Home » Internazionale, News » L’Ucraina chiude i porti al traffico internazionale

L’Ucraina chiude i porti al traffico internazionale

E’ dell’altro giorno la comunicazione ufficiale del Governo ucraino relativa alla chiusura al traffico mercantile internazionale dei porti situati sul territorio della Repubblica Autonoma di Crimea. I porti interessati sono quelli di Evpatoria, Kerch, Sevastopol, Feodosia, Yalta e Sebastopoli.

Il decreto fu emesso il 16 giugno scorso, poi, dopo la registrazione presso il Ministero della Giustizia ucraino a fine giugno, entrerà in vigore dopo la sua  pubblicazione ufficiale. L’Alto Ministero dei Trasporti e della Navigazione ha informato l’IMO  (International Maritime Oranization) di tale decreto con tutte le sue particolarità con cui la zona interessata a questi porti viene definita ad “alto livello di rischio”; le varie Autorità portuali ucraine non possono garantire per la sicurezza della  navigazione nelle acque intorno ai porti della Crimea.

Un’altra precedente comunicazione all’IMO  dava avviso a tutti gli Stati marittimi firmatari di convenzioni internazionali che in questo periodo di transizione la sicurezza nei porti della Crimea veniva assicurata dalla presenza della Federazione russa con navi militari della Marina di Stato in collaborazione con il Ministero dei Trasporti. La decisione restrittiva di chiudere i porti ucraini al traffico mercantile sta generando apprensioni presso i vari Ministeri degli Esteri di molti Paesi, tra cui l’Italia, che vanta traffici commerciali ed itinerari turistici per quei porti.

Da sottolineare che le relazioni esteri con l’Ucraina si possono compromettere del tutto;  anche per il fatto che l’IMO, essendo un ramo delle Nazioni Unite, non ha riconosciuto, con una dichiarazione ufficiale del maggio scorso, l’annessione di Crimea alla Russia.

 

Abele Carruezzo

Short URL: https://www.ilnautilus.it/?p=22741

Scritto da su Lug 9 2014. Archiviato come Internazionale, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone

© 2021 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab