L’UKHO proroga l’eliminazione delle carte nautiche dell’Ammiragliato almeno fino al 2030

(Foto courtesy by )

UKHO ritarderà la fine della produzione di

Londra. Sei mesi dopo aver fissato un obiettivo per il 2026, per il completo ritiro dalla produzione di tutte le carte nautiche cartacee, l'Ufficio Idrografico del Regno Unito (UKHO) ha dichiarato, oggi, che, in risposta agli utenti, prevede di continuare a fornire un servizio di carte nautiche cartacee almeno fino al 2030.

Pur affermando di ritenere ancora che il futuro della navigazione sia digitale, hanno affermato che le consultazioni con gli utenti e varie organizzazioni hanno evidenziato diversi importanti fattori transnazionali e normativi che necessitano di ulteriore considerazione.

Nel luglio 2022, UKHO ha annunciato la sua intenzione di porre fine alla produzione delle carte nautiche cartacee dell', a lungo considerate uno degli standard del mondo marittimo.

I marinai di tutto il mondo, come per il sestante, hanno fatto affidamento da centinaia di anni su carte nautiche per il posizionamento e la pianificazione del viaggio.

Uno degli standard di affidabilità e precisione era e rimane il Regno Unito, ma l'Ufficio ha osservato che la maggior parte dei marittimi era già passata al digitale, soprattutto dopo l'entrata in vigore del mandato SOLAS per la transizione all'ECDIS.

Il piano per l'eliminazione graduale delle carte – hanno notato – è subordinato allo di soluzioni digitali per gli utenti rimanenti di Admiralty Standard Nautical Charts (SNC) e Thematic Charts, assicurando che dispongano di valide alternative ufficiali, oltre a soddisfare i requisiti richiesti passaggi tecnici e normativi.

L'UKHO sottolinea di essersi impegnato a consultare da vicino e in modo più ampio le parti interessate del Regno Unito e internazionali sulla proposta di interrompere la produzione e di ascoltare gli utenti e delle diverse organizzazioni.

È diventato chiaro all'UKHO che è necessario più tempo per soddisfare le esigenze di quegli utenti specifici che non dispongono ancora di valide alternative ai prodotti cartacei.

“Mentre sviluppiamo ulteriormente le soluzioni della navigazione digitale, la nostra intenzione a lungo termine di ritirarci dalla produzione di carte nautiche cartacee rimane invariata e continueremo a ritirare elementi del nostro portafoglio di carte nautiche nel prossimo periodo, caso per caso”, ha affermato Peter Sparkes, amministratore delegato di UKHO.

L'UKHO sta cercando di assicurare agli utenti che gli elementi del suo portafoglio di carte nautiche necessarie per supportare una navigazione sicura saranno mantenuti per tutto il periodo di transizione.

Inoltre, hanno affermato che lavoreranno con colleghi e partner internazionali, anche attraverso l'IMO e l'IHO, per andare avanti a un ritmo adeguato.

Gli sforzi del Regno Unito seguono un piano simile della National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA) degli Stati Uniti che nel marzo 2021 ha riferito di aver ufficialmente iniziato lo sforzo per abbandonare le carte nautiche cartacee mentre passa esclusivamente alle carte di navigazione elettroniche.

NOAA prevede di completare la sua graduale eliminazione entro gennaio 2025, ma ha sottolineato che gli utenti saranno ancora in grado di creare i propri grafici cartacei e PDF dagli ultimi dati NOAA ENC.

Nonostante la decisione di estendere il calendario per il ritiro di almeno quattro anni, l'UKHO segnala un rapido calo della domanda di prodotti di carta affermando che il futuro è chiaramente digitale.

Sottolineano i vantaggi, incluso il potenziale per aggiornamenti quasi in tempo reale con carte digitali, che secondo loro migliorano notevolmente la precisione della navigazione e la facilità d'uso. Questi vantaggi, hanno affermato, saranno ulteriormente migliorati con l'introduzione della prossima generazione di soluzioni di navigazione.