lunedì, Settembre 20, 2021
HomeNauticaCantieriEcoNaut: qualità, riciclabilità ed eco-sostenibilità nelle unità da diporto

EcoNaut: qualità, riciclabilità ed eco-sostenibilità nelle unità da diporto

Si è svolta ieri – giovedì 28 giugno 2012 alle ore 18 – presso la Sala delle Colonne del Reale Yacht Canottieri Savoia la tavola rotonda sul progetto Econaut sul tema della ricerca scientifica per il design nautico nel principio di crescita sostenibile e rispetto dell’ambiente. Sono intervenuti Paolo Francia, Amministratore Delegato Sly Marine, Pierluigi Turchi per Sly Marine, Riccardo Verde, CEO Schencker Italia e il Presidente del Reale Yacht Club Canottieri Savoia Pippo Dalla Vecchia.

EcoNaut è un progetto biennale di ricerca promosso da Sly Marine srl e Ri.Ba Composite srl, due aziende italiane leader nel settore nautico per la ricerca e l’innovazione che contraddistingue da sempre i loro piani di sviluppo imprenditoriale. E da sempre attente alla ricerca volta a individuare le migliori scelte produttive nel rispetto dell’ambiente.

E’ infatti in questa ottica che si inserisce il progetto EcoNaut, la cui finalità è l’individuazione delle linee guida per produrre imbarcazioni a vela a ridotto impatto ambientale. Imbarcazioni, quindi, che richiedano minori risorse naturali e minor dispendio energetico in fase produttiva, nonché maggiore possibilità di riutilizzo a fine vita. A oggi non esiste una definizione comune ufficiale per indicare la misura di ciò che è eco-sostenibile, eco-friendly, environmental friendly o altro. Noi accettiamo il presupposto (Rapporto Brundtland 1987) secondo cui: È eco-sostenibile ogni consumo che lasci alle generazioni successive la stessa quantità e qualità di risorse ereditata dalla generazione precedente.

E’ eco-compatibile qualsiasi materiale, prodotto, attività o processo che nel suo divenire continuo non provochi alterazioni all’ecosistema con cui si trova ad interagire”. Su questo si è incentrato il confronto e il dibattito che si è tenuto durante la tavola rotonda di Napoli.

Sarà infatti Sly38 il tester di produzione che, nel progredire della ricerca, applicherà via via le scelte e le metodologie individuate come best practices, offrendo così un prodotto innovativo, estremamente performante e green oriented.
EcoNaut è patrocinato e cofinanziato dalla regione Emilia Romagna, si sviluppa in collaborazione col CIRI (Centro Interdipartimentale per la Ricerca Industriale) della facoltà di Ingegneria dell’Università di Bologna, presso il Tecnopolo della Nautica di Ravenna.

RELATED ARTICLES

Most Popular