sabato, Settembre 18, 2021
HomeNewsItaliaUcina chiede Piano Marshall per la nautica

Ucina chiede Piano Marshall per la nautica

Ucina Confindustria Nautica chiede alla politica italiana un ”Piano Marshall” per la ricostruzione economica e il rilancio occupazionale del comparto. Ucina ha reso noto di aver inviato a oltre 200 candidati capilista al Senato e alla Camera le sue richieste per superare la crisi in cui versa il comparto.

Il Piano indica alcune priorita’: fiscalita’ piu’ agile e premiante per le aziende del settore, semplificazione amministrativa attraverso la revisione del Codice della Nautica, sostegno allo sviluppo della rete infrastrutturale in un’ottica ”green”, nuove politiche per la formazione e una strategia unitaria per la promozione all’estero delle coste, della portualita’ e della cantieristica italiana.

Il documento, a firma del presidente Anton Francesco Albertoni, rileva che nel quadriennio 2008-2011 il settore ha dimezzato il proprio fatturato (passato da 6,2 miliardi di euro a meno di 3,5 miliardi di euro), subendo una contrazione del mercato interno di circa l’80%. Sono stati persi in quattro anni 18.000 posti di lavoro diretti e di altri 20.000 nell’indotto. Una prima stima relativa al 2012 evidenzia un possibile calo del fatturato globale sul 2011 di un ulteriore 20%.

Tra le azioni e gli interventi prioritari, UCINA indica in ambito fiscale l’equiparazione dell’IVA sui servizi portuali turistici (21%) a quella applicata alle strutture turistico ricettive (11%), come gia’ avviene oggi in Francia e come sperimentato con successo dal Friuli Venezia Giulia. Inoltre viene richiesta l’istituzione di un contratto nazionale di lavoro per il settore nautico, attualmente frammentato tra quelli metalmeccanico, legno, plastiche e chimico tessile.

RELATED ARTICLES

Most Popular