FINCANTIERI: VARATA A MARGHERA “CARNIVAL PANORAMA”

TRIESTE – È stata varata oggi nello stabilimento Fincantieri di Marghera, “Carnival Panorama”, nuova nave destinata a Carnival Cruise Line, brand del gruppo statunitense Carnival Corporation & plc, primo operatore al mondo del settore crocieristico. Ora inizierà la fase di allestimento degli interni, che porterà alla consegna della nave nell’autunno 2019.

Il momento del varo è stato preceduto dalla tradizionale e beneaugurante “coin ceremony”, che consiste nel saldare un dollaro d’argento sull’ultimo ponte della nave, secondo un’antica consuetudine marinara.Madrina della cerimonia è stata Antonella Cazzin, dipendente del cantiere di Marghera da oltre 35 anni.

Alla cerimonia di varo hanno partecipato, fra gli altri, per l’armatore Ben Clement, Senior Vice President di Carnival Cruise Line e Marco Scaramuccia, Project Manager di Carnival Panorama, mentre per Fincantieri, Antonio Quintano, direttore dello stabilimento di Marghera.

La nuova unità sarà gemella di “Carnival Vista”, consegnata a Monfalcone nell’aprile 2016, e di “Carnival Horizon”, realizzata a Marghera e consegnata nel marzo di quest’anno.133.500 tonnellate di stazza lorda e 323 metri di lunghezza, sono queste le dimensioni che caratterizzano la serie “Vista”, che annovera le unità più grandi finora costruite da Fincantieri per la flotta di Carnival Cruise Line. Conterà ben 2.004 cabine, alle quali si sommano le 770 destinate all’equipaggio, potendo così ospitare a bordo oltre 6.500 persone, tra passeggeri ed equipaggio.

Le unità della classe “Vista” rappresentano un nuovo punto di riferimento tecnologico a livello europeo e mondiale per il lay-out innovativo, le elevatissime performance e l’alta qualità di soluzioni tecniche d’avanguardia. Gli allestimenti degli interni sono caratterizzati da un elevatissimo livello di comfort, proponendo una vasta gamma di intrattenimenti, ristoranti oltre che teatri, negozi e centri benessere. Anche questa nave come le precedenti della classe è caratterizzata dalla presenza dell’area Havana, un’area a tema, ristretta ed esclusiva, composta da cabine, bar all’aperto e Infinity Pool, a cui potranno accedere, durante il giorno, solamente i passeggeri che alloggiano in quella zona.

Oltre a Carnival Panorama, varata oggi, nel cantiere di Marghera sono in costruzione o di prossima realizzazione la seconda nave per il brand Costa Asia e la terza unità della classe “Pinnacle” per Holland America Line, rispettivamente in consegna nel 2020 e nel 2021. Dal 1990 ad oggi Fincantieri ha costruito 87 navi da crociera (di cui ben 64 dal 2002), altre 53 unità sono in costruzione o di prossima realizzazione negli stabilimenti del gruppo.

d’Amico International Shipping: firmato accordo per la vendita e “lease back” della MT High Trader

Lussemburgo- La d’Amico International Shipping S.A. (Borsa Italiana: DIS.MI) (la “Società” o “DIS”), società leader a livello internazionale nel trasporto marittimo, specializzata nel mercato delle navi cisterna, rende noto che la propria controllata operativa d’Amico Tankers D.A.C. (Irlanda) (“d’Amico Tankers”), ha firmato un accordo per la vendita e ‘lease back’ della MT High Trader (la “Nave”), una nave ‘medium range’ di portata lorda pari a 49,990 tonnellate e costruita nel 2015 presso Hyundai – Mipo (Sud Corea) per totali US$ 27,0 milioni.

Questo accordo consente a d’Amico Tankers di generare US$ 8,6 milioni di cassa, al momento della consegna della nave, al netto delle commissioni e del rimborso del debito preesistente, contribuendo quindi al rafforzamento della sua posizione di liquidità, in vista del completamento del proprio programma di rinnovamento della flotta e consentendo alla Società di beneficiare dell’attesa ripresa di mercato.
In seguito a quest’operazione, d’Amico Tankers manterrà il pieno controllo della Nave, grazie ad un contratto di noleggio a ‘scafo nudo’ della durata di 10 anni, con obbligo di acquisto al termine del contratto. d’Amico Tankers ha inoltre l’opzione di riacquistare la Nave a partire dal secondo anno dalla vendita della stessa, con tre mesi di preavviso e a dei costi finanziari competitivi.

Ad oggi, la flotta DIS comprende 50,5 navi cisterna a doppio scafo (MR, Handysize e LR1), di età media pari a 7,1 anni (di cui 25 navi di proprietà, 19,5 a noleggio time-charter e 6 a noleggio a scafo nudo. DIS ha inoltre 5 navi in gestione commerciale). d’Amico Tankers ha anche contratti in essere con Hyundai Mipo Dockyard Co. Ltd per la costruzione di 2 nuove navi cisterna LR1 (Long Range), con consegna prevista nel primo trimestre del 2019.

Paolo d’Amico, Presidente di d’Amico International Shipping, ha dichiarato: “Sono soddisfatto di poter annunciare il raggiungimento di questo ulteriore accordo di sale & lease back con una rispettabile controparte giapponese, a conferma dei forti rapporti che abbiamo in quel Paese. Questo contratto ci consentirà di generare un effetto di cassa positivo di circa 8,6 milioni di dollari dopo il rimborso del debito bancario preesistente, rafforzando la posizione di liquidità di DIS e consentendoci, al contempo di mantenere il pieno controllo di questa moderna nave MR, attraverso un contratto di noleggio a scafo nudo della durata di 10 anni. Si tratta, inoltre, di un accordo flessibile che prevede opzioni di acquisto esercitabili da parte nostra a partire dal secondo anno di contratto, a livelli interessanti”.

IL GRUPPO GRIMALDI PRENDE IN CONSEGNA LA GRANDE TORINO

NAPOLI – La nave Pure Car & Truck Carrier Grande Torino è stata consegnata al Gruppo Grimaldi lo scorso 28 novembre presso il cantiere cinese Yangfan di Zhoushan. Si tratta della prima unità di una commessa di sette navi gemelle effettuata dal gruppo partenopeo presso il cantiere Yangfan.

La Grande Torino ha una lunghezza di 199,90 metri, una larghezza di 36,45 metri, una stazza lorda di 65.255 tonnellate e una velocità di crociera di 19 nodi. La nave, che batte bandiera italiana, è tra le car carrier più grandi sul mercato: può infatti trasportare circa 7.600 CEU (Car Equivalent Unit) o in alternativa 5.400 metri lineari di merce rotabile e 2.737 CEU. Con i suoi quattro ponti mobili, la Grande Torino è una nave estremamente flessibile, capace di imbarcare qualsiasi altro tipo di carico rotabile quale camion, trattori, autobus, scavatrici, ecc., fino a 5,3 metri di altezza.

Inoltre, la nave è dotata di due rampe d’accesso, una laterale ed una di poppa, quest’ultima in grado caricare unità di carico fino a 150 tonnellate di peso. La configurazione dei vari ponti ed il sistema di rampe interne riducono al minimo il rischio di danni durante l’imbarco/sbarco delle unità rotabili. Dal punto di vista ambientale, la Grande Torino è una nave altamente efficiente. È, infatti, dotata di un motore Man Energy Solutions a controllo elettronico, come richiesto dalle nuove normative per la riduzione delle emissioni di ossido di azoto (NOx) nonché di uno scrubber per l’abbattimento delle emissioni di ossido di zolfo (SOx). Infine, rispetta le più recenti normative in termini di trattamento delle acque di zavorra.

“Con l’introduzione della Grande Torino, la nostra più grande nave car carrier, la flotta del Gruppo diventa ancora più giovane, innovativa ed efficiente”, ha dichiarato l’amministratore delegato del Gruppo Emanuele Grimaldi. “Abbiamo ancora una volta risposto alle richieste del mercato con innovazione tecnologica, qualità e sostenibilità, e continueremo a farlo”.

La Grande Torino verrà impiegata sul collegamento ro/ro settimanale operato dal Gruppo Grimaldi tra il Mediterraneo ed il Nord America (Canada, Stati Uniti e Messico), insieme alle già operative Grande Halifax, Grande Baltimora e Grande New York. I porti serviti sono: Gioia Tauro, Civitavecchia, Livorno, Savona (Italia), Valencia (Spagna), Anversa (Belgio), Halifax (Canada), Davisville, New York, Baltimora, Jacksonville, Houston (USA), Tuxpan e Veracruz (Messico).

FINCANTIERI: IMPOSTATA LA PRIMA CORVETTA PER IL QATAR

TRIESTE – Si è svolta oggi presso lo stabilimento di Muggiano (La Spezia) la cerimonia di impostazione della prima corvetta classe “Doha”, commissionata a Fincantieri dal Ministero della Difesa del Qatar nell’ambito del programma di acquisizione navale nazionale. Alla cerimonia erano presenti, fra gli altri, Brig. Mubarak Al Sulaiti, Deputy Chief of the Flotilla, in rappresentanza del Comandante della Marina dell’Emirato del Qatar, accolto da Angelo Fusco, Direttore della Divisione Navi Militari di Fincantieri.

La corvetta, che verrà consegnata nel 2021, è progettata in accordo al regolamento RINAMIL. È un’unità altamente flessibile con capacità di assolvere a molteplici compiti che vanno dal pattugliamento con capacità di soccorso in mare al ruolo di nave combattente. Ha una lunghezza di circa 107 metri, una larghezza di 14,70 metri, una velocità massima di 28 nodi, è dotata di un sistema di propulsione combinato diesel e diesel (CODAD) e può ospitare a bordo 112 persone di cui 98 di equipaggio.Inoltre l’unità può impiegare mezzi veloci tipo RHIB (Rigid Hull Inflatable Boat) imbarcandoli tramite una gru laterale e una rampa situata all’estrema poppa. Il ponte di volo e l’hangar sono attrezzati per accogliere un elicottero NH90.

Nell’acquisizione di questo prestigioso contratto firmato con il Ministero della Difesa del Qatar nel 2016, Fincantieri ha prevalso sugli altri competitor grazie ad un progetto ritenuto in assoluto il più avanzato e innovativo. Tale risultato è stato raggiunto anche grazie all’esperienza maturata nella costruzione di navi hi-tech per alcune fra le più prestigiose Marine estere.

Il contratto, che per Fincantieri vale quasi 4 miliardi di euro, prevede la fornitura di sette navi di superficie, di cui quattro corvette, una nave anfibia (LPD – Landing Platform Dock) e due pattugliatori (OPV – Offshore Patrol Vessel) e dei servizi di supporto in Qatar per ulteriori 10 anni dopo la consegna delle unità.

La D’Amico International Shipping rientra in Confitarma

Roma-Paolo D’amico l’ha affermato in chiare lettere: “Per l’Italia non c’è spazio per due associazioni divise perché indeboliscono la categoria”. Sostanzialmente, la D’Amico riconosce che questo periodo per lo shipping internazionale è difficile e di forte evoluzione tecnologica: per le rotte, le navi, i flussi commerciali e per i marittimi imbarcati. Una società come la D’Amico non poteva rimanere fuori da Confitarma dopo che la famiglia aveva dato tre presidenti a questa grande associazione. Assarmatori rimane e continuerà dialogare con Confitarma sui temi fondamentali dell’industria marittima; ma i tempi inducono forse a un ripensamento per una sola grande associazione e per parlare un solo linguaggio. In questo periodo, l’IMO sta mettendo in atto una strategia con l’ambizione di ridurre le emissioni annue totali di gas serra della navigazione internazionale – di almeno il 50% entro il 2050 rispetto a dieci addietro -.

Migliorare l’efficienza energetica delle navi attraverso misure tecnologiche può portare sicuramente a una riduzione delle emissioni; si pensino ai miglioramenti della progettazione dello scafo (materiali leggeri e disegni più pratici), lubrificazione dell’aria, archi a bulbo per ridurre l’attrito, recupero del calore residuo come fonte di energia, “slow steaming” e velocità ridotte, interfacce di porto/navi più agevoli oltre ai carburanti alternativi. Tutto questo comporterà per gli armatori investimenti addizionali e nuove navi le c.d. eco-ship. Queste navi consumano molto meno di quelle tradizionali e consentono di compensare l’aumento del costo del carburante.

Per Paolo D’Amico questi sono argomenti che impongono all’industria marittima italiana di essere unita e lo dice e lo va affermando anche dalla sua presidenza dell’associazione internazionale di Intertanko – primo armatore italiano eletto presidente giorni addietro-.  L’associazione internazionale degli armatori indipendenti di navi cisterna (Intertanko) raggruppa 204 membri appartenenti a quaranta Paesi e gestiscono 3.976 unità per 553 milioni di tonnellate di portata lorda. Il segmento delle rinfuse liquide è sicuramente il settore che più sta soffrendo a causa dei noli bassi e un mercato debole; i dazi e le restrizioni sui commerci internazionali non aiutano i flussi merceologici, oltre alle norme IMO 2020 di prossima attuazione con conseguenze sulle dinamiche economiche tra domanda e offerta.

Il ritorno della D’Amico International Shipping in Confitarma darà sicuramente impulso a superare questa fase d’iniziale di trasformazione tecnologica e di caos normativo, nella speranza che il mercato del bunker si riequilibrerà nell’arco di un paio di anni. In Confitarma ne sono convinti.

Abele Carruezzo

© Riproduzione riservata

MSC BELLISSIMA: “ZOE”, LA PRIMA ASSISTENTE DIGITALE

Ginevra–Mancano 100 giorni al varo di MSC Bellissima. La nuova ammiraglia della Compagnia attesa al battesimo di Southampton il prossimo 2 marzo. Con un peso di 171.598 tonnellate e una capacità di 5.686 passeggeri, MSC Bellissima sarà la nave più grande mai battezzata a Southampton, e non deluderà le aspettative legate al suo nome.

MSC Bellissima è la seconda unità di generazione Meraviglia (e la quarta tra le navi di ultima generazione) ad entrare in servizio nell’arco di 18 mesi. Trascorrerà la stagione inaugurale offrendo crociere di 7 notti nel Mediterraneo occidentale toccando i porti di Genova, Napoli e Messina, per poi raggiungere gli Emirati Arabi, dove trascorrerà la stagione invernale 2019/2020.

Oltre a presentare una tecnologia high-tech a servizio dell’ospite, MSC Bellissima sarà dotata di impianti e strutture a basso impatto ambientale. Proprio come la sorella MSC Meraviglia, MSC Bellissima avrà un sistema di pulizia dei gas di scarico per emissioni più pulite; di un trattamento di riciclo delle acque; riscaldamento smart; sistemi di ventilazione e di aria condizionata (HVAC) per il raffreddamento delle macchine; luci a LED ed altri device per il risparmio energetico. Per una vacanza all’insegna del benessere e della sostenibilità.

ZOE: LA NUOVA ASSISTENTE DIGITALE

Gli ospiti di MSC Bellissima saranno i primi a provare Zoe e poter usufruire della sua presenza a bordo. Zoe è la prima assistente digitale programmata per comunicare in 7 lingue e rispondere alle più frequenti richieste dei crocieristi a bordo. Zoe è un’Intelligenza Artificiale vocale presente in ogni cabina, progettata in partnership con HARMAN International, che porta il concetto di servizio al cliente a raggiungere livelli altissimi, facilitando ulteriormente la vita di bordo.

IL NUOVO CONCEPT DI RISTORANTE DI TAPAS FIRMATO RAMON FREIXA

Situato sul Ponte 6, nel cuore della promenade in pieno stile Mediterraneo, HOLA! Tapas Bar accompagna gli ospiti dentro un’esperienza culinaria straordinaria pensata ad hoc dallo chef spagnolo Ramón Freixa, insignito di due stelle Michelin. L’idea è quella di proporre un’esperienza che permetta di condividere i piatti con gli altri commensali, oltre a celebrare lo stile di vita mediterraneo. Durante il giorno, HOLA! Tapas Bar non si ferma mai, e propone di continuo spuntini deliziosi che mixano tradizione e avanguardia all’interno di uno spazio contemporaneo e accogliente, dotato sia di sedute individuali sia per gruppi di più persone.

Ramón Freixa spiega, “Voglio far apprezzare agli ospiti i veri sapori della Spagna, gustando tapas nell’atmosfera rilassata e vivace di un bar in stile iberico. Sono felice di collaborare con MSC Crociere: questa partnership è speciale per me, perché è perfettamente in linea con gli ideali di condivisione propri della nostra cultura, oltre ad incarnare la passione per i piatti della cucina mediterranea”.

Ma le proposte food per gli ospiti non si esauriscono qui: a bordo ci sono infatti 12 locali internazionali e 20 bar, tra cui L’Atelier Bistrot – nuovo ristorante francese di specialità. La nave ospita anche la Chocolaterie e il Chocolate Bar del maestro pasticcere Jean-Philippe Maury: locali dedicati interamente a raffinate ed eleganti creazioni di cioccolato, nonché a dessert e delizie per tutti gli amanti dei dolci.
DUE NUOVI SHOW DI CIRQUE DU SOLEIL AT SEA

MSC Bellissima sarà la seconda nave della flotta MSC a presentare al pubblico gli show del Cirque du Soleil at Sea: due nuovi spettacoli pensati in esclusiva per gli ospiti della Compagnia. Il concept delle performance sarà rivelato il prossimo mese. Questa partnership di lunga durata è destinata a presentare altri quattro nuovi show creati per MSC Grandiosa, (da novembre 2019) e MSC Virtuosa (nel 2020).

MOMENTI BELLISSIMI 24 ORE SU 24

MSC Bellissima vanta una proposta completa e pensata nel dettaglio per il divertimento degli ospiti di tutte le età: dai tre scivoli dell’acquapark tematico ispirato al “Grand Canyon”, alla pista da bowling, al simulatore di F1, al cinema XD. E ancora: sei show teatrali inediti sorprenderanno il pubblico ogni sera, con la disponibilità di 985 posti a sedere ed un programma ricco di attività organizzate e gestite dal team di bordo.

MSC Bellissima è dotata anche di un’iconica promenade in pieno stile Mediterraneo, con uno schermo a LED di 80 metri e una galleria ricca di negozi e prodotti di oltre 200 brand, per gli amanti dello shopping. Per chi cerca relax e benessere, il luogo ideale a bordo è l’MSC Aurea Spa, autentica spa balinese che offre 79 differenti trattamenti viso e corpo all’interno di una sorprendente area termale. E c’è molto altro da scoprire!

NUOVI SERVIZI PER BAMBINI

MSC Crociere è rinomata per l’attenzione che rivolge ai più piccoli, e MSC Bellissima propone ulteriori servizi e strutture in partnership con LEGO® e Chicco. Un’impressionante area giochi di 700m² ospiterà una fantastica “Scuola di Magia” un talent show magico, una volta alla settimana, per continuare a sognare a bordo, al termine di meravigliose giornate a terra, costruendosi una base di ricordi indelebile da portar con sé e rivivere anche dopo il rientro a casa.

IEG: TORNA PESCARE SHOW 2019

VICENZA – Un’esperienza a 360° per immergersi completamente nella propria passione e scoprire in anteprima tutte le novità. PESCARE SHOW, il Salone internazionale che Italian Exhibition Group (IEG) dedica al mondo della pesca sportiva in tutte le sue declinazioni, sarà in fiera a Vicenza da sabato 23 a lunedì 25 febbraio 2019 per un’edizione dalle mille sorprese.

L’appuntamento più atteso dagli appassionati di ogni specialità ospiterà, infatti, i produttori che guidano l’innovazione nel settore e che scelgono la vetrina internazionale di PESCARE SHOW per presentare le ultime novità e guidare il visitatore alla prova e all’acquisto di attrezzature per la pesca sportiva, componenti, accessori e abbigliamento tecnico con cui migliorare le proprie prestazioni sportive, in una cornice sempre più internazionale grazie all’incoming di buyers e ospiti dall’estero.Rinnovata e ampliata l’area dedicata alla nautica, che presenterà alcune delle più spettacolari novità in tema di motori e imbarcazioni da diporto. Focus anche sull’elettronica e sulla strumentazione di bordo con una vetrina ancor più ricca di prodotti da testare in anteprima.

Forte di un successo costante nel tempo, PESCARE SHOW si è affermato come l’evento n.1 in Italia per il settore, immancabile appuntamento con cui si inaugura la stagione della pesca, capace di richiamare i principali produttori, importatori, retailer italiani ed esteri affiancati ad artigiani impegnati in creazioni uniche, oltre ad associazioni, scuole di pesca e visitatori da tutta Italia e d’oltralpe. PESCARE SHOW è l’occasione preferita dalla community degli sportivi e degli operatori professionali del settore per vivere appieno la propria passione e trovare il meglio per ogni specialità, dallo Spinning alla Pesca al Colpo, dalla Pesca tradizionale al Big game, senza dimenticare Surf casting e Fly Fishing.

Cinque i padiglioni del percorso in fiera, organizzato per aree tematiche e animato da un nutrito programma di eventi con ospiti internazionali e nomi di grande richiamo. Tornano, infatti, le dimostrazioni dal vivo di Fly Tying Experience con i migliori costruttori al mondo di esche artificiali per la pesca a mosca. Grande attesa per le dimostrazioni, i seminari e le presentazioni di novità del settore nell’esclusivo Acquademo, l’acquario mobile più grande d’Europa. Spazio anche alla didattica nel Flw Pro Center dove i pro staff (testimonial) della Fishing League Worldwide (FLW), organizzatore del campionato italiano di bass fishing, accoglieranno i neofiti e chi vuole approfondire la tecnica. Mentre la Scuola Italiana di Pesca a Mosca (S.I.M.) permetterà ai più piccoli di cimentarsi con le tecniche classiche e quelle più all’avanguardia per sentirsi esperti pescatori.

Il ricco calendario di eventi include prove di lancio nelle 2 casting pool dedicate al Fly Fishing, gli incontri con i testimonial internazionali, le premiazioni ufficiali della stagione sportiva appena conclusa, i seminari e i convegni ospitati nella Fishing Arena con gli esperti del settore.

È il Salone internazionale della pesca sportiva e della nautica da diporto organizzato da Italian Exhibition Group SpA. L’evento, aperto agli operatori del settore e al grande pubblico, ha cadenza annuale ed è giunto alla 20^ edizione.Date: da sabato 23 febbraio a lunedì 25 febbraio 2019Orari: 9.00 – 18.00, lunedì 9.00 – 16.00.Biglietti: intero 17 euro; ridotto 13 euro (acquisto on-line, possessori di regolare licenza di pesca e ragazzi dai 6 ai 12 anni); ridotto 8 euro per gruppi di almeno 20 persone maggiori di 5 anni; gratuito per bambini under 6, persone con disabilità e accompagnatori.

Italian Exhibition Group (IEG) è leader in Italia nell’organizzazione di eventi fieristici e tra i principali operatori del settore fieristico e dei congressi a livello europeo, con le strutture di Rimini e Vicenza. Il Gruppo IEG si distingue nell’organizzazione di eventi in cinque categorie: Food & Beverage; Jewellery & Fashion; Tourism, Hospitality and Lifestyle; Wellness and Leisure; Green & Technology. Negli ultimi anni, IEG ha avviato un importante percorso di espansione all’estero, anche attraverso la conclusione di joint ventures con operatori locali (ad esempio negli Stati Uniti, Emirati Arabi e in Cina). IEG ha chiuso il bilancio 2017 con ricavi totali consolidati di 130,7 mln di euro, un EBITDA di 23,2 mln e un utile netto consolidato di 9,2 mln. Nel 2017, IEG, nel complesso delle sedi espositive e congressuali di Rimini e Vicenza, ha totalizzato 50 fiere organizzate o ospitate e 206 eventi congressuali.

Perini Navi annuncia la vendita del secondo 42 metri E-volution

Perini Navi, leader mondiale nella progettazione e costruzione di navi a vela e a motore, annuncia la vendita del secondo S/Y 42 metri della linea E-volution

Il nuovo S/Y di 42m, prima unità della serie in versione GTS, è stato venduto ad un esperto armatore europeo e sarà consegnata nella primavera del 2021.

Sviluppata sulla piattaforma del primo 42 metri E-volution, con concept e stile Perini Navi e architettura navale di Reichel Pugh, questa seconda unità presenta una combinazione di alluminio alleggerito e carbonio finalizzata a raggiungere performance superiori.

Sono stati modificati alcuni aspetti dell’architettura navale, tra i quali chiglia e piano velico. L’albero è stato aumentato fino ad “altezza Panamax” (62,5 metri) mentre la deriva è stata allungata fino a un’immersione massima di 7,40 metri. Il nuovo piano velico prevede una randa square top, un boma allungato e un bompresso di 4 metri per massimizzare la superficie velica. Per aumentare ulteriormente le prestazioni, sono inoltre stati fatti alcuni cambiamenti per ridurre sensibilmente il dislocamento. Tali interventi includono la tuga e diversi item di allestimento in carbonio, oltre a un’ottimizzazione dell’impianto propulsivo e aspetti strutturali.

Il nuovo progetto affianca le caratteristiche della serie 42m E-volution, tra le quali linee pulite, ampi spazi e grande piattaforma di poppa, a linee della tuga più filanti, per rispondere alle richieste dell’armatore.

L’interior design sarà realizzato dallo studio GCA di Barcellona in collaborazione con Perini Navi.

“Siamo molto soddisfatti di questa ulteriore vendita, che chiude un anno importante per il nostro cantiere – commenta Lamberto Tacoli, Presidente e Amministratore Delegato di Perini Navi. Il 42m E-volution GTS è un progetto nel quale crediamo molto; è la sintesi perfetta tra comfort e performance e siamo felici che questa linea stia riscontrando successo in questa importante fascia di mercato.”

I piani di produzione del cantiere, che attualmente ha in costruzione il maggior numero, di navi a vela sopra i 40 metri nel mondo, prevedono la realizzazione di 7 imbarcazioni, quattro a vela e tre a motore. Nel dettaglio:

42 m a vela E-volution
42m a vela E-volution GTS;
47 m a vela E-volution;
60 m a vela;
25 m a motore “Eco-tender”;
53 m a motore Voyager;
56 m a motore Voyager.

Sostenibilità sul lago di Garda RepowerE, la prima imbarcazione “full electric”

Milano–Repower ha inaugurato ieri con un tour sul Lago di Garda RepowerE, una delle prime barche nate full electric. RepowerE è l’evoluzione cabinata di Become, il taxiboat presentato circa due anni fa e da allora in servizio a Sirmione. Grazie anche all’esperienza maturata in questo periodo, oggi RepowerE rappresenta una soluzione concreta e alternativa alla nautica classica, in grado di offrire un’esperienza unica.

RepowerE si distingue per tre caratteristiche: compatibilità, silenziosità e sostenibilità. Per compatibilità ci si riferisce alla possibilità di ricaricare l’imbarcazione usando BITTA e PALINA, gli strumenti di ricarica Repower che tanto successo hanno nel mondo automotive. Questo permette di inserire RepowerE in un ecosistema già sviluppato che ne garantisce la piena fruibilità. Il silenzio, la seconda caratteristica, a cui si somma la totale assenza di vibrazioni è un segno distintivo del motore elettrico e viene ancor più apprezzato se messo a confronto con la navigazione classica, a motore termico. La sostenibilità è evidentemente connessa all’assenza di emissioni inquinanti e climalteranti grazie all’alimentazione full electric ma anche al grande livello di efficienza che riduce drasticamente i consumi e i relativi costi di gestione.

Grazie a queste caratteristiche RepowerE rappresenta un perfetto mezzo da lavoro, rivolgendosi a tutte quelle aziende che vogliono fare della sostenibilità una leva per potenziare il proprio business. Non è un caso che il tour abbia previsto una tappa presso il Grand Hotel Terme, il cinque stelle di Terme di Sirmione, una eccellenza della ricettività del lago di Garda, che anche grazie alla presenza di un molo di proprietà rappresenta un business case ideale su come introdurre le soluzioni di mobilità elettrica nella propria attività.

“La mobilità elettrica ha già saputo contaminare il mercato automotive, facendo convergere competenze di settori diversi quali energy e ICT verso nuove soluzioni di mobilità – ha dichiarato Fabio Bocchiola, Country Manager Repower Italia. “Oggi la nautica rappresenta una nuova frontiera in questo campo e Repower è pronta a dare il suo contributo, presentando la sua visione di sostenibilità a 360°.

RepowerE è stata presentata al 58° salone nautico di Genova dove, unico modello full electric della manifestazione, ha riscosso un importate successo, anche in termini di visibilità, guadagnandosi un’attenzione che è andata oltre alle riviste di settore e ai confini nazionali.

FINCANTIERI: AVANZANO I PROGETTI IN CINA

TRIESTE – Alla presenza del Sottosegretario al Ministero dello Sviluppo Economico Michele Geraci, sono stati firmati a Shanghai i contratti che suggellano le intese annunciate nel febbraio 2017 relativi alla costruzione di due navi da crociera per CSSC Carnival Cruise Shipping Limited, che saranno le prime unità di questo genere mai realizzate in Cina per il mercato cinese.

Il progetto, che ha un valore complessivo di circa 1,5 miliardi di dollari, escluse le opzioni per ulteriori 4 navi, sarà realizzato da Shanghai Waigaoqiao Shipbuilding Co., Ltd (SWS), controllata da China State Shipbuilding Corporation (CSSC). La joint venture costituita da Fincantieri e CSSC Cruise Technology Development Co. Ltd (CCTD) fornirà in licenza a SWS la piattaforma tecnologica e una serie di servizi tecnici, tra i quali attività di project management, gestione della catena di fornitura e vendita di sistemi e componenti fondamentali della nave.

Il design delle unità sarà appositamente personalizzato secondo i gusti specifici dei clienti cinesi per CSSC Carnival Cruise Shipping Limited, il nuovo brand crocieristico cinese che fa capo joint venture tra Carnival Corporation e CSSC, che si occuperà anche di operare le unità. La prima consegna è prevista per il 2023. Commentando la costituzione della joint venture tra Carnival e CSSC, Arnold Donald, CEO di Carnival Corporation, ha affermato: “Il lancio della nostra joint venture in Cina è una pietra miliare per lo sviluppo di un’industria crocieristica forte e sostenibile nel Paese. Siamo entusiasti di lanciare, insieme ai nostri partner, una nuova compagnia che conterà sia navi già in esercizio che nuove unità costruite in Cina su misura per i viaggiatori cinesi”.

Michael Thamm, Group CEO, Costa Group e Carnival Asia, ha aggiunto: “La nuova joint venture integra la nostra presenza nel mercato e rafforza il nostro impegno per aiutare la Cina a diventare un mercato crocieristico di riferimento”. “È una decisione strategica per CSSC entrare nel settore delle crociere in collaborazione con Carnival Corporation e Fincantieri”, ha detto Lei Fanpei, Chairman di CSSC. “Attraverso la partnership con le principali aziende della scena internazionale, costruiremo un’intera catena industriale, che va dalla progettazione alla costruzione di navi da crociera, compresa la supply chain. La nostra cooperazione continua a ricevere un grande sostegno da parte del Governo cinese a livello centrale e locale, e ci auguriamo di proseguire la nostra partnership win-win per garantire la consegna della prima grande nave da crociera che sarà costruita in Cina entro il 2023”.

L’Amministratore delegato di Fincantieri, Giuseppe Bono, ha dichiarato: “Questo ulteriore traguardo rappresenta la miglior conferma che il presidio di un mercato strategico e ad alto potenziale come quello cinese procede con grande determinazione e all’unisono con due campioni come il Gruppo Carnival e CSSC, a riprova dell’enorme portata dell’operazione”. Bono ha poi concluso: “Affermare che la Cina rappresenti un’opportunità appare ormai riduttivo: è una realtà che non bisogna temere ma che, al contrario, va accompagnata perché è questo stesso grande Paese a chiedercelo, riconoscendo così la nostra leadership nel comparto”.

Come primo mercato al mondo per turismo all’estero, i 142 milioni viaggiatori dalla Cina hanno speso circa 258 miliardi di dollari nel 2017, secondo l’Organizzazione Mondiale del Turismo delle Nazioni Unite (UNWTO). In confronto, l’industria cruise cinese ha servito solo circa 2,5 milioni di turisti l’anno scorso, rappresentando meno del 2% del totale.La Cina, pertanto, rappresenta un’opportunità molto significativa per l’industria crocieristica, presentando ancora un basso tasso di penetrazione e con proiezioni a lungo termine che prevedono la crescita del turismo, e che dovrebbero portare il Paese a diventare il più grande mercato cruise al mondo.

IL NAUTILUS Anno 13 N°3

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato a Canale Pigonati di Brindisi; la storia, le potenzialità, le attuali richieste per il suo allargamento al fine di agevolare l’entrata nel porto interno delle grandi navi da crociera. Poi articoli sulle Zes, porti di Ancona, Bari, Campania ma anche le professioni del mare, il lavoro portuale nelle sue specificità ed un interessante racconto del porto di Salerno che nel Mediterraneo rappresenta un ponte tra Oriente ed Occidente.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab