Welfare Gente di mare

Il mese scorso, l’Assemblea del Welfare della Gente di mare, riunita in sessione plenaria, ha nominato all’unanimità il proprio Presidente del Comitato nazionale. Si tratta del Comandante Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto, Ammiraglio Felicio Angrisano; la nomina, avallata dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, mette fine così al periodo di transizione a interim ricoperto per un anno dall’Avv. Umberto Masucci.

Dell’Assemblea plenaria fa parte la Direzione Generale per il trasporto marittimo e per vie d’acqua interne; le Associazioni di categoria Confitarma, Assoporti, Federagenti, Fedepiloti, Angopi, Fedalina; l’ITF (Sindacato internazionale dei marittimi), la fondazione Stella Maris, l’Apostolato del mare – organo della Conferenza Episcopale Italiana – e il Cirm (Centro Radiomedico Italiano). L’elezione dell’Ammiraglio Angrisano coincide con la programmazione dei piani di attività delle articolazioni territoriali del Comitato, presenti nei maggiori porti italiani, anche alla luce della prossima entrata in vigore della Convenzione Europea del Lavoro Marittimo (MLC 2006).

L’attività dei Comitati del Welfare, come ricordato dall’Ammiraglio Angrisano durante il suo insediamento, ha come obiettivo principale l’assistenza e il benessere dei marittimi che transitano ogni anno nei nostri porti, attraverso iniziative volte a individuare e soddisfare le esigenze di chi spesso deve confrontarsi con realtà sociali diverse dalla propria; orientando il marittimo verso il godimento dei servizi che offre la realtà portuale e cittadina, o favorendone il rimpatrio e il ricongiungimento con le proprie famiglie. All’Ammiraglio Angrisano, con stima e alta disponibilità, la redazione de IL NAUTILUS, augura buon lavoro per il raggiungimento del bene comune di tutta la comunità marittima.

 

Abele Carruezzo