Home » Italia, News » Il Centro Velico Caprera celebra il suo 50esimo anno a Marina Cala de’ Medici dal 3 al 5 novembre

Il Centro Velico Caprera celebra il suo 50esimo anno a Marina Cala de’ Medici dal 3 al 5 novembre

ROSIGNANO – Il Centro Velico Caprera, la più grande Istituzione della formazione velica nel nostro Paese, chiude le celebrazioni del suo 50mo anno dalla nascita con tre spettacolari giornate dedicate al mare, alla vela ed alla grande passione che accomuna le oltre 120.000 persone che ne sono state parte fino ad oggi.

Una grande festa del mare, ma più ancora dell’amicizia e della condivisione che l’esperienza CVC da sempre “contagia”, avvicinando individui sconosciuti ed apparentemente distanti, creando legami nuovi, profondi e spesso indissolubili.Teatro della manifestazione, dal 3 al 5 novembre, sarà il suggestivo tratto di litorale toscano nel cuore della Costa degli Etruschi.

Sarà la splendida Marina Cala de’ Medici, uno dei porti più all’avanguardia della Toscana, sito tra Rosignano e Castiglioncello, a ospitare le imbarcazioni e gli equipaggi del Centro Velico Caprera e a gestire la complessa logistica delle giornate, tutto questo grazie alla collaborazione e al coinvolgimento di  Matteo Italo Ratti,  Amministratore Delegato e Direttore Portuale del Marina ed ex allievo “doc” del CVC.

Organizzata con il supporto dell’AIVA (Associazione Istruttori Volontari ed Allievi del Centro Velico Caprera), il programma vede in Sabato 3 novembre la giornata clou, quando, spettacolo nello spettacolo, le imbarcazioni con i loro equipaggi lasceranno gli ormeggi per festeggiare, con una grande veleggiata lungo le coste del litorale toscano, la chiusura dell’importante traguardo storico del Centro Velico Caprera.

Un anno straordinario che, oltre alle molteplici celebrazioni ufficiali e ai festeggiamenti di rito, ha visto il Centro Velico Caprera ufficializzare l’inedito commitment etico per i suoi prossimi cinquanta anni. Un impegno forte che lo porterà ad assumere un ruolo sempre più attivo e propositivo nei confronti dell’uomo e dell’ambiente, già avviato in questo 2017 con le importanti collaborazioni con Plastic Busters, progetto dell’Università di Siena per il monitoraggio delle microplastiche nei mari, e con One Ocean, programma di preservazione dell’ambiente marino, promosso dallo Yacht Club Costa Smeralda, che ha prodotto la Charta Smeralda, codice etico per la condivisione dei principi e delle azioni di tutela a favore del mare, documento di cui il Centro Velico Caprera è segnatario e promotore.

Leggi anche:

  1. CENTRO VELICO CAPRERA: INCONTRO “L’ELETTRONICA DI BORDO NELLA NAVIGAZIONE COSTIERA E DI ALTURA”
  2. IL CVC – CENTRO VELICO CAPRERA COMPIE 50 ANNI E SI AVVIA AI FESTEGGIAMNETI
  3. TRE GIORNI DI FESTA CON IL CENTRO VELICO A CAPRERA PER I SUOI (PROSSIMI) 50 ANNI
  4. IL CENTRO VELICO CAPRERA COMPIE CINQUANT’ANNI
  5. Centro velico Caprera compie 50 anni

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=50496

Scritto da Redazione su ott 30 2017. Archiviato come Italia, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°1

In questo nuovo numero de Il Nautilus vi proponiamo uno speciale sul porto di Trieste con gli ultimi dati e provvedimenti che riguardano le recenti attività dell’Autorità di sistema. Si parla anche dei porti di Civitavecchia, Ancona, Venezia, Napoli, La Spezia, Genova, Cagliari e Porto Torres. Ma si parla anche dei risultati della manifestazione NauticSud che si è svolta a Napoli e di come vengono smaltiti i rifiuti prodotti dalle navi secondo le ultime direttive internazionali.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab