peyrani
Home » Authority, News, Sud » Porto di Taranto: ecco la Vale Brasil

Porto di Taranto: ecco la Vale Brasil

E’ arrivata da Ponta de Madeira, un porto privato del nord del Brasile di una multinazionale, ha ormeggiato nella rada del mar Grande di Taranto il 12 luglio ed ha attraccato al quarto sporgente due giorni dopo. Ora scaricherà 391 mila tonnellate di minerale di ferro destinate allo stabilimento siderurgico dell’Ilva per la produzione di acciaio.

Impiegheranno dieci giorni a svuotare la pancia della “Vale Brasil”, la nave portarinfuse più grande del mondo, ieri pomeriggio al centro di un incontro con la stampa nella sede dell’Autorità portuale, alla presenza dell’assessore regionale Gugliemo Minervini, che ha sottolineato la centralità del porto tarantino e il futuro sviluppo grazie alla piastra logistica e alla retroportualità.

La portarinfuse è anche una nave pulitissima, tanto da aver vinto, in Norvegia il mese scorso, il premio “Nor-shipping clean ship award” per aver abbattuto del 35 per cento le emissioni di carbonio per tonnellata di minerale trasportato.

La “Vale brasil” batte bandiera di Singapore, ha una portata di 400 mila tonnellate, viaggia a 14.8 nodi, pesca 23 metri, ha una lunghezza record di 362 metri e una larghezza di 65.

Cesare Bechis

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Porto di Taranto: in arrivo la Vale Brasil
  2. Porto di Taranto: pronti a realizzare la Piastra Portuale
  3. Porto di Taranto: promozione anche in Olanda
  4. Valore sociale di un porto: tre tonnellate di container equivalgono a dieci tonnellate di carbone
  5. Porto di Taranto: continuano i lavori finanziati dal ministero con 10 milioni di euro

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=2609

Scritto da Cesare Bechis su lug 18 2011. Archiviato come Authority, News, Sud. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°1

BRINDISI - In questo numero lo speciale è destinato alle crociere con i dati di Rsiposte Turismo e le previsioni per il 2017 di un settore ormai fondamentale per l’economia del Paese. Ma anche le importanti novità sulla safety portuale e sui regolamenti dell’Unione Europea sui servizi portali e la trasparenza finanziaria dei porti. Poi i porti di Napoli. Ancona, Trieste, Piombino e Olbia con gli investimenti e le nuove infrastrutture previste nei diversi scali italiani.
poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab