venerdì, Settembre 24, 2021
HomeNewsMONDIALE DRAGONE: day 1 e 2

MONDIALE DRAGONE: day 1 e 2

Purtroppo gli dei del vento hanno rifiutato di cooperare nel secondo giorno del Gazprom Dragon World Championship 2013, nonostante che flotta sia stata in mare per più di sei ore. Nessuna regata quindi e classifica invariata.

Ieri, prima giornata di campionato, dopo i temporali e le forti piogge del primo mattino, gli equipaggi erano arrivati sul campo di regata per trovare 15-18 nodi di vento, nuvole, lampi occasionali di sole e un sacco di grandi onde. Ci sono voluti tre tentativi per ottenere una partenza buona, due sotto bandiera nera con un totale di sette equipaggi mandati a casa per una doccia anticipata.

In risposta agli enormi salti di vento fino a 40 gradi, il comitato di regata ha fatto alcuni altrettanto enormi spostamenti delle boe. Ma la brezza ha dimostrato di poter oscillare di nuovo e con la flotta su un lato di più di due miglia non è passato molto tempo prima che i Comitato e le barche si siano trovati fuori fase.

Dopo la regata Hoj – Jensen aveva così riassunto i pensieri della flotta “Non siamo riusciti a vedere i segnali. Poiché le onde sono così grandi sarebbe stato intelligente avere una grande barca con una grande bandiera in alto” Martin Payne ha aggiunto: “Penso che quando il lato è così lungo non è necessario muovere così tanto la boa, va bene solo un piccolo spostamento in un senso o nell’altro”.

Molti dei favoriti si sono trovati così intrappolati dai grandi spostamenti. Mentre gli equipaggi esausti ma euforici tornavano a terra, Tim Tavinor, per proteggere la barca del campione Lawrie Smith, ha subito un infortunio alla mano ed è stato portato in ospedale per le cure.

RELATED ARTICLES

Most Popular