Home » Ambiente, Cultura, Internazionale, Nautica, News, Trasporti » L’Alliance of CEO Climate Leaders invita il G7 e altri leader mondiali ad accelerare una transizione giusta

L’Alliance of CEO Climate Leaders invita il G7 e altri leader mondiali ad accelerare una transizione giusta

Ginevra. Oltre settanta amministratori delegati mondiali stanno contribuendo ad accelerare la transizione verso un’economia net-zero emissioni tramite una fattiva collaborazione intersettoriale. Almeno un quinto delle più grandi 2.000 aziende pubbliche del mondo si è ora impegnato a raggiungere gli obiettivi di azzeramento dei gas serra entro la metà del secolo o prima.


I membri dell’Alliance of CEO Climate Leaders hanno firmato una lettera aperta a sostegno della cooperazione pubblico-privato in vista del vertice del G7 al fine di potenziare gli impegni, le politiche e le azioni a net-zero.
I firmatari stanno sollecitando i governi ad accelerare la transizione a net-zero prima della COP26 al fine di accelerare ancora di più l’azione del settore privato.


La lettera sottolinea l’importanza vitale della collaborazione pubblico-privato e accoglie con favore il cambiamento politico in atto per una visione trasformista dei parametri socio-economici.


La lettera è un chiaro segnale ai responsabili politici che molti leader aziendali globali sono pronti a compiere la transizione verso un futuro zero-net. Mentre ci avviciniamo alla COP26, la collaborazione pubblico-privato sarà la chiave per sbloccare gli investimenti, fissare obiettivi più ambiziosi per ridurre le emissioni e trasformare quest’ambizione in azione. I membri dell’Alliance of CEO Climate Leaders ritengono che il settore privato abbia la responsabilità di impegnarsi attivamente negli sforzi globali per ridurre le emissioni di gas serra e per aiutare a guidare la transizione globale verso un’economia a basse emissioni di carbonio e resiliente al clima.


Queste le parti salienti della lettera aperta dell’Alliance of CEO Climate Leaders, ospitata dal Forum Economico Mondiale, inviata al G7.
“Abbiamo bisogno di un’azione coraggiosa ora per una transizione giusta. Con la sfida in corso dovuta alla pandemia di COVID, è facile dimenticare che il cambiamento climatico è una minaccia immediata e crescente per le persone, gli ecosistemi e le economie, che ci porterà a risultati potenzialmente irreversibili. Per evitare i peggiori impatti dei cambiamenti climatici, dobbiamo limitare il riscaldamento globale a 1,5°C, il che richiederà quasi il dimezzamento delle emissioni di gas serra entro il 2030 e il raggiungimento dello zero netto entro il 2050.”


“È una mossa importante e significativa per così tanti amministratori delegati proporre i loro nomi per una più profonda collaborazione collettiva”, ha affermato Dominic Waughray, amministratore delegato, World Economic Forum. Il testo completo della lettera aperta e l’elenco dei firmatari sono disponibili sul sito del World Economic Forum. Il Forum economico mondiale (World Economic Forum, conosciuto anche come Forum di Davos) è una fondazione senza fini di lucro, con sede a Cologny, vicino a Ginevra in Svizzera, nata nel 1971 per iniziativa dell’economista e accademico Klaus Schwab.

Abele Carruezzo

Short URL: https://www.ilnautilus.it/?p=84384

Scritto da su Giu 11 2021. Archiviato come Ambiente, Cultura, Internazionale, Nautica, News, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone

© 2021 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab