Home » Marinas, Porti » Portofino: l’area protetta resterà senza fondi

Portofino: l’area protetta resterà senza fondi

L’Area Marina Protetta di Portofino potrebbe trovarsi senza i fondi necessari per tenere sotto controllo e studiare lo stato delle acque, della flora e della fauna; attività indispensabili per la loro tutela e valorizzazione. A lanciare l’allarme è il direttore, Giorgio Fanciulli. “Stiamo vivendo – ha detto Fanciulli – una situazione molto difficile, c’è il timore che il ministero dell’Ambiente ci tagli ancora le risorse e stiamo già raschiando il fondo del barile per poter continuare a svolgere la nostra missione. Nel 2009 avevamo subito un primo, drastico calo, da 396.000 euro del 2008 a 271.000. La stessa cifra ci è stata assegnata nel 2010, ora si parla di un ulteriore taglio, forse del 10%. In percentuale non sarebbe molto, ma 27.000 euro inciderebbero sul nostro bilancio. Io credo – prosegue Fanciulli – che il ministero dell’Ambiente stia facendo ogni sforzo per assicurarci gli stanziamenti indispensabili, ma la situazione è quella che è. Corriamo il rischio di dovere ridurre le attività di studio, monitoraggio e divulgazione, che sono il sale della nostra esistenza, perchè alla tutela dell’area provvedono i due gommoni della Guardia Costiera e un addetto della polizia provinciale. Comunque, non sappiamo nulla di ufficiale, l’entità dello stanziamento viene comunicata in giugno, due o tre settimane prima del trasferimento”.
L’Area marina protetta dispone anche di risorse autofinanziate. “Ricaviamo 160mila euro l’anno dai permessi ai subacquei e ai diportisti, altri 10mila dai permessi ai pescatori. Ma non bastano” ha concluso. Istituita con decreto del ministero dell’Ambiente del 1999, l’Area marina protetta di Portofino è gestita da un consorzio formato dalla Provincia di Genova, dai Comuni di Camogli, Portofino, e Santa Margherita Ligure e dall’Università di Genova. La sede è a Santa Margherita, in viale Rainusso. Vito Gedda è il presidente del cda, che conta altri quattro membri. L’area protetta interessa un tratto costiero tra i più belli e famosi della riviera ligure, quello del promontorio compreso tra Punta Pedale, nel Comune di Santa Margherita, fino a Camogli. È suddivisa in tre zone: Zona A, Riserva Integrale, comprendente Cala dell’Oro, dove non è consentita nessuna attività, compresa la balneazione; Zona B, Riserva Generale, tra Punta Chiappa e la Punta di Portofino, con l’esclusione del canale navigabile di fronte a San Fruttuoso; Zona C, Riserva Parziale, tra Punta di Portofino e Punta Pedale, con esclusione del canale navigabile di fronte a Portofino, e tra Punta Chiappa e Camogli. L’area presenta una grande varietà di ambienti grazie alle particolari condizioni climatiche e geomorfologiche. Tutto questo ha fatto del mare di Santa Margherita, Camogli e Portofino una delle mete turistiche più amate. Secondo gli studi dell’Area marina protetta, frequentano l’area ogni anno almeno 45.000 turisti scesi dalle navi passeggeri, 15.000 diportisti e 20.000 subacquei. Una risorsa economica per la zona (soltanto i sub si calcola spendano 15 milioni di euro ogni anno tra viaggio, soggiorno e attività sportiva) ma anche una massa di persone che, per muoversi in un ambiente così bello e delicato, devono osservare limiti e divieti prescritti dall’Area marina protetta. A sorvegliare che i regolamenti vengano rispettati bada la Capitaneria di Porto – Guardia Costiera.

Salvatore Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Porto di Ancona: adeguamento anche per San Benedetto
  2. Porto di Fano: pesca a rischio senza dragaggi
  3. “LOGISTICA SENZA FRONTIERE” CONVEGNO A PARMA IL 9 APRILE

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=523

Scritto da Salvatore Carruezzo su apr 10 2011. Archiviato come Marinas, Porti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°3

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato a Canale Pigonati di Brindisi; la storia, le potenzialità, le attuali richieste per il suo allargamento al fine di agevolare l’entrata nel porto interno delle grandi navi da crociera. Poi articoli sulle Zes, porti di Ancona, Bari, Campania ma anche le professioni del mare, il lavoro portuale nelle sue specificità ed un interessante racconto del porto di Salerno che nel Mediterraneo rappresenta un ponte tra Oriente ed Occidente.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab