peyrani
Home » Italia, Legislazione, News » Scegliere i mestieri del mare

Scegliere i mestieri del mare

Una domanda che è venuta fuori negli ambienti della formazione professionale e dell’istruzione tecnica e che farà molto discutere, anche alla luce delle affermazioni sulla scuola pubblica fatte dal premier Berlusconi è: “Dalla crisi si esce studiando greco e latino?“. Noi diciamo che sicuramente il greco ed il latino educano ad una istruzione “for”; ma sicuramente non fa capitalizzire conoscenze che possano trasformarsi in lavoro. Alternativa al solito liceo, oggi per trovare lavoro, può essere il liceo del mare, visto che è più importante l’inglese del greco, e dal punto di vista pratico serve più l’informatica del latino. Quindi i mestieri del mare tornano, visto che sta cambiando anche la loro posizione economica. Ieri infatti si assumevano marittimi indiani o dell’est europeo perchè costavano meno; oggi la situazione è diversa, e uno straniero costa ormai tanto quanto un italiano, per questo tante compagnie di navigazione sono tornate ad assumere marittimi italiani. Ed allora una “città di mare” deve fare queste riflessioni? Oppure basta avere il mare, il porto e le navi! Noi affermiamo che bisogna ripartire dai giovani delle scuole secondarie di primo grado per interessarli ai temi della portualità e soprattutto per recuperare la “vocazione al mare” di una città di mare e non sul mare. Tante sono le associazioni che parlano e si interessano al mare. E come si spiega che non sanno coniugare “il mare” nei modi e tempi giusti, preferendo solo il palcoscenico del mare per le proprie necessità? Assessorati cittadini e provinciali all’istruzione parlano di formazione ma solo di quella per creare “menworking”, mentre il mare offre tante e tantissime professionalità.

Abele Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Porto di Ancona: parte il progetto della passeggiata “da mare a mare”

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=245

Scritto da Abele Carruezzo su mar 3 2011. Archiviato come Italia, Legislazione, News. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°2

BRINDISI - Lo speciale di questo nuovo numero de Il Nautilus è dedicato al porto di Trieste che, tra cambiamenti già effettuati e progetti con finanziamenti in arrivo, sta mutando la sua fisionomia e crescendo come scalo in Adriatico. Accanto a queste novità sullo scalo ci sono anche quelle che riguardano i porti di Livorno, Porto Torres, Savona, Cagliari, Ancona e Bari. In questo numero troverete anche un’intera pagina dedicata alla fiscalità legata al mondo del diportismo con gli aggiornamenti sulle ultime modifiche alle leggi.
poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab