sabato, Settembre 18, 2021
HomeAuthorityIl Nord Sardegna raddoppia le crociere nel 2012

Il Nord Sardegna raddoppia le crociere nel 2012

Centoquarantadue navi da crociera, circa 280 mila passeggeri ed un flusso turistico costante dal 27 marzo al 19 dicembre. Una stagione da record, quella che si chiude oggi alle 18, con la partenza dell’ultima nave prevista in porto ad Olbia, la Albatros del gruppo tedesco Phoenix Reisen. Nonostante la leggera flessione del mercato a livello internazionale, gli scali del Nord Sardegna sono riusciti a portare a casa risultati sorprendenti. In particolare Porto Torres che, da appena 3 navi del 2011, è passato a 46 (43 del gruppo Ibero Cruceros e 3 della lussuosissima Seabourn); e Golfo Aranci, per la prima volta con 6 scali in calendario, ripartiti tra le compagnie esclusive Seadream Yacht Club, Compagnie du Ponant e Hapag-Lloyd Cruises.

In crescita anche il porto di Olbia, che chiude con una stagione florida: 90 navi e circa 200 mila passeggeri, e un ingresso di prepotenza nel mercato delle mega ships, con 15 scali della Costa Serena, 290 metri e 3780 passeggeri (più 1100 di equipaggio) e 4 della Carnival Breeze, 306 metri, 4724 passeggeri (più 1386 di equipaggio).

Numerose anche le conferme delle compagnie storiche: dalla Thomson all’Aida Cruise, dalla Island Cruise alla Croisieres de France, passando per Azamara e Mano Maritime. Gruppi che, ogni anno, continuano a mantenere viva e competitiva la portualità del Nord Sardegna nel mercato delle crociere.

Nel corso del 2012, la vera novità è stata rappresentata dal primo scalo della Breeze che, il 10 giugno, ha scelto l’Isola Bianca come seconda tappa italiana (quarta dell’itinerario) del viaggio inaugurale. Evento per il quale l’Autorità Portuale, con il supporto di Comune, Provincia e operatori privati, compresi i commercianti, ha messo in piedi un’accoglienza che ha riscosso particolare apprezzamento da parte della compagnia, che ha ricambiato con uno speciale tv e streaming sui social network dedicato alla tappa in Gallura.

Non meno importante anche l’opzione home port della Costa Crociere che, con la formula del turnaround, ha permesso ai cittadini sardi, e non solo, di effettuare un tour nel Mediterraneo, con imbarco e sbarco da Olbia, per una media di 250 passeggeri alla volta. Strategia già messa in campo nel 2009 e nel 2010 rispettivamente da Msc (con la Melody) e dalla stessa Costa (con la Marina).

“Quello che andiamo a concludere oggi – spiega Paolo Piro, presidente dell’Autorità Portuale – è stato un anno record per i nostri scali. Nonostante la crisi e la flessione iniziale legata all’incidente della Concordia, il mercato del Mediterraneo ha reagito bene, regalando grandi numeri. Ancora una volta ci confermiamo in buona posizione nella classifica delle portualità italiane, anche se, sono certo, i tre porti di Olbia, Golfo Aranci e Porto Torres possono ancora crescere, migliorando, nel contempo, la loro offerta sia in termini infrastrutturali che escursionistici”.

Nello specifico, entro il prossimo triennio, una volta concluso l’iter per l’approvazione del piano regolatore dei porti galluresi e di quello turritano, obiettivi principali dell’Ente, per il settore delle crociere, saranno: il raggiungimento della piena funzionalità dei nuovi moli Bonaria e 2 bis, con l’allargamento, il cui progetto è in fase di definizione, della canaletta di manovra prospiciente alle banchine e la realizzazione di un terminal crociere dedicato; l’allungamento del molo Sud di Golfo Aranci e la realizzazione di un nuovo accosto da 350 metri; non ultimo, l’entrata in funzione del molo Dogana – Segni di Porto Torres, che avverrà dopo la conclusione dell’escavo antistante, e la conclusione dei lavori del terminal passeggeri. “Si tratta di opere non più rinviabili per garantire la piena funzionalità dei nostri porti – continua Piro – interventi che le compagnie richiedono costantemente, pena la cancellazione dagli itinerari”.

Fondamentale, dal punto di vista dell’accoglienza, l’impegno profuso dalle tre amministrazioni comunali di Olbia, Golfo Aranci e Porto Torres, dalle due Province e, non da ultimi, dagli operatori e dagli esercenti. “Il 2012 è stato anche l’anno della svolta verso un approccio più maturo e consapevole nei confronti del crocierista – continua il presidente della Port Authority -. A Porto Torres, la comunità, il mondo del volontariato, gli operatori turistici e i commercianti hanno messo in piedi una strategia di accoglienza vivace e senza precedenti. Banchetti informativi, buffet, sorrisi e perfino una pagina facebook dedicata ai visitatori d’oltremare hanno animato, senza mai desistere, tutti gli otto mesi. Altrettanto decisa è stata la risposta dei commercianti di Olbia, che hanno saputo coccolare, anche nelle giornate festive e tra le mille difficoltà della crisi, le centinaia di migliaia di crocieristi in visita. Posso confermare che siamo sulla strada giusta e che il lavoro svolto da tutti abbia dato i suoi frutti in termini di ricaduta economica e, ancora di più, possa nel futuro prossimo portare ad un proficuo ritorno di immagine oltre oceano”.
Positive, a tal proposito, le previsioni per il 2013.

“In attesa della chiusura del calendario, prevista per il mese di marzo, – sottolinea Piro – abbiamo già superato i cento scali, ai quali, sono certo, si aggiungeranno altre prenotazioni nei prossimi mesi, che ci riporteranno ai numeri della stagione appena chiusa”. Tra le novità più attese, i 32 scali della Msc, 28 dei quali della Sinfonia, che riproporrà la formula Home Port all’Isola Bianca, sempre con l’opzione tournaround – con possibilità di sbarco ed imbarco ogni settimana; i 15 della Costa Serena, con la stessa possibilità di imbarco e sbarco da Olbia; il ritorno di Carnival con 4 scali e il viaggio inaugurale della Sunshine (il cui varo è previsto a maggio 2013), che sceglierà l’Isola Bianca come seconda tappa italiana.

Proficua anche la stagione per Golfo Aranci, che ospiterà la lussuosissima Seabourn (ma le prenotazioni sono ancora aperte) e per Porto Torres, che riconferma, anche se con numeri inferiori, la presenza della Ibero Cruceros.
Nuovo anno, quindi, al quale l’Autorità Portuale si prepara con una rinnovata strategia promozionale e un’iniziativa inedita a costo zero. “Insieme alle fiere del crocierismo e agli appuntamenti dell’associazione MedCruise – continua Piro – ci affacciamo al 2013 con un nuovo sito web istituzionale dedicato ai servizi del porto e alle proposte di escursione per le crociere. La nuova pagina www.cruise.apns.it, per il momento esclusivamente in inglese, è stata realizzata internamente e a costo zero dall’ufficio Comunicazione & Marketing, con l’obiettivo di far interfacciare i nostri porti e il territorio del Nord Sardegna oltreoceano. Con un semplice click saremo in grado di rilasciare aggiornamenti costanti ed in tempo reale sull’evoluzione dei porti e sull’offerta del territorio”.

RELATED ARTICLES

Most Popular