Home » commerciale, Diporto, Italia, Nautica, News, Porti, Trasporti » L’ECONOMIA CIRCOLARE ARRIVA NELLA NAUTICA: PRESENTATA A CROTONE IDEADOCK

L’ECONOMIA CIRCOLARE ARRIVA NELLA NAUTICA: PRESENTATA A CROTONE IDEADOCK

LA LINEA DI CUBI GALLEGGIANTI REALIZZATA UTILIZZANDO ANCHE PLASTICA RICICLATA

Prodotti dalla milanese Idea Plast, saranno distribuiti da PlastiLab Green Innovation, la startup crotonese aggregata al Consorzio NET che è stata lanciata proprio nei giorni scorsi

Crotone– L’economia circolare arriva anche nel settore della nautica. Oggi, a margine della Crotone International Carnival Race 2020, è stata infatti presentata IDEADOCK, la prima linea di cubi galleggianti realizzata utilizzando una parte di plastica riciclata.

L’idea di utilizzare anche la plastica riciclata per la realizzazione dei cubi galleggianti è stata di Alessandro Trentini, fondatore di Idea Plast, azienda con sede a Lainate, in provincia di Milano, leader in Italia nella progettazione e realizzazione di oggetti, manufatti e arredi urbani utilizzando la plastica in seconda vita proveniente dalla raccolta differenziata.

IDEADOCK è una linea di cubi galleggianti in plastica che può essere utilizzata per realizzare camminamenti pedonali galleggianti o piattaforme per gli sport acquatici, allestire un pontile, un eliporto su un litorale o anche per la produzione di un progetto artistico. I sistemi modulari sono prodotti in parte con plastica seconda vita e studiati per essere sempre più funzionali, sicuri e resistenti agli agenti atmosferici e all’usura.

Il sistema di cubi componibili IDEADOCK si caratterizza inoltre per la resistenza, la facilità di assemblaggio, l’affidabilità e la sicurezza. Ogni cubo viene realizzato in polietilene ad alta densità mixato con una componente di plastica riciclata. IDEADOCK è progettato per mantenere le stesse caratteristiche dei sistemi galleggianti realizzati in plastica vergine e ha una durata di oltre 10 anni.

“Trasformare qualcosa che abbiamo scartato in un qualcosa di nuovo e riutilizzabile rappresenta un forte messaggio sociale, perché ci fa capire come una corretta gestione dell’intera filiera – dalla produzione al recupero fino al riutilizzo – possa trasformare la plastica da rifiuto in risorsa, ha dichiarato Alessandro trentini, fondatore di Idea Plast e Presidente di PlastiLab.

Alessandro Trentini è anche presidente di PlastiLab – Green Innovation, la startup presentata alla stampa proprio nei giorni scorsi, aggregata al Consorzio NET S.c.a.r.l., ente gestore del Polo di innovazione della Regione Calabria “Ambiente, Rischi naturali, Energie rinnovabili e Gestione ecosostenibile dei rifiuti”, di cui Idea Plast detiene una quota del 40%. La sede di PlastiLab è all’interno dell’incubatore del Polo Net di Crotone, dove viene effettuata l’attività di ricerca e sviluppo. PlastiLab si occuperà della distribuzione della linea IDEADOCK.

Dal 2000, Idea Plast studia e sviluppa soluzioni per trasformare gli scarti e i rifiuti plastici in nuovi prodotti e realizza oggetti, parchi gioco, manufatti e arredi urbani utilizzando plastica riciclata proveniente dalla raccolta differenziata. Facendo propria la filosofia delle cinque R (Riduzione, Recupero, Riciclo, Riutilizzo e Ricerca), oggi Idea Plast affianca su tutto il territorio nazionale le amministrazioni comunali e le aziende che vogliono sposare il proprio business alla sostenibilità, con particolare attenzione all’utilizzo di plastica in seconda vita, limitando l’impatto delle proprie attività sul territorio e la comunità che lo abita.

Idea Plast è stata fondata nel 1988 da Alessandro Trentini, ha sede a Lainate (MI) e nel tempo ha focalizzato la propria attività sulla progettazione e realizzazione di manufatti e arredi interamente in plastica riciclata. Dalla formulazione del materiale alla progettazione, la società realizza diversi prodotti in plastica riciclata come parchi giochi per bambini, complementi per l’arredo urbano. Collabora attivamente con l’Osservatorio Appalti Verdi di Legambiente, la campagna nazionale per la promozione e il monitoraggio civico del Green Public Procurement, finalizzata ad accelerare il processo di riconversione ecologica del mercato di beni e servizi.

PlastiLab – Green Innovation è una start up innovativa nata nel 2019 con sede a Crotone che opera nel settore della ricerca ed innovazione per la realizzazione di produzioni e servizi mirati alla ecosostenibilità.  Attraverso lo studio e lo sviluppo di nuovi sistemi tecnologici di recupero e riconversione degli scarti derivanti dal post consumo industriale e urbano, si propone di attuare programmi di ricerca mirati, realizzare progettazioni con prototipazioni, effettuare produzioni e commercializzazione di manufatti, prodotti e\o semilavorati realizzati in materiale ecologico, nell’ottica delle tendenze ambientali sia nazionali che internazionali.

Leggi anche:

  1. Premio “Luigi Gianneschi”: il riconoscimento aperto a imprese innovative della nautica
  2. Connessione tra gli impianti di produzione LNG di Crotone e Doha nel Qatar
  3. Presentato a Cagliari lo studio su Economia del Mare di Banca Intesa e SRM
  4. Brindisi: Lunedì presentazione del concorso CorePla
  5. INDAGINE DEMOPOLIS-NAVIGO: LA NAUTICA CREDE NELLA SOSTENIBILITÀ E DISEGNA LE PROFESSIONI DEL FUTURO

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=73114

Scritto da Redazione su feb 21 2020. Archiviato come commerciale, Diporto, Italia, Nautica, News, Porti, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab