Home » Infrastrutture, Italia, Legislazione, Nautica, News, Porti, Trasporti » La Brexit e i Trasporti, tutto quello che occorre sapere

La Brexit e i Trasporti, tutto quello che occorre sapere

Il Governo italiano ha istituito a Palazzo Chigi una Task Force per la Brexit, per seguire e coordinare tutte le attività relative al negoziato sull’accordo di recesso e sul quadro delle future relazioni tra l’UE e il Regno Unito.

Tra gli scenari possibili c’è anche quello di un recesso senza accordo, il cosiddetto “no deal”, e pertanto il Governo si propone di garantire, anche con misure legislative, la piena tutela dei diritti dei cittadini italiani che vivono nel Regno Unito e dei cittadini britannici che vivono in Italia.

Inoltre intende agire per preservare la stabilità finanziaria e la continuità operativa dei mercati e dei settori bancario, finanziario e assicurativo, la promozione di un’adeguata preparazione delle imprese e la gestione di emergenze relative ad alcuni ambiti settoriali come, ad esempio, trasporti, dogane, sanità, agricoltura, ricerca, istruzione e altri settori in cui dovessero essere necessari interventi.

Nel documento “Prepararsi al recesso senza accordo del Regno Unito dall’Unione europea – Informazioni sulle conseguenze e sui preparativi allo scenario di una Brexit senza accordo di recesso (luglio 2019)”, sono stati raccolti alcuni aggiornamenti a cura della task force che riguardano anche i settori di competenza del MIT, il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

In vista del possibile recesso del Regno Unito dall’Unione europea alla data del 31 ottobre 2019, tutti i soggetti interessati dalla Brexit nell’UE a 27 sono chiamati a prepararsi al meglio per lo scenario di “no deal”.

Nei settori sopraindicati sono stati pubblicati avvisi agli operatori in materia di trasporti ferroviari, marittimo e delle vie d’acqua interne e di sicurezza marittima.

Leggi anche:

  1. Grande partecipazione all’incontro sulla Brexit in Interporto
  2. Tavolo tecnico con gli operatori dell’Interporto su Brexit
  3. UK: dieci “porto-franco” per il dopo Brexit
  4. Armatori europei per la libera circolazione delle merci e delle persone anche dopo Brexit
  5. Brexit: quali conseguenze per il settore dei trasporti?

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=68730

Scritto da Redazione su ott 16 2019. Archiviato come Infrastrutture, Italia, Legislazione, Nautica, News, Porti, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°3

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato allo shipping con un focus sul soccorso in mare e sulla Brexit, il ruolo del porto di Salerno e la "Barletta marinara". Poi un approfondimento sui fari di Brindisi ed uno sul trasporto ad emissioni zero con Emma. E ancora, approfondimenti sulle crociere e sulla sicurezza nei nostri porti.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab