Home » Italia, News » LE NUOVE CATEGORIE DI PATENTI NAUTICHE

LE NUOVE CATEGORIE DI PATENTI NAUTICHE

BRINDISI – Come è noto l’art. 39 del D. Lgs. 18 luglio 2005, n. 171, è stato interessato da alcune modificazioni.In particolare il D. Lgs. n. 229/2017, pubblicato sulla G.U. n. 23 del 29 gennaio 2018, apporta dei cambiamenti al capo IV del Titolo II del D. Lgs n. 171/2005.
Anzitutto le parole: “Obbligo di patente” sono sostituite dalle seguenti: “Patenti nautiche”.Ma gli aspetti più sostanziali sono riferibili al comma 1 laddove, con riferimento all’obbligo di conseguire la patente nautica da diporto per poter condurre alcuni tipi di natanti e imbarcazioni o navi da diporto, la lettera b) è sostituita dalla seguente formulazione: per la navigazione nelle acque interne e per la navigazione nelle acque marittime entro sei miglia dalla costa, quando a bordo dell’unità è installato un motore di cilindrata superiore a 750 cc se a carburazione o iniezione a due tempi, o a 1.000 cc se a carburazione o a iniezione a quattro tempi fuori bordo, o a 1.300 cc se a carburazione o a iniezione a quattro tempi entro bordo, o a 2.000 cc se a ciclo diesel non sovralimentato, o a 1.300 cc se a ciclo diesel sovralimentato, comunque con potenza superiore a 30 kW o a 40,8 CV.

Altra novità è rappresentata dal comma 6 che si occupa delle categorie nelle quali si distingue la patente nautica.La nuova formulazione prevede la seguente distinzione:
Categoria A: abilitazione al comando di natanti, imbarcazioni da diporto e moto d’acqua;
Categoria B: abilitazione al comando di navi da diporto;
Categoria C: abilitazione alla direzione nautica di natanti e imbarcazioni da diporto;
Categoria D: abilitazione speciale al comando di natanti e imbarcazioni da diporto.
Viene altresì introdotto il comma 6-bis che prevede che “Le patenti nautiche di categoria A, B e C possono presentare prescrizioni, anche relative alla durata della propria validità, conseguenti all’esito degli accertamenti medici di idoneità psichica e fisica in sede di rilascio o di convalida delle stesse.

Nelle patenti nautiche di Categoria D vi possono essere limitazioni relative alle caratteristiche dello scafo, alla potenza dei motori installati, ai limiti di navigazione, anche entro specifiche distanze dalla costa, e alle condizioni meteomarine. Si confermano inoltre esenzioni, ai fini dell’esame, per alcune categorie di persone, che possono conseguire le patenti nautiche di categoria A e B se ufficiali della Marina Militare del Corpo di Stato Maggiore e del Corpo delle Capitanerie di Porto in servizio permanente.

Possono conseguire le patenti nautiche di categoria A  e B se Ufficiali del Corpo della Guardia di Finanza in possesso di specializzazione di unità navale rilasciata dai Comandi della Guardia di Finanza, nonché per i sottufficiali delle Forze Armate a particolari condizioni.

E’ agevolato il rilascio, senza esame, della Patente Nautica di Categoria A, per il personale delle Forze armate, delle Forze di polizia e del Corpo nazionale dei vigili del fuoco, in servizio permanente o ufficiale ausiliario o volontario di truppa in ferma breve o prefissata, abilitato al comando navale ed alla condotta dei mezzi nautici da parte della Marina militare, secondo i criteri stabiliti dal regolamento di attuazione del codice.

 

Cosimo Salvatore CORSA

Leggi anche:

  1. Patenti nautiche: duplicati e cambio di residenza
  2. Modalità di rilascio e convalida delle patenti nautiche
  3. Software per le nuove patenti nautiche elaborato dalla Capitaneria di Porto a Genova
  4. Circolo della vela Brindisi: corsi per patenti nautiche
  5. Patenti nautiche a quiz

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=54786

Scritto da Cosimo Salvatore Corsa su giu 17 2018. Archiviato come Italia, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°3

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato a Canale Pigonati di Brindisi; la storia, le potenzialità, le attuali richieste per il suo allargamento al fine di agevolare l’entrata nel porto interno delle grandi navi da crociera. Poi articoli sulle Zes, porti di Ancona, Bari, Campania ma anche le professioni del mare, il lavoro portuale nelle sue specificità ed un interessante racconto del porto di Salerno che nel Mediterraneo rappresenta un ponte tra Oriente ed Occidente.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab