Home » Italia, News » Norman Atlantic: iniziato svuotamento relitto

Norman Atlantic: iniziato svuotamento relitto

BARI – Sono iniziate nel porto di Bari le operazioni di svuotamento (tecnicamente ‘smassamento’) della Norman Atlantic, la motonave naufragata dopo un incendio scoppiato a bordo il 28 dicembre 2014 al largo delle coste albanesi. Il naufragio successivo al rogo causò la morte di 11 persone ma 18 degli oltre 500 passeggeri risultano ancora dispersi. Non è escluso che, una volta tornati a bordo, gli investigatori trovino altri cadaveri.

Nell’indagine della Procura di Bari, coordinata dai pm Ettore Cardinali e Federico Perrone Capano, sono indagate 12 persone per i reati di cooperazione colposa in naufragio, omicidio plurimo e lesioni: i due legali rappresentanti della società greca Anek, noleggiatrice del traghetto, un dipendente della stessa società Anek, il cosiddetto supercargo (addetto alle fasi di imbarco), l’armatore Carlo Visentini, il comandante Argilio Giacomazzi e sette componenti dell’equipaggio.

Sul relitto, ormeggiato dal febbraio scorso di fronte al terminal crociere del porto di Bari, è in corso da alcuni mesi un incidente probatorio chiesto dalla Procura per accertare le cause dell’incendio, la gestione delle fasi di salvataggio, ma soprattutto la funzionalità di tutti gli impianti a bordo.

Dopo l’apertura del portellone di poppa, effettuata a giugno, e una serie di sopralluoghi sul relitto da parte dei periti nominati dal giudice e dalle parti, sono iniziati anche gli accertamenti sulle due scatole nere e sui computer di bordo. Le prime operazioni di svuotamento del ponte 5 della nave da parte di una ditta individuata dal Tribunale di Bari sono cominciate ieri.

Questa attività, che riprenderà domani e dovrebbe durare alcune settimane, è finalizzata non soltanto ad accertare eventuali responsabilità connesse al naufragio, ma anche all’eventuale ritrovamento dei corpi dei passeggeri che ancora oggi risultano dispersi. Al momento le carcasse delle auto che i tecnici stanno estraendo dal relitto, laddove completamente distrutte dalle fiamme e irrecuperabili, vengono direttamente mandate a smaltimento. La fase più delicata sarà quella di svuotamento dei ponti 3 e 4, dove gli inquirenti ipotizzano che sia scoppiato l’incendio e dove potrebbero esserci prove e corpi.

Short URL: https://www.ilnautilus.it/?p=34314

Scritto da su Nov 29 2015. Archiviato come Italia, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone

© 2021 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab