Home » Italia, News » MARINA MILITARE: CONTINUA IL SUPPORTO AI MOTOPESCA NAZIONALI

MARINA MILITARE: CONTINUA IL SUPPORTO AI MOTOPESCA NAZIONALI

MAZZATA DEL VALLO – Nella giornata del 25 gennaio, il pattugliatore Cassiopea della Marina Militare, in missione di Vigilanza Pesca a protezione dei pescherecci nazionali, nelle acque in prossimità dell’isola di Lampedusa, ha risposto a una richiesta di soccorso e supporto sanitario, proveniente dal motopesca italiano Pegaso di Mazzara del Vallo, per un marittimo che accusava una crisi di vomito e dissenteria.

Ricevuta la richiesta, nave Cassiopea si è avvicinata al peschereccio e ha messo a mare il gommone imbarcato per trasferire il team medico. Una volta a bordo, il medico del Cassiopea ha visitato il marittimo e ha ritenuto necessaria l’evacuazione sanitaria verso una struttura ospedaliera. Il paziente è stato quindi trasferito su nave Cassiopea, che ha iniziato a dirigere alla massima velocità verso Lampedusa per il suo successivo trasferimento – con l’elicottero imbarcato- verso le strutture sanitarie dell’isola.La Marina Militare assicura dal 1959 la presenza navale continua nelle acque internazionali dello Stretto di Sicilia interessate maggiormente alle attività di pesca delle flotte pescherecce siciliane.

La Vigilanza Pesca (Vi.Pe.) ha il compito di assicurare il libero esercizio dell’attività di pesca dai pescherecci nazionali, in acque internazionali, nel pieno rispetto delle leggi nazionali vigenti.

Inoltre, dal 12 marzo 2015, è stato schierato nel Mediterraneo Centrale un dispositivo navale con missione di presenza, sorveglianza e sicurezza marittima nel Mediterraneo centrale in applicazione della legislazione nazionale e degli accordi internazionali. La presenza del dispositivo aeronavale dell’Operazione Mare Sicuro (OMS) in alto mare garantisce la tutela degli interessi nazionali sul mare e un`adeguata cornice di sicurezza a tutti i mezzi navali dello Stato, e non, impegnati nelle attività di ricerca, soccorso e pesca.

Le attività delle unità navali della Marina Militare non si limitano alla lotta al terrorismo o alle attività illegali ma si completano con il soccorso e la salvaguardia della vita umana in mare, “fondamento” imprescindibile di chi va per mare.

Leggi anche:

  1. MARINA MILITARE: CONVEGNO SULLE TECNOLOGIE A SUPPORTO DELLA RICERCA SCIENTIFICA
  2. MARINA MILITARE: UNITÀ DEL DISPOSITIVO MARE SICURO A PROTEZIONE DEI MOTOPESCA NAZIONALI
  3. PROSEGUE IL SUPPORTO DELLE UNITÀ DELLA MARINA MILITARE AI MOTOPESCA NAZIONALI
  4. MARINA MILITARE: AVVICENDAMENTO AL COMANDO DELL’OPERAZIONE MARE SICURO
  5. MARINA MILITARE: LA FLOTTA VERDE PRENDE IL MARE, CONTINUA LA SPERIMENTAZIONE DEL GREEN DIESEL

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=51926

Scritto da Redazione su gen 26 2018. Archiviato come Italia, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°2

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alla portualità con un focus sulle identità marinare e sul futuro dei lavori portuali, la figura dello skipper e il trattamento dell’acqua di zavorra. Poi una riflessione sul concetto di “Porto come mondo” (prendendo come esempio il porto di Brindisi, tra tutela, valorizzazione ed innovazione). E ancora, approfondimenti sul motto lanciato dal Ministero delle Infrastrutture e Trasporti: #IOSONOMARE, per valorizzare tutte le attività svolte sul mare.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab