Home » Cultura, Internazionale, Nautica, News, Trasporti » “I marittimi al centro del futuro della navigazione”: World Maritime Theme 2021

“I marittimi al centro del futuro della navigazione”: World Maritime Theme 2021

Londra. Il tema del 2021, l’Organizzazione Marittima Mondiale lo dedica ai marittimi tutti, lavoratori essenziali indicati da una Risoluzione dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite e adottata nel dicembre scorso con cui si sottolinea il loro ruolo centrale nel futuro della navigazione e nel processo del trasporto marittimo.

Il tema marittimo mondiale per il 2021, “I marittimi: al centro del futuro della navigazione”, tratterà molte delle questioni che devono affrontare la forza lavoro della Gente di mare, tra cui il reclutamento e il mantenimento dei marittimi, la diversità, la formazione, la protezione dell’ambiente e la digitalizzazione della navigazione. Il tema del 2021 è anche una continuazione ed è direttamente collegato al tema del 2020 “Trasporto sostenibile per un pianeta sostenibile” per evidenziare il ruolo che i marittimi giocheranno nel garantire un futuro sostenibile per il trasporto marittimo.

L’IMO ha scelto di dedicare tutte le proprie iniziative del 2021 alla promozione dei lavoratori del mare, i quali stanno affrontando difficoltà senza precedenti a causa della pandemia Covid-19, nonostante il loro ruolo vitale come lavoratori chiave per le catene di approvvigionamento globali, fornendo l’80% del commercio globale, compresi cibo, medicine ed energia. L’IMO intende dare visibilità al problema del cambio equipaggi presso tutti gli Stati. Non tutte le nazioni marittime hanno ancora designato i marittimi quali lavoratori essenziali, a oggi il riconoscimento é avvenuto da parte di 55 Stati membri dell’IMO e due nazioni associate. Centinaia di migliaia di uomini e donne bloccati sulle navi per mesi oltre i loro contratti originali, impossibilitati a essere rimpatriati a causa delle restrizioni di viaggio nazionali.

Allo stesso modo, un numero simile di marittimi non è in grado di raggiungere le proprie navi per imbarcare e guadagnarsi da vivere. Questa crisi del cambio dell’equipaggio, che dura da quasi un anno, è un’emergenza umanitaria che minaccia la sicurezza della navigazione. Il Sig. Kitack Lim, Segretario generale dell’IMO, ha esortato tutti gli Stati membri a supportare l’oltre un milione e mezzo di marittimi di tutto il mondo, che con l’impegno giornaliero e con la loro professione continuano ad assicurare il commercio globale.

Durante tutto l’anno 2021, il tema marittimo mondiale metterà in risalto anche altre questioni relative all’elemento umano della navigazione, tra cui la sicurezza e la protezione della vita a bordo delle navi, il benessere dei marittimi e l’importanza di garantire un forza lavoro qualificata, pronta ad affrontare le sfide e le opportunità della digitalizzazione e dell’automazione. L’attenzione per la Gente di mare è anche in linea con il lavoro svolto dall’Organizzazione dall’inizio della pandemia e prima.

“All’IMO, la Gente di mare è sempre stata al centro di tutto il nostro lavoro, che si tratti di sicurezza, sicurezza marittima o protezione ambientale”, ha affermato il Segretario generale dell’IMO. Gli impatti della pandemia Covid-19 saranno discussi dal Sottocomitato HTW per l’elemento umano, la formazione e il controllo, (Human element, Training and Watchkeeping), in riunione in questi giorni. Far sentire le voci dei marittimi – come parte dei suoi sforzi – per mettere i marittimi al centro delle discussioni, l’IMO sta lanciando una serie di profili in cui i marittimi esprimono le loro opinioni sul loro lavoro e sul futuro della navigazione.

Abele Carruezzo

Short URL: https://www.ilnautilus.it/?p=81855

Scritto da su Feb 19 2021. Archiviato come Cultura, Internazionale, Nautica, News, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone

© 2021 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab