Meeting del Garda Optimist

Pronostici rispettati: Gradoni e Schedit sono i vincitori della 37° edizione

Riva del Garda- I pronostici della vigilia del gran finale del 37° Meeting del Garda Optimist sono stati pienamente rispettati: Marco Gradoni e Erik Scheidt, scesi in acqua per l’ultima giornata di regate come leader delle classifiche Juniores e Cadetti rispettivamente, sono i vincitori della 37° edizione della manifestazione da record organizzata dalla Fraglia Vela Riva.

L’ultima giornata di regate ha visto i giovanissimi Cadetti (classe 2009 e 2010) completare altre due regate, portando ad otto il totale della serie gardesana: Erik Scheidt, con parziali di 1-2, ha lasciato alle sue spalle, con un margine di 4 punti, l’atleta tedesca Amelie Ropke (16-4), con la quale il testa a testa era iniziato già nelle primissime regate della serie. Medaglia di bronzo per la gardesana Sofia Bommartini (2-1), protagonista di  un’eccellente giornata e vincitrice dell’ultima regata della serie a Riva del Garda.

Nella categoria Juniores, Marco Gradoni e Richard Schultheis iniziano la giornata a pari punti in vetta alla classifica. La prima prova è un duello tra i due, quasi un match race, con Gradoni che stacca Schultheis di un paio di lunghezze negli ultimi metri e si aggiudica la vittoria, lasciando l’atleta Maltese al terzo posto. Nella seconda ed ultima regata della serie, Gradoni porta a casa un altro “bullet” e Schultheis scivola in quattordicesima posizione. Ne beneficia l’atleta fragliotto Alex Demurtas che riesce a risalire al secondo posto della classifica generale, scavalcando l’atleta Maltese.

Il podio della 37° edizione del Meeting del Garda Optimist vede quindi Marco Gradoni al primo posto con 10 punti, seguito da Alex Demurtas con 22 e Robert Schultheis con 25. Completano la top five lo svedese Lukas Lindstrom e il Tedesco Caspar Ilgenstein. Prima femminile è Yanne Broers, ventunesima in classifica generale.

Giancarlo Mirandola, Presidente della Fraglia Vela Riva: “Con grande orgoglio e soddisfazione, abbiamo portato a casa anche questa 37° edizione del Meeting del Garda Optimist. La grande affluenza di bambini e ragazzi da tutto il mondo è per noi un grande stimolo e motivo di continuo miglioramento. Quest’anno, siamo stati particolarmente fortunati anche con le condizioni meteorologiche, che ci hanno regalato una settimana quasi estiva, soleggiata e con Ora che non si è mai fatta attendere, stabile e tesa, mai sotto i 7 nodi.

E’ già tempo di guardare al futuro, speriamo che la 38° edizione sia, se possibile, ancor più un successo, anche in vista del Mondiale Optimist che ospiteremo a luglio 2020. Grazie a tutti i partecipanti e ai loro accompagnatori, allo staff della Fraglia Vela Riva, a tutti i collaboratori e ai volontari,  e non da ultimo ai nostri partner: senza di loro, questa grande organizzazione non sarebbe possibile”.

Ulteriori informazioni sull’evento, il bando di regata e l’elenco iscritti sono reperibili a questo link.

I risultati del 37° Meeting del Garda Optimist sono disponibili a questo link.

HEMPEL WORLD CUP SERIES: TERMINA LA SETTIMANA DI VELA INTERNAZIONALE DI GENOVA

BRONZO PER BENEDETTA DI SALLE E ALESSANDRA DUBBINI NEI 470 FEMMINILI

 

Ultima giornata di Hempel World Cup Series a Genova, tutte e cinque le Medal Race in programma sono state concluse oggi con una tramontana leggera, tra i 5 e gli 8 nodi. La squadra italiana chiude con la conquista della seconda medaglia della settimana, il bronzo della genovese Benedetta Di Salle con Alessandra Dubbini (Marina Militare/SV Guardia di Finanza) nel 470 femminile.

La loro era la prima Medal Race della giornata, partita con cielo coperto davanti alla foce del Bisagno, sulla linea di partenza anche le compagne di squadra Elena Berta e Bianca Caruso (CS Aeronautica Militare/Marina Militare); le italiane partivano da seconde e terze in classifica. Il quinto posto nella prova finale a punteggio doppio di Di Salle/Dubbini è stato sufficiente per salire sul podio genovese di World Cup Series, insieme alle vincitrici Fernanda Oliveira e Ana Luiz Barbachan (BRA) e le cinesi Mengxi Wei con Hayan Gao, medaglie d’argento.

“Abbiamo replicato il successo della World Cup di Enoshima, anche lì abbiamo vinto la medaglia di bronzo – raccontano le ragazze al rientro – abbiamo perso una posizione rispetto a ieri sera, ma l’obiettivo era salire sul podio e ci siamo riuscite, va bene un terzo! Una medal race con pochissimo vento, due lati con pompaggio in cui ci siamo impegnate anche fisicamente, e poi è stata per lo più una prova tattica. Siamo contente e felici di aver vinto a Genova che è la città dove siamo cresciute velisticamente”.

Anche nei Finn c’era una bandiera tricolore, quella del diciottenne Federico Colaninno (YC Gaeta) che ha chiuso quinto la manifestazione internazionale genovese. A vincere nei Finn il brasiliano Jorge Zarif, secondo e terzo gli spagnoli Alex Muscat e Joan Cardona Mendez.

“Siamo contenti, ci aspettavamo segnali prestativi e li abbiamo avuti – dichiara il Direttore Tecnico FIV Michele Marchesini – anche qualcosa in più delle aspettative, soprattutto nel 49er FX. Bene per le due medaglie, ma anche Berta e Caruso, nonostante non siano finite sul podio, sono state molto brave. La settimana è stata complicata dal punto di vista meteo, con i primi tre giorni in cui ci siamo trovati in regime di alta pressione e abbiamo regatato con brezze leggere e con direzioni insolite. E’ stato tutto molto tecnico, l’abbiamo pagato all’inizio, in alcune classi eravamo in notevole difficoltà, ma poi siamo usciti dall’empasse e questo non può che essere valutato in maniera positiva. Quest’anno la stagione sarà lunga e con un calendario difficile  soprattutto per alcune classi, e infatti quelle verranno trattate come fossero due stagioni.”

La Hempel World Cup Series di Genova volge quindi al termine, dopo una settimana di grande impegno sia a terra che in mare da parte degli organizzatori, World Sailing in collaborazione con Federazione Italiana Vela, Yacht Club Italiano, Regione Liguria e Comune di Genova, che per la prima volta sono riusciti a portare una tappa di World Cup Series in Italia. Quasi 800 velisti, 350 equipaggi provenienti da ogni parte del mondo, si sono dati appuntamento qui sul percorso che porterà alcuni di loro alle Olimpiadi di Tokyo 2020, ed il prossimo anno, torneranno a Genova per un’altra settimana di grande vela.

“Abbiamo chiuso con una bellissima Medal Race da parte delle ragazze del 470 – dichiara Francesco Ettorre, Presidente FIV – eravamo gli unici con due barche sulla linea di partenza. Tra ieri e oggi il numero di equipaggi impegnati nelle prove riservate ai migliori dieci è davvero soddisfacente, anche la sorpresa di Federico Colaninno quinto nei Finn. Alla conclusione di questa prima tappa di World Cup Series a Genova, un evento davvero impegnativo, posso dire che siamo felici di vedere gli atleti soddisfatti, il vento è stato leggero, ma si sono sempre disputate regate regolari e già da adesso cominciamo a pensare al prossimo anno, alla seconda edizione di HWCS Genova. Ma ora l’impegno degli atleti e dei tecnici deve essere rivolto ai prossimi Campionati Europei delle classi olimpiche, per poi andare tutti in Giappone, sul campo olimpico, per il test event e le World Cup Series.”

Sul sito SAP Sailing Analythics le classifiche complete e definitive di Hempel World Cup Series Genova http://sapsailing.com/

Foto: Martina Orsini

Porti e terminal crociere cambiano

La struttura, le strategie e i piani operativi dei porti – crociera è cambiata in molti aspetti, soprattutto in questi ultimi venti anni. Il rinnovamento urbanistico e gli stessi piani per la costruzione delle infrastrutture sono stati accompagnati da un’ondata di riforma nella governance dei porti per navi da crociera.

La gestione degli scali per crocieristi è oggi improntata su strategie complesse che necessariamente coinvolge operatori portuali e fornitori di servizi sia a navi dedicate e sia ai passeggeri interessati. Una nuova visione nella gestione deve tener conto delle grandi dimensioni delle navi moderne (sempre più grandi) e delle esigenze del moderno prodotto da crociera. Lo stesso concetto di terminal-crociere sta subendo innovazioni al fine di soddisfare i passeggeri nei servizi offerti che continuano a espandersi; molti terminal di porti italiani vanno riorganizzati.

Oggi, un porto per navi da crociera, per essere scelto lungo i vari itinerari, oltre alle solite variabili (banchine attrezzate, fondali adeguati e servizi alla nave), dovrà offrire un terminal moderno adatto a soddisfare nuove esigenze di mercato. Da fonti CLIA, il numero di passeggeri che godranno di una crociera in questo 2019 nella regione del Mediterraneo è in continuo aumento; e sempre più sono i privati  impegnati nella gestione di terminal dei porti da crociera.

Nell’ultimo decennio si è passati da 11,8 milioni di persone che hanno scelto una crociera a 200 milioni di movimenti passeggeri nei porti di tutto il mondo. Tale aumento è giustificato da navi innovative e ricche di funzionalità, con una varietà di servizi offerti a bordo; pianificazione di nuovi scali lungo un itinerario e partenze con facilità d’imbarco in città convenienti e servite da una mobilità efficiente (strade, ferrovie e aeroporti).

Una organizzazione adeguata di operazioni terrestri nel soddisfare i desiderata dei  passeggeri di varie destinazioni nell’ospitalità, capace di garantire servizi sempre più ottimizzati. Per questa tipologia di traffico, la governance di un porto dovrà introdurre l’approccio concettuale mirato per obiettivi, tenendo conto delle quattro variabili; tipologia del porto, ubicazione geografica del porto, struttura portuale e strategia portuale.

Guardando ai nostri porti del Mediterraneo meridionale diventa importante pianificare nuovi terminal-crociere che non siano solo sale d’aspetto in attesa d’imbarco e/o sbarco; ma veri poli di attrazione e fruizione culturale che sappiano coniugare l’interfaccia città-porto e che facciano vivere una esperienza unica: una città non omologata alle altre, non globalizzata, ma una città da vivere.

Abele Carruezzo

© Riproduzione riservata

37° Meeting del Garda Optimist: Gradoni e Schedit entrano da leader nelle rispettive Gold Fleet

Riva del Garda – Si scende in acqua alle 12.00 di questa domenica di Pasqua per il gran finale della 37° edizione del Meeting del Garda Optimist, evento organizzato dalla Fraglia Vela Riva e che quest’anno ha saputo richiamare nelle acque dell’alto Benaco ben 1164 atleti da 40 paesi del mondo.

Le sei prove disputate finora, sia per la categoria Juniores che per i Cadetti, hanno permesso di dividere le flotte in due raggruppamenti, Gold e Silver. Saranno proprio i piccoli velisti della flotta Gold a sfidarsi per provare a mettere il sigillo su una delle manifestazioni  internazionali più importanti della Classe Optimist.

Il pluricampione iridato Optimist Marco Gradoni guida la classifica Juniores a pari punti con il Maltese Richard Schultheis, mentre l’atleta della Fraglia Vela Riva Alex Demurtas è terzo con 10 punti e un’ottima scoreline (scarta un quarto come peggior risultato).

Nella flotta dei giovanissimi Cadetti, il ritmo è dettato dal Brasiliano Erik Scheidt (4-1-1-1-7-1), seguito da Amelie Ropke, prima atleta femminile, e dall’Italiana Sofia Bommartini.

Ulteriori informazioni sull’evento, il bando di regata, l’elenco iscritti e le classifiche sono reperibili a questo link.

I risultati del 37° Meeting del Garda Optimist sono disponibili a questo link.

HEMPEL WORLD CUP SERIES: MEDAGLIA D’ARGENTO ITALIANA NEI 49ER FX PER CARLOTTA OMARI E MATILDA DISTEFANO

DOMANI CINQUE MEDAL RACE CON QUATTRO AZZURRI IN GARA

 

Le azzurre Carlotta Omari e Matilda Distefano (Sirena CN Triestino/Soc.Triestina Vela) conquistano la loro prima medaglia nelle World Cup Series: un argento nella classe 49er FX. Si erano presentate sulla linea di partenza della prima Medal Race delle tre in programma per oggi all’Hempel World Cup Series di Genova, da prime in classifica dopo una bella settimana di regate molto consistenti.

“E’ stata una Medal Race dura, difficile e con davvero poco vento – raccontano subito dopo aver tagliato il traguardo Omari e Distefano – fortunatamente delle nostre dirette avversarie siamo riuscite a tenerne dietro una, mentre le altre sono state brave e hanno vinto. Siamo felicissime del secondo posto è la nostra prima medaglia in World Cup Series.”

Davanti alle ragazze italiane ci sono le olandesi Odile van Aanholt e Marieke Jongens e dietro, in terza posizione, Stephanie Roble e Margaret Shea, allenate dall’olimpionica azzurra Giulia Conti.

Meno bene l’altra Medal Race in cui erano impegnati ben due equipaggi italiani, Lorenzo Bressani con Cecilia Zorzi (CC Aniene/Marina Militare) e Ruggero Tita con Caterina Banti (SV Guardia di Finanza/CC Aniene). Il vento molto leggero e piuttosto ballerino ha costretto il Comitato ad annullare il primo tentativo di partenza, e appena dopo la seconda partenza il giudice in acqua ha dato una penalità a Tita/Banti per ‘ooching’, quando il prodiere cerca di far accelerare la barca con il peso del proprio corpo, costringendoli ad un giro su stessi.

Ma non è stato questo il solo ‘360°’ della squadra italiana, al cancello di poppa, Bressani/Zorzi sono stati chiamati a svolgere una penalità per non aver lasciato spazio ad un equipaggio che stava terminando un giro di penalità a sua volta. Il campione olimpico Santiago Lange (ARG) ha poi svolto un eccellente ultimo lato di poppa letteralmente volando sulla linea dell’arrivo e verso il terzo gradino del podio, fino a quel momento occupato da Bressani/Zorzi, che invece chiudono in quarta posizione. Ruggero Tita e Caterina Banti chiudono la settimana genovese ottavi, dopo una difficile Medal Race. Salgono sul podio con Lange e Cecilia Carranza Saroli, terzi, i britannici Ben Saxton e Nicola Boniface, secondi, e i vincitori, gli spagnoli Iker Martinez e Olga Maslivets.

Mentre sul campo a ovest si assegnavano le medaglie, su quelli più a est continuavano le regate di qualifica per le Medal Race di domani e la squadra italiana potrà contare domani su ben quattro equipaggi nei top 10: Benedetta Di Salle e Alessandra Dubbini (Marina Militare/SV Guardia di Finanza) e Elena Berta e Bianca Caruso (CS Aeronautica Militare/Marina Militare) sono rispettivamente seconde e terze nei 470 femminili; Marco Gallo (SV Guardia di Finanza) è quinto dopo il terzo nella prova odierna nei Laser Standard, a breve distanza dal podio; e Federico Colaninno (YC Gaeta) vince l’ultima prova della serie che sommata al quarto di oggi lo porta in quinta posizione.

Chiudono 13esimi nei 470 maschili e non entrano in Medal Race per un solo punto, i genovesi Matteo Capurro e Matteo Puppo (YC Italiano); anche Carolina Albano (Real YCC Savoia) e Joyce Floridia (SV Guardia di Finanza) non riescono ad entrare nelle dieci migliori atlete del Laser Radial, sono rispettivamente 15esima e 26esima.

La prima partenza di domani sarà, come oggi, alle 10, con i 470 femminili, seguirà il doppio olimpico maschile, quindi i Finn e poi Laser e Laser Radial.

Oggi è andata in onda su RaiSport+HD la prima delle due dirette dedicate all’Hempel World Cup Series di Genova, in studio con Giulio Guazzini il presidente della Federazione Italiana Vela Francesco Ettorre e si sono alternati il laserista delle Fiamme Gialle Francesco Marrai, il campione brasiliano Torben Grael, il presidente dello Yacht Club Italiano Nicolò Reggio, le medaglie d’argento Carlotta Omari e Matilda Distefano e Lorenzo Bressani con la prodiera Cecilia Zorzi. Domani la seconda diretta andrà in onda dalle 17,30 alle 18,30 sempre su RaiSport+HD.

Ogni giorno SAP Sailing Analythics offre il tracking, il meteo e le informazioni tecniche live sul loro sito http://sapsailing.com/

Foto: Martina Orsini

37° Meeting del Garda Optimist: Oggi in acqua per determinare Gold e Silver fleet

Riva del Garda- Quella di venerdì è stata una lunga e intensa giornata di regate sul Lago di Garda per gli oltre mille piccoli velisti da tutto il mondo che stanno prendendo parte alla 37° edizione del Meeting del Garda Optimist.

Le regate competitive e gli arrivi congestionati hanno reso necessari numerosi controlli alle classifiche, rendendone possibile la pubblicazione solo nella tarda serata di venerdì.

Il ranking dei giovanissimi Cadetti, nati nel 2009 e 2010, è guidato anche nella seconda giornata dal Brasiliano Erik Scheidt (1-1-3-1), seguito da Sofia Bommartini della Fraglia Vela Malcesine (5-1-1-3) e dalla Tedesca Amelie Ropke (1-3-2-2).

Il Maltese Richard Schultheis, con parziali di 1-2-1-1, è in testa alla classifica Juniores, a pari punti con il pluricampione iridato Marco Gradoni (4-1-1-1). Terzo posto provvisorio per il Tedesco Caspar Ilgenstein (5-2-1-1), mentre l’atleta fragliotto, Campione Europeo 2018, Alex Demurtas, occupa la quarta posizione (1-2-3-2) con 5 punti.

Oggi, gli atleti scenderanno in acqua alle ore 13.00 per disputare fino a tre prove che determineranno chi dei giovani velisti si qualificherà nella flotta Gold e chi nella flotta Silver, per la manche finale prevista per domani.

Ulteriori informazioni sull’evento, il bando di regata, l’elenco iscritti e le classifiche sono reperibili a questo link.

I risultati del 37° Meeting del Garda Optimist sono disponibili a questo link.

Eni, CDP, Fincantieri e Terna insieme per lo sviluppo di impianti di produzione di energia da moto ondoso su scala industriale

Roma-L’Amministratore Delegato di Cassa depositi e prestiti, Fabrizio Palermo, l’Amministratore Delegato di Fincantieri, Giuseppe Bono, l’Amministratore Delegato di Terna, Luigi Ferraris e l’Amministratore Delegato di Eni Claudio Descalzi hanno firmato oggi, nella sede Eni all’EUR di Roma, un accordo non vincolante per lo sviluppo e la realizzazione su scala industriale di impianti di produzione di energia dalle onde del mare.

L’accordo ha lo scopo di unire le competenze di ciascuna società al fine di trasformare il progetto pilota Inertial Sea Wave Energy Converter (ISWEC), l’innovativo sistema di produzione di energia dal moto ondoso installato da Eni nell’offshore di Ravenna e attualmente in produzione, in un progetto realizzabile su scala industriale e quindi di immediata applicazione e utilizzo.

Secondo i termini dell’accordo, Eni metterà a disposizione del gruppo di lavoro congiunto i risultati dell’impianto pilota ISWEC, sviluppato in sinergia con il Politecnico di Torino e lo spin-off Wave for Energy e fornirà il proprio know-how tecnologico, industriale e commerciale, oltre a rendere disponibili le opportunità logistiche e tecnologiche dei propri impianti offshore. L’AD Claudio Descalzi ha commentato: “L’accordo di oggi rappresenta un importante passo in avanti verso la realizzazione su scala industriale di un nuovo sistema di produzione di energia rinnovabile dal moto ondoso.

Questa intesa si inserisce nel nostro piano strategico di decarbonizzazione e nasce dal forte focus di Eni nella ricerca, sviluppo e applicazione di nuove tecnologie, finalizzate non solo a rendere più efficienti processi operativi convenzionali ma che ci spingono anche a creare nuovi segmenti di business nell’ambito energetico. La collaborazione con tre eccellenze italiane, quali CDP, Terna e Fincantieri, consentirà di mettere a fattor comune le grandi competenze esistenti e di accelerare il processo di sviluppo e industrializzazione di questa tecnologia, con l’obiettivo di esplorare insieme possibili progetti su larga scala anche all’estero”.

CDP promuoverà il progetto con le pubbliche amministrazioni e le istituzioni coinvolte e, inoltre, metterà a disposizione le proprie competenze economico-finanziarie, anche al fine di valutare le più adeguate forme di supporto finanziario dell’iniziativa.  L’AD Fabrizio Palermo ha così commentato: “Il Piano Industriale di CDP è fortemente orientato allo sviluppo sostenibile, in linea con i grandi trend globali e gli Obiettivi di Sviluppo sostenibile definiti dall’Agenda 2030 dell’ONU. Il progetto, quindi, è coerente con la nostra strategia e, insieme a partner come Eni, Fincantieri e Terna, potremo contribuire in modo concreto allo sviluppo di una tecnologia italiana innovativa e alla diffusione delle fonti di generazione rinnovabile, a beneficio del Paese e della collettività”.

Fincantieri offrirà le proprie competenze industriali e tecniche tipiche delle realizzazioni navali per l’ottimizzazione delle fasi di progettazione esecutiva, costruzione e installazione delle unità di produzione. L’AD Giuseppe Bono ha dichiarato: “Siamo onorati di partecipare a un progetto di questa portata con partner come Eni, Terna e CDP. Fincantieri è costantemente impegnata nel miglioramento dei sistemi navali che garantiscono il massimo rispetto dell’ambiente e questo accordo, che porterà all’industrializzazione di una soluzione per generare energia pulita dalla stessa forza del mare, ci appassiona e ci rende fiduciosi per la capacità tutta italiana di guardare al futuro”.

Terna contribuirà a sviluppare gli studi relativi alle migliori modalità di connessione e integrazione del sistema di produzione di energia con la rete elettrica, ivi inclusa l’integrazione con i sistemi ibridi composti da generazione convenzionale, impianti di produzione fotovoltaici e sistemi di stoccaggio. “Con questo accordo quadro – spiega l’Amministratore Delegato di Terna S.p.A. Luigi Ferraris – Terna investe nell’innovazione sostenibile al servizio della transizione energetica, nella forte convinzione che le competenze distintive del gruppo possano contribuire all’abilitazione di nuove fonti rinnovabili in grado di rendere il sistema elettrico sempre più efficiente e sostenibile”.

In una prima fase, l’accordo prevede l’ingegnerizzazione della costruzione, installazione e manutenzione dell’ISWEC. Questa fase porterà alla progettazione e alla realizzazione entro il 2020 di una prima installazione industriale collegata a un sito di produzione offshore Eni.

Parallelamente, si valuterà l’estensione della tecnologia su ulteriori siti in Italia, in particolare in prossimità delle isole minori, con la realizzazione di impianti di taglia industriale per fornitura di energia elettrica completamente rinnovabile.

Le caratteristiche innovative del sistema ISWEC possono consentire di superare i vincoli che hanno fin qui limitato un diffuso sfruttamento delle tecnologie di conversione dell’energia del moto ondoso.

Gli impianti di generazione di energia da moto ondoso potranno fornire un contributo rilevante non solo ai processi di decarbonizzazione in ambito offshore ma anche e più in generale a supporto della sostenibilità dei sistemi di produzione di energia elettrica e della diversificazione delle fonti rinnovabili.

La presente intesa potrà essere oggetto di successivi accordi vincolanti che le parti definiranno nel rispetto della normativa applicabile ivi inclusa quella in materia di operazioni tra parti correlate.

HEMPEL WORLD CUP GENOVA:DOMANI LE PRIME MEDAL RACE

TRE EQUIPAGGI ITALIANI
TRA I MIGLIORI DIECI IN REGATA:

CARLOTTA OMARI E MATILDA DISTEFANO – 49ER FX
LORENZO BRESSANI / CECILIA ZORZI – NACRA 17
RUGGERO TITA / CATERINA BANTI – NACRA 17

Un bel sole primaverile con una brezza tesa di ponente tra i 6 e gli 8 nodi ha regalato oggi un assaggio di ciò che Genova può offrire agli appassionati di vela e concesso agli oltre 700 velisti giunti qui da ogni parte del mondo di concludere belle regate utili a scrivere le classifiche che, nelle tre classi ‘veloci’, stabiliscono quali saranno gli equipaggi ad entrare nella Medal Race: la regata finale a punteggio doppio riservata ai migliori 10 di ogni classe.

L’Italia sarà domani ben rappresentata, con tre equipaggi nei top 10. Nei Nacra 17 non è raro trovare i Campioni del Mondo in carica Ruggero Tita e Caterina Banti (SV Guardia di Finanza/CC Aniene), quinti in generale grazie ai tre terzi ed un secondo posto odierno, e Lorenzo Bressani con Cecilia Zorzi (CC Aniene/Marina Militare), quarti con ben due primi posti nella serie – le arie leggere sono una specialità del timoniere triestino. Per la prima volta, invece, accedono alla Medal Race di una tappa di World Cup Series nella classe 49er FX Carlotta Omari e Matilda Distefano (Sirena CN Triestino/Soc.Triestina Vela), rispettivamente di 23 e 21 anni, e lo fanno da prime in classifica.

“Siamo piuttosto emozionate di essere qui per la prima volta – dichiarano a terra Omari/Distefano – non ce lo aspettavamo nemmeno noi, però domani scendiamo in acqua per difendere il primo posto, anche se sappiamo che sarà difficile. Queste sono condizioni simili a quelle del golfo di Trieste a cui siamo abituate, anzi, oggi con 8 nodi eravamo oltre la media di 5 nodi instabili con cui ci alleniamo di solito, noi eravamo veloci e meglio di così non poteva andare. Già a Palma la regata era andata bene, e adesso abbiamo la conferma che con aria leggera possiamo fare bene.”

Dietro le triestine ci sono le danesi Ida Marie Baad Nielsen e Marie Thusgaard Olsen, e terze le olandesi Odile van Aanholt e Marieke Jongens. Alexandra Stalder e Silvia Speri (CN Bardolino/FV Peschiera) hanno partecipato proprio qui alla loro prima regata internazionale nella flotta degli FX, e chiudono dignitosamente nella flotta Gold in 22esima posizione lasciandosi alle spalle atlete con ben più esperienza di loro.
Negli skiff maschili, Uberto Crivelli Visconti e Gianmarco Togni (Marina Militare) terminano la settimana da 25esimi in classifica, mentre ai primi tre posti sono occupati dagli australiani David e Lachy Gilmour, seguiti dai neozelandesi Peter Burling e Blair Tuke e dai britannici James Peters e Flynn Sterrit.

Nella flotta Nacra 17 continua il buon momento per l’equipaggio romano composto da Gianluigi Ugolini e Maria Giubilei (Compagnia della Vela Roma) che sono 14esimi overall, davanti ai compagni di squadra, Vittorio Bissaro e Maelle Frascari (GS Fiamme Azzurre/CC Aniene), che chiudono in 17esima posizione. In testa alla classifica ad oggi ci sono i britannici Ben Saxton e Nicola Boniface, secondi Iker Marinez con Olga Maslivets (ESP) e terzi gli austriaci Thomas Zajac e Barbara Matz.

Domani continuano le regate finali per 470 maschili e femminili, Laser, Laser Radial e Finn, con diversi atleti italiani che scendono in acqua in zona Medal Race.
Nei 470 F troviamo l’equipaggio timonato dalla genovese Benedetta Di Salle con Alessandra Dubbini (Marina Militare/SV Guardia di Finanza) in terza posizione con un secondo, un nono ed un terzo posto; ed Elena Berta con Bianca Caruso (CS Aeronautica Militare/Marina Militare) ottave con i parziali 9, 19, 7.

Sono in ottava posizione anche i ragazzi genovesi dello Yacht Club Italiano, Matteo Capurro e Matteo Puppo, con i parziali odierni 13, 8, 9; mentre si trovano più distanti, in 35esima posizione Giacomo Ferrari e Giulio Calabrò (Marina Militare) con 31, 21, 13.

Giornata di successo per i Laser Standard italiani, che – dopo la vittoria di ieri di Giovanni Coccoluto (SV Guardia di Finanza) – continuano a conquistare prove: una va a Matteo Guardigli (Circolo Velico Ravennate) e un’altra a Gianmarco Planchestainer (SV Guardia di Finanza). Al 12esimo posto in generale, a soli 3 punti dal decimo, si trova Marco Gallo (SV Guardia di Finanza) con una buona serie di risultati che comprendono anche un primo ed un secondo posto, oggi registra invece un settimo e scarta un 57esimo; Coccoluto è poco distante, 18esimo.

Tra le ragazze del Laser Radial, con la classifica dominata dalla cinese Dongshuang Zhang, Joyce Floridia (SV Guardia di Finanza) è 15esima con 8, 8 e 9 come risultati di oggi, a nove punti dal decimo qualificato; Carolina Albano (Reale YCC Savoia) è 21esima con i parziali di 14, 15 e 13.

Altre tre prove anche oggi per i Finn, con Federico Colaninno (YC Gaeta) in settima posizione con i parziali 13, 4, 10, mentre Matteo Iovenitti (CC Aniene) è 14esimo con 15, 6, 12. In testa alla classifica troviamo ancora il giovane finlandese Oskari Muhonen, seguito dallo spagnolo Alex Muscat e dal brasiliano Jorge Zarif.

Domani la prima Medal Race è  quella dei 49er FX programmata per le 10,10, seguirà quella dei 49er alle 10,52 ed infine i Nacra 17 alle 11,35. Tutte e tre le prove finali a punteggio doppio saranno trasmesse live sulla pagina Facebook o sul canale YouTube di World Sailing. Al termine di ogni regata i primi tre classificati verranno premiati appena usciti dall’acqua nelle “Wet Cerimonies”, una caratteristica delle World Cup Series.
Le altre classi regateranno secondo programma con partenza alle 10.

Da non perdere le due dirette di RaiSport+HD condotte da Giulio Guazzini che racconterà i momenti migliori delle due giornate finali, domani, sabato 20 aprile dalle 16,45 alle 17,55 e domenica dalle 17,30 alle 18,30. In studio da Genova con Guazzini, il presidente della Federazione Italiana Vela Francesco Ettorre, il presidente dello Yacht Club Italiano Nicolò Reggio e l’atleta delle Fiamme Gialle Francesco Marrai.

Ogni giorno SAP Sailing Analythics offre il tracking, il meteo e le informazioni tecniche live sul loro sito http://sapsailing.com/

Foto: Martina Orsini

Aree Logistiche, tavolo Mit individua 11 interventi finanziabili

Terza riunione, individuati progetti maturi in Campania e nella zona sud della Sicilia

ROMA – Il Tavolo Centrale di Coordinamento delle Aree Logistiche Integrate, che si è riunito per la terza volta al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha valutato, come maturi e licenziabili, 11 interventi prioritari nell’Area logistica Campana e in quella del Quadrante Sud Orientale della Sicilia, su 27 analizzati.

Per quanto riguarda la Campania, 5 degli interventi scelti sono finanziabili nell’ambito del PON Infrastrutture e Reti 2014-2020 e 1 nell’ambito del FSC 2014-2020. Tra gli interventi finanziabili dal PON-IR possono essere ricordati quelli che riguardano il Porto di Napoli (per un totale complessivo di circa 70 milioni di euro) e il Porto di Messina (per un totale complessivo di circa 60 milioni di euro).

Per quanto riguarda l’Area logistica Quadrante Sud Orientale della Sicilia sono stati ritenuti maturi e potenzialmente finanziabili complessivamente 5 interventi di cui  4 nell’ambito del PON Infrastrutture e Reti 2014-2020 e 1 nell’ambito del PAC 2007-2013. In particolare, tra gli interventi finanziabili dal PON-IR possiamo ricordare quelli afferenti ai Porti di Augusta e Messina, per un totale complessivo di circa 40 milioni di euro.

Per le altre proposte di interventi prioritari (3 per l’Area logistica Campana e 14 per l’Area logistica Quadrante Sud Orientale della Sicilia) sono stati richiesti ulteriori approfondimenti nel corso dei Tavoli tecnici locali ALI.

23 aprile Giornata Mondiale del Libro

Centinaia di italiani la festeggeranno a Barcellona con la Nave dei libri
Giunta alla sua decima edizione, l’ammiraglia della Grimaldi Lines salperà domani da Civitavecchia, con scali a Porto Torres e Barcellona per la famosa Festa di San Giorgio, dei Libri e delle Rose, per rientrare il 25 aprile
A bordo scrittori, saggisti, giornalisti, musicisti e tantissimi appassionati di cultura

In partenza, dal porto di Civitavecchia la nave targata Grimaldi Lines che, in collaborazione con la rivista “Leggere:Tutti!”, ospiterà a bordo scrittori, musicisti, ed amanti della cultura in un viaggio verso il porto di Barcellona che, in concomitanza con la Festa di San Giorgio i libri e le rose (23 aprile), permetterà non solo a bordo, ma anche in terra catalana, di respirare momenti indimenticabili di condivisione di storia, lettura, tradizione e musica.

Saranno a bordo l’inglese Donald Sassoon e il francese Marc Augé che nei loro libri, tradotti in oltre venti Paesi del mondo, hanno più volte trattato il tema della crisi ma anche dell’importanza del continente europeo. I due autori approfondiranno l’argomento scelto per la decima edizione partendo dai loro libri appena pubblicati in Italia: Sintomi Morbosi (Donald Sassoon) e  Momenti di felicità e Chi è dunque l’altro  (Marc Augé). Insieme a loro ci saranno alcuni autori italiani di rilievo, tra cui Giordano Bruno Guerri, il generale dei Carabinieri Roberto Riccardi, autore di numerosi gialli e saggi e Gaetano Savatteri, giornalista ed autore di Sellerio.

Nella ricca programmazione anche la presentazione delle opere di Vittorio Russo (Equatore), Silvia Scapinelli (La grammatica dei sentimenti), Maria Cristina Alfieri (Fammi luce), Antonio Campanile (Fantastorie. Incontri immaginifici tra memoria e futuro), Assunta Gneo (Si chiama Vittoria), Maria Teresa Cipri (Uomini), Antonio Sangineto (Il futuro nascosto), Loredana D’Alfonso (L’equilibrista del tempo), Angela Redavid (Io come moneta) Renato Bernardi (La Nutriscienza – Ricette per vivere bene).

La musica non mancherà, insieme al quintetto jazz Transition, al cantautore Davide Casu e a Mimmo Locasciulli che, oltre ad una speciale performance al piano ad hoc con alcuni dei suoi più significativi successi,  presenterà il suo libro Come macchine volanti. E poi ancora teatro, con la pièce Entro dipinta gabbia (dialogo immaginario tra Giacomo Leopardi e la madre Adelaide Antici), interpretata da Silvia Scapinelli e Gino Manfredi, e La più bella pagina è scritta nell’ora dei sogni, nell’ora del gallo e della brina (Intervista immaginaria a Gabriele D’Annunzio), entrambe di Gianni Zagato: infine il cinema, con la proiezione del pluripremiato Bohemian Rhapsody, di Bryan Singer.

Ad aprire la crociera sarà l’Inno alla gioia di Beethoven, emblema della fusione culturale europea: tema di quest’anno è infatti La Cultura salverà l’Europa, che vuole mettere in evidenza proprio la forte identità culturale che lega i Popoli, prioritaria e accompagnatrice indispensabile di argomentazioni, economiche, sociali e politiche. Attraverso il sapere – asserisce infatti Sergio Auricchio, ideatore dell’iniziativa ed editore di “Leggere_tutti” – si può giungere a quello spazio europeo nel mondo che moneta e commercio, da soli, non sono o stati in grado di aprirsi.

La domenica di Pasqua vedrà festeggiare i libri a bordo con un calendario ricco d’iniziative dove non mancherà il classico pranzo, organizzato in collaborazione con la Melegatti  in occasione anche del rilancio dell’azienda attraverso la nuova proprietà della famiglia Spezzapria,  e con in vini di Casale Vagli.

Barcellona  sarà la cornice di ulteriori sorprese: oltre all’invasione di banchi dedicati alle lettura e a centinaia di installazioni in cui le rose si confonderanno con i libri, saranno organizzati alcuni eventi all’Istituto Italiano di Cultura: tra questi la pièce teatrale Intervista immaginaria a Gioacchino Rossini (testi di Gianni Zagato e musiche di Gioacchino Rossini) che si concluderà con la degustazione del “Risotto alla Rossini” preparato dallo chef Renato Bernardi, e brevi concerti di LocasciullI e di tre gruppi musicali provenienti dalla Sardegna: Malasorti, il quintetto Jazz Rizoma e Coesta Oest A Llevant, con il cantautore Davide Casu.

Previste, nelle due giornate di permanenza anche visite guidate alla scoperta di Barcellona letteraria e al Barrio Gotico, per ammirare le opere del modernismo catalano di Guadì e Domènech e perdersi nelle stradine del centro di Barcellona.
Infine, i partecipanti, potranno concorrere a PoetryCard, poesie per immagini da leggere e da guardare, inviando in formato cartolina (12×17 o 17×12) la loro illustrazione, foto o immagine con un testo poetico originale, sul tema “I Care, Mi preoccupo, ho a cuore”, con contenuti inerenti a umanità, solidarietà, libertà e pace: le opere dei dieci vincitori saranno promosse alle manifestazioni letterarie cui “Leggere:tutti” parteciperà durante l’anno, in primis al Salone del Libro di Torino 2019, oltre ad essere pubblicate sulla rivista.

IL PROGRAMMA

A bordo della Cruise Roma
Sala Smaila’s = Sala Cervantes (Ponte 10) Sala Conference = Sala Shakespeare (Ponte 7)

Sabato 20 Aprile 2019 {Civitavecchia}
ore 23.59 Partenza per Barcellona (21 ore di navigazione) Pernottamento a bordo

Domenica 21 Aprile {navigazione verso Porto Torres; Barcellona}
ore 07.15-08.15 Sosta a Porto Torres – imbarco per i passeggeri che inizieranno il programma dalla Sardegna
ore 08.00-10.00 Prima colazione presso il self service, menù business
Programma letterario presso la Sala Cervantes (Ponte 10)
ore 10.00 Apertura della libreria. Benvenuto ai partecipanti e presentazione degli ospiti, a cura di Marco Giandomenico
ore 10.30 La cultura salverà l’Europa. Coordina l’incontro Gianni Zagato, partecipano gli ospiti internazionali Donald Sassoon, autore del libro Sintomi morbosi (Garzanti), e Marc Augé, autore del libro Momenti di felicità (Raffaello Cortina)
ore 11.30 Vittorio Russo presenta Equatore (Cairo Editore). Introduce Bruno Gambacorta
ore 12.00 Pièce teatrale Entro dipinta gabbia (dialogo immaginario tra Giacomo Leopardi e la madre Adelaide Antici). Autore Gianni Zagato, interpreti Silvia Scapinelli e Gino Manfredi
ore 13.00 Pranzo Pasquale presso il Ristorante, menù fisso
ore 15.00 Sulla Nave arriva il giallo.
Gaetano Savatteri presenta Il delitto di Kolymbetra (Sellerio). Presenta Stanislao de Marsanich
ore 15.30 La grande storia e i suoi protagonisti.
Giordano Bruno Guerri presenta il  libro Disobbedisco. Cinquecento giorni di rivoluzione – Fiume 1919-1920 (Mondadori).
Presenta la direttrice di “Leggere:tutti” Annalisa Nicastro
ore 16.00  Il viaggio e l’integrazione fra culture diverse. Partecipano Silvia Scapinelli, autrice del libro La grammatica dei sentimenti (Zines/Agra Editrice), e Maria Cristina Alfieri, autrice del libro Fammi luce (Capponi Editore). Introduce Sergio Auricchio. Presenta Fiorella Cappelli
ore 16.30 Musica, poesie e parole.
Mimmo Locasciulli racconta il suo libro Come macchina volante (Castelvecchi). Presenta Elisabetta Castiglioni
ore 18.00 Concerto con il quintetto Jazz Transition
ore 18.30 Poesia e musica con il cantautore Davide Casu

Arrivo a Barcellona. Cena libera. Possibilità di sbarcare. Pernottamento a bordo

Lunedì 22 Aprile 2019 {Barcellona}
Ore 08.00-10.00 Prima colazione presso il self service, menù business
Sbarco e spostamento con mezzi propri presso l’hotel prenotato Pranzo e cena liberi – Pernottamento in hotel

Martedì 23 Aprile 2019 {Barcellona}
Festa di San Giorgio, i libri e le rose
Prima colazione in hotel e giornata libera
Possibilità di partecipare alle iniziative organizzate da “Leggere:tutti” in collaborazione con l’Istituto Italiano di Cultura e la Casa degli Italiani in Passeig Méndez Vigo, secondo il seguente programma.

Musica e Parole: Italiani a Barcellona per la Festa di Sant Jordi – Istituto Italiano di Cultura (Passeig Méndez Vigo, 5)
ore 10.00 Allestimento dello stand di “Leggere:tutti”, a cura della libreria Culture Club Cafè di Mola di Bari, con i libri degli scrittori partecipanti alla decima edizione di “Una nave di libri per Barcellona”. Presso lo stand, che resterà aperto per l’intera giornata, la comunità italiana di Barcellona potrà incontrare gli scrittori per il firma copie. Saranno inoltre disponibili le ultime novità pubblicate in Italia.
ore 11.00 Saluto del direttore dell’Istituto Italiano di Cultura, Angelo Gioè
ore 11.15 Presentazione della decima edizione di “Una nave di libri per Barcellona”. Interventi  di Donald Sassoon, Marc Augé, Gaetano Savatteri, Roberto Riccardi, Giordano Bruno Guerri, Mimmo Locasciulli, Maria Cristina Alfieri, Silvia Scapinelli, Vittorio Russo
ore 12.30 Brindisi offerto dall’Istituto Italiano di Cultura

Casa degli Italiani (Passeig Méndez Vigo, 8)
ore 19.00 Apertura della Festa per San Giorgio, i libri e le rose. Conduce Marco Giandomenico. Saluto del presidente della Casa degli Italiani, Mirko Scaletti, per la decima edizione di “Una nave di libri per Barcellona”. Interventi di alcuni autori e artisti partecipanti alla Nave di libri

Il cantautore Mimmo Locasciulli, in occasione dell’uscita del suo libro Come macchina volante, incontra la comunità italiana di Barcellona

ore 19.30 Buffet con Risotto alla Rossini interpretato dallo chef Renato Bernardi e specialità catalane e italiane. Vini Casale dei Vagli

A seguire
Omaggio alla Sardegna

Presentazione dei progetti Omphalos, al centro del primo centro del mondo, e Jazzino.eu
Concerto con gruppi della scena musicale della Sardegna
Organizzazione e direzione artistica Giovanni Manca – Associazione Samedì
“Coesta Oest A Llevant” Davide Casu, chitarra e voce Malasorti “S’ArdiCity”
Francesco Medda “Arrogalla” live electronics, Francesco Bachis tromba and electronics, Emanuele Pittoni voce
Transition Quintet “Rizoma”
Gianrico Manca composizioni e batteria, Matteo Piras contrabbasso,
Antonio Floris chitarra, Jordan Corda vibrafono, Vittorio Esposito pianoforte Pranzo e cena liberi – Pernottamento in hotel

Mercoledì 24 Aprile 2019 {Barcellona}
Prima colazione in hotel, check-out e giornata libera
Ore 10.30 Passeggiata nella Barcellona letteraria, con Gianni Zagato. Gratuita ma con iscrizione obbligatoria. Appuntamento sotto la statua di Cristoforo Colombo (Rambla, lato mare). Durata 2 ore
Ore 18.00 Termine di consegna delle foto per la partecipazione al concorso fotografico “Scatta una foto a Barcellona” (da inviare tramite whatsapp ai numeri 3388300457 e 3391793736)
Ore 20.30  Appuntamento con tutti i partecipanti presso il Terminal Grimaldi Lines – Porto di Barcellona
Check-in e ritiro carte d’imbarco
Ore 21.00  Imbarco e sistemazione nelle cabine riservate
Ore 21.00-23.00 Cena presso il self service, menù business
Ore 22.00 Premiazione del concorso fotografico “Scatta una foto a Barcellona”
(Sala Cervantes – Ponte 10)

Concerto del gruppo Malasorti (Sala Cervantes – Ponte 10)
Ore 23.00 Partenza per Porto Torres (12 ore di navigazione) e Civitavecchia (21 ore di navigazione)

Giovedì 25 Aprile 2019 {Porto Torres e Civitavecchia}
Ore 08.00-10.00 Prima colazione presso il self service, menù business.
Arrivo a Porto Torres, sbarco e fine dei servizi per i passeggeri provenienti dalla Sardegna

Programma letterario presso la Sala Cervantes (Ponte 10)
Ore 10.30  Roberto Riccardi presenta Detective dell’Arte (Rizzoli). Introduce Bruno Gambacorta Ore 11.30Presentazione incrociata dei libri di Waldemaro Morgese I guerrieri cambiano (Homo Scrivens) e di Antonio Campanile Fantastorie. Incontri immaginifici tra memoria e futuro (Les Flãneurs)
Ore 12.00  Uomini e donne.
Assunta Gneo presenta Si chiama Vittoria (NeP Edizioni), Maria Teresa Cipri presenta Uomini (Graus Editore). Introduce Fiorella Cappelli
Ore 12.30 Voci nel Deserto con le voci degli attori Marco Giandomenico e Gino Manfredi
Ore 12.00-14.00 Pranzo presso il self service, menù business
Ore 15.00 Antonio Sangineto presenta il libro Il futuro nascosto (Gruppo Albatros Il Filo) e Loredana D’Alfonso presenta il libro L’equilibrista del tempo (Pegasus Edition). Presenta Fiorella Cappelli
Ore 15.30  L’angolo della poesia con Io come moneta (Edizioni dal Sud) di Angela Redavid.
Letture di Marco Giandomenico. Presenta Fiorella Cappelli
Ore 16.00 Pièce teatrale La più bella pagina è scritta nell’ora dei sogni, nell’ora del gallo e della brina – Intervista immaginaria a Gabriele D’Annunzio. Autore Gianni Zagato
Ore 16.30 Lo chef Renato Bernardi presenta il libro La Nutriscienza – Ricette per vivere bene (Agra Editrice). Presenta Bruno Gambacorta
Ore 16.30 Check out cabine
Ore 17.00 Proiezione del film Bohemian Rhapsody (Sala Shakespeare, Ponte 7) Arrivo a Civitavecchia, sbarco e fine dei servizi.

IL NAUTILUS Anno 14 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato ai porti con un focus sulla Via della Seta e sulla via Traiana, il concetto dello IoT-Internet of Things, il contratto di ormeggio e il nuovo concetto di New-Port. Poi una riflessione sul principio di passaggio inoffensivo(riprendendo vicende come quella dell'Aquarius, Open Arms e Sea Watch 3). E ancora, approfondimenti sul potere amministrativo delle AdSP, Mare 2.0 e sulla navigazione delle navi e non delle merci.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab