Home » Cantieri, Nautica, News » Fincantieri: ammortizzatori sociali per 180 dipendenti

Fincantieri: ammortizzatori sociali per 180 dipendenti

Acquisizione praticamente avvenuta di due navi che, per 2-3 anni, consentiranno di occupare 400 lavoratori dello stabilimento Fincantieri di Ancona. Per altre unità, «fino a un massimo di 180», si profila il prolungamento degli ammortizzatori sociali e, alla scadenza, l’azienda riassumerà chi non avrà trovato un altro lavoro.

Sono alcune proposte che l’ad di Fincantieri Giuseppe Bono ha avanzato oggi ai sindacati durante un incontro in Regione alla presenza del governatore Gian Mario Spacca. «Non li chiamiamo esuberi – ha spiegato Bono – ma eccedenze di risorse» che Fincantieri «si impegna a riassumere ad Ancona, a Porto Marghera o a Monfalcone» qualora nel frattempo non avessero trovato un’altra sistemazione.

Bono punta inoltre su «sinergie tra i cantieri ‘vicinì di Ancona, Porto Marghera e Monfalcone» per «ridurre i costi e rendere più efficiente la produzione». «Il mio dovere – ha spiegato – è di salvare tutta la Fincantieri, per salvare la Fincantieri Ancona ha una parte importante perchè, contrariamente ad altre situazioni, ha una struttura impiantistica non particolarmente disagiata. Ci sono le banchine, che si stanno completando, il bacino, ci sono problemi logistici ma cerchiamo di integrarlo in una situazione organizzativa più ampia».

Salvatore Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Fincantieri: riprende la protesta ad Ancona
  2. Fincantieri: proteste a Sestri ma Bono rassicura
  3. Fincantieri: riunione sul cantiere di Ancona
  4. Fincantieri: accordi con l’Unione europea e finanziamenti dalle banche
  5. Fincantieri: Bono annuncia il ritiro del Piano industriale

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=4111

Scritto da Salvatore Carruezzo su set 21 2011. Archiviato come Cantieri, Nautica, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab