CANTIERE NAVALE VITTORIA CONSEGNA IL RIMORCHIATORE C.869 ALLA PORT AUTORITY DI SKIKDA

ADRIA – Cantiere Navale Vittoria, azienda veneta specializzata nella progettazione e costruzione di imbarcazioni militari, paramilitari, da lavoro e commerciali, ha consegnato il rimorchiatore C.869 all’Impresa portuale di Skikda, Algeria. Il conferimento dell’unità, ordinata nel dicembre 2016 dal Ministero dei Trasporti algerino per un valore di 7 milioni di euro, è avvenuto con il passaggio di consegne tra una rappresentanza del Cantiere Navale Vittoria e una delegazione dell’Impresa Portuale algerina.

Dopo il varo realizzato alla fine dello scorso anno e il periodo di formazione del personale in loco, il tug potrà iniziare a svolgere funzioni di rimorchio e escort sulle coste e nei porti dello stato nordafricano al servizio dell’Entreprise Portuelle de Skikda.

Con la consegna del “Cap de Fer”, l’azienda di Adria torna tra i player del mercato nazionale e internazionale del rimorchio portuale e costiero. Il Cantiere Navale Vittoria si è specializzato nel tempo nella realizzazione di imbarcazioni militari e paramilitari (su tutte pattugliatori, interceptors, unità Search and Rescue (SAR) e mezzi da sbarco), da lavoro (in supporto a operazioni portuali e piattaforme offshore) e da trasporto passeggeri. Per il cantiere di Adria, quella di giugno, insieme all’unità in costruzione destinata alla Russia, rappresenta dunque una fornitura storica nell’ambito dei rimorchiatori di tipo ASD (propulsione azimutale).

La nuova nata di casa Vittoria, lunghezza fuori tutto pari a 26 metri, larghezza pari a 10 metri, pescaggio di 3,80 metri per 500 tonnellate circa di dislocamento a pieno carico, ha una capacità di tiro a punto fisso (ballard pull) di 42 tonnellate grazie all’ausilio di una coppia di propulsori azimutali ASD azionati da due motori diesel semiveloci in grado di sviluppare una potenza complessiva di oltre 3300 cavalli e una velocità massima di 12,5 nodi. Caratteristiche queste che rendono il mezzo idoneo allo svolgimento di operazioni di rimorchio portuale e costiero, di traino e spinta e a garantire assistenza e interventi di risposta alle emergenze in condizioni estreme.

L’imbarcazione dispone di alloggi e servizi per ospitare un equipaggio di 7 persone e ha ricevuto la classificazione del Registro Navale francese Bureau Veritas. “Siamo lieti di aver dato in consegna alle autorità algerine la nostra 869esima unità – commenta Luigi Duò, presidente del Cantiere Navale Vittoria – un’imbarcazione all’avanguardia sul piano tecnico che per noi ha soprattutto un elevato valore simbolico in quanto segna il nostro ritorno nel mercato del rimorchio, consolida il rapporto di collaborazione e reciproca stima con le autorità algerine e rafforza la nostra presenza all’estero”.

“Ci rende particolarmente orgogliosi – continua Luigi Duò – il fatto che la committenza abbia saputo riconoscere il know how della nostra azienda che si è aggiudicata la commessa battendo un’agguerrita concorrenza internazionale e che oggi apprezzi il lavoro svolto dalle maestranze del Cantiere”.“La capacità di mantenere alta la qualità dei nostri prodotti, di rispettare i tempi di consegna e di innovare – conclude Luigi Duò – investendo in Ricerca e Sviluppo, ci ha permesso di tornare a proporci con più forza nell’importante settore dei rimorchiatori. La consegna di questa unità, il primo rimorchiatore costruito dopo quasi due decenni, rafforza la nostra scelta strategica. Ora puntiamo a diventare un operatore di riferimento, a livello nazionale e internazionale, anche per questo settore”.

Dopo l’unità consegnata all’Algeria, sarà la volta del mezzo destinato alla Russia che dovrà supportare le operazioni di smantellamento dei sommergibili nucleari radiati dalla Marina Militare del paese.

CONSEGNATA AD ANCONA “VIKING ORION”

TRIESTE – È stata consegnata oggi, presso lo stabilimento Fincantieri di Ancona, “Viking Orion”, la quinta nave da crociera che Fincantieri ha costruito per la società armatrice Viking.
“Viking Orion”, come le unità gemelle, si posiziona nel segmento di mercato di unità di piccole dimensioni. Ha infatti una stazza lorda di circa 47.800 tonnellate, è dotata di 465 cabine e può ospitare a bordo 930 passeggeri.

La nave è stata progettata da architetti e ingegneri navali di grande esperienza, tra cui un team di interior design della Smc Design di Londra, e dello studio Rottet di Los Angeles, che hanno voluto trasferire su “Viking Orion” un design moderno di ispirazione scandinava, caratterizzato da un’eleganza sofisticata e al tempo stesso funzionale. Oltre alle cabine, dotate ognuna di balcone privato, la nave presenta anche spaziose suite con ampie viste, due piscine, di cui una a sfioro posizionata a poppa della nave, nonché un’area wellness progettata secondo la filosofia del benessere tipico dei paesi nordici, con sauna e grotta di neve.

Le unità Viking sono costruite secondo le più recenti normative in tema di navigazione e fornite dei più moderni sistemi di sicurezza, compreso il “Safe return to port”. Sono inoltre dotate di motori ad alta efficienza, idrodinamica e carena ottimizzate per una massima efficienza con conseguente riduzione dei consumi e sistemi che riducono al minimo l’inquinamento dei gas di scarico e che soddisfano le più severe normative ambientali.

La prima della serie, “Viking Star”, è stata realizzata nel cantiere di Marghera e consegnata nel 2015. Le unità successive, “Viking Sea”, “Viking Sky” e “Viking Sun”, consegnate nel 2016 e 2017, sono state costruite ad Ancona, così come la sesta unità, “Viking Jupiter”, varata proprio poche settimane fa. Altre 10 unità prenderanno il mare dagli stabilimenti italiani tra il 2019 e il 2027, a testimonianza del legame di fiducia che unisce il Gruppo Fincantieri alla società armatrice. Fincantieri ha costruito dal 1990 ad oggi 84 navi da crociera (di cui 61 dal 2002), mentre altre 43 unità sono in costruzione o di prossima realizzazione negli stabilimenti del gruppo.

FINCANTIERI: PROGETTO DI BENEFICENZA CON BANCO ALIMENTARE E FELSINEA RISTORAZIONE

TRIESTE – Fincantieri ha firmato un accordo di collaborazione a scopo di beneficenza, già operativo dall’inizio dell’anno, con il Banco Alimentare della Liguria, associazione di utilità sociale attiva nel recupero di eccedenze alimentari, e Felsinea Ristorazione, società che fornisce servizi di ristorazione presso la mensa del cantiere navale di Riva Trigoso (Genova).

L’iniziativa prevede che Fincantieri, con la collaborazione di Felsinea Ristorazione, ceda gratuitamente le derrate non consumate offerte presso la mensa di stabilimento, al fine della loro ridistribuzione da parte del Banco Alimentare agli enti beneficiari che si occupano di assistenza e aiuto ai poveri e in generale a persone in stato di bisogno.

I prodotti che potranno essere ceduti e ritirati non avranno superato la data di scadenza e saranno conformi alle condizioni igienico sanitarie, alla temperatura di conservazione, agli imballi primari e secondari, oltre ad essere adeguatamente etichettati. Al momento del ritiro dei prodotti verrà verificata la corrispondenza della natura, qualità e quantità dei prodotti ricevuti.

FINCANTIERI CONSEGNA A MSC CRUISES “MSC SEAVIEW”, LA NAVE PIÙ GRANDE MAI COSTRUITA IN ITALIA

TRIESTE – Fincantieri ha consegnato oggi a MSC Cruises “MSC Seaview” presso il cantiere di Monfalcone. La cerimonia di consegna si è svolta alla presenza di Gianluigi Aponte, Armatore nonché Fondatore e Presidente Esecutivo del Gruppo MSC, Pierfrancesco Vago, Executive Chairman di MSC Cruises, Giuseppe Bono, Amministratore Delegato di Fincantieri, e i Governatori della Regione Friuli Venezia Giulia, Massimiliano Fedriga, e della Regione Veneto, Luca Zaia.

Insieme alla gemella MSC Seaside, consegnata a novembre 2017, MSC Seaview è la seconda nave costruita da Fincantieri per MSC Crociere nel giro di soli 6 mesi. Con una stazza lorda superiore a 153 mila tonnellate e una lunghezza di 323 metri, MSC Seaview è la nave più grande e tecnologicamente avanzata ad essere mai stata progettata e costruita in Italia.

MSC Seaview definisce nuovi standard nella costruzione e nella progettazione delle navi da crociera ed è tra le imbarcazioni più innovative anche riguardo alla tecnologia ambientale presente a bordo. La nave rispetta infatti i più elevati standard ambientali internazionali e ha ricevuto dal RINA la certificazione “Green Star 3 Design” – l’attestato più completo rilasciato dall’organizzazione – a testimonianza dell’attenzione per l’ambiente prestata in ogni fase della sua realizzazione. La certificazione “Green Star 3 Design” riconosce a MSC Seaview, in particolare, la capacità di raggiungere i massimi livelli di eco-compatibilità grazie alle innovative misure che contribuiscono a ridurne in maniera significativa l’impatto ambientale complessivo. Queste misure includono, per esempio, il sistema di depurazione dei gas di scarico, il trattamento avanzato delle acque reflue, i sistemi per la prevenzione dello scarico dell’olio dai locali macchine, il sistema di trattamento delle acque di zavorra e il piano di gestione ambientale generale della nave.

Giuseppe Bono, Amministratore Delegato di Fincantieri, ha dichiarato: “Senza dubbio ricorderemo MSC Seaview come un’autentica impresa. Infatti, appena sei mesi fa celebravamo in questo stesso cantiere la consegna della nave più grande nave mai costruita in Italia, MSC Seaside, un prototipo del tutto rivoluzionario, e oggi stiamo ripetiamo quel successo con la sua gemella. Si tratta di una performance straordinaria, della quale siamo estremamente orgogliosi, che abbiamo potuto esprimere grazie alle capacità tecniche e gestionali che ci hanno resi grandi e riconosciuti tali nel mondo, e che ci autorizzano a guardare con rinnovata fiducia al futuro”.

FINCANTIERI E REGIONE PER LO SVILUPPO DEL LAVORO IN CAMPANIA

NAPOLI – La Regione Campania e Fincantieri hanno firmato un protocollo di collaborazione per l’avvio di un percorso di intervento finalizzato alla realizzazione delle condizioni di mantenimento dei livelli occupazionali e di incremento del carico di lavoro dello stabilimento di Castellammare di Stabia, nonché allo sviluppo economico, produttivo, sociale ed occupazionale dell’area, in condizioni di sostenibilità ambientale. La firma è avvenuta oggi tra Vincenzo De Luca, Presidente della Regione Campania e Giuseppe Bono, Amministratore delegato del gruppo cantieristico.

Gli obiettivi delle linee fondamentali di intervento individuate dall’accordo mirano a dare un forte impulso alla valorizzazione delle eccellenze industriali e di ricerca già presenti sul territorio e ad attrarre nuovi investimenti, nazionali ed esteri. Regione e azienda opereranno in stretta collaborazione nelle materie di mutuo interesse al fine di favorire la ripresa e lo sviluppo del territorio, la salvaguardia e la valorizzazione dell’occupazione.

In particolare, Fincantieri attribuirà al cantiere di Castellammare di Stabia le commesse di due tronconi di navi da crociera, e comunque un carico di lavoro per il cantiere di Stabia garantito almeno sino a tutto il 2020; si impegna a mantenere la missione polifunzionale del cantiere dedicato alla costruzione di prodotti fortemente innovativi, con particolare riferimento al supporto nella realizzazione di unità navali militari, oltre alla costruzione di tronconi di navi da crociera e militari; esplorerà qualunque iniziativa in tema di ricerca promossa in ambito regionale e nazionale, cercando di attrarre finanziamenti e valutandone, volta per volta, la fattibilità e le possibili ricadute positive per il futuro dello stabilimento. Fincantieri prevede, che il suo sito stabiese verrà dedicato anche alla costruzione di nuovi traghetti di media dimensione conformi con le più recenti normative in tema di sicurezza e ambiente, impiegabili in servizi di trasporto pubblico locale, per i quali, in linea anche con il recente indirizzo del Ministero dei Trasporti e delle Infrastrutture, appare sempre più improrogabile il rinnovo.

Infatti, la flotta navale di bandiera italiana impiegata in servizi di cabotaggio nazionale in modo esclusivo o prevalente è composta da 123 mezzi, di cui più della metà con età superiore a 25 anni (60% della flotta), e la contestuale introduzione di limiti sulle emissioni più stringenti, dovrebbero favorirne, se non imporne, il progressivo svecchiamento. Fincantieri si impegna a verificare la possibilità di assegnare allo stabilimento di Castellammare intere nuove commesse di navi acquisite sui mercati internazionali.

Inoltre, Fincantieri svilupperà iniziative nel campo della formazione, compresa una “Academy” aziendale, promuovendo accordi con istituti professionali e università presenti sul territorio regionale, volti ad indirizzare e formare i giovani verso le numerose figure professionali e competenze richieste dal Gruppo, dagli operai specializzati, ai periti, ai laureati.

La Regione Campania, dal canto suo, potrà promuovere progetti di ricerca, innovazione e sviluppo produttivo in coerenza con la RIS3 e nell’ambito delle politiche per i Trasporti di superficie e la  Logistica avanzata, attraverso gli strumenti di politica industriale ed eventuali accordi con il Governo nazionale, nonché l’ammodernamento delle condizioni logistiche esterne allo stabilimento Fincantieri utilizzando gli strumenti disponibili. Collaborerà, inoltre, all’insediamento di un centro formativo di eccellenza sul modello di “Fincantieri Academy” utilizzabile, oltre che per la formazione di alto livello del personale Fincantieri, anche eventualmente per quello di aziende industriali aventi sede in Regione, con focus all’economia del mare. La regione, inoltre assicurerà infine ogni forma di collaborazione, anche con il Governo nazionale, finalizzata a garantire le migliori condizioni di continuità e sviluppo delle aree industriali, ivi comprese le relative infrastrutture, e delle attività del cantiere di Castellammare di Stabia.

Il Presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, ha commentato: “La firma del protocollo con Fincantieri è motivata innanzitutto dall’obiettivo di salvaguardare e accrescere l’occupazione e lo sviluppo dello stabilimento di Castellammare di Stabia. Si tratta di un accordo del tutto originale e significativo sul piano nazionale, che formalizza l’impegno dell’azienda a una crescita produttiva all’incremento dei carichi di lavoro e dell’occupazione del nostro territorio. In questo quadro sono di particolare importanza le previsioni legate alle nuove commesse di parti e di intere navi che si intende assegnare a Castellammare. La Regione si è impegnata a fornire una stretta collaborazione nella realizzazione di nuovi investimenti e occupazione, così come intende verificare puntualmente, in spirito di piena partecipazione, l’attuazione di tutti gli interventi previsti”.
Giuseppe Bono, Amministratore delegato di Fincantieri, ha dichiarato: “Fincantieri detiene un posizionamento di mercato tale da coprire tutti i segmenti ad alto valore aggiunto della navalmeccanica. Questo primato, che rende unico il nostro Gruppo, è stato possibile grazie anche al profondo impegno profuso per sviluppare un portafoglio prodotti estremamente diversificato. In particolare, lo storico cantiere di Castellammare vanta referenze preziose che lo caratterizzano come un sito polifunzionale per costruzioni fortemente innovative. In quest’ottica, lo sviluppo delle competenze e delle capacità nei giovani ad elevato potenziale rappresenta un elemento chiave per la crescita imprenditoriale futura, consentendo il presidio delle tecnologie, e l’accordo firmato oggi concorrerà a raggiungere proprio questo obiettivo”.

SILVERSEA CRUISES ORDINA SILVER DAWN A FINCANTIERI

TRIESTE – Silversea Cruises ha commissionato a Fincantieri un ordine per un’ulteriore nave da crociera ultra-lusso, del valore di oltre 320 milioni di euro, con consegna prevista nell’ultimo trimestre del 2021.

Silver Dawn, questo il nome della nuova nave, sarà gemella dell’ammiraglia di Silversea Silver Muse, che ha preso il mare dal cantiere Fincantieri di Sestri Ponente (Genova) nell’aprile 2017, accolta con grande successo dal pubblico. Silversea si è quindi impegnata a costruire una nuova nave che ne condividerà le qualità ultra-lusso.

L’ordine per Silver Dawn arriva pochi mesi dopo che la compagnia ha firmato un contratto con Fincantieri per la costruzione di Silver Moon – altra gemella di Silver Muse – che verrà consegnata nel 2020. La realizzazione di una terza nave della serie “Muse”, l’undicesima in totale della flotta, fa parte del piano di espansione della società armatrice e rafforzerà il processo di “musification” strategico di Silversea. Silver Dawn beneficerà dello stesso senso di intimità e delle spaziose soluzioni di comfort delle suite che caratterizzano tutte le navi Silversea. Offrendo un’esperienza di bordo ancora migliore, creerà autentiche esperienze di viaggio per gli ospiti più esigenti di Silversea nelle destinazioni più spettacolari del mondo.

“Dopo lo straordinario successo di Silver Muse, siamo lieti di annunciare Silver Dawn come l’undicesima nave che entrerà a far parte della flotta Silversea”, ha commentato Manfredi Lefebvre d’Ovidio, Presidente di Silversea. “Silver Dawn avrà gli stessi tratti distintivi della qualità a 6 stelle delle nostre navi. Non vediamo l’ora di accogliere gli ospiti a bordo nel novembre del 2021. Era il sogno di mio padre quello di far crescere Silversea almeno fino a una flotta di 12 navi, e oggi facciamo un passo avanti verso questo traguardo”.

Giuseppe Bono, Amministratore delegato di Fincantieri, ha dichiarato: “È una grande gratificazione per il nostro Gruppo vedere un progetto ambizioso come quello per Silver Muse affermarsi sul mercato e conquistare il massimo apprezzamento da parte di un cliente esclusivo ed esigente come Silversea, che oggi ci conferma la sua fiducia. Grazie a questa collaborazione, basata sul primato qualitativo del prodotto, la nostra posizione di leadership nel settore crocieristico si consolida ulteriormente, non soltanto sotto il profilo tecnologico, ma anche per la capacità commerciale di trovare la migliore intesa con l’armatore”. Fincantieri ha costruito dal 1990 ad oggi 82 navi da crociera (di cui 59 dal 2002), mentre altre 44 unità sono in costruzione o di prossima realizzazione negli stabilimenti del gruppo.

FINCANTIERI: VARATA AD ANCONA “VIKING JUPITER”

TRIESTE – È stata varata oggi presso lo stabilimento di Ancona “Viking Jupiter”, la sesta nave da crociera che Fincantieri sta costruendo per la società armatrice Viking. Ora prenderà il via la fase di allestimento degli interni, che porterà alla consegna prevista nel 2019.

Il momento del varo è stato preceduto dalla tradizionale e beneaugurante “coin ceremony”, che consiste nel saldare un dollaro d’argento sull’ultimo ponte della nave, secondo un’antica consuetudine marinara.Madrina della cerimonia è stata Sissel Kyrkjebø, affermata cantante norvegese. Alla cerimonia erano presenti per l’armatore Torstein Hagen, Presidente di Viking, per Fincantieri Giovanni Stecconi, Direttore del cantiere.

La nave si posizionerà nel segmento di mercato di unità di piccole dimensioni. Come le unità gemelle, avrà una stazza lorda di circa 47.800 tonnellate, sarà dotata di 465 cabine e potrà ospitare a bordo 930 passeggeri. Le unità Viking sono costruite secondo le più recenti normative in tema di navigazione e fornite dei più moderni sistemi di sicurezza, compreso il “Safe return to port”. Sono inoltre dotate delle più avanzate tecnologie per il risparmio energetico e per soddisfare le più severe normative ambientali con motori ad alta efficienza energetica e un sistema di lavaggio dei gas di scarico.

La prima della serie, “Viking Star”, è stata realizzata nel cantiere di Marghera e consegnata nel 2015. Le unità successive, “Viking Sea”, “Viking Sky” e “Viking Sun”, entrate nella flotta dell’armatore nel 2016 e 2017, sono state costruite ad Ancona, così come la quinta unità, “Viking Orion”, che sarà completata fra poche settimane. Altre 10 unità, compresa quella varata oggi, prenderanno il mare dagli stabilimenti italiani tra il 2019 e il 2027, mentre recentemente la controllata di Fincantieri, VARD, ha firmato una lettera d’intenti per la progettazione e costruzione di due navi da crociera speciali che saranno realizzate nei suoi cantieri norvegesi, a testimonianza del legame di fiducia che unisce il Gruppo Fincantieri alla società armatrice.Fincantieri ha costruito dal 1990 ad oggi 82 navi da crociera (di cui 59 dal 2002), mentre altre 44 unità sono in costruzione o di prossima realizzazione negli stabilimenti del gruppo.

AL VIA LA SECONDA EDIZIONE DEL VERSILIA YACHTING RENDEZ-VOUS

VIAREGGIO – Conto alla rovescia per la seconda edizione del Versilia Yachting Rendez-vous, l’appuntamento dedicato alla nautica dell’alto di gamma, in scena a Viareggio dal 10 al 13 maggio (www.versiliayachtingrendezvous.it). Un evento espositivo dall’ampio respiro internazionale, valorizzato ancor di più dal sostegno della Regione Toscana, di Toscana Promozione Turistica e del Ministero dello Sviluppo Economico che supporterà il VYR 2018 attraverso ICE, l’Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane.

L’evento è stato presentato oggi a Viareggio nel corso di una conferenza stampa all’interno della Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea, alla presenza del presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, del sindaco di Viareggio, Giorgio Del Ghingaro, del presidente di Nautica Italiana, Lamberto Tacoli, del presidente del Distretto Tecnologico per la Nautica e la Portualità Toscana, Vincenzo Poerio e dell’amministratore delegato di Fiera Milano, Fabrizio Curci.

Pochi giorni ancora e tutti i riflettori saranno puntati sulle darsene Italia e Europa e sulla passeggiata nell’area dell’avamporto, che accoglieranno visitatori, amanti del mare e operatori del settore. In uno specchio d’acqua di quasi 50 mila metri quadrati, saranno ormeggiate un centinaio di magnifiche imbarcazioni che animeranno una grande festa nel cuore del distretto nautico toscano, viva e operativa fabbrica a cielo aperto. In scena il meglio dei produttori di yacht e mega yacht della cantieristica Made in Italy e l’eccellenza delle aziende produttrici di accessori e componentistica per grandi imbarcazioni.

Lungo le darsene di Viareggio più di 300 uomini lavorano senza sosta per portare a termine le operazioni di allestimento cominciate lo scorso 23 aprile. Secondo il cronoprogramma cantieristico, infatti, le operazioni si concluderanno mercoledì 9 maggio, giorno antecedente all’apertura del VYR. Una complessa fase di montaggio che riguarda non solo l’installazione di gazebo e stand pre-allestiti, ma anche le operazioni di restyling del circuito espositivo, a partire dai nuovi ingressi fino alla pavimentazione, alla pulizia degli specchi acquei, alle realizzazione di marciapiedi gestita grazie alla collaborazione di tutti gli enti territoriali coinvolti.

Le imbarcazioni dei privati, ormeggiate nelle darsene della città, sono state momentaneamente trasferite e ricollocate adeguatamente in ambito toscano riducendo al minimo il disagio per tutti i fruitori dei posti barca, grazie alle sinergie e alle buone relazioni operative attivate con i concessionari d’area, tra cui Club Nautico Versilia e Lega Navale Italiana – sezione di Viareggio.

Tra le novità a livello logistico, invece, durante i giorni del VYR saranno predisposte gratuitamente quattro aree parcheggio dedicate ai visitatori che desiderano raggiungere il salone espositivo in auto. Un’area sarà collocata nei pressi dello Stadio dei Pini; altre due, invece, collocate tra viale Europa e via Marina di Levante; l’ultima area si troverà nei pressi del Parco Commerciale Burlamacca di via Pisana ma con una particolarità: proprio da qui sarà possibile prenotare gratuitamente il Taxi Boat, una vera e propria barca che accompagnerà il visitatore agli ingressi del VYR attraversando il canale Burlamacca.

Tantissime, invece, le novità che riguarderanno la seconda edizione del VYR, a partire dal nuovo concept espositivo. Un layout di manifestazione nuovo, composto da aree più ampie e funzionali dotate di Wi-Fi, in grado di rendere più confortevole l’iterazione tra operatori ed espositori e la nuova postazione delle biglietterie, collocate sulla passeggiata lungomare di Viareggio in viale Regina Margherita, a ridosso del molo e prima dell’accesso al porto. Due, invece, gli ingressi che portano i visitatori alle darsene, posizionati entrambi a Nord sul Lungo Canale Palombari dell’Artiglio. E poi la nuova Welcome Area, uno spazio scenografico a forma di igloo dedicato all’accoglienza di buyer ed espositori.

Sulla passeggiata, inoltre, spazio alle auto storiche con il VYR Preview, una zona per gli amanti delle quattro ruote dove sono esposti modelli esclusivi, autentici esemplari provenienti dal Museo Storico Alfa Romeo di Arese. Nella darsena Italia spicca la nuovissima Exclusive Court,  area dedicata al fuori settore e a prodotti e servizi luxury, realizzata in collaborazione agli sponsor Falconieri, Maserati, Novaris, Slam, Poltrona Frau e UIV – Unione Italiana Vini,  che hanno voluto supportare l’evento dando il loro contribuito alla realizzazione di quest’area. Un angolo straordinario dove potersi rilassare e conoscere i prodotti pensati per chi è accomunato dalla passione per la nautica e per l’alta qualità.

“In Darsena by Daniel Canzian” invece è il nome del nuovo ristorante collocato all’interno del perimetro espositivo e che accoglierà visitatori ed espositori durante i giorni di mostra. Dopo Carlo Cracco, protagonista della serata di gala dello scorso anno nel teatro pucciniano di Torre del Lago, un altro nome di prestigio dell’alta cucina italiana come lo chef Daniel Canzian sale a bordo del VYR.

Ma Versilia Yachting Rendez-vous vuol dire anche shopping nella splendida cornice di Forte dei Marmi, grazie al servizio di courtesy car offerto da Maserati. Durante i giorni di mostra, gli espositori potranno riservare il servizio per i loro top clients rivolgendosi allo spazio dedicato a Maserati all’interno dell’Exclusive Court. Sempre gli espositori, inoltre, potranno offrire ai loro clienti le Vip Card, che danno diritto a numerosi benefit come la possibilità di avere due biglietti vip per il VYR validi per i quattro giorni di mostra; l’accesso all’interno delle aree vip e lounge della manifestazione; due inviti al party esclusivo il giorno dell’inaugurazione; un servizio di concierge offerto dall’Augustus Hotel & Resort di Forte dei Marmi e la possibilità di usufruire di una personal shopper dedicata, un’assistente che affiancherà e guiderà il cliente nelle migliori boutique della Versilia.

Ma le novità del VYR non terminano qui: anche la parte congressuale avrà un suo significativo peso specifico durante i giorni di mostra. Nautica Italiana sarà, infatti, in prima linea nell’organizzazione di alcuni eventi rilevanti a cominciare dalla presentazione dei dati relativi al comparto nautico nazionale e mondiale contenuti nella ricerca Market Monitor, realizzata in collaborazione con Deloitte e prevista per venerdì 11 maggio alle 10:30. Sempre venerdì alle 15:30 sarà la volta della design conference “How design is changing living on land and living on board”, il più importante appuntamento mondiale dedicato ai nuovi trend del design e ai cambiamenti del living a terra e a bordo, con la partecipazione di relatori di rilievo internazionale. Sabato 12 alle 15:30 infine, sarà la volta della Tavola Rotonda Legislativa dove verrà discussa la ripresa del comparto nautico italiano con un focus particolare dedicato al confronto tra marine e territori.

Parte integrante del Versilia Yachting Rendez-vous saranno gli eventi, programmati sia all’interno che all’esterno della manifestazione, con l’obiettivo di contaminare il territorio e celebrare il connubio tra Nautica, Arte, Design, Fashion e Food.
Si comincia giovedì 10 maggio, primo giorno di mostra, con la cerimonia inaugurale alle ore 11.   In programma l’alzabandiera a cura della Capitaneria di Porto di Viareggio e taglio del nastro alla presenza delle istituzioni nella Darsena Europa (piazza Palombari dell’Artiglio) e della Banda della Marina Militare italiana. A seguire giro d’onore e visita all’esposizione. Alle ore 11 al via la parte convegnistica del VYR per gli addetti ai lavori: si comincia con SymbioTe (Symbiosis of smart objects across IoT environments) all’interno dello spazio Tecnopool. Progetto europeo nell’ambito dell’Internet of Things che ha come obiettivo la realizzazione di uno standard che riesca a far comunicare due o più sistemi chiusi (con differenti protocolli di comunicazione); alle ore 12 nella sala convegni Darsena Italia si svolgerà il B&St (Broker and shipyard trading), evento dedicato a tutti i professionisti del settore e ai cantieri navali desiderosi di espandere la rete di collaborazione ed esplorare nuove opportunità di mercato, in cui formazione, networking, incontri business tra cantieri nautici da diporto e yacht broker saranno al centro del dibattito. Alle 18 tanta buona musica sulla Gold Floating Lounge, l’isola galleggiante del VYR nel cuore della darsena Italia: qui l’atmosfera sarà allietata dalle note delle arie del compositore lucchese Giacomo Puccini eseguite da musicisti professionisti. La serata si concluderà con un party esclusivo su invito riservato agli espositori nella club house dell’Augustus Hotel & Resort di Forte dei Marmi.

Pittura e musica faranno da sfondo alla giornata di venerdì 11 maggio. Per chi è interessato alla parte convegnistica, invece, appuntamento alle ore 11 nelle sale convegni VYR con la seconda parte di SymbioTe e B&St. La pittura sarà il  tema del pomeriggio: alle ore 17 il VYR ospiterà il pittore viareggino Giorgio Michetti che per l’occasione realizzerà dal vivo opere d’arte direttamente su tela. Alle 18.00 al via l’Happy Hour di via Coppino, che coinvolgerà residenti, espositori e visitatori. Contemporaneamente, davanti alla darsena Italia, ci sarà una performance d’arte circense sulla Gold Floating Lounge. Concluderà la serata il djset a cura di Radio Monte Carlo in Darsena Italia e uno spettacolo pirotecnico alle ore 20.30.

Il connubio tra arte e nautica è invece il filo conduttore di sabato 12 maggio. In collaborazione con il Comune di Pietrasanta si darà vita ad un percorso artistico, culturale e conviviale nella splendida cornice di Pietrasanta. Le imbarcazioni presenti nel Versilia Yachting Rendez-vous si trasformeranno in magnifiche gallerie d’arte, proponendo ai propri clienti e ospiti una giornata di cultura a bordo. Viceversa, le gallerie d’arte di Pietrasanta ospiteranno una serie di modellini di yacht particolarmente evocativi, che metteranno in luce sotto forma d’arte la vocazione cantieristica di Viareggio. Fitto il programma di eventi: si comincia alle 18 con una tavola rotonda “Quando diritto e impresa incontrano l’arte” al Navigo Garden; a seguire tour delle gallerie della città fino ad arrivare alla serata conclusiva in piazza del Duomo con l’esibizione di una street band.

All’interno del perimetro del VYR, invece, spazio alla parte convegnistica con la presentazione del “Rapporto ricerca CNA sulla filiera nautica” in programma alle ore 10 nella sala convegni della Darsena Italia.  Alle 17 live performance del gruppo di artisti provenienti dal Lucca Comics & Games lungo le darsene. Chiude la serata l’esibizione live sulla Gold Floating Lounge del Tofanelli Quintetto Jazz dalle 18 alle 19.30.

L’ultimo giorno di mostra, domenica 13 maggio, si apre con l’appuntamento dedicato agli amanti della vela nella darsena Toscana. Qui un gruppo di giovani velisti si sfiderà in una regata a partire dalle ore 9. A seguire premiazione dei vincitori nel Club Nautico Versilia. Alle ore 11.30, invece, al Museo della Marineria sarà illustrata ai visitatori la nascita dei cantieri viareggini con testimonianze di maestri d’ascia locali. Alle ore 14 è in programma la B kit Challenge, una gara pratica di ormeggiatori all’interno della Darsena Italia; alle ore 15.30 nel Navigo Garden, sarà assegnato il premio Wista, a cura della Women’s International Shipping and Trading Association, organizzazione mondiale di networking dedicata a donne che ricoprono incarichi dirigenziali nell’industria marittima.

SNIM – Salone Nautico di Puglia : Le foto

Brindisi – SNIM (Salone Nautico di Puglia) dal 25 aprile al 1 maggio 2018.

 

DOMANI AL VIA SNIM – SALONE NAUTICO DI PUGLIA

BRINDISI – Al via la sedicesima edizione dello SNIM – Salone Nautico di Puglia, a Brindisi, nel Porto Turistico, dal 25 aprile al 1 maggio 2018.
Il Salone nautico di Puglia è divenuto negli anni una fra le tre più importanti manifestazioni di settore in Italia, con Napoli e Genova e certamente l’evento di riferimento su tutto il versante adriatico.

Il ritorno a Brindisi, all’interno del Porto Turistico, dopo una parentesi barese, ha permesso, grazie anche e soprattutto alla possibilità di esporre le imbarcazioni in acqua, un sostanziale incremento del numero di espositori, oltre 100 aziende e circa 150 imbarcazioni, provenienti da tutte le regioni del mezzogiorno d’Italia, con particolare riferimento al settore della vela, assente nelle edizioni di Bari e che in Puglia registra un numero importante di appassionati.
L’integrazione fra il percorso a terra e a mare permetterà alle aziende di far testare le imbarcazioni in condizioni meteo-marine ideali.
Accanto ai settori della cantieristica e dell’accessoristica nautica, sono esaltati gli sport del mare, la subacquea, il turismo nautico, la sicurezza in mare, il turismo balneare, la pesca industriale e sportiva.

Oltre ad altri temi come quelli relativi all’ambiente (tema di fondo i parchi marini, la salvaguardia del patrimonio costiero e l’ecosostenibilità dello sviluppo), quello dell’enogastronomia come valore aggiunto nella politica turistico-ricettiva del territorio con particolare riguardo al consumo del pesce e della Sicurezza in Mare con la partecipazione del Comando Generale delle Capitanerie di Porto, della Guardia di Finanza e della Polizia di Stato.

Particolare attenzione sarà riservata ai percorsi formativi per nuove professioni nell’economia del mare, con la collaborazione degli Istituti Nautici di Puglia, già protagonisti nell’edizione 2017. Per l’occasione è stata sottoscritta una convenzione dedicata ad impiegare i ragazzi del Nautico Carnaro di Brindisi, nell’ambito delle attività previste dall’alternanza scuola-lavoro.

Come nelle passate edizioni, SNIM è l’occasione per promuovere e valorizzare le discipline che hanno come tema comune il Mare. Snim ospita il Villaggio dello Sport, all’interno del quale le Federazioni di Canottaggio, Pesca Sportiva ed Attività Subacquee, Vela, Motonautica, Sci Nautico, Nuoto, Canoa, la Lega Navale Italiana, gli Enti di Promozione Sportiva, I Circoli del territorio, saranno impegnate in attività pratiche e di formazione. In acqua, istruttori dedicati, consentono al pubblico di provare direttamente mezzi ed attrezzature per la vela, sup, salvamento, oltre a simulazioni di voga, lancio tecnico e pesca promozionale con canna da riva.

Con il contributo del Comitato Paralimpico, ampio ed importante spazio viene dedicato ai diversamente abili a dimostrazione degli innumerevoli vantaggi che la pratica dello sport garantisce, indipendentemente dalle condizioni fisiche e mentali di ognuno.
In questo quadro, quindi, lo Snim declina la propria offerta sia attraverso l’esposizione statica che con l’organizzazione di momenti di apprendimento tecnico e culturale, di laboratori esperienziali e momenti di degustazione guidata.

In ultimo ma non meno importante, facendo seguito alle preziose attività avviate nella passata edizione del salone nautico a Bari e dalla Regione Puglia, in occasione della business convention internazionale sulla Blu-Economy di marzo, obiettivo è la graduale trasformazione dell’evento in una grande campionaria dell’’economia del mare, ponendo la Puglia al centro di un settore strategico a cui guarda con sempre crescente attenzione la Regione, l’Italia e l’intera comunità europea.
In occasione del Salone Nautico di Puglia 2018, con la collaborazione della Net Consulting di Bruxelles, già partner 2017 e delle principali associazioni di categoria saranno coordinati alcuni tavoli tecnici per porre le basi all’organizzazione nel 2019 di importanti sezioni dedicate alla pesca ed alla salvaguardia dell’ambiente marino.

In questo quadro, importante la presenza alla manifestazione delle Aree Marine Protette di Torre Guaceto, Porto Cesareo e Tremiti, oltre alla facoltà di Biologia Marina di Unisalento, Conisma, Cnr-Ismar, Federpesca, Legacoop, Uci.
Il tema “clou” del Salone è il sostegno alle attività di promozione ed internazionalizzazione del Distretto Regionale della Nautica da Diporto, fortemente voluto dalla Regione, per favorire nuove opportunità produttive e commerciali e una crescita degli standard di qualità e competitività di un comparto definito strategico per l’economia futura del territorio.

In una regione come la Puglia, caratterizzata da una costa lunghissima e da un turismo in forte crescita, la nautica da diporto rappresenta un importante volano di sviluppo economico ed il Salone Nautico di Puglia, rappresenta oramai da anni, il contenitore attraverso il quale dare impulso alle attività del Distretto, promuovere importanti momenti di incontro fra tutti i partner per favorire la cooperazione e la nascita di “Sistemi d’Impresa” che rafforzino le realtà esistenti ed al tempo stesso generino nuove attività.

La scelta, peraltro, della location del Porto Turistico Marina di Brindisi e la presenza delle strutture portuali turistiche di Rodi Garganico, Marina del Gargano, Bisceglie Approdi, Calaponte e Porto Gaio, rappresenta una importante occasione per favorirne la cooperazione per alzare gli standard di qualità ed integrarne i servizi con l’entroterra.
In questo quadro, proprio durante l’evento l’ICE, in collaborazione con il Servizio Internazionalizzazione della Regione Puglia, ha pianificato una importante azione di incoming, con la presenza di circa 25 importatori e distributori provenienti dai mercati emergenti: Spagna, Francia, Olanda, Slovenia, Croazia, Serbia, Turchia, Montenegro, Grecia, Malta, Albania.

Peraltro, proprio l’Albania è Paese ospite nella manifestazione, con la presenza del Ministero al Turismo e durante il Salone, alla luce della grande attenzione riposta dal Governo sullo sviluppo del settore nautico, è in programma un incontro nel quale definire l’organizzazione di un importante evento di presentazione delle nostre aziende in territorio albanese.
In ultimo, ma non meno importante, l’occasione del Salone Nautico di Puglia, è il trampolino di lancio per la presentazione ufficiale del POLO NAUTICO DEL SUD ITALIA, al quale hanno aderito i principali consorzi di Campania, Sicilia, Lazio, Calabria e naturalmente Puglia, per la costituzione di un più vasto polo nautico del mezzogiorno, che rappresenta oltre 300 imprese del settore e che chiederà ufficialmente il riconoscimento al Ministero allo Sviluppo Economico.

La presentazione viene suggellata dalla presenza degli Assessori allo Sviluppo Economico delle regioni coinvolte, firmatari di un protocollo d’intesa di sostegno al progetto e vede la partecipazione dei vertici di ICE, dei dirigenti all’internazionalizzazione del Ministero competente e del Direttore Generale di Nautica Italiana Marco Capeddu.
La manifestazione, oltre che una vetrina a 360 gradi sul mondo del mare, è allietata da momenti di intrattenimento musicale.

Il 25 aprile (ore 21:30) saliranno sul palco Massimo Galantucci & CONTRORCHESTRA big band. La band propone un repertorio con la musica degli anni 60/70/80/90 spaziando dallo swing italiano, al beat, al rock and roll, fino ad arrivare alla dance, composizioni originali e riarrangiamenti appositamente per la formazione, lasciando sempre molto spazio all’improvvisazione, rendendo così ogni concerto unico e coinvolgente. Il 26 aprile (ore 21.30, gratuito) è la volta di Zero Fortuna – Tribute band di Renato Zero. Il 27 aprile (ore 21:30, gratuito) serata Blubay con la musica di Lewis djset, il 28 (dalle ore 18, gratuito) serata White Ostuni Beach Club con Dj Set, il 29 (ore 21:30, ingresso 10 euro) una serata dall’atmosfera cubana con i Fico Ricco. Il 30 aprile (ore 21:30, gratuito) è la volta della Band Napolatino con un omaggio a repertorio napoletano, ma con incursioni in altri generi musicali. Infine, il 1 maggio (ore 21:30, gratuito) si chiude con REWIND in concerto, gruppo nato nel ’99 che ripropone il meglio della dance 70-80 sia nella musica che negli abiti e nelle coreografie.
All’interno del Salone Nautico sarà presente un’area dedicata ai prodotti locali di Puglia.
Fra i partner della manifestazione EmmeAuto Group e Lyoness Cashback world.

“Siamo lieti di essere tornati a Brindisi – spiega Giuseppe Meo, ideatore e organizzatore di Snim – dove la manifestazione è nata. Non abbiamo mai voluto abbandonare il territorio ma solo condividere il percorso dello SNIM con la Regione Puglia e Bari ci dava questa opportunità. Snim si presenta con una formula nuova, che guarda soprattutto al turismo. Abbiamo bisogno di incrementare le presenze in città e per questo abbiamo previsto, oltre che la vetrina a 360 gradi sul mondo nautico, anche eventi serali, convegnistica con relatori di livello internazionale, b2b con oltre venticinque importatori internazionali. Abbiamo con noi i Consorzi delle cinque regioni del Sud Italia (Lazio, Campania, Sicilia, Calabria e Puglia), il Villaggio degli Sport del Mare dove la gente può godere delle attrezzature progettate per questo specifico segmento, e una “piazzetta del gusto” con i sapori tipici della nostra regione. Grazie alla sinergia con le istituzioni, in primis con il Comune di Brindisi, già dalla prossima edizione allargheremo i nostri orizzonti: SNIM diventerà Puglia Yacht Life, una manifestazione che ruoterà sempre attorno al settore nautico, ma coinvolgerà tutto l’indotto del lusso e del lifestyle. Considerato poi che a marzo la Regione Puglia ha definito l’economia del mare quale settore strategico, noi lavoriamo duro, così come lo facciamo da sedici anni, per garantire sempre una proposta all’altezza di questo importante ruolo”.

IL NAUTILUS Anno 13 N°1

In questo nuovo numero de Il Nautilus vi proponiamo uno speciale sul porto di Trieste con gli ultimi dati e provvedimenti che riguardano le recenti attività dell’Autorità di sistema. Si parla anche dei porti di Civitavecchia, Ancona, Venezia, Napoli, La Spezia, Genova, Cagliari e Porto Torres. Ma si parla anche dei risultati della manifestazione NauticSud che si è svolta a Napoli e di come vengono smaltiti i rifiuti prodotti dalle navi secondo le ultime direttive internazionali.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab