A NEW BORN, SWAN 108 AND THE FIRST SUSTAINABLE HYBRID ELECTRIC MAXI SWAN, SWAN 88

SWAN 88#01 and 108#01 SOLD
RACER
AN UPDATE ON CLUBSWAN 80: HULL LAMINATED
CLUBSWAN 125 TECHNICAL LAUNCH MID-MAY

With the announcement of the New Maxi Era and the launch of the new Swan 88 project last December, Nautor’s Swan gathered together with its team of designers at the beautiful Teatrino di Portofino and with the patronage of the town, to talk about design, style, performance and love for the ocean.


Leonardo Ferragamo, President of the company, together with Giovanni Pomati, CEO and Enrico Chieffi, Vice President walked the audience through the new projects and construction progress at the yard. Together with members of senior management, Nautor’s team of world-class designers discussed the vision, inspiration and technique behind each project.
The brand’s dual soul of racer and cruiser is clearly marked also in the Maxi models.
The ClubSwan range offers a more conceptual vision with the accent on high performance and competitive sailing potential. The Swan Maxi, from 88 to 120 feet, offers the highest expression of seaworthiness in any conditions combined with elegance, comfort, performance, style and modernity.


The unveiling of the Swan 88 last December marked the start of the New Maxi Era in the Swan range of 24+ metres. The design is an evolution of the brand’s previous popular models but with the addition of innovative features never seen before on a Swan. On top of this, the Swan 88 flags an important milestone for the yard: hull number one is already sold and will be the brand’s first hybrid electric-propulsion yacht.


” The strategic choice to divide the Nautor’s Swan range into three lines ­– ClubSwan, Swan yachts and Maxi Swan – came from the brand’s desire to address its own audience in a very specific way, using a different tone and a different approach to make their desires and dreams become reality. I’m particularly proud of everything the new Maxi Line represents,” says Leonardo Ferragamo, President. “It is a challenge for the whole team and we are building some of the most superior yachts that we have ever built. We strive to do our best every day to reach this point, and I’m on cloud nine because it is another step in the continuous evolution of the company.”

EVOLUTION IS BETTER THAN REVOLUTION
Positioned between the Swan 98 and Swan 120, the Swan 108 is based on the evolution of the previous Maxi Swan, particularly in regard to the exterior lines, but with the addition of innovative solutions never applied before by the Finnish yard.
The Swan 108 is synonymous with elegance and beauty in the perfect Swan’s DNA.


“Last December I anticipated the plan to have a bigger sister to the Swan 88 to fill the space between the Swan 98 and Swan 120,” says Giovanni Pomati, Nautor Group CEO. “It was an anticipation that we are here to announce officially. With awe-inspiring teamwork of international designers– German Frers, Misa Poggi and Lucio Micheletti – we have been able to design and sell the first Swan 108. This yacht is the expression of our philosophy: she draws on the amazing heritage we have at Nautor and sets a new and contemporary tone.”


WHAT TO EXPECT FROM THIS NEW MAXI SWAN?
Designed with moderate freeboards like every Swan yacht, this new model offers seaworthiness, great comfort at sea also in very rough conditions, and handles gently in waves.
She is a proper bluewater yacht with great performance and able to compete at top level when required.


The innovative deck layout comes in two solutions for the cockpit. The owner can choose a step in the aft deck area or a completely flush deck. Both solutions mean that the area is suitable for sunbathing or just as a lounge area to sit and relax.
“We always start a project with a clean slate as a way to investigate and double check the choices available and to match the briefs from the sales force closely” says German Frers. “there is no specific change you need to make once you go over a 100’ but just continue observing the mathematics and laws of physics. Specifically: length changes linearly, areas are squared, volume is cubed, stability varies to the 4th exponent”.


The innovative coachroof is beautiful yet functional with an extra-large companionway leading to the saloon to give an idea of continuity with the cockpit. Innovation isn’t only in style but also functionality, for example helm stations have been moved forward and in a higher position to enhance visibility and control of the yacht bringing the aft part of the cockpit completely available for sunbathing, relaxation and the beach club area.


“The Swan 108 conveys to future owners an idea of ​​beauty starting from her natural elegance,” says designer Lucio Micheletti. “We revisited the shapes and technical surfaces of the coachroof, modeling the lines to reach a point of maximum balance by playing with aerodynamics and proportions. We wanted a shape smoothed by the wind where the essential and dynamic lines were enhanced. We needed to find a new and timeless style that carries the Swan brand forward, a boat conceived around a new luxury where the future reinterprets the classic.”


The sail plan takes advantage of the brand’s experience in building performance cruiser yachts for efficiency and easily managed sailing. For the mainsail any possibility, from the cruising oriented in-boom furling to racing square top mainsail, is available, while the long base of the fore triangle allows having up to four stays to divide the forward sail area.
The interiors, designed by Nautor’s interior team and Misa Poggi, offer great livability and comfort for both the owner and guests. The yacht has an owner’s suite forward plus three guest cabins complete with private heads.
“Air, light, space: these are the three pillars I bear in mind while designing a Swan,” says interior designer Misa Poggi.

“I work with materials and colours obtained from a careful selection, thinking above all about the tactile and visible sensation to achieve different moods. I choose light colours to give an idea of breadth and dark colors for a more intimate atmosphere. Everything should give the idea of being immersed in a bright space in perfect harmony with the outside.”
The Swan 108 offers great privacy to both owner and crew, who have a separate area with three cabins and a crew mess.
The interiors present a very bright and light saloon, with three levels of windows creating a spectacular atmosphere.

The ClubSwan 80 is the latest in the ClubSwan family with the aim of creating a new class of one-design yachts in the Maxi yacht segment.
Performance is a vital element of this project. The first unit is under construction at Persico Marine, a strategic partner. The choice of this key player for the build comes from the values of innovation and technology that both companies share.
At the moment the hull is being laminated. The next phase is inserting the bulkheads into the hull while still inside the mould. On completion, the hull will finally come out of the mould and installation of all the systems will begin.


The yacht is benefitting from cutting-edge technologies: CNC robotic machines, tape placement for the lamination and a plotter for preparing the pre-preg pre-cut carbon fibre before lamination help to optimise the construction time and satisfy demanding clients.
“You can buy comfort but you never buy performance” insists Enrico Chieffi, Nautor Group Vice President. In fact, the standard interiors are very clean and stylish and light in weight, but she comes with a full list of options to enrich the set-up according to the owner’s needs.


“This is an amazing boat with incredible performances: in real time she will be faster than any hundred-footer and that is something very unique,” says Chieffi. “She will be very competitive in rated racing too. We have made a lot of simulations drawing on the different rating rules and the boat proved to be very competitive. The combination of outstanding performance both for one-design and rated competition is a real win-win situation for us.”


The first ClubSwan 80 will be launched in Spring 2022 and the idea is to have two units sold by the Rolex Maxi Cup 2022 to kick-start the class and take advantage of the established worldwide regatta circuit. ClubSwan Racing Office is further developing the sport with its dedicated one-design class rules with a limited number of crew and professionals onboard, a limited wardrobe of sails and the owner at the helm, promising great fun and a high level of competitiveness.

Port of Gothenburg set to introduce Berth Planner for smart calls

A new digital tool will make calls at the Port of Gothenburg more time-efficient, cost-effective, and environmentally smart. Berth Planner, developed by the Gothenburg Port Authority in partnership with the Finnish company Awake.AI, is due to be launched after the summer. It is a unique initiative that will provide shipbrokers, pilots, and mooring personnel with the tool they have sought for years.

– We’re working on several fronts to digitalise the port, not only to make calls more efficient but also to visualise freight flows. Berth Planner is just one of a series of investments that we are making to propel the Port of Gothenburg into the future, said Martin Johannesson, IT Manager at the Gothenburg Port Authority.

The provider chosen was Awake.AI, a Finnish company that is very much at the forefront in digital solutions for advanced port operations.

– Port of Gothenburg aims to be one of the world’s most competitive port. We are excited to be part of their digitalization journey and provide Port of Gothenburg with an integrated, smart and user-friendly berth planning tool that will optimize port call and improve collaboration between all port actors, said Simo Salminen, VP of Product, Awake.AI.

Berth Planner offers opportunities
Berth Planner offers two-way integration – for in-house use by berth planning personnel at the Port of Gothenburg, and for external use by the various parties involved in port calls.

– Berth Planner is more powerful and more comprehensive than anything that is currently available. Traffic coordinators at Port Control, safety and security coordinators at the Energy Terminal, and the port’s production planners will now have a schematic overview at their disposal. It is similar in many ways to a traditional school timetable, where we can see which ships are moored at the different berths. Using the map service, we can choose from a list of time slots for each berth. This allows us to see which vessel is due to moor at a particular berth at a particular time. The positioned vessels at berths that have GPS bollards can be seen on the map, said Fredrik Rauer, traffic coordinator at the Gothenburg Port Authority.

Rapid, accurate information is fundamental in an efficient port call process. A vital element in this process is satisfying the need for a status overview in the planning system. This is where the second part of Berth Planner comes in. Berth Planner provides access to rapid, relevant status information for external parties, including the pilots, personnel at the Klippan mooring company, and ship’s agents, all of whom have a key role to play in the process. The system ensures greater accuracy and predictability, making it more time-efficient, cost-effective, and environmentally smart.

– It is important that the call status is transparent and can be communicated clearly to external parties. At present we receive vessel notification from the agent 24 hours before arrival. We then examine the safety and security parameters to determine if the vessel can moor at a particular berth. Coordination with the terminal reveals whether this is possible or not. There could be two or three vessels that overlap. From an external point of view, there would appear to be a risk of conflicting arrival and departure times. With Berth Planner we can allocate a status that has already been coordinated with the terminal and by doing so we can see those vessels that have been confirmed and those that are pending. Berth planner enables faster turnaround times and expands the value in our service offering to the port cluster. With more advanced call scheduling, we anticipate time savings and improved efficiency, not only for our operating personnel but also for the shipping companies. And with the added bonus that we are taking a further step towards achieving our environmental goal of a 70% reduction in carbon emissions at sea, at the terminal, and on land – all thanks to increased digitalisation and an enhanced information flow. Not to mention improved situational awareness and collaboration between everyone involved, said Fredrik Rauer.

The detailed product description and expected benefits will be presented on the 12th of May when Awake.AI will host a webinar together with the Gothenburg Port Authority to explain the new digital Berth Planner in more detail.

Join the webinar Berth planner here https://www.awake.ai/webinar-berth-planner

BIMCO, ICS, INTERCARGO and INTERTANKO launch new fuel oil survey

Nuova indagine lanciata da BIMCO, ICS, INTERCARGO e INTERTANKO

Il limite globale di zolfo per il combustibile per uso marittimo imposto dal 2020 dall’IMO, Organizzazione marittima internazionale, è in vigore da più di un anno.

BIMCO, International Chamber of Shipping (ICS), INTERCARGO e INTERTANKO chiedono a Fleet Manager, Vessel Manager, Ispettori di Compagnia, Comandanti e Direttori di Macchina di condividere le loro esperienze con i combustibili marini in un nuovo sondaggio volto a identificare potenziali qualità e problemi.

A seguito dell’indagine di settore condotta nel primo trimestre del 2020, che ha evidenziato che il passaggio ai combustibili a basso tenore di zolfo non è avvenuto senza problemi, le quattro organizzazioni stanno lanciando una nuova indagine, questa volta con l’obiettivo di approfondire ulteriormente le problematiche incontrate dall’industria, in particolare riguardo alle questioni relative al rifornimento e all’uso di combustibile per uso marittimo.

Questa indagine durerà un anno fino, al 1 ° maggio 2022 e le informazioni raccolte aiuteranno a identificare aree specifiche nella catena di approvvigionamento e gestione del carburante che necessitano di miglioramento.

Il sondaggio si compone di due diverse sezioni, che possono essere presentate separatamente:

-La sezione 1 contiene domande relative alla qualità del combustibile, rivolte solo alle navi che utilizzano combustibile conforme, ad esempio VLSFO (Very Low Sulphur Fuel Oil – tipo di carburante marino contenente un contenuto di zolfo inferiore allo 0,5% e quindi conforme alle normative IMO 2020) e ULSFO (Ultra-low sulfur fuel oil (tipo di carburante marino contenente un contenuto di zolfo inferiore allo 0,1%)

-La sezione 2 contiene domane relative alla quantità di combustibile e riguarda le navi che utilizzano sia combustibile conforme che HSFO (High Sulphur Fuel Oils –con un contenuto di zolfo superiore a 0,50% m / m in combinazione con scrubber.

Le risposte e qualsiasi prova correlata sono richieste alle navi che operano in tutto il mondo al fine di ottenere una comprensione dettagliata di tutti i problemi che l’industria dello shipping ha incontrato in merito al carburante. Le informazioni ottenute dal sondaggio aiuteranno a migliorare la qualità, la quantità e gli standard di sicurezza del combustibile per uso marittimo attraverso il lavoro correlato presso l’IMO e altri forum.

World’s Best Sailors Primed for Epic Finn Gold Cup in Porto

2019 Finn Gold Cup – Melbourne, Australia

The Finn Gold Cup has been part of the fabric of the sport of sailing for 65 years, an iconic trophy that is reputed to be more difficult to win than an Olympic Gold medal and which has made legends out of not only those who have lifted the prestigious cup, but also those who have tried.

The 65th Finn Gold Cup opens in Porto, Portugal, this week with around 60 sailors from 33 nations taking part. It is the first time that the whole fleet will race together since the 2019 Finn Gold Cup in Melbourne, Australia.

The event also offers the final opportunities for nations to qualify for the Tokyo Olympics, with one European place and one African place on offer.

The fleet includes four previous world champions, including the defender Josh Junior, from New Zealand, who hasn’t raced a major Finn event since victory in 2019. However he has of course, along with Andy Maloney who is also in Porto, won the America’s Cup in the meantime.

The 65th Finn Gold Cup comes at a strange time in the history of this outstanding class, both because of Covid restrictions and the uncertainty over its inclusion at Paris 2024. In 1956 the Finn Gold Cup was introduced to bring the best sailors in the world together for a week of racing. It is still doing that and there is little doubt next week’s battle on the ocean off Porto should be epic.

Registration and measurement run from Wednesday 5 to Friday 7 May, followed by a 10 race series from 8-12 May.

List of Entries: http://2021.finngoldcup.org/entry-list/

La qualità dei magazzini per le spedizioni internazionali

Milano. Interessante ricerca sulla qualità dei magazzini utilizzati dalle imprese di spedizioni internazionali, portata avanti dall’Osservatorio sull’Immobiliare Logistico (OSIL) della LIUC Business School, in collaborazione con World Capital, nello scorso anno 2020. I risultati della ricerca su più di 280 magazzini per un totale di oltre 7milioni di mq, sono stati presentati durante il webinar di ieri, organizzato da Fedespedi.

La ricerca ha interessato un campione significativo di magazzini suddivisi per trasporto aereo, mare o terra, ha evidenziato:- il 25% degli immobili analizzati raggiunge un punteggio di qualità medio -alto, superiore al 70%; – mentre il 9% totalizza uno score complessivo superiore al 80%; – il 60% dei magazzini analizzati si classifica nella fascia 61-70% del punteggio massimo attribuibile (in una graduatoria da 0 a 100); – il 20% fra 71 e 80%¸- oltre il 10% fra 31 e 60% e meno del 10% da 0 a 10%. La ricerca ha messo in luce che ancora esistono immobili vetusti, concepiti secondo logiche che non soddisfano pienamente i requisiti qualitativi richiesti dagli spedizionieri.

La maggior parte dei magazzini esaminati (84%) dista meno di cinque kilometri da un casello autostradale o da uno svincolo di strada tangenziale.
La metodologia utilizzata per condurre le analisi di qualità (assoluta e relativa di un magazzino) è stata innovativa perché ha considerato quattro ambiti: location (contesto di riferimento e prossimità reti di trasporto), esterno (piazzali, aree esterne e baie di carico), edificio (forma e dimensioni e struttura), interno (uffici e spazi accessori, dotazioni impiantistiche).
Naturalmente, la qualità per ciascun magazzino è stata differente secondo la modalità di trasporto considerata (diverse scale di peso).

Infatti, il layout irregolare dell’immobile ha un impatto più grande sul trasporto via terra, rispetto a quello mare, o ancora, non possedere la certificazione TAPA penalizza maggiormente il trasporto aereo rispetto a quello mare. Gli standard TAPA (Transported Asset Protection Association) servono per ridurre le perdite nelle catene di fornitura internazionali e sono generalmente richiesti per il trasporto di prodotti farmaceutici, tabacco e derivati, prodotti hi-tech, abbigliamento di lusso e molti altri beni ad alto valore.


Gli interventi.
Silvia Moretto, Presidente di Fedespedi: “Ringrazio tutte le imprese di spedizioni che hanno partecipato a questo progetto di ricerca. Circa due terzi dei magazzini analizzati hanno ricevuto una valutazione buona e un quarto ottima, a riprova di quanto l’attività di spedizioni richieda strutture che garantiscano efficienza e flessibilità per offrire un servizio di qualità al cliente. In particolare, come messo in luce dalla ricerca, la flessibilità è una caratteristica determinante degli immobili logistici per le spedizioni internazionali al fine di garantire la fluidità dei flussi commerciali.

L’importexport dei DPI – cresciuti esponenzialmente nel 2020 rispetto all’anno precedente – ne sono un valido esempio: questi volumi, mai visti prima, sono transitati per i magazzini delle società di spedizioni, che hanno strutture dotate della duttilità e della flessibilità necessarie per rispondere a picchi imprevisti, diverse caratteristiche delle merci e molteplici modalità di trasporto”.


Fabrizio Dallari, Direttore dell’OSIL della LIUC Business School:
“L’obiettivo della nostra ricerca è stato quello di elaborare un modello di rating della qualità degli immobili per il comparto delle spedizioni internazionali tramite l’individuazione degli elementi chiave per il funzionamento logistico dei magazzini. Uno strumento utile per proprietari di immobili, SGR, fondi di investimento e operatori logistici coinvolti nei processi di selezione degli immobili, sia per uso che per investimento“.


Andrea Faini, CEO di World Capital:
“L’avere un servizio eccellente nel settore delle spedizioni internazionali richiede un’elevata qualità dell’immobile logistico in cui viene svolta l’attività. Il valore delle merci gestite nei magazzini degli spedizionieri richiede sempre più un’attenta cura dei processi di consolidamento, controllo e smistamento che avvengono in spazi progettati ad hoc. Per questo è importante fornire immobili logistici di qualità, performanti e dotati di tutte le caratteristiche che abbiamo visto essere funzionali per ogni tipo di trasporto.”


Sono stati inoltre presentati alcuni case history da parte di rappresentati delle imprese invitati al webinar.

Abele Carruezzo

G7 Trasporti: rilanciare i collegamenti internazionali in piena sicurezza per operatori e utenti

Il Ministro Enrico Giovannini: “Il settore dei trasporti e della logistica è fondamentale per la ripresa dell’economia e della resilienza dei Paesi”

MIMS– Il Ministro delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili, Enrico Giovannini intervenendo alla Ministeriale G7 Trasporti questo pomeriggio ha auspicato un rilancio progressivo degli spostamenti internazionali e sottolineato l’importanza delle campagne vaccinali, delle connessioni covid tested e la condivisione delle buone pratiche a livello multilaterale per garantire la sicurezza dei passeggeri e del personale di bordo su ogni mezzo di trasporto.

“I voli covid tested fino ad ora sperimentati – ha detto il Ministro – hanno aumentato la sicurezza e la fiducia dei viaggiatori. Ora questo modello va esteso anche ad altri mezzi di trasporto, come abbiamo fatto in Italia inaugurando di recente il primo treno ad alta velocità covid tested nella tratta Roma-Milano. Occorre inoltre lavorare sulle certificazioni digitali per facilitare gli spostamenti. Il lavoro in Europa sul Digital Green Certificate sarà basato su evidenze scientifiche e assicurerà misure di sicurezza standard e condivise, nel rispetto della privacy”.

Il Ministro ha ricordato il ruolo essenziale dei lavoratori e delle aziende dei trasporti e della logistica al fine di assicurare la resilienza e la ripresa del sistema economico internazionale. “L’importanza della vaccinazione per gli equipaggi e per gli operatori così come una comunicazione efficace verso gli utenti è fondamentale”, ha rimarcato il Ministro. “L’inclusione e la solidarietà sono principi che dovranno caratterizzare l’approccio del G7. Nessun Paese o area geografica – ha concluso Giovannini – dovrà essere lasciata indietro nella lotta contro la pandemia che deve continuare a richiedere uno sforzo comune a livello globale”.

I Ministri del G7 hanno condiviso l’opportunità di conservare uno stretto coordinamento al fine di sostenere la ripresa in sicurezza dei viaggi e dei collegamenti internazionali anche in vista della stagione estiva e dell’avanzamento delle campagne vaccinali. In tale ottica si impegnano a lavorare in modo costruttivo per facilitare soluzioni condivise e coerenti nei principali fori internazionali di riferimento, tra cui l’Organizzazione Internazionale Marittima (IMO), l’Organizzazione Internazionale dell’Aviazione Civile (ICAO) e l’OCSE.

Infine, ricordando come la crisi pandemica stia cambiando le abitudini di viaggio, il Ministro ha suggerito di avviare un monitoraggio sul cambiamento delle preferenze degli utenti e dell’impatto del settore trasporti nel perseguimento degli obiettivi di abbattimento delle emissioni di CO2.​

Inmarsat partner ufficiale per le comunicazioni satellitari di The Ocean Race per la sesta volta

Firmato un accordo esclusivo per la fornitura di servizi esclusivi di trasmissione di contenuti, servizi di sicurezza e connessioni di bordo per The Ocean Race Europe 2021 e The Ocean Race 2022-23

Con la promessa di creare uno degli eventi sportivi più connessi della storia, Inmarsat, leader globale del settore delle comunicazioni satellitari, fornirà a The Ocean Race le sue tecnologie di punta, nel ruolo di partner ufficiale per le comunicazioni satellitari per la sesta volta consecutiva.

Inmarsat è stata selezionata per fornire i suoi servizi di comunicazione satellitare e di sicurezza per The Ocean Race Europe 2021 e The Ocean Race 2022-23 grazie a un nuovo accordo esclusivo, che continua sulla rotta della collaborazione di successo che ebbe inizio con la Volvo Ocean Race 2001.

Per la 14ma edizione del celeberrimo giro del mondo a vela in equipaggio, la connettività affidabile, a cui si accede grazie alla rete di satelliti L-Band di Inmarsat, permetterà di fare enormi passi avanti nella comunicazione di bordo, a supporto del lavoro degli organizzatori e dei team nella produzione di contenuti coinvolgenti e immersivi a un livello mai visto prima.

La rete L-Band di Inmarsat garantirà connettività vitale, servizi di sicurezza e cartografia per le barche delle classi IMOCA 60 e VO65, anche dalle più remote aree degli oceani e nelle più dure condizioni meteo. Le soluzioni di Inmarsat permetteranno la trasmissione dei contenuti digitali della regata, ivi comprese le immagini live da drone, con l’obiettivo di riportare a terra più informazioni, immagini e video che mai in passato e di comunicare tutta la forza dell’evento ai fan e ai media.

Utilizzando i servizi di Inmarsat e i telefoni satellitari IsatPhone 2, i team saranno dotati di sistemi FleetBroadband 500 e FleetBroadband 250 per garantire una connessione sempre attiva attraverso il servizio Inmarsat FleetBroadband, che permette l’accesso ad applicazioni come internet, email, chiamate, previsioni meteo e telemedicina. Il servizio fornisce anche streaming IP disponibili on demand, per applicazioni live come lo streaming video di alta qualità. Inmarsat C permetterà anche una connessione dati a due vie per i servizi di emergenza e la cartografia elettronica 24/7.

Ma non solo, i sistemi Inmarsat supporteranno anche il trasferimento in tempo reale dei dati scientifici raccolti dai team in regata intorno al mondo, fra cui alcune delle zone più remote del pianeta.

Ronald Spithout, Presidente di Inmarsat Maritime, ha dichiarato: “Inmarsat è felice di lavorare ancora una volta con The Ocean Race per mostre la nostra tecnologia e per aiutare i team in una delle più dure prove di resistenza dello sport con la connettività di bordo. Sono fiducioso che le capacità avanzate, fra cui il live streaming, che forniamo creeranno un nuovo standard nella prossima edizione, così come è successo per le immagini da drone provenienti dall’oceano meridionale durante l’edizione 2017-18. Inoltre, saranno disponibili più post social media e contenuti inviati dai velisti e dagli Onboard Reporter, che porteranno il dramma e il coraggio dei protagonisti in tutto il mondo.

Con maggiori prestazioni e una maggiore sicurezza, i team potranno godere di tutti i benefici della digitalizzazione della connessione, grazie all’accesso ad applicazioni e servizi di valore aggiunto. Siamo felici di vedere che i servizi di Inmarsat diano maggiori opportunità ai team di usare applicazioni per le comunicazioni di bordo e lo sviluppo di nuove soluzioni per interpretare dati in tempo reale per la prestazione sportiva, l’analisi dei danni e per monitorare l’attrezzatura.”

Dal 1973, The Ocean Race è conosciuta come il più lungo e impegnativo evento sportivo al mondo. La prossima edizione di The Ocean Race, partirà dal porto spagnolo di Alicante nell’ottobre 2022, visiterà 10 città internazionali e si concluderà per la prima storica volta a Genova, nell’estate del 2023. La regata sarà aperta a due classi, i super-tecnolgici IMOCA60 foiling e i monotipi VO65 che completeranno il loro terzo giro del mondo nel 2022, enfatizzando i concetti di competizione, gioventù e diversità.

Richard Brisius, Presidente di The Ocean Race, ha detto: “E’ raro nello sport vedere una collaborazione che dura oltre 20 anni, ma con Inmarsat, abbiamo una perfetta condivisione di tecnologia e valori. Questo nuovo accordo ci permetterà di spingerci oltre i limiti della comunicazione. Negli ultimi 20 anni abbiamo assistito ad avanzamenti incredibili, dal mandare brevi messaggi e piccole immagini fino al live streaming di video dall’oceano meridionale. Guardando al futuro, sono fiducioso che lavorando insieme a Inmarsat, potremo continuare con innovazioni che permetteranno ai nostri fan di sentirsi sempre più connessi e vicini alla regata.”

All’edizione di debutto, The Ocean Race Europe partirà il 29 maggio dal porto bretone di Lorient e si, concluderà a Genova. Velisti provenienti da tutto il mondo regateranno sugli IMOCA 60 foiling e sui monotipo VO65 dalla costa Atlantica fino al Mediterraneo, con tappe a Cascais in Portogallo e Alicante in Spagna, sede anche di The Ocean Race.

Foto: Jesus Renedo/Volvo AB

Controllo della logistica e innovazione digitale per il rilancio dell’export italiano

Nel corso di un webinar sui rischi d’impresa nelle spedizioni internazionali è emersa l’importanza per le aziende esportatrici italiane di gestire le catena logistica per aumentare la competitività. Accento anche sul digitale e l’uso della tecnologia blockchain per semplificare i processi e ridurre i costi.

Il governo della catena logistica da parte delle aziende esportatrici, la gestione diretta degli aspetti doganali e dei rischi del commercio internazionale e l’adozione di strumenti digitali per semplificare le spedizioni possono contribuire al rilancio dell’export del Made in Italy. È quanto è emerso dal webinar “Il rischio d’impresa nella resa Ex Works”, organizzato da Accudire, ZPC e Ormesani, con la partecipazione di Silvia Moretto, Presidente di Fedespedi, e di Alfonso Santilli, Presidente di Credimpex Italia, Componente del Gruppo di lavoro di revisione degli Incoterms® 2010 e 2020 di ICC Italia.

Il webinar, seguito da più di 300 operatori tra aziende esportatrici, spedizionieri, CAD e istituti bancari, ha posto l’attenzione sui rischi connessi all’utilizzo del termine di resa ex works (franco fabbrica), la clausola che nel contratto di compravendita tra esportatore e compratore pone a carico del primo la sola obbligazione di mettere a disposizione del secondo la merce nel luogo concordato, fornendo i documenti necessari al trasporto e all’esportazione. Questa modalità di vendita, se da un lato limita le responsabilità dell’esportatore, da un altro lo espone a diversi rischi dovuti al mancato controllo della catena distributiva. La rinuncia al governo diretto della logistica comporta che i costi di spedizione, eventuali dazi e il prezzo finale del prodotto, così come i rischi connessi all’operazione commerciale, non vengano gestiti direttamente dall’esportatore, con conseguenti inefficienze organizzative, costi e fattori di rischio ulteriori.

Silvia Moretto che, oltre a guidare Fedespedi, è Vicepresidente vicaria di CONFETRA e CEO di D.B. Group Spa, ha sottolineato come l’utilizzo diffuso della resa ex works in Italia – impiegata dal 73% delle aziende italiane, con punte del 91% in Veneto, contro il 30% di quelle tedesche, francesi e spagnole (fonte SRM) – comporti una perdita di competitività. Questa, infatti, non è data solo dalla qualità dei prodotti, ma anche dalla capacità di farli arrivare nei mercati di destinazione con tempi e costi congrui. Il Supply Chain Management è, infatti, uno dei driver fondamentali su cui possono puntare le organizzazioni – attraverso ottimizzazione della supply chain, economie di scala e scelte strategiche (green, CSR) – per raggiugere i proprio obiettivi di internazionalizzazione e ottenere la soddisfazione del cliente finale.

“Delegare l’organizzazione della catena logistica al compratore estero, che si avvarrà di infrastrutture (porti, aeroporti) e fornitori esteri, rappresenta una perdita di opportunità di business per il nostro Paese”. Secondo la Presidente di Fedespedi, è quindi “necessario scegliere i giusti termini contrattuali e valorizzare la gestione professionale della supply chain da parte di un consulente esperto. Questo significa controllo dei flussi per la manifattura, ma anche sviluppo e maggiore competitività per l’industria logistica italiana. Il testo finale del Recovery Plan va in questa direzione, riconoscendo alla logistica valore e funzione strategici”.

Anche Alfonso Santilli, ricordando la funzione degli Incoterms quali regole del contratto di vendita per suddividere gli obblighi tra esportatore e compratore, ha richiamato i rischi nell’uso della resa ex works, ad esempio nella fase di caricamento della merce, nella regolazione del prezzo, nella gestione dei crediti documentari e nella relazione con le banche. “Data la sua larga diffusione, la resa ex works – ha tuttavia sottolineato Santilli – non va né demonizzata, né considerata come la soluzione migliore, ma va utilizzata con molta attenzione per prevenire situazioni di rischio”.

L’importanza strategica di pianificare i costi, dal costo dei dazi a quelli di trasporto, è stata ribadita da Zeno Poggi, Ceo di ZPC Srl, che si è inoltre soffermato sull’impatto delle barriere commerciali, delle sanzioni economiche e delle restrizioni internazionali sul mondo delle spedizioni. Gestire direttamente la spedizione permette all’esportatore di essere certo che la merce non finisca ad esempio in paesi sotto embargo o che non venga affidata dal compratore a vettori inclusi nelle blacklist internazionali, prevenendo sanzioni che in alcuni casi possono essere di carattere penale.

Andrea Ormesani, Vicepresidente di CONFETRA Nord Est, CEO di Ormesani Srl e CEO di CAD Ormesani Srl, ha affrontato le implicazioni doganali e fiscali nell’utilizzo della resa ex works negli scambi internazionali. L’accento è stato posto sulla necessità per l’esportatore di gestire direttamente, o tramite consulenti fidati, l’attività doganale, per assicurare una corretta compilazione dei documenti, conoscere le informazioni che si trasmettono all’Agenzia delle dogane e prevenire sanzioni che vanno dal 100% al 200% dell’Iva.

Le inefficienze e i rischi correlati alla resa ex works, così come le lentezze burocratiche e l’ingente documentazione da produrre e verificare nel contesto di supply chain complesse e frammentate, possono essere risolte dall’innovazione digitale, in particolare dalla blockchain. Abramo Vincenzi, CEO di Accudire Srl, ha messo in luce come questa tecnologia innovativa permetta a tutti i soggetti della filiera – dall’esportatore al compratore, passando per il vettore, le banche e il dialogo con le autorità doganali – di semplificare i processi e interagire in modo trasparente, garantendo immutabilità e certezza nella trasmissione dei dati.

La blockchain applicata al mondo delle spedizioni – che trova nella piattaforma Accudire il primo esempio in Italia – consente anzitutto di eliminare tutti i processi manuali nella gestione dei documenti, e i relativi errori, di velocizzare le operazioni e ridurre i costi. Inoltre, tra i diversi vantaggi permette di dimostrare l’avvenuta uscita delle merci dall’UE (Visto Uscire) per le spedizioni transfrontaliere e la prova di effettiva consegna per i flussi intra UE (CMR), anche per darne evidenza in tempo reale all’Agenzia delle Entrate per il rispetto del regime di non imponibilità dell’IVA.

MICHELANGELO CASADEI JOINS NAUTOR’S SWAN AS GROUP CHIEF TECHNICAL & OPERATIONS OFFICER

Mr. Giovanni Pomati, Nautor Group CEO, recently announced the appointment of Michelangelo Casadei as Group Chief Technical & Operations Officer.

Michelangelo, with a degree in Mechanical Engineering, brings a wealth of experience having spent 8 years working on product development, project management, cost control, manufacturing and sales in various companies of FIAT Group and having worked 13 years at Ferretti Group, with increasing responsibilities in the fields of Product Cost, Quality and Testing, and assuming since 2015 the Technical Management of all Ferretti Group Brands.

Reporting to the CEO, Casadei will have the responsibility to coordinate and manage the design, industrialization and operations processes for all Nautor product lines (sailing and power yachts) as well as to ensure the achievement of the company targets, with a focus on actions /projects to improve the supply chain efficiency and the manufacturing footprint.

The appointment of Michelangelo Casadei is part of the implementation of the company’s global industrial development strategy.

“It’s a pleasure to welcome Michelangelo to our team. As I said in the past, the Sailing segment needs an industrialization in the processes, in the development of the product and supply chain. In this context Michelangelo will be a valuable asset for the company going forward.” said Giovanni Pomati CEO.

LA FEDERVELA INDICA UN’ALTRA ATLETA PER LE OLIMPIADI DI TOKYO

Il Consiglio FIV recepisce le scelte del DT e del Presidente, per il windsurf RS:X femminile proposta al CONI Marta Maggetti (Fiamme Gialle)

La squadra della vela azzurra per le Olimpiadi di Tokyo aggiunge un altro tassello: il Consiglio Federale riunito in videoconferenza ha confermato le indicazioni del Direttore Tecnico Michele Marchesini e del Presidente Francesco Ettorre, e ha indicato la scelta anche per la sesta disciplina per la quale l’Italia è qualificata per i Giochi, il windsurf femminile RS:X.

WINDSURD RS:X FEMMINILE – L’atleta che rappresenterà l’Italia nel windsurf femminile alle Olimpiadi di Tokyo è la cagliaritana Marta Maggetti (Fiamme Gialle). Una scelta che era nell’aria, e che è stata protratta fino all’ultimo Mondiale concluso a Cadice, in Spagna, pochi giorni fa, dove ha avuto conferma anche grazie a un ottimo 6° posto iridato, impreziosito dalla vittoria nella Medal Race finale.


Alta 1 metro e 67 per 58 kg, surfista tecnica e istintiva, amante del vento forte, personalità schiva a terra che si trasforma in acqua, Marta ha 25 anni e va in windsurf da quando era bambina. Ha iniziato presto a raccogliere soddisfazioni, culminate con il titolo mondiale RS:X Youth nel 2013 a Civitavecchia. Passata nella squadra adulta, dove ha avuto come riferimento Flavia Tartaglini, è cresciuta fino ad acquisire una solidità di piazzamenti straordinaria che la pongono stabilmente nelle prime 5-6 atlete a livello internazionale. Lo testimoniano i piazzamenti di Marta Maggetti agli ultimi tre campionati del Mondo RS:X: 5° posto nel 2019, ancora 5° nel 2020 e 6° nel 2021, pochi giorni fa.

Il windsurf olimpico femminile è una disciplina alla quale l’Italia è storicamente legata, per le gesta indimenticabili di Alessandra Sensini (6 partecipazioni olimpiche e 4 medaglie, 1 oro, 1 argento e 2 bronzi, ancora oggi l’atleta con il record di podi olimpici nella storia della vela femminile alle Olimpiadi), e anche a Rio 2016 ha vissuto forti emozioni con Flavia Tartaglini che ha sfiorato il podio arrivando a partire dal primo posto per una Medal Race finale rivelatasi stregata. Dopo Sensini e Tartaglini, Marta Maggetti è dunque la terza atleta azzurra ai Giochi sulla tavola a vela.

LA PRIMA REAZIONE DI MARTA MAGGETTI ALLA SCELTA OLIMPICA

Marta Maggetti: “Ancora non mi rendo conto completamente, è stata una rincorsa talmente lunga, questa ufficialità mi rende molto felice. E’ stata una battaglia lunghissima, che si è protratta anche per un anno in più, e sono contenta di averla fatta con Giorgia Speciale con la quale c’è sempre stato un rapporto tranquillo e una ottima convivenza.
Ho raggiunto un obiettivo aspettato così tanto, sono stracontenta, adesso inizia la parte finale del percorso, sarà bella e impegnativa, ci sono tante cose da fare per migliorare ancora, rifinire il materiale. Il rinvio delle Olimpiadi di un anno mi ha consentito di migliorare con vento leggero, e questo mi da una possibilità in più per fare bene ai Giochi. Ringrazio tutti, la Federazione, i tecnici, le Fiamme Gialle, tutti gli amici e i sostenitori.”

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone

© 2021 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab