giovedì, Ottobre 21, 2021
HomeNewsItaliaLa formazione professionale nautica dovrà essere continua

La formazione professionale nautica dovrà essere continua

L’industria marittima e marinara è ricca di storie colorate. Racconti di gesta scoraggianti di arte marinaresca, di sopravvivenza e fatti eroici si aggiungono alla percezione di un pensiero avventuroso ed emozionante della vita. In realtà, oggi il marinaio professionale è inondato con una sempre crescente montagna di documenti, norme e regolamenti che rimuove rapidamente qualsiasi nozione di avventure romantiche in alto mare. In poco meno di 30 anni, siamo stati testimoni dei cambiamenti che l’ambiente del  “ponte di comando” di una nave, passando da una natura autoritaria al concetto della gestione delle risorse ponte (BRM- Bridge Resource Management). Si è passati dalla dimensione di “ammiraglio del mare” a “comandante di nave” e poi a “dirigente di ponte di nave”. Senza dubbio, mentre il capitano rimane ancora responsabile di  ogni azione del bridge team, oggi egli agisce più come un manager che un master autocratico degli anni passati. Recentemente ho avuto l’opportunità di applicare BRM formazione, accoppiata con ECDIS AIS (Electronic Chart Display and Information System- Automatic Identification System) / Tecnologia GPS (Global Positioning System), durante i corsi del Centro di alta formazione Thesi di Mola di Bari, al simulatore di manovra con comandanti. Dopo essere arrivato a bordo della nave (simulata nel laboratorio Thesi), abbiamo avuto con il pilota di routine / briefing master, con il sottoscritto, conoscenza circa i dettagli dell’itinerario e dei passaggi. Ci siamo scambiati e documentati informazioni quali i dati nave, rimorchiatore/i di posta e previsto traffico; maree, meteo, nulla di straordinario. Tuttavia, come abbiamo finito e stavamo facendo i preparativi per ottenere la via, l’istruttore, comandante Simone Quaranta, ha simulato la presenza di nebbia sulla nostra posizione, riducendo la visibilità a circa 100 metri. Improvvisamente è cambiato l’approccio per orientare, posizionare e controllare il “vettore-nave”, passando ad una velocità di sicurezza. Domande, dubbi, confronti e considerazioni, discutendo le varie opzioni. Senza aspettare il dissolvimento della nebbia, occorreva utilizzare la nostra conoscenza, esperienza, competenze, formazione e tecnologia BRM per continuare la navigazione. In definitiva, con queste tecnologie, la “parola” era passata da una descrizione analogica ad una digitale; la tecnologia ha funzionato in modo impeccabile, anche se eravamo su un ponte di simulazione per addestramento. Il team di ponte è stato acutamente mirato e le informazioni da fonti ridondante delle apparecchiature di navigazione ingresso è stato controllato e ricontrollato per tutta la navigazione. Il risultato è stato un transito sicuro di una nave da 275 mt di LOA (Lenght Over All) attraverso un passaggio di acque ristrette e ridotta visibilità. Per il futuro, alcuni si sentono a disagio con l’idea di comandare le navi in condizioni di visibilità ridotta; come pure la maggior parte di comandanti sono restii ai nuovi sviluppi nella tecnologia e ci saranno sicuramente gli oppositori conservatori dei propri “quaderni nautici”, mentre l’ECDIS avanza. Nessun membro dell’equipaggio è infallibile, ma con l’aumento dell’istruzione, formazione ricorrente e avanzata AIS / GPS, e capacità di e -navigation, comandanti ed ufficiali della guardia possono acquisire ed utilizzare lo state of the art,  attrezzature per navigare in sicurezza, soprattutto in caso di visibilità ridotta.

Abele Carruezzo
RELATED ARTICLES

Most Popular