Home » Infrastrutture, Italia, News, Porti, Trasporti » Trapani: alla Osp srl la gestione dei servizi di terra dell’area portuale

Trapani: alla Osp srl la gestione dei servizi di terra dell’area portuale

Todaro: a regime 14 assunzioni, tutte del territorio. Monti: portiamo a Trapani una progettualità visionaria, con interventi in grado di lasciare un segno duraturo e positivo

Se la gestione del Terminal aliscafi è stato un primo “assaggio”, il piatto forte arriva oggi: la Osp srl (Operazioni e Servizi Portuali) prosegue infatti il suo percorso di crescita all’interno del porto di Trapani prendendo in carico la maggior parte dei servizi di terra dello scalo, dalla pulizia alla sorveglianza, passando per la logistica. Una buona notizia anche sul fronte occupazionale: grazie a una convenzione ventennale, messa a bando dall’Autorità di Sistema portuale del Mare della Sicilia occidentale attraverso il sistema del partenariato pubblico privato, a regime sono previste 14 nuove assunzioni.

“Quello che abbiamo appena avviato – spiega il presidente di Osp, Giuseppe Todaro – è solo un ulteriore step di un percorso più complesso e articolato. Un passo alla volta stiamo uniformando i servizi del porto di Trapani agli standard delle altre strutture del network dell’Autorità Portuale, creando un’accoglienza di qualità che per noi è ormai come una sorta di marchio di fabbrica. Ovviamente c’è un ulteriore aspetto che ci sta a cuore: in un momento in cui la crisi sta bruciando centinaia di migliaia di posti, nel giro di un paio di settimane abbiamo creato infatti un’opportunità per 21 lavoratori, 14 assunti oggi e sette nei giorni scorsi per la gestione del Terminal aliscafi. Sono tutte risorse locali ed è per noi un modo, questo, per valorizzare la città e il territorio anche attraverso il suo capitale umano”.

Molto articolato il ventaglio di servizi affidati all’azienda guidata da Todaro, che vanno dal presidio di varchi e viabilità fino alla gestione e alla manutenzione degli impianti idrici ed elettrici. In mezzo, ovviamente, tutte le attività in cui la Osp è ormai leader nella Sicilia occidentale, come la sanificazione e la pulizia, che in questo caso sarà estesa alla stazione marittima, al terminal aliscafi e alle garitte, con un’appendice legata alla logistica che prevede, tra le altre cose, la movimentazione di transenne, recinzioni da cantiere e cavallotti giglio banchine in tutte le aree del demanio.

La Osp srl, d’intesa con l’Autorità Portuale, ha predisposto due calendari – uno estivo e uno invernale – con orari e risorse che varieranno a seconda dei flussi e del numero di corse. Dal primo maggio al 30 settembre i servizi saranno incrementati (giusto per fare un esempio, la pulizia delle parti interne della Stazione Marittima passerà da due volte a settimana a ogni giorno) e anche la forza lavoro impiegata sarà implementata.

“Come è nostro modo di operare – commenta il presidente dell’Autorità di Sistema portuale del Mare di Sicilia occidentale, Pasqualino Monti – accompagniamo le opere realizzate o riqualificate con la fondamentale manutenzione. Anche nel porto di Trapani sarà l’Osp a curare i servizi con la professionalità che già garantisce nello scalo di Palermo. Ma ciò che ci rende più orgogliosi è la capacità dell’azienda di creare occupazione, come dimostrano le nuove 14 assunzioni che contribuiscono a offrire nuove opportunità lavorative anche in tempi difficili come quelli che stiamo vivendo”.

“A Trapani – conclude Monti – l’Authority sta dando il proprio contributo con una progettualità visionaria a medio e lungo termine, necessaria per far crescere la comunità, con interventi infrastrutturali in grado di lasciare un segno duraturo e positivo. Mi riferisco ai lavori di ristrutturazione della stazione marittima, alla sistemazione delle banchine, ai dragaggi che saranno ultimati nel 2022: tutto finalizzato all’accoglienza di nuove navi e all’incremento di nuovi traffici in un porto dalle grandi potenzialità”.

Short URL: https://www.ilnautilus.it/?p=82281

Scritto da su Mar 22 2021. Archiviato come Infrastrutture, Italia, News, Porti, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone

© 2021 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab