Home » Internazionale, News, Regate, Sport » Ferrari e Calabrò terzi sul 470 in Portogallo

Ferrari e Calabrò terzi sul 470 in Portogallo

Ottimo 3° posto per gli azzurri del 470 maschile Giacomo Ferrari e Giulio Calabrò al 2° Portugal Grand Prix a Vilamoura. Presenti tutti i migliori equipaggi della classe.

La stagione della vela olimpica senza soste porta buone notizie per la vela italiana dal Portogallo. A Vilamoura, nel sud del Portogallo, si è svolta la seconda edizione del Portugal Grand Prix riservato alle classi olimpiche 470 (maschile e femminile), Laser Standard maschile, Laser Radial femminile, tavole RSX maschile e femminile, alle quali si è aggiunta una regata test del nuovo windsurf foil selezionato per Parigi 2024, per un totale di 34 nazioni.

La regata è stata organizzata da Vilamoura Sailing, un centro di eccellenza velico portoghese in forte crescita, e si sta affermando come un appuntamento importante di fine anno.

Particolarmente alto il livello degli iscritti nella classe 470 maschile, dove l’Italia ha ottenuto il terzo posto con Giacomo Ferrari e Giulio Calabrò (Marina Militare), alle spalle dei giapponesi Keiju Okada e Jumpei Hokazono (selezionati per rappresentare il proprio paese nella classe 470ai Giochi di Tokyo (Enoshima) 2020), e dei francesi Kevin Peponnet e Jeremie Mion (campioni del mondo 470 2018 e terzi all’Europeo 2019).

Gli azzurri (questi i loro piazzamenti: 2-3-10-2-5-7-11) hanno preceduto in classifica avversari di rilievo, come gli spagnoli Jordi Xammar e Nicolas Rodriguez Garcia-Paz (due volte bronzo ai Mondiali 2017 e 2018), quarti, i tedeschi Simon Diesch e Philipp Autenrieth, quindi, gli inglesi Luke Patience e Chris Grube (il timoniere medaglia d’argento ai Giochi di Londra 2012), sesti, i greci Panagiotis Mantis e Pavlos Kagialis (medaglia di bronzo a Rio 2016), settimi. Staccati altri equipaggi importanti come i neozelandesi Paul Snow-Hansen e Daniel Willcox e i turchi Deniz e Ates Cinar.

Gli altri azzurri Matteo Capurro e Matteo Puppo hanno concluso al 16° posto. Da segnalare anche il 19° posto per Maria Vittoria Merchesini e Bruno Festo, e il 20° di Andrea Totis e Alice Linussi, due equipaggi che corrono con la configurazione mista uomo-donna prevista per i Giochi di Parigi 2024.

Nel 470 femminile i due equipaggi italiani hanno concluso al 7° posto con Benedetta Di Salle e Alessandra Dubbini (Marina Militare e Fiamme Gialle) (8-3-5-5-7-9-5), e al 9° posto con Elena Berta e Bianca Caruso (Aeronautica Militare e Marina Militare).

DICHIARAZIONI

Giacomo Ferrari (timoniere 470 maschile): “E’ una regata in forte sviluppo e ottimamente organizzata, nel 470 maschile c’erano tutti i migliori, mancavano solo gli australiani e gli statunitensi. Siamo contenti del risultato, anche se si puo’ sempre fare di più, e qualche punto lo abbiamo lasciato per strada. Le condizioni sono state molto variabili, dal vento leggero a quello medio forte delle ultime regate.

“Ora i nostri programmi prevedono ancora qualche giorno di allenamento qui a Vilamoura fino al 20, poi dopo la sosta di fine anno riprenderemo con una settimana di allenamenti a Ostia e quindi partiremo per Miami, dove avremo allenamenti e le regate di Coppa del Mondo dal 22 gennaio.”

Foto: Joao Costa Ferreira

Leggi anche:

  1. Giacomo Ferrari e Bianca Caruso medaglia di bronzo ai Mondiali Militari
  2. L’Italia chiude il Mondiale 470 a Enoshima con un quarto posto nel femminile con Elena Berta/Bianca Caruso e un sesto posto per i maschi Giacomo Ferrari/Giulio Calabrò
  3. Terza giornata a Vilamoura in Portogallo per il Mondiale 420
  4. 420 World Champioship 2019 – Ieri Seconda giornata a Vilamoura in Portogallo
  5. GIACOMO FERRARI E GIULIO CALABRÒ SI QUALIFICANO A HYÈRES PER LA MEDAL RACE NEI 470

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=71243

Scritto da Redazione su dic 14 2019. Archiviato come Internazionale, News, Regate, Sport. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°3

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato allo shipping con un focus sul soccorso in mare e sulla Brexit, il ruolo del porto di Salerno e la "Barletta marinara". Poi un approfondimento sui fari di Brindisi ed uno sul trasporto ad emissioni zero con Emma. E ancora, approfondimenti sulle crociere e sulla sicurezza nei nostri porti.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab