Home » Ambiente, Cultura, Infrastrutture, Internazionale, News, Porti, Trasporti » Porto di Rotterdam accelera il cold ironing

Porto di Rotterdam accelera il cold ironing

Rotterdam. Insieme al Comune di Rotterdam, l’Autorità portuale installerà 10 nuovi sistemi di alimentazione di elettricità da terra (shore power systems) nei prossimi cinque anni, accelerando così la diffusione per le navi di approvvigionarsi di elettricità da terra, e prevedendo la fine di tale progetto nella seconda parte di questo decennio. Ogni anno, le navi ormeggiate lungo le banchine di Rotterdam consumano tanta energia elettrica quanto 250.000 /300.000 famiglie, secondo l’autorità portuale. Durante il processo di ormeggio, sosta e disormeggio, rilasciano diverse emissioni nocive nell’atmosfera, tra cui 600.000 tonnellate di CO2 e 8.000 tonnellate di azoto. Sia il Comune e sia l’Authority hanno predisposto i vari progetti di loro competenza per la richiesta di finanziamenti diretti.

Questo programma dovrebbe richiedere un investimento totale di circa 125 milioni di euro (147 milioni di dollari). La maggior parte di questo budget sarà fornita dalle società coinvolte, dal Comune e dall’Autorità portuale; tuttavia, circa 50 milioni di euro dovranno essere coperti da finanziamenti pubblici. L’Authority Port of Rotterdam è convinta che un’esenzione fiscale permanente per la fornitura di energia da terra alle navi attraccate alle proprie banchine e per i combustibili a emissioni zero è necessaria per creare condizioni di parità con i combustibili fossili esentati.

Mentre le emissioni delle navi ormeggiate rappresentano solo il 2% delle emissioni totali delle catene logistiche via Rotterdam, la riduzione delle emissioni nel porto è importante, soprattutto per migliorare l’ambiente di vita nelle aree residenziali circostanti. E ancora, sempre in ambienti di Autorità portuale, sono convinti che la disponibilità a fornire energia elettrica a fil di costa, pur presentando grandi vantaggi, non sia certamente una misura che possa funzionare ovunque; per alcuni segmenti e aree portuali, altre misure, come l’uso di combustibili a basse e zero emissioni potrebbero essere molto più convenienti in termini di riduzione delle emissioni stesse.

Ormai, il porto di Rotterdam è sulla via del cold ironing della maggior parte delle proprie banchine, con l’ambizione di ridurre le emissioni da parte dell’industria marittima, unitamente alla Ue, climaticamente neutro entro il 2050. Entro il 2030, il porto di Rotterdam mira a servire il 90% delle navi ro-ro, traghetti, navi offshore e navi da crociera che sostano alle banchine pubbliche nell’area urbana con energia da terra, sostenendo un approccio sulla cooperazione piuttosto che con la regolamentazione. Per le altre tipologie di navi segmenti di più complesse come il trasporto alla rinfusa, l’obiettivo è fornire supporto nel campo dell’innovazione e della standardizzazione.

Abele Carruezzo

Short URL: https://www.ilnautilus.it/?p=81465

Scritto da su Gen 16 2021. Archiviato come Ambiente, Cultura, Infrastrutture, Internazionale, News, Porti, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone

© 2021 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab