha mostrato di poter fare un “modo basso” molto più efficace rispetto agli avversari.

Una differenza che ha permesso allo scafo gestito dal Lightbay Sailing Team di prendere il comando delle operazioni verso la metà del secondo lato e di difendere la propria leadership dagli attacchi di Capricorno e di Twin Soul B, tra gli ultimi ad arrendersi davanti al passo di Pendragon.

Al momento di redarre questo comunicato, il Comitato Organizzatore non ha ancora reso note le classifiche in tempo compensato, anche se dai primi conteggi sembrerebbe che Pendragon abbia fatto sua la quarta piazza.

A bordo di Pendragon regatano Carlo Alberini, Lorenzo Bodini, Branko Brcin, Marco Furlan, Francesco Agostini, Ettore Mazza, Iztok Knaflec, Santino Brizzi, Elena Frezza, Carlo Alberto Malagoli, Andrea Trani, Federico Del Zompo, Roberto Pellegrini, Marco Burello e Luca Falcioni. Organici al team sono il responsabile marketing Marco Alfano e la segretaria generale Martina Bucchi.

La stagione del Lightbay Sailing Team è supportata da Ilva Glass e Officine Belletti. Supportano il team Armare, BPSec, Barbato Design Studio e 23° Eyewear.

Per maggiori info sulla Splendido Mare Cup-Regate di Primavera clicca qui.


IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone

© 2021 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab