lunedì, Settembre 27, 2021
HomeNewsItaliaDue notizie dal mondo marittimo

Due notizie dal mondo marittimo

La prima notizia riguarda la società di navigazione “Tirrenia”: da ieri la sua privatizzazione è fatta. Gli altri problemi, quelli evidenziati dalla UE, per ora non vengono presi in considerazione. La Compagnia Italiana di Navigazione ha firmato la convenzione con il Ministero delle Infrastrutture, impegnandosi a garantire i collegamenti, riorganizzare l’azienda e la flotta, oltre a razionalizzare le risorse umane.

Questa storia si trascinava da anni. La privatizzazione della Tirrenia ha avuto inizio sin dal 2008; si è poi proceduto alla cessione delle controllate regionali alle Regioni interessate per la continuità territoriale, garantendo i collegamenti, soprattutto con le isole maggiori italiane; nel 2010, per varie vicissitudini, la società veniva affidata ad un commissario straordinario; nello scorso anno 2011, il Ministero dello Sviluppo autorizzava il passaggio a CIN; poi l’Antitrust della UE riscriveva la compagine azionaria. Così,  dopo gli ultimi quattro anni, Tirrenia passa a CIN con tutta la sua flotta di 18 navi e con le partecipazioni in società del settore marittimo (valore 380 milioni di euro).

Speriamo che non vi siano problemi per i passeggeri e la razionalizzazione aziendale non comporti riduzione di navi e di personale di bordo. La seconda notizia riguarda il settore della pesca: il Ministero del Lavoro, finalmente, ha riconosciuto al settore della pesca 30 milioni di euro di Cassa Integrazione in deroga. Diciamo che un simile accordo riuscirà a coprire le indennità del 2012, comprese quelle del 2010 e 2011.

Non rappresenta una risoluzione del settore che manifesta una crisi strutturale da molti anni; ma per i pescatori rappresenta una risposta ai loro problemi immediati. Diciamo anche che è stata una dura battaglia con il ministero del Lavoro, tutta meridionale, pugliese, e con la marineria di Manfredonia in prima fila. Grazie all’interessamento del consigliere regionale Giandiego Gatta (PdL),  il settore della pesca vede riconosciuti i benefici della Cassa Integrazione ordinaria proprio in questo momento in cui tutto il settore sta pagando una crisi più generale ed un accanimento normativo da parte dell’Unione Europea.

 

Abele Carruezzo

RELATED ARTICLES

Most Popular