30° Navigare: prove nautiche al Circolo Posillipo dal 14 al 22 aprile

NAPOLI – Si svolgerà da sabato 14 a domenica 22 aprile, al Circolo Nautico Posillipo di Napoli, la trentesima edizione dell’esposizione nautica Navigare. Alla manifestazione, organizzata dall’ANRC (Associazione Nautica Regionale Campana) presieduta da Gennaro Amato, saranno esposti in acqua, ben 50 imbarcazioni tra yacht, gozzi e gommoni nel porticciolo del sodalizio posillipino, dove saranno allestiti numerosi stand a terra di aziende che presenteranno accessori dai motori marini all’intera gamma di accessori e servizi.

La manifestazione ad ingresso gratuito durerà nove giorni (14-22 aprile) e le oltre 27 aziende espositrici consentiranno ai visitatori di poter effettuare prove in mare dei natanti. L’edizione  pimaverile Navigare numero 30 si divide, nei nove giorni espositivi, in due soluzioni differenti. Nei weekend (sabato 14 e domenica 15 e da venerdì 20 a domenica 22) l’apertura è libera dalle 10 alle 19, mentre nelle giornate feriali gli espositori fisseranno incontri con i propri clienti per far provare in tranquillità le imbarcazioni ai visitatori interessati.

All’inaugurazione, sabato 14 aprile, alle ore 12.00 al Posillipo, il presidente del CN Posillipo Vincenzo Semeraro e il presidente ANRC Gennaro Amato, accoglieranno le Istituzioni e la stampa. Interverranno Valeria Fascione, assessore all’Internazionalizzazione, Start-up e Innovazione della Regione Campania, Donatella Chiodo, presidente della Mostra d’Oltremare, Nicola Marrazzo, consigliere regionale e presidente della commissione per la semplificazione burocratica ed informatizzazione della PA e Giuseppe Oliviero, Consigliere Delegato Mostra d’Oltremmaare.

Tante le novità in esposizione per la stagione estiva 2018. Tra i gommoni in esposizione spicca la gamma di Italmarine, con ben 7 modelli, tra i quali spicca il modello Positano 31. Un gommone con accurati dettagli, dal tendaggio per campeggio nautico al bagno sotto la consolle ad altezza uomo. Può montare sino a due motori da 350Hp cad. e raggiungere la velocità di 72 nodi. Nautica Salpa esporrà al Navigare due gommoni: il Soleil 33 (9.20 mt. x 3.40) un maxi  gommone  con una comoda cabina con due posti letto e un locale toilette separato,può essere motorizzato con 2 fuoribordo di 400Hp e la serie Limited Edition del gommone Soleil 23. L’azienda campana porterà anche due barche in vetroresina, i modelli Laver 23, di mt 7.60, e il Laver 38 di quasi dieci metri.

Tra i nomi noti della produzione nautica italiana non potevano mancare Fiart e Rio Italia. La Fiart, azienda della famiglia Di Luggo, esporrà un natante di 33 piedi (9.99) e lo yacht denominato 44 di oltre 13 metri. Anche Rio Italia sarà presente con due imbarcazioni: il Colorado 44, ben 14 metri, ed il Paranà 38. E poi i gozzi: il cantiere Esposito Mare esporrà il Postano Open 38 (11.60 mt) ed il Positano 23, di 7 metri, dotato di un motore fuoribordo elettrico.

A terra tra i numerosi stand presenti nel villaggio, le aziende di motori marini. Nautica Mediterranea Yachting, concessionario Suzuki, espone il DF350A Dual Prop System, la star dei motori fuoribordo della stagione 2018. Un motore con doppia elica controrotante. Marine System, rivenditore ed officina autorizzata  dei  Motori Tohatsu, con i prototipi dei motori MFS15 EFI White e MFS5 GPL, i fuoribordo più leggeri al mondo con iniezione elettronica senza batteria. Infine i motori  Honda del Centro Nautico Marinelli: il BF 40 D e BF 100.

SNIM – SALONE NAUTICO DI PUGLIA: a Brindisi, 25 aprile – 1 maggio 2018

BRINDISI – Al via la sedicesima edizione dello SNIM – Salone Nautico di Puglia, che si terrà a Brindisi, nel Porto Turistico, dal 25 aprile al 1 maggio 2018. L’edizione è stata presentata stamattina a Palazzo di Città, a Brindisi, alla presenza di Giuseppe Meo, fondatore ed organizzatore della manifestazione, e di Santi Giuffrè, Commissario prefettiziop di Brindisi. Il Salone nautico di Puglia è divenuto negli anni una fra le tre più importanti manifestazioni di settore in Italia, con Napoli e Genova e certamente l’evento di riferimento su tutto il versante adriatico.

In un momento difficilissimo per l’economia nazionale e soprattutto per il settore della nautica in Italia, lo Snim ha sempre mantenuto la sua identità, facendo registrare in questi ultimi 3 anni una costante crescita dei numeri sia di espositori che di visitatori. A questo ha senz’altro contribuito il forte appeal turistico della Puglia di questi anni e la strategica posizione geografica della stessa rispetto al bacino marittimo-turistico che interessa Slovenia, Croazia, Albania, Grecia, Turchia, in forte crescita.Il ritorno a Brindisi, all’interno del Porto Turistico, grazie anche e soprattutto alla possibilità di esporre le imbarcazioni in acqua, ha permesso un sostanziale incremento del numero di espositori, oltre 100 aziende e circa 150 imbarcazioni, provenienti da tutte le regioni del mezzogiorno d’Italia, con particolare riferimento al settore della vela, assente nelle edizioni di Bari e che in Puglia registra un numero importante di appassionati.

L’integrazione fra il percorso a terra e a mare permetterà alle aziende di far testare le imbarcazioni in condizioni meteo-marine ideali e naturalmente sarà allestito uno spazio dedicato all’accessoristica ed alla componentistica.Accanto ai settori della cantieristica e dell’accessoristica nautica, sono esaltati gli sport del mare, la subacquea, il turismo nautico, la sicurezza in mare, il turismo balneare, la pesca industriale e sportiva.Oltre ad altri temi come quelli relativi all’ambiente (tema di fondo i parchi marini, la salvaguardia del patrimonio costiero e l’ecosostenibilità dello sviluppo), quello dell’enogastronomia come valore aggiunto nella politica turistico-ricettiva del territorio con particolare riguardo al consumo del pesce e della Sicurezza in Mare con la partecipazione del Comando Generale delle Capitanerie di Porto, della Guardia di Finanza e della Polizia di Stato.

Particolare attenzione sarà riservata ai percorsi formativi per nuove professioni nell’economia del mare, con la collaborazione degli Istituti Nautici di Puglia, già protagonisti nell’edizione 2017. Per l’occasione è stata sottoscritta una convenzione dedicata ad impiegare i ragazzi del Nautico Carnaro di Brindisi, nell’ambito delle attività previste dall’alternanza scuola-lavoro.Come nelle passate edizioni, SNIM sarà l’occasione per promuovere e valorizzare le discipline che hanno come tema comune il Mare. Sarà allestito un Villaggio dello Sport, all’interno del quale le Federazioni di Canottaggio, Pesca Sportiva ed Attività Subacquee, Vela, Motonautica, Sci Nautico, Nuoto, Canoa, la Lega Navale Italiana, gli Enti di Promozione Sportiva, I Circoli del territorio, saranno impegnate in attività pratiche e di formazione.

In acqua, istruttori dedicati, consentiranno al pubblico di provare direttamente mezzi ed attrezzature per la vela, sup, salvamento, oltre a simulazioni di voga, lancio tecnico e pesca promozionale con canna da riva.Con il contributo del Comitato Paralimpico, ampio ed importante spazio sarà dedicato ai diversamente abili a dimostrazione degli innumerevoli vantaggi che la pratica dello sport garantisce, indipendentemente dalle condizioni fisiche e mentali di ognuno. In questo quadro, quindi, lo Snim declinerà la propria offerta sia attraverso l’esposizione statica che con l’organizzazione di momenti di apprendimento tecnico e culturale, di laboratori esperienziali e momenti di degustazione guidata.

In ultimo ma non meno importante, facendo seguito alle preziose attività avviate nella passata edizione del salone nautico a Bari e dalla Regione Puglia, in occasione della business convention internazionale sulla Blu-Economy di marzo, obiettivo è la graduale trasformazione dell’evento in una grande campionaria dell’’economia del mare, ponendo la Puglia al centro di un settore strategico a cui guarda con sempre crescente attenzione la Regione, l’Italia e l’intera comunità europea.

In occasione del Salone Nautico di Puglia 2018, con la collaborazione della Net Consulting di Bruxelles, già partner 2017 e delle principali associazioni di categoria saranno coordinati alcuni tavoli tecnici per porre le basi all’organizzazione nel 2019 di importanti sezioni dedicate alla pesca ed alla salvaguardia dell’ambiente marino.In questo quadro, importante la presenza alla manifestazione delle Aree Marine Protette di Torre Guaceto, Porto Cesareo e Tremiti, oltre alla facoltà di Biologia Marina di Unisalento, Conisma, Cnr-Ismar, Federpesca, Legacoop, Uci.

Il tema “clou” del Salone è il sostegno alle attività di promozione ed internazionalizzazione del Distretto Regionale della Nautica da Diporto, fortemente voluto dalla Regione, per favorire nuove opportunità produttive e commerciali e una crescita degli standard di qualità e competitività di un comparto definito strategico per l’economia futura del territorio. In una regione come la Puglia, caratterizzata da una costa lunghissima e da un turismo in forte crescita, la nautica da diporto rappresenta un importante volano di sviluppo economico ed il Salone Nautico di Puglia, rappresenta oramai da anni, il contenitore attraverso il quale dare impulso alle attività del Distretto, promuovere importanti momenti di incontro fra tutti i partner per favorire la cooperazione e la nascita di  “Sistemi d’Impresa” che rafforzino le realtà esistenti ed al tempo stesso generino nuove attività.

La scelta, peraltro, della location del Porto Turistico Marina di Brindisi e la presenza delle strutture portuali turistiche di Rodi Garganico, Marina del Gargano, Bisceglie Approdi, Calaponte e Porto Gaio, rappresenta una importante occasione per favorirne la cooperazione per alzare gli standard di qualità ed integrarne i servizi con l’entroterra.In questo quadro, proprio durante l’evento l’ICE, in collaborazione con il Servizio Internazionalizzazione della Regione Puglia, ha pianificato una importante azione di incoming, con la presenza di circa 25 importatori e distributori provenienti dai mercati emergenti: Spagna, Francia, Olanda, Slovenia, Croazia, Serbia, Turchia, Montenegro, Grecia, Malta, Albania.

Peraltro, proprio l’Albania sarà Paese ospite nella manifestazione, con la presenza del Ministero al Turismo e durante il Salone, alla luce della grande attenzione riposta dal Governo sullo sviluppo del settore nautico, è in programma un incontro nel quale definire l’organizzazione di un importante evento di presentazione delle nostre aziende in territorio albanese.In ultimo, ma non meno importante, l’occasione del Salone Nautico di Puglia, sarà il trampolino di lancio per la presentazione ufficiale del POLO NAUTICO DEL SUD ITALIA, al quale hanno aderito i principali consorzi di Campania, Sicilia, Lazio, Calabria e naturalmente Puglia, per la costituzione di un più vasto polo nautico del mezzogiorno, che rappresenta oltre 300 imprese del settore e che chiederà ufficialmente il riconoscimento al Ministero allo Sviluppo Economico.La presentazione sarà suggellata dalla presenza degli Assessori allo Sviluppo Economico delle regioni coinvolte, firmatari di un protocollo d’intesa di sostegno al progetto e vedrà la partecipazione dei vertici di ICE, dei dirigenti all’internazionalizzazione del Ministero competente e del Direttore Generale di Nautica Italiana Marco Capeddu.La manifestazione, oltre che una vetrina a 360 gradi sul mondo del mare, sarà anche allietata da momenti di intrattenimento musicale.

Il 25 aprile (ore 21:30) saliranno sul palco Massimo Galantucci & CONTRORCHESTRA big band. La band propone un repertorio con la musica degli anni 60/70/80/90 spaziando dallo swing italiano, al beat, al rock and roll, fino ad arrivare alla dance, composizioni originali e riarrangiamenti appositamente per la formazione, lasciando sempre molto spazio all’improvvisazione, rendendo così ogni concerto unico e coinvolgente. Il 26 aprile (ore 21.30) è la volta di Zero Fortuna – Tribute band di Renato Zero. Il 27 aprile (ore 21:30) serata Blubay con la musica di Lewis djset, il 28 (dalle ore 18) serata White Ostuni Beach Club con Dj Set, il 29 (ore 21:30) una serata dall’atmosfera cubana con i Fico Ricco. Il 30 aprile (ore 21:30) è la volta della Band Napolatino con un omaggio a repertorio napoletano, ma con incursioni in altri generi musicali. Infine, il 1 maggio (ore 21:30) si chiude con REWIND in concerto, gruppo nato nel ’99 che ripropone il meglio della dance 70-80 sia nella musica che negli abiti e nelle coreografie. All’interno del Salone Nautico sarà presente un’area dedicata ai prodotti locali di Puglia.

DICHIARAZIONI CONFERENZA STAMPA

Dichiarazioni Giuseppe Meo, organizzatore SNIM
“Siamo lieti di essere tornati a Brindisi, dove la manifestazione è nata. Non abbiamo mai voluto abbandonare il territorio ma solo condividere il percorso dello SNIM con la Regione Puglia e Bari ci dava questa opportunità.  Presentiamo oggi una formula completamente nuova, che guarda soprattutto al turismo. Abbiamo bisogno di incrementare le presenze in città e per questo abbiamo previsto, oltre che la vetrina a 360 gradi sul mondo nautico, anche eventi serali, convegnistica con relatori di livello internazionale, b2b con oltre venticinque importatori internazionali. Avremo i Consorzi delle cinque regioni del Sud Italia (Lazio, Campania, Sicilia, Calabria e Puglia), il Villaggio degli Sport del Mare dove la gente potrà godere delle attrezzature progettate per questo specifico segmento,  e una “piazzetta del gusto” con i sapori tipici della nostra regione. Grazie alla sinergia con le istituzioni, in primis con il Comune di Brindisi, già dalla prossima edizione allargheremo i nostri orizzonti: SNIM diventerà Puglia Yacht Life, una manifestazione che ruoterà sempre attorno al settore nautico, ma coinvolgerà tutto l’indotto del lusso e del lifestyle. Considerato poi che a marzo la Regione Puglia ha definito l’economia del mare quale settore strategico, noi lavoriamo duro,  così come lo facciamo da sedici anni, per garantire sempre una proposta all’altezza di questo importante ruolo”.

Santi Giuffrè, commissario prefettizio di Brindisi
“Siamo contenti del rientro del Salone Nautico SNIM a Brindisi, dacché lo consideriamo anche uno strumento importante per lo sviluppo turistico della città. Da parte nostra, c’è tutta volontà e l’impegno per garantire, ad eventi di questa portata, le condizioni ideali. Stiamo lavorando molto nella valorizzazione dei beni turistici, anche grazie ad un dialogo importantissimo e fruttuoso con la Soprintendenza dei beni archeologici. La gente deve riappropriarsi di questa città e SNIM ci aiuterà in questo percorso fecondo”.

Dal 17 al 20 maggio, ad Ancona, la quinta edizione di TIPICITÀ IN BLU

ANCONA – Dal 17 al 20 maggio Ancona, città iconica del connubio mare-terra, ospita uno degli eventi di punta dell’intera Macroregione adriatico-ionica: la quinta edizione di Tipicità in blu, il festival che promette un’immersione totale nelle atmosfere di questo angolo di Mediterraneo!Nell’anno europeo del patrimonio culturale, Tipicità in blu accetta la sfida e si confronta con altre identità estere: l’Albania sarà l’ospite d’onore, con la città di Durazzo, la sua cucina e le sue tradizioni.

La manifestazione esplora tutti gli aspetti della cosiddetta blu economy, con proposte innovative e coinvolgenti per tutto il long week end, tra cibo, scienza, nautica e cantieristica, sport, cultura e tradizione.Cucina marinara al centro dell’attenzione, con il Blu Village allestito dinanzi al Mercato Ittico. Da gustare moscioli, bombetti, sardoni e tante altre prelibatezze adriatiche, accompagnate dai racconti dei pescatori e dai vini delle dolci colline marchigiane. Inoltre, nei locali della città, Menù in blu ed aperiblu attendono slow trotters e gourmet.

Tutta da esplorare anche la Mole Vanvitelliana, cuore culturale ed artistico di Ancona, con le sue pregevoli architetture a pianta pentagonale protese sul mare. Ospiti prestigiosi e personaggi televisivi accompagneranno i visitatori attraverso laboratori sulla sostenibilità e sulle tematiche della pesca, sul mondo della cantieristica e lungo stimolanti percorsi degustativi alla scoperta dei vini prodotti dai “vigneti sul mare” del Monte Conero.

Tipicità in blu è mare! Non mancherà, quindi, la “Sailing chef”, originale regata a vela con concorso di cucina a bordo, ma ci saranno anche le minicrociere che tanto gradimento hanno fatto registrare nelle precedenti edizioni della manifestazione, caratterizzate da proposte gourmand da gustare a bordo di una motonave durante la suggestiva traversata che da Ancona conduce a Portonovo.

Previsti anche esclusivi pacchetti “a tema blu”, per vivere al meglio il week end anconetano. La manifestazione è organizzata dal Comune di Ancona in collaborazione con la Camera di Commercio dorica, insieme ad un nutrito pool di enti locali, associazioni ed aziende partner.

FINCANTIERI E GRIMALDI FIRMANO IL CONTRATTO PER IL RINNOVAMENTO DEI DUE CRUISE FERRY

TRIESTE –  A seguito della lettera di intenti del 5 marzo, Fincantieri e il Gruppo Grimaldi hanno firmato il contratto per il programma di allungamento e trasformazione dei cruise ferry “Cruise Roma” e “Cruise Barcelona”. La costruzione dei tronconi che verranno inseriti nelle navi comincerà nel 2018, mentre il termine delle operazioni è previsto, presso lo stabilimento di Palermo, entro l’estate del 2019.

Le due unità, attualmente impiegate sulla tratta giornaliera Civitavecchia-Porto Torres-Barcellona con la livrea “Grimaldi Lines”, sono state costruite da Fincantieri nel cantiere di Castellammare di Stabia e consegnate al gruppo partenopeo rispettivamente nel 2007 e nel 2008. Sono lunghe 225 metri, hanno una stazza di circa 54.000 tonnellate, e una capacità di trasporto di circa 3.000 persone, con 2.400 m2 di ponte auto e circa 3.000 metri lineari per mezzi pesanti.
Nel troncone di allungamento, della lunghezza di circa 29 metri, troveranno spazio circa 600 metri lineari per merci pesanti in più, 80 posti letto in nuove cabine passeggeri, due sale poltrone dalla capacità complessiva di 450 posti e un nuovo ristorante “Family self-service”, che avrà circa 270 posti a sedere. Saranno, inoltre, effettuati significativi lavori di rinnovamento delle aree pubbliche esistenti, inclusa la creazione di un ristorante tematico. Infine, verranno implementate le dotazioni di sicurezza della nave per far fronte all’aumento di capacità di trasporto passeggeri.

Al termine del progetto di allungamento, curato dalla Ship Repair and Conversion della divisione Services di Fincantieri, ogni nave sarà lunga circa 254 metri, avrà una stazza di circa 63.000 tonnellate, sarà in grado di ospitare 3.500 persone, con 3.000 m2 di ponte auto e oltre 3.700 metri lineari destinati ai mezzi pesanti.

Sotto il profilo tecnologico saranno adottate soluzioni d’avanguardia rivolte alla riduzione dell’impatto ambientale e al risparmio energetico, quali l’installazione di scrubber per la depurazione dei gas di scarico e un impianto di mega batterie a litio per alimentare la nave durante le soste nei porti senza la necessità di mettere in funzione i diesel-generatori, raggiungendo così l’obiettivo promosso dal Gruppo Grimaldi delle zero emissioni in porto. Fincantieri ha costruito in passato 30 unità di vario tipo per il Gruppo Grimaldi.

FINCANTIERI PRESENTA “CARNIVAL HORIZON”

TRIESTE – È stata presentata oggi presso lo stabilimento di Monfalcone “Carnival Horizon”, destinata a Carnival Cruise Line, brand di punta di Carnival Corporation, primo operatore al mondo del settore crocieristico.

Alla cerimonia hanno partecipato, fra gli altri, Micky Arison, Chairman di Carnival Corporation, Christine Duffy, President di Carnival Cruise Line, mentre Fincantieri era rappresentata dal Presidente Giampiero Massolo e dall’Amministratore delegato Giuseppe Bono.
“Carnival Horizon” è stata costruita nel cantiere di Marghera; gemella di “Carnival Vista”, la più grande nave finora costruita da Fincantieri per la flotta di Carnival Cruise Line consegnata a Monfalcone nell’aprile 2016, ha una stazza lorda di 133.500 tonnellate, è lunga 323 metri e potrà ospitare a bordo oltre 6.400 persone, tra passeggeri ed equipaggio.

Le unità della classe “Vista” rappresentano un nuovo punto di riferimento tecnologico a livello europeo e mondiale per il lay-out innovativo, le elevatissime performance e l’alta qualità di soluzioni tecniche d’avanguardia. Gli allestimenti degli interni sono caratterizzati da un elevatissimo livello di comfort, proponendo una vasta gamma di intrattenimento, tra cui un cinema IMAX 3D, una birreria con produzione artigianale di birra a bordo, ristoranti oltre che teatri, negozi e centri benessere. Una delle novità è rappresentata dall’Havana, un’area a tema, ristretta ed esclusiva, composta da cabine private, bar e una Infinity Pool, a cui potranno accedere, durante il giorno, solamente i passeggeri che alloggiano in questa zona.

Anche “Carnival Horizon” è stata costruita secondo le più recenti normative in tema di navigazione e fornita dei più moderni sistemi di sicurezza, compreso il “Safe return to port”. È inoltre dotata delle più avanzate tecnologie per il risparmio energetico e per soddisfare le più severe normative ambientali con motori ad alta efficienza energetica e un sistema di lavaggio dei gas di scarico.

Fincantieri ha costruito dal 1990 ad oggi 81 navi da crociera (di cui 58 dal 2002), 64 delle quali per i diversi brand di Carnival, mentre altre 44 unità, compresi accordi, sono in costruzione o di prossima realizzazione negli stabilimenti del gruppo, di cui 10 per società armatrici del gruppo statunitense.

AD ANCONA AL VIA I LAVORI PER “SEVEN SEAS SPLENDOR”

ANCONA – Si è svolta oggi presso lo stabilimento di Ancona la cerimonia del taglio della prima lamiera di “Seven Seas Splendor”, la seconda nave da crociera extra lusso che Fincantieri realizzerà per la società armatrice Regent Seven Seas Cruises, brand del gruppo Norwegian Cruise Line Holdings. La consegna è prevista nei primi mesi del 2020.

Alla cerimonia erano presenti, tra gli altri, per la società armatrice Jason Montague, President e CEO di Regent Seven Seas Cruises, Robin Lindsay, Executive Vice President of Vessel Operations di Norwegian Cruise Line Holdings e, per Fincantieri, Giovanni Stecconi, Direttore del cantiere di Ancona.

Con le sue 55.500 tonnellate di stazza lorda, “Seven Seas Splendor” avrà una lunghezza di 224 metri e potrà ospitare a bordo 754 passeggeri in 375 ampie suite. La nuova unità, che seguirà “Seven Seas Explorer”, consegnata dal cantiere di Sestri Ponente a giugno dello scorso anno, sarà costruita adottando le più avanzate tecnologie in tema di protezione ambientale. L’allestimento sarà particolarmente ricercato e sarà prestata molta attenzione al comfort per i passeggeri.

Dal 1990 ad oggi Fincantieri ha costruito 80 navi da crociera (di cui ben 57 dal 2002), altre 45 unità sono in costruzione o di prossima realizzazione negli stabilimenti del gruppo.

La nautica da diporto in mostra a Lignano Sabbiadoro

LIGNANO SABBIADORO – Torna anche quest’anno, presso la Darsena Porto Vecchio di Lignano Sabbiadoro, il Lignano Boat Show, manifestazione dedicata alla piccola imbarcazione da diporto giunta ormai alla terza edizione.

Il Lignano Boat Show 2018 si terrà in due weekend consecutivi (7-8 e 13-15 aprile), dalle ore 10 alle 22, con ingresso libero e gratuito. Durante l’evento, organizzato dall’associazione “Noi Operatori di Aprilia Marittima” insieme a Lignano Sabbiadoro Gestioni – che oltre a mettere a disposizione gli spazi fornisce supporto logistico all’organizzazione – e con il patrocinio del Comune di Lignano Sabbiadoro, il porto di Lignano ospiterà anche stand enogastronomici e spettacoli musicali.

La Darsena, facilmente raggiungibile a piedi dal lungomare di Lignano, ospiterà l’esposizione delle piccole imbarcazioni da diporto, cioè i “natanti”: un settore in forte crescita all’interno del mercato nautico italiano, che ha visto anche la nascita negli ultimi anni di numerosi nuovi cantieri costruttori.

Oltre ad alcuni dei più importanti marchi della nautica, il Lignano Boat Show ospiterà anche diversi artigiani professionisti, che daranno prova della loro abilità con diverse dimostrazioni aperte al pubblico e porteranno un’offerta completa di accessori e di equipaggiamento (come ad esempio costruzioni in acciaio inox e legno su misura, tendalini e coperture, rigging).

Con questa terza edizione del Boat Show, Lignano Sabbiadoro conferma una volta di più la sua lunga tradizione nel turismo nautico: “Il complesso di Aprilia Marittima e Lignano è il più organizzato in assoluto per la nautica da diporto, grazie soprattutto alla presenza di numerose maestranze artigiane presenti sul territorio – spiega Susi Faggiani, presidente dell’associazione “Noi Operatori di Aprilia Marittima”, tra gli organizzatori della manifestazione. Proprio l’offerta di qualità è uno dei motivi per cui numerosi stranieri, provenienti in particolare da Austria e Germania, sono tornati a scegliere Aprilia Marittima e Lignano per l’ormeggio e il rimessaggio della propria imbarcazione”.

A TRIESTE IL LABORATORIO DI PROGETTAZIONE NAVALE INTEGRATA

TRIESTE – Nell’ambito dell’accordo di collaborazione fra il Dipartimento di Ingegneria e Architettura (DIA) dell’Università di Trieste, Fincantieri e Intergraph Italia, parte del gruppo Hexagon, è stato oggi inaugurato il nuovo laboratorio di progettazione navale integrata.

Si tratta di un ambiente multidisciplinare unico nel suo genere in Italia. Dotato di 12 workstation di ultima generazione fornite da Fincantieri e altrettante licenze Hexagon/Intergraph. Verrà utilizzato per attività di ricerca su metodi e strumenti per la progettazione navale integrata, per attività di terza missione (ovvero rapporti con le aziende partner e formazione di specialisti) nonché per finalità didattiche, fornendo agli studenti di Ingegneria Navale dell’Università di Trieste la formazione sulle metodologie progettuali più innovative e l’addestramento all’uso degli strumenti informatici connessi, assicurando così a loro e alle imprese un notevole vantaggio competitivo.

La progettazione navale integrata è una nuova metodologia di lavoro in grado di tener conto sin dalle prime fasi della concezione di una nave delle diverse esigenze in maniera integrata per giungere a un prodotto finito, funzionale, tecnologicamente adeguato ed economicamente vantaggioso.

In un tale contesto vengono coinvolti molti aspetti dell’ingegneria navale e di altre discipline che devono confrontarsi al fine di ottenere una giusta sintesi. Il carattere interdisciplinare di tale metodologia ha stimolato nel tempo attività sinergiche nell’ambito delle diverse competenze presenti nella realtà accademica locale ed è stato foriero di nuove ed interessanti collaborazioni.

Da anni i gruppi di ricerca del DIA che si occupano di costruzioni e impianti navali e marini hanno condotto studi sul tema individuando percorsi progettuali che con la messa a punto e il coordinamento di adeguati strumenti operativi potranno condurre a soluzioni convenienti per quanto riguarda sia l’aspetto più strettamente tecnico sia quello gestionale in termini di tempi e costi.

OLTRE 170 ESPOSITORI ALLA SECONDA EDIZIONE DEL VERSILIA YACHTING RENDEZ-VOUS

MILANO – Sono più di 170 le aziende espositrici che saranno presenti alla seconda edizione del Versilia Yachting Rendez-vous, l’appuntamento internazionale dedicato alla nautica dell’alto di gamma, in scena a Viareggio dal 10 al 13 maggio (www.versiliayachtingrendezvous.it). Per quattro giorni una grande festa nel cuore del distretto nautico toscano, viva e operativa fabbrica a cielo aperto, che accoglierà visitatori, amanti del mare e operatori del settore.

L’evento è stato presentato oggi a Milano nel corso di una conferenza stampa all’interno degli studi di Radio Monte Carlo, partner radiofonico del VYR. La manifestazione, ideata e fortemente voluta da Nautica Italiana, è organizzata da Fiera Milano in collaborazione con il Distretto Tecnologico per la Nautica e la Portualità Toscana, con il sostegno e il supporto di Regione Toscana e Comune di Viareggio, con l’intento di coinvolgere tutto il comparto e le associazioni di settore nazionali ed internazionali.

Un’esperienza espositiva unica nel suo genere, nata per valorizzare le potenzialità dell’industria nautica d’eccellenza italiana, il cui valore di produzione del 2017 ha superato i due miliardi di euro (fonte Deloitte), e proprio in Toscana e in Versilia, ha un forte insediamento e una consolidata tradizione, in cui progettualità, tecnologia e alta qualità artigianale si coniugano in un territorio riconosciuto nel mondo per la bellezza, l’arte, l’accoglienza e l’italian lifestyle.

Nel quinquennio 2013-2017, la cantieristica italiana si è ulteriormente confermata leader mondiale nel segmento dei grandi yacht con un numero di consegne di imbarcazioni di lunghezza oltre i 30 metri pari a 288 unità, seguita dall’Olanda (98 unità) e dal Regno Unito (64 unità). In particolare a Viareggio ci sono oltre 1400 imprese attive e dieci sono i cantieri costruttori con brand internazionali. Sulle circa 400 imbarcazioni di oltre 50 metri che compongono la flotta mondiale, 100 sono state costruite da cantieri con sede a Viareggio (ovvero il 25% della produzione mondiale).

Nella darsena Italia e nella darsena Europa di Viareggio, in uno specchio d’acqua di quasi 50 mila metri quadrati, ci saranno dunque un centinaio di magnifiche imbarcazioni con una lunghezza media stimata di oltre 30 metri e che, se messe in fila una dietro l’altra, formerebbero una flotta di 2,5 km di lunghezza.

“Ci avviciniamo alla seconda edizione del VYR con la consapevolezza di aver accolto e soddisfatto le richieste di un comparto di punta del Made in Italy che chiedeva a gran voce una manifestazione rappresentativa dell’alto di gamma; un evento sinonimo di eccellenza e qualità tipicamente italiana” dichiara Paolo Borgio, exhibition manager del Versilia Yachting Rendez-vous. “L’obiettivo è continuare a crescere e le premesse per riuscirci ci sono tutte. Abbiamo registrato un aumento di richieste di spazi da parte di espositori provenienti da tutto il mondo. Da qui l’esigenza di ampliare l’offerta espositiva occupando anche le banchine del Porticciolo che ci garantiranno un numero maggiore di imbarcazioni presenti in acqua”.

“Dopo il miracolo della prima edizione del VYR dove, insieme a Fiera Milano, abbiamo organizzato un nuovo salone di richiamo internazionale in poco più di un mese, siamo molto soddisfatti di come si stia sviluppando la sua seconda edizione”, dichiara Lamberto Tacoli, presidente di Nautica Italiana. “Un entusiasmo condiviso sia dai nostri soci che da tutti gli espositori, sintomo di un mercato vivace in netta ripresa con numeri che parlano chiaro. Il 2016, infatti, ha registrato un fatturato globale per il settore nautico italiano di 3.4 miliardi di euro. Un incremento sensibile, specie se rapportato ai 2.4 del 2013”.

“La nautica toscana cresce insieme al suo distretto” dichiara Vincenzo Poerio, presidente del Distretto Tecnologico per la Nautica e la Portualità toscana . “Un contesto che sta cambiando e sta allineandosi a questo tipo di mercato che vede, a livello nazionale, le imbarcazioni sopra i 24 metri protagoniste ed in crescita. L’adesione delle imprese toscane, cantieri e fornitori al Versilia Yachting Rendez-vous è crescente e sta a dimostrare un riconoscimento sul campo di questa manifestazione. In questa seconda edizione, porteremo i broker internazionali con un evento nell’evento come il B&ST, Broker and Shipyard Trading che consentirà di incontrare questo mondo con metodi innovativi b2b, visita nei cantieri, on board e allo stesso tempo di attrarre anche i clienti internazionali”.

In scena il meglio dei produttori di yacht e mega yacht della cantieristica Made in Italy: Apreamare, Baglietto, Canados, Cantieri di Sarnico, Cerri Cantieri Navali, Codecasa, Fincantieri, Giorgio Mussini, GP Yachts, Gruppo Azimut-Benetti, Gruppo Ferretti, Perini Navi, Sanlorenzo Yachts, Phi Yacht (importatore di Skipper) e Novamarine. Tra gli espositori stranieri presenti c’è Bertram, prima azienda americana ad aver aderito all’evento per la seconda volta. Avrà inoltre ampio spazio anche il segmento maxi-rib che vedrà la partecipazione di marchi leader del settore come Sacs, Magazzù e Tecnorib.

Numerorissime anche le aziende che trattano la parte di accessori e componentistica per grandi yacht: è confermata la presenza di Volvo, azienda specializzata nella progettazione, costruzione e vendita di generatori di energia e di motori; marchi come Besenzoni e Opacmare, entrambi leader nella produzione di passerelle e sistemi di sollevamento per grandi imbarcazioni; Furuno, produttore di dispositivi GPS specializzati per la navigazione in mare; Bertazzoni, leader del settore ascensori; Guidi, azienda che si occupa della produzione di filtri di depurazione omologati, scarichi, prese a mare, valvole e raccorderia e Mase Generators, azienda specializzata in gruppi elettrogeni; Boero Bartolomeo, Jotun e Azko Nobel, rispettivamente leader mondiale nel settore dei prodotti vernicianti; Videoworks, azienda che si occupa di progettazione, realizzazione ed installazione di sistemi audio/video, sistemi di comunicazione e networking, domotica ed entertainment.

Molte sono le novità della seconda edizione, a partire dal nuovo concept espositivo. Un layout di manifestazione nuovo, composto da aree più ampie e funzionali dotate di tecnologie wi-fi, in grado di rendere più confortevole l’iterazione tra operatori ed espositori e la nuova postazione delle biglietterie, che sorgeranno sulla passeggiata lungomare di Viareggio in viale Regina Margherita, a ridosso del molo e prima dell’accesso al porto. Sulla passeggiata prenderà vita anche un’area dedicata all’auto storiche (VYR Preview), una zona per gli amanti delle quattro ruote dove saranno esposti modelli esclusivi, autentici esemplari provenienti dal Museo Storico Alfa Romeo di Arese. Saranno due, invece, gli ingressi che porteranno i visitatori alle darsene, posizionati entrambi a Nord sul Lungo Canale Palombari dell’Artiglio.

Proprio accanto agli ingressi sorgerà la nuova Welcome Area, uno spazio scenografico a forma di igloo dedicato all’accoglienza di buyer ed espositori. Nella darsena Italia sorgerà la nuovissima Exclusive Court, area dedicata al fuori settore e a prodotti e servizi luxury. Un angolo straordinario dove potersi rilassare e conoscere i prodotti pensati per chi è accomunato dalla passione per la nautica e per l’alta qualità. Ma la seconda edizione di VYR vedrà la presenza di un partner d’eccezione come Maserati. La casa del Tridente metterà a disposizione un servizio di courtesy car.

Gli espositori potranno riservare il servizio per i loro top clients rivolgendosi allo spazio dedicato a Maserati all’interno dell’Exclusive Court. Sempre gli espositori, inoltre, potranno offrire ai loro clienti le Vip Card, che danno diritto a numerosi benefit come la possibilità di avere due biglietti vip per il VYR validi per i quattro giorni di mostra; l’accesso all’interno delle aree vip e lounge della manifestazione; due inviti al party esclusivo il giorno dell’inaugurazione; un servizio di concierge offerto dall’Augustus Hotel & Resort di Forte dei Marmi e la possibilità di usufruire di una personal shopper dedicata, un’assistente che affiancherà e guiderà il cliente nelle migliori boutique della Versilia.

Ma Versilia Yachting Rendez-vous non sarà solo un appuntamento riservato agli amanti della nautica, ma anche una location unica e inusuale dove poter ascoltare musica dal vivo. Al centro dello specchio d’acqua della darsena Italia verrà allestita la Gold Floating Lounge, un’isola galleggiante dalla quale si esibiranno musicisti professionisti che interpreteranno le arie del compositore lucchese Giacomo Puccini e musica jazz.Molte le novità del VYR anche nel programma degli eventi. Questa edizione, che coinvolgerà l’intera Versilia, avrà un unico filo conduttore che celebrerà il connubio tra Nautica, Arte, Design, Fashion e Food.

Si comincerà giovedì 10 maggio con un party esclusivo riservato agli espositori che si svolgerà nell’esclusiva club house dell’Augustus Hotel & Resort di Forte dei Marmi. Venerdì 11 maggio sarà la serata dell’happy hour firmato VYR: lungo le darsene e nelle vie limitrofe di Viareggio – tra cui la celebre via Coppino –  espositori, visitatori e residenti saranno coinvolti in una festa a cielo aperto, animata dal djset a cura di Radio Monte Carlo. Infine sabato 12 maggio sarà la giornata dedicata all’Arte. In collaborazione con il Comune di Pietrasanta si darà vita ad un percorso artistico, culturale e conviviale nella magnifica cornice della Versilia.

FINCANTIERI E VIKING: ACCORDO PER ULTERIORI 6 NAVI

TRIESTE – In occasione del Seatrade Cruise Global, il più importante appuntamento annuale del comparto crocieristico in corso in questi giorni a Fort Lauderdale (Florida, USA), Fincantieri e Viking hanno annunciato di aver raggiunto un accordo per ulteriori 6 navi, che porterebbero a un totale di 16 il numero complessivo di unità costruite in partnership dalle due società, estendendo l’orizzonte della collaborazione fino al 2027.

L’accordo per le nuove navi, le cui consegne sono previste negli anni 2024, 2025, 2026, 2027, è soggetto a condizioni specifiche. Di concerto con la società armatrice, infatti, Fincantieri svilupperà un progetto evoluto, basato sulle caratteristiche di successo delle navi precedenti, aggiornate e rivisitate secondo le più recenti tecnologie disponibili sul mercato. L’attuale flotta oceanica di Viking comprende navi che dispongono esclusivamente di cabine veranda, con una stazza lorda di circa 47.800 tonnellate, e una capacità di ospitare a bordo 930 passeggeri in 465 cabine.

Ad oggi Fincantieri ha consegnato 4 navi a Viking Ocean Cruises. La prima della serie, “Viking Star”, è stata realizzata nel cantiere di Marghera e consegnata nel  marzo 2015; la seconda, la terza e la quarta, “Viking Sea”, “Viking Sky” e “Viking Sun”, hanno preso il mare dal cantiere di Ancona rispettivamente nel marzo 2016, gennaio 2017 e settembre 2017. Le ulteriori sei unità in portafoglio verranno consegnate nel 2018, 2019, 2021, 2022 (2 unità) e 2023.

A margine dell’annuncio odierno, Giuseppe Bono, Amministratore delegato di Fincantieri, ha commentato: “Siamo orgogliosi di aver avuto fiducia in una start up che ha ottenuto tanto successo. Nel 2012, infatti, la collaborazione tra noi e questo prestigioso armatore è partita con due navi, e oggi siamo arrivati addirittura a 16 unità. Si tratta di un record assoluto, il maggior numero di navi per un cantiere per conto di un singolo armatore, che fa di Viking, già primo operatore nel comparto cruise fluviale, leader anche in quello delle navi di piccole dimensioni destinate alle crociere oceaniche”.

Bono ha continuato: “L’accordo inoltre conferma il momento eccezionale della domanda in questo settore, che consente a Fincantieri di consolidare la propria leadership mondiale, ponendo le basi per incrementare il portafoglio ordini con carichi che danno già oggi tranquillità di lavoro per i prossimi dieci anni”.

IL NAUTILUS Anno 13 N°1

In questo nuovo numero de Il Nautilus vi proponiamo uno speciale sul porto di Trieste con gli ultimi dati e provvedimenti che riguardano le recenti attività dell’Autorità di sistema. Si parla anche dei porti di Civitavecchia, Ancona, Venezia, Napoli, La Spezia, Genova, Cagliari e Porto Torres. Ma si parla anche dei risultati della manifestazione NauticSud che si è svolta a Napoli e di come vengono smaltiti i rifiuti prodotti dalle navi secondo le ultime direttive internazionali.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab