Home » Cultura, Infrastrutture, Internazionale, Logistica, News, Trasporti » Golfo di Guinea rimane l’hotspot mondiale della pirateria

Golfo di Guinea rimane l’hotspot mondiale della pirateria

Londra. Secondo gli ultimi dati dell’International Maritime Bureau IMB, il Golfo di Guinea rimane l’hotspot mondiale della pirateria nel 2021. Il Golfo di Guinea è stato teatro per quasi la metà (43%) di tutti gli incidenti di pirateria segnalati nei primi tre mesi del 2021. L’ultimo rapporto globale sulla pirateria di IMB registra 38 incidenti dall’inizio del 2021, rispetto ai 47 incidenti durante lo stesso periodo dell’anno scorso. Nonostante un calo del numero di episodi di pirateria segnalati per il primo trimestre del 2021, la violenza contro l’equipaggio è in aumento rispetto agli anni precedenti.

Nei primi tre mesi del 2021, l’IMB Piracy Reporting Center (PRC) ha riferito che 33 navi sono state abbordate, due tentati attacchi, due navi colpite a fuoco e una nave dirottata.

Dall’inizio del 2021, 40 membri dell’equipaggio sono stati rapiti rispetto ai 22 membri dell’equipaggio nel primo trimestre del 2020. Solo un marittimo è stato ucciso nel primo trimestre del 2021.

Le tipologie di navi interessate riguardano 7 petroliere, 12 bulk carrier , 9 portacontainer e 10 altre tipologie.

Golfo di Guinea. Il Golfo di Guinea continua a essere particolarmente pericoloso per i marittimi con il 43% di tutti gli incidenti di pirateria segnalati che si verificano nella regione. Inoltre, la regione ha rappresentato tutti i 40 incidenti con rapimento dell’equipaggio. “I pirati che operano nel Golfo di Guinea sono ben attrezzati per attaccare navi lontano dalle coste e non hanno paura di intraprendere azioni violente contro equipaggi innocenti” – afferma il direttore dell’IMB, Michael Howlett. “È fondamentale che i marittimi rimangano cauti e vigili, continua Howlett, quando viaggiano nelle acque vicine e segnalino tutti gli incidenti alle Autorità regionali e all’IMB PRC. Solo una comunicazione rapida, condivisa delle conoscenze, con una maggiore collaborazione tra le Autorità, si ottiene una risposta marittima riducendo il rischio per i marittimi nella regione”.

L’ultimo rapimento registrato è avvenuto l’11 marzo 2021, quando i pirati hanno rapito 15 membri dell’equipaggio di una Chemical Tanker, battente bandiera di Malta, a 212 miglia a sud di Cotonou, nel Benin. In un altro incidente, un peschereccio dirottato l’8 febbraio 2021 è stato utilizzato dai pirati come nave madre per facilitare altri attacchi. L’IMB PRC ringrazia per il lavoro di sorveglianza delle Coast Guard e le Marine internazionali indipendenti incaricate nella regione di rispondere attivamente agli incidenti segnalati e incoraggia i loro continui sforzi per rendere le acque del Golfo di Guinea più sicure per i naviganti.

Golfo di Aden. Durante i primi tre mesi del 2021, si è verificato un solo incidente di pirateria segnalato in Somalia. Una nave portarinfuse ha segnalato che uno skiff con persone armate e una scala si avvicinava mentre era in navigazione nel Golfo di Aden. La squadra di sicurezza armata, presente a bordo, ha sparato colpi di avvertimento con conseguente allontanamento della barca. Nonostante il declino degli incidenti di pirateria intorno alla Somalia e alle acque limitrofe, l’IMB PRC incoraggia le navi ad attuare le pratiche raccomandate dal BMP5 durante il transito in queste acque poiché i pirati somali continuano a possedere la capacità di compiere attacchi. “I marittimi sono per molti aspetti gli eroi non celebrati della nostra economia globale”, ha affermato il Segretario generale dell’International Chamber of Commerce (ICC), John WH Denton AO.

“I governi, le imprese e le Agenzie (Coast Guard statali e privati) per il contrasto alla pirateria marittima devono adottare misure appropriate per proteggere la vita e il sostentamento dell’equipaggio, in modo che possiamo garantire la libera circolazione ininterrotta delle merci lungo le catene di approvvigionamento internazionali”- ha concluso Denton.
Singapore Strait. Lo stretto di Singapore ha registrato sei episodi di pirateria nel primo trimestre del 2021 rispetto ai cinque nello stesso periodo dell’anno scorso. Sebbene questi incidenti siano di natura opportunistica, l’IMB PRC avverte che gli autori erano armati di coltelli in alcuni casi e che i marittimi dovrebbero rimanere vigili durante i viaggi nella regione.

Indonesia. La cooperazione per la condivisione delle informazioni tra la polizia marina indonesiana e l’IMB PRC continua a produrre risultati positivi. Durante i primi tre mesi del 2021, sono state segnalate solo due navi ancorate, rispetto alle cinque dello stesso periodo dell’anno scorso.
Americhe. Si registra un aumento degli incidenti di pirateria segnalati a Callao Anchorage, in Perù, con cinque incidenti verificatisi nei primi tre mesi del 2021 rispetto ai soli tre nel primo trimestre del 2020. Nel frattempo, le navi portacontainer sono l’obiettivo di attacchi durante la navigazione o all’ancora nelle acque colombiane. Secondo l’IMB PRC, gli autori sono noti per aprire container e rubare carichi anche mentre le navi sono sotto pilotaggio. I comandanti sono invitati comunque a segnalare tutti gli incidenti in queste acque.


IMB Piracy Reporting Center.

Fondato nel 1991, il centro presidiato H24 rimane un unico punto di contatto per denunciare i crimini di pirateria e rapina a mano armata. Il centro non solo assiste le navi in ​​modo tempestivo, ma fornisce anche all’industria marittima, alle Agenzie di risposta e ai Governi dati trasparenti – ricevuti direttamente dal comandante della nave sotto attacco – o dai suoi armatori. Il tempestivo invio di rapporti da parte dell’IMB PRC e il collegamento con le Agenzie della Guardia Costiera statale e privata, le sue comunicazioni tramite i servizi GMDSS Safety Net e gli avvisi e-mail ai CSO (Company Security Officer) delle navi, tutti forniti gratuitamente, hanno aiutato a combattere la pirateria e le rapine a mano armata e la sicurezza dei marittimi, a livello globale.

Per ulteriori informazioni, contattare: Michael Howlett, Direttore ICC International Maritime Bureau – e-mail: mhowlett@icc-ccs.org. La Camera di Commercio Internazionale (ICC) è la più grande organizzazione aziendale del mondo con una rete di oltre 6,5 milioni di membri in più di 130 Paesi. E’ impegnata nel promuovere il commercio internazionale, una condotta aziendale responsabile e un approccio globale alla regolamentazione attraverso un mix unico di attività di difesa e definizione degli standard, insieme a servizi di risoluzione delle controversie leader di mercato.

Abele Carruezzo

Short URL: https://www.ilnautilus.it/?p=82637

Scritto da su Apr 14 2021. Archiviato come Cultura, Infrastrutture, Internazionale, Logistica, News, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone

© 2021 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab