Home » Infrastrutture, Italia, News, Porti, Trasporti » Regione Friuli Venezia Giulia-Porto vecchio: Fedriga, enti pubblici fanno sistema per rilancio area

Regione Friuli Venezia Giulia-Porto vecchio: Fedriga, enti pubblici fanno sistema per rilancio area

Siglata la prima intesa volta alla riqualificazione del sito

Trieste - “Oggi Regione, Comune di Trieste e Autorità di sistema portuale del mare Adriatico orientale stanno facendo sistema per rilanciare l’area del Porto vecchio di Trieste. Le istituzioni lavorano infatti fianco a fianco per guardare al futuro di Trieste e del Friuli Venezia Giulia in modo costruttivo e creare opportunità di sviluppo. I brillanti risultati ottenuti dal Porto di Trieste ne sono un ottimo esempio, perché sono dovuti sia all’attenta gestione da parte dell’Authority, sia al fatto che tutte le realtà e gli enti operanti sul territorio si muovono in modo coordinato per raggiungere obiettivi comuni. In tale quadro il Porto vecchio rappresenta un’occasione fondamentale per l’intero Paese, perché grazie alla sua estensione è lo spazio ideale per l’insediamento di nuove attività economiche ad elevato valore aggiunto”.

Lo ha dichiarato il governatore del Friuli Venezia Giulia, Massimiliano Fedriga, alla firma del documento d’avvio dell’iter che porterà nelle primavera del 2020 alla definizione dell’Accordo di programma per la riqualificazione e lo sviluppo del Porto vecchio di Trieste e successivamente alla costituzione del Consorzio di gestione da parte di Regione, Comune di Trieste e Autorità di sistema portuale.

Fedriga ha auspicato che “il Porto vecchio, una volta riqualificato, possa essere vocato alla ricerca, anche sull’onda positiva generata da Esof 2020, e al terziario avanzato perché gli assi portanti per lo sviluppo della nostra Regione passano per l’innovazione e la logistica”.

In merito alle attività che verranno svolte congiuntamente dagli enti pubblici sul territorio giuliano, il governatore ha evidenziato che “ovviamente il pubblico non si può sostituire agli investitori privati, ma si deve impegnare per rendere il sito più attrattivo e agevolare l’arrivo di ulteriori realtà produttive. L’atto siglato oggi dà quindi il via a un percorso volto a sfruttare in modo coordinato le peculiarità del Friuli Venezia Giulia, tra cui il nostro sistema della ricerca scientifica che vanta eccellenze a livello internazionale, per produrre ricadute concrete sull’intero territorio regionale”.

Foto: Montenero

Leggi anche:

  1. Friuli Venezia Giulia: Fedriga, sviluppo Fvg fondato su logistica e ricerca
  2. Regione Friuli Venezia-Giulia: Scoccimarro, siglato protocollo per gestire rifiuti in mare
  3. Friuli Venezia Giulia-Cantieristica: Callari, importante collaborazione Regione-Fincantieri
  4. Friuli Venezia Giulia-Porti: Fedriga, incontro costruttivo con sigle confederali
  5. La Regione Friuli Venezia Giulia studia una “no tax area” per il porto di Trieste

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=71447

Scritto da Redazione su dic 18 2019. Archiviato come Infrastrutture, Italia, News, Porti, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab